19.6 C
Rome
mercoledì, Maggio 29, 2024

Lavoro dei sogni? C’è una grave carenza di ucraini in Polonia. Nel 2024 lo stipendio aumenterà

Lavoro dei sogni? C’è una grave carenza di ucraini in Polonia. Nel 2024 lo stipendio aumenterà. La carenza maggiore si registra tra i lavoratori manuali ordinari.

C’è carenza di lavoratori in Polonia a causa degli ucraini che partono per lavorare in altri paesi dell’UE. La carenza maggiore si registra tra i lavoratori manuali ordinari. Attualmente ce ne sono 92,8mila sul mercato. posti vacanti. Il governo polacco prevede di rivedere gli stipendi di tutti i dipendenti il ​​prossimo anno.

Gli ucraini si recano nei paesi dell’Unione Europea per trovare un lavoro migliore, soprattutto in termini di stipendio. La Germania ha superato la Polonia in termini di numero di rifugiati ucraini nel 2022-2023: solo nell’agosto dello scorso anno, oltre 1,3 milioni di persone hanno beneficiato di protezione temporanea in Polonia. Gli ucraini che hanno lasciato il Paese a causa della guerra, in Germania solo 680.000. Lo ha annunciato la piattaforma di migrazione EWL nell’ultimo rapporto sulle nuove tendenze della migrazione. 

Attualmente è difficile colmare le lacune nelle offerte di lavoro, nonostante il fatto che gli ucraini tradizionalmente vanno all’estero a settembre per guadagnare denaro e tornano a casa per le vacanze di Capodanno. L’alta stagione produttiva è iniziata un mese fa e ci sono molte offerte di lavoro tra cui scegliere

– afferma Mariana Semeniuk, direttrice del reclutamento della piattaforma migratoria EWL, in un’intervista a Obozrewatel.

La mancanza di uomini ucraini ha provocato una carenza di manodopera

Gli esperti indicano che la ragione della carenza di lavoratori è il divieto per gli uomini ucraini di viaggiare all’estero e l’accesso semplificato dei cittadini ucraini ai mercati del lavoro di altri paesi dell’UE, che gli ucraini utilizzano quando si recano in Germania, Paesi Bassi, ecc. Dall’agosto 2022 , 350.000 persone hanno lasciato la Polonia, secondo la ricerca dell’EWL e del Centro per gli studi sull’Europa orientale dell’Università di Varsavia “Dalla Polonia alla Germania. Nuove tendenze nella migrazione dei rifugiati ucraini” . I lavoratori provenienti dall’Asia e dall’America Latina, che erano più attivamente impiegati in Polonia, non sono ancora in grado di coprire i posti vacanti.

Dove hai bisogno di più lavoratori?

La maggior parte delle offerte di lavoro in Polonia riguardano la logistica: a causa delle imminenti vacanze natalizie, ci sono molti posti vacanti nel settore dell’imballaggio e dello smistamento delle merci. I datori di lavoro offrono anche lavoro fisico semplice nei settori elettronico, alimentare e di trasformazione. Il salario minimo è di 21-23 PLN lordi all’ora. Puoi guadagnare 4-4,5 mila al mese. zloty.

Sesto giorno di caccia all’uomo per Grzegorz Borys. “Si nasconde nelle fosse, ha delle ceste dentro”

Secondo l’Agenzia polacca per lo sviluppo delle imprese (PARP), da ottobre a fine dicembre 2023, il 33% delle aziende prevede di aumentare l’occupazione, il 47% non prevede alcun cambiamento nella composizione dei propri team e il 16% prevede tagli di posti di lavoro . Secondo l’Ufficio centrale di statistica (GUS), il tasso di disoccupazione in Polonia nell’agosto 2023 era del 5%. È rimasto invariato rispetto a luglio 2023.

Più stipendio, più opportunità?

“È necessario un grande sforzo per incoraggiare i rifugiati ucraini a tornare in Polonia”,  afferma Jan Malicki. Ha paragonato gli ucraini che andavano in Germania ai polacchi che emigravano in Occidente. “È tornato molto poco “, ha sottolineato.

Secondo l’Ufficio centrale di statistica della Polonia, lo stipendio mensile medio (lordo) nell’agosto 2023 era di 7.368,97 PLN. Inoltre, la Polonia prevede di aumentare il salario minimo a partire dal nuovo anno. Secondo i termini del contratto di lavoro, sarà: dal 1 gennaio 2024 – 4.242 PLN e dal 1 luglio 2024 – 4.300 PLN lordi. 

La Polonia, essendo un paese di confine, è diventata naturalmente la prima tappa per la migrazione dei rifugiati. Tuttavia, nel corso del tempo, il quadro della migrazione è cambiato in modo significativo

– afferma Andrzej Korkus, presidente del consiglio di amministrazione del gruppo EWL e presidente della Fondazione EWL.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles