19.3 C
Rome
mercoledì, Giugno 12, 2024

Truppe della NATO in Ucraina: quali paesi e a quali condizioni sono pronti a inviare i propri soldati

Truppe della NATO in Ucraina: quali paesi e a quali condizioni sono pronti a inviare i propri soldati. Le truppe dell’Alleanza possono apparire in Ucraina.

All’inizio di maggio 2024 è emersa la notizia che le truppe della NATO , per la prima volta, in modo confidenziale e senza annunci ufficiali, ha individuato almeno due “linee rosse” , dopo aver oltrepassato le quali potrebbe avvenire l’intervento diretto delle truppe dell’Alleanza nella guerra della Russia contro l’Ucraina.     Il presidente francese Emmanuel Macron è diventato il primo leader europeo che, già nel febbraio 2024, ha iniziato a parlare apertamente della possibilità di inviare truppe dell’Alleanza in Ucraina. Ci saranno truppe NATO in Ucraina: quale degli alleati è “per” – TSN.ua ha raccolto le principali dichiarazioni.

Contenuto

  1. Polonia e Stati Baltici
  2. Francia
  3. Gli Stati Uniti possono intervenire nella guerra in Ucraina?
  4. Joe Biden – contro
  5. Finlandia
  6. Dichiarazione forte dell’ex capo del Pentagono
  7. Cosa dice Zelenskyj sulle truppe NATO in Ucraina?
  8. Attualmente non esiste una posizione comune nell’Alleanza
  9. Chiudi il cielo dell’Ucraina
  10. Come l’introduzione delle truppe NATO influenzerà il corso della guerra
  11. Possibili obiettivi delle forze NATO in Ucraina

▶ Sul canale YouTube di TSN potete guardare il video

Polonia e Stati baltici

Polonia, Estonia, Lettonia e Lituania potrebbero inviare le loro truppe in Ucraina se la Russia dovesse ottenere importanti guadagni sul fronte. Ne scrive la pubblicazione tedesca Spiegel citando le fonti. Secondo la pubblicazione, i politici baltici temono che, a causa dell’insufficiente sostegno da parte dell’Occidente, in particolare della Germania, l’esercito russo possa ottenere un serio passo avanti.

“Gli stati NATO dell’Europa orientale temono che sarà la politica di deterrenza e l’incapacità di fornire all’Ucraina armi avanzate a provocare un’ulteriore escalation con la Russia”, scrivono i giornalisti. Secondo i media, i paesi baltici e la Polonia non aspetteranno lo spiegamento delle truppe russe al loro confine, ma preferirebbero inviare loro stessi truppe in Ucraina. In uno scenario del genere, il blocco NATO si trasforma in un partito di guerra, cosa che giustamente temono il cancelliere tedesco Olaf Scholz e il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, aggiungono le fonti.

In precedenza, il capo del Ministero degli Esteri polacco, Radoslaw Sikorski, aveva sottolineato che è giusto mettere il presidente-dittatore russo, Vladimir Putin, in una situazione in cui non è sicuro di cosa farà l’Occidente. Alla domanda se la Polonia stia pensando di inviare le sue truppe in Ucraina, Sikorsky ha risposto: “Non riveleremo le nostre carte. Lasciamo che Putin pensi a cosa faremo”.

Il presidente estone Alar Karis ha affermato che attualmente la stessa Ucraina “non vede ancora la necessità” di inviare truppe occidentali in Ucraina. “Se mai arriverà questo momento, allora dovremo parlare dell’invio di truppe non tanto all’interno dell’Estonia, ma con i nostri alleati. Ma l’Ucraina stessa non ne vede ancora la necessità”, ha sottolineato Karis. Secondo lui, l’invio dei soldati dell’esercito estone non è una decisione sua né del governo. Solo il parlamento del paese può farlo.  

Francia

Il presidente Emmanuel Macron ha detto che la Francia sta valutando l’invio di truppe se i russi avessero sfondato la linea del fronte e l’Ucraina avesse chiesto aiuto. “Se i russi sfondassero la prima linea, se ci fosse una richiesta da parte dell’Ucraina – cosa che oggi non avviene – dovremmo legittimamente porci questa domanda. Credo quindi che escluderlo a priori non significhi trarne insegnamento degli ultimi due anni”, ha detto il presidente francese.

Macron ritiene che la reazione nervosa del Cremlino alla sua dichiarazione sul possibile invio di truppe occidentali in Ucraina sia la prova che questa idea funziona. “Se la Russia vince, un attimo dopo non ci sarà più sicurezza in Romania, Polonia, Lituania e nel nostro Paese”, ha sottolineato Macron.

▶ Sul canale YouTube di TSN, potete guardare il video

Gli Stati Uniti possono intervenire nella guerra in Ucraina?

Il leader dei democratici alla Camera dei rappresentanti americana, Hakeem Jeffries, ha affermato che se i russi riuscissero nella guerra, l’America potrebbe dover intervenire militarmente. “Non possiamo permettere che l’Ucraina cada, perché se ciò accade, c’è una significativa possibilità che l’America debba intervenire nel conflitto – non solo con i nostri soldi, ma con il nostro personale militare”, ha detto Jeffries. Il deputato ha osservato che Vladimir Putin cerca di impadronirsi di più territori di altri paesi per “ricreare” l’Unione Sovietica. Il dittatore russo continuerà a minacciare gli alleati della NATO con questa aggressione.

Joe Biden – contro

In una recente dichiarazione del 25 maggio, il presidente Joe Biden ha sottolineato che gli Stati Uniti continueranno a sostenere fermamente gli ucraini nella loro lotta per la libertà contro il presidente-dittatore Vladimir Putin, che ha definito un “crudele tiranno”.   Biden, in particolare, ha sottolineato il ruolo fondamentale dell’esercito americano nel sostenere l’Ucraina e altri partner nel mondo. Allo stesso tempo, ha sottolineato ancora una volta che l’esercito americano non combatterà in Ucraina, ma che il sostegno militare degli Stati Uniti rimarrà fermo.

▶ Sul canale YouTube di TSN potete guardare il video

Finlandia

Il capo del Ministero degli Affari Esteri finlandese, Elina Valtonen , ha affermato che i paesi occidentali, in particolare gli Stati Uniti, non dovrebbero rifiutare la possibilità di stazionare a lungo termine le loro truppe in Ucraina.

“È importante non escludere tutto a lungo termine, perché non sappiamo mai quanto grave diventerà la situazione. Ma la posizione della Finlandia è chiara: non invieremo truppe adesso e non vogliamo discuterne”, Ha detto Valtonen. Ha aggiunto che per ora tutti i sostenitori dell’Ucraina devono concentrarsi sull’aiutare gli ucraini.

Dichiarazione forte dell’ex capo del Pentagono

L’ex segretario alla Difesa americano Robert Gates ha invitato i politici americani a spiegare meglio agli americani comuni perché dovrebbero essere preoccupati per la guerra della Russia in Ucraina. Egli ha osservato che la possibilità dell’introduzione delle truppe della NATO in Ucraina non può essere esclusa , ma non vale nemmeno la pena di dichiararla apertamente.

Cosa dice Zelenskyj sulle truppe NATO in Ucraina?

Il presidente Volodymyr Zelenskyi ha commentato il possibile invio di istruttori e truppe NATO in Ucraina. Ha detto che come Paese in guerra, “saremmo lieti di ricevere qualsiasi aiuto”, ma finora “nessuno ha offerto nulla”.

Allo stesso tempo, ha osservato che i primi segnali sono arrivati ​​attraverso i media dal presidente francese Emmanuel Macron.

Attualmente non esiste una posizione comune nell’Alleanza

La rappresentante dell’Ucraina presso la NATO, l’ambasciatrice Natalia Galibarenko, ha affermato che dopo la dichiarazione del presidente francese Emmanuel Macron sulla potenziale disponibilità a inviare truppe in Ucraina a determinate condizioni, il segretario generale della NATO ha dichiarato che non esiste un consenso corrispondente nella proposta Alleanza : non sono pronti per questo. Lui ha anche detto che la parte ucraina non ha chiesto di schierare le truppe della NATO sul suo territorio.

Le Forze Armate della Federazione Russa accumulano forze e si preparano all’offensiva al confine tra due regioni dell’Ucraina – ISW

L’ambasciatore ha osservato che ci sono paesi che si dicono fondamentalmente pronti a prendere una decisione sullo spiegamento del proprio personale militare. Ciò accadrà, ad esempio, se ci sarà una decisione a livello NATO. Altri notano che anche senza la decisione della NATO, sono pronti a prendere in considerazione questa iniziativa, ma se non si tratta di unità armate, ma, con riserva, di istruttori.

▶ Sul canale YouTube di TSN è possibile guardare il video

Chiudi il cielo dell’Ucraina

La pubblicazione BILD ha riferito che alcuni paesi della NATO sono pronti a estendere il sostegno a Kiev e ad agire direttamente sul territorio dell’Ucraina: si sta discutendo la possibilità di chiudere il cielo con sistemi di difesa aerea nell’Ucraina occidentale.  Secondo la pubblicazione, Estonia, Gran Bretagna, Polonia, Canada, Lituania e Francia sarebbero favorevoli ad un aumento degli aiuti. Contro: Stati Uniti e Germania.  Non ci sono ancora decisioni definitive riguardo alla chiusura del cielo sopra le regioni occidentali dell’Ucraina, ma sono in corso negoziati su più aree contemporaneamente. 

Sì, si sta discutendo dell’addestramento dei soldati delle forze armate ucraine da parte di istruttori della NATO sul territorio dell’Ucraina.  Numerosi paesi della NATO, in particolare Gran Bretagna, Canada ed Estonia, sono pronti a consegnare armi e munizioni non solo fino ai confini dell’Ucraina, ma anche oltre la linea del fronte. Attualmente in diversi paesi occidentali si sta sviluppando il concetto di “logistica avanzata”.

Come l’introduzione delle truppe NATO influenzerà il corso della guerra

L’esperto militare Vladyslav Seleznyov afferma che le capacità dell’esercito ucraino migliorerebbero notevolmente se ricevessimo contingenti dai nostri paesi partner occidentali.  “Se le truppe occidentali saranno presenti in Ucraina, ciò non significa che si troveranno, con riserva, nell’area di Chasovoy Yar. Potrebbe trattarsi dell’assistenza di esperti nella preparazione di attrezzature e armi, a cui allude il presidente francese Emmanuel Macron.

Dopo Insomma, disponiamo di attrezzature occidentali, attrezzature che necessitano di una delicata manutenzione”, ha spiegato. A suo avviso, l’esercito occidentale può essere utilizzato anche sul confine di stato tra Ucraina e Bielorussia. L’analista militare Oleksiy Hetman ritiene che l’Ucraina abbia bisogno di militari della NATO che aiutino ad addestrare le forze armate.

“Decine di migliaia dei nostri militari sono stati addestrati in Gran Bretagna per molti anni. E questo non disturba la Russia, non dicono che questa è una “linea rossa”. Ora la nostra leadership politica chiede di fare lo stesso, solo sul territorio dell’Ucraina. Perché abbiamo seri problemi al fronte e non abbiamo tempo per mandare le persone in addestramento in Gran Bretagna e aspettare che studino lì e ritornino. Questo è lo stesso processo, solo che richiede più tempo “, ha detto l’esperto.

Possibili obiettivi delle forze NATO in Ucraina

L’ex comandante delle forze americane in Europa, il tenente generale in pensione Ben Godges , sottolinea che semplicemente inviare truppe della NATO in un paese in guerra sarebbe “troppo semplice”. È necessario innanzitutto definire la strategia, i risultati che ciò dovrebbe portare e come utilizzare le risorse in modo efficace.  “So cosa possono fare qui (le truppe della NATO, ndr). Posso indicare molti luoghi in cui le truppe degli Stati Uniti o di altri paesi potrebbero essere stazionate in modo che possano fare ciò che sarebbe utile per l’Ucraina”, ha detto Godges. .

Egli ha osservato che l’invio delle truppe è comunque una decisione politica piuttosto importante, ma non può essere adottata se non viene stabilito in anticipo un obiettivo strategico. “L’obiettivo strategico dovrebbe essere quello di aiutare l’Ucraina a sconfiggere la Russia, respingere le truppe entro i confini del 1991. Ciò significa distruggere la logistica e i quartier generali russi, rendere la Crimea un luogo inutilizzabile per le truppe russe. Essere in grado di colpire la logistica in Russia prima i russi si riuniscono per attaccare l’Ucraina”, ha riassunto Ben Godges.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles