26.8 C
Rome
sabato, Giugno 22, 2024

Esercitazioni nucleari della Russia: l’esperto ha esposto sugli scaffali i “segreti” di Putin e perché il MiG-31 è qui

Esercitazioni nucleari della Russia: l’esperto ha esposto sugli scaffali i “segreti” di Putin e perché il MiG-31 è qui

Esercitazioni nucleari della Russia. Il generale ha raccontato come viene condotto l’addestramento con l’uso di armi di distruzione di massa. La Russia spaventa di nuovo il mondo. La leadership militare ha avviato esercitazioni militari con l’uso di armi nucleari , comprese munizioni speciali per “Iskander” e “Kinzhal”. Di conseguenza, il mondo intero segue con ansia il loro comportamento, perché dal pazzo dittatore russo ci si può aspettare di tutto. TSN.ua ha scoperto perché Putin ha avviato esercitazioni militari con armi nucleari, qual è il loro scopo e se esiste una minaccia per l’Ucraina e il mondo.

Putin e il ricatto nucleare

L’esperto militare Ihor Romanenko afferma che in Russia sono effettivamente iniziate esercitazioni militari con armi nucleari. Hanno coinvolto vari complessi, tra cui i missili “Iskander” e “Kinzhal”, così come l’aviazione, inoltre è stata coinvolta l’artiglieria, vale a dire gli obici, che possono sparare tali munizioni.

Armi nucleari russe Foto: Unsplash / ©
Armi nucleari russe Foto: Unsplash

“Tutto ciò sta accadendo per creare rumore attorno a questo argomento al fine di aumentare la pressione psicologica su di noi e sui nostri partner occidentali. Ora, con l’escalation al fronte, la situazione è diversa, quindi il nemico ricorre a tali azioni – a partire dall’azione militare esercitano con l’uso di armi nucleari e lo annunciano . L’obiettivo è semplice: intimidire il mondo”, dice a TSN.ua Ihor Romanenko , tenente generale in pensione e vice capo di stato maggiore (2006-2010). Aggiunge che le armi nucleari rimangono una leva essenziale per Putin , che periodicamente usa per esercitare pressione psicologica sui nostri partner occidentali.

“Il momento in cui è necessario “scuotere” Putin con una mazza nucleare è suggerito dalla sua intelligenza, e lui stesso sa bene quando farlo, perché è al potere da molto tempo, ecco perché dimostra le armi nucleari nelle condizioni delle esercitazioni. In generale, secondo me, il dittatore russo non oserà usarlo con l’aiuto dell’aviazione, ma ad un certo punto potrà essere usato localmente . Ora è solo un’altra dimostrazione di forza”, spiega Igor Romanenko. Egli osserva che Putin sta cercando di coinvolgere la Bielorussia nel ricatto nucleare annunciando il trasferimento di armi nucleari a questo paese.

Putin e il suo nucleare
Putin e il suo “bottone” nucleare: perché il Cremlino rinnova le minacce all’uso delle armi nucleari. / Foto: TSN.ua

“Mentre il dittatore russo fa solo alcune minacce, ma non trasferisce queste armi ai bielorussi. In questo modo, Putin fa pressione sui nostri partner occidentali, dicendo che se date all’Ucraina un F-16, allora trasferiremo le armi nucleari a i bielorussi . Questa è la tattica del dittatore.” – osserva l’esperto. Aggiunge che i caccia F-16 possono portare a bordo una testata nucleare, ma ci viene data esattamente la modifica che non è adatta a questo.

Quanto durerà l’addestramento nucleare e di cosa si tratta

Secondo un esperto militare, l’addestramento all’uso delle armi nucleari da parte dei russi può durare 3-4 giorni . Ihor Romanenko conosce bene il processo stesso di conduzione di tali esercitazioni, perché un tempo comandava il reggimento missilistico e la brigata missilistica antiaerea di Kiev . Sotto il suo comando c’erano divisioni armate di missili antiaerei con testate nucleari.

“L’addestramento avveniva rigorosamente secondo le istruzioni operative e la documentazione specifica . Penso che siano le stesse per i russi oggi. Ad esempio, nella Brigata missilistica antiaerea di Kiev, durante l’URSS, c’erano quattro postazioni in cui i missili con In generale, si tratta di sette divisioni in cui era necessario condurre un addestramento una volta al mese, nonché verificare le condizioni e le condizioni di stoccaggio dei missili con testate nucleari, penso che le stesse regole siano state preservate in Russia. Pertanto queste esercitazioni nucleari non sono la fine del mondo, ma solo una procedura obbligatoria che i militari devono seguire “, spiega Ihor Romanenko.

Dove e come vengono immagazzinate le armi nucleari

Il generale osserva che, secondo le attuali istruzioni, i russi monitorano lo stato delle testate nucleari e investono per mantenerle in buono stato. “Se parliamo di stoccaggio di armi nucleari, allora gli specialisti devono monitorare la temperatura adeguata nei locali di stoccaggio, l’umidità e altri fattori . I compiti sono molti ed è improbabile che siano cambiati in qualche modo in Russia. Inoltre, ci sono missili speciali da addestramento utilizzati dai militari durante le esercitazioni”, aggiunge l’esperto.

La Federazione Russa e la Bielorussia hanno firmato un accordo
La Federazione Russa e la Bielorussia hanno firmato un accordo sulle armi “nucleari”.

Come stanno andando le esercitazioni nucleari?

Secondo Ihor Romanenko, durante le esercitazioni, i militari ricevevano messaggi sotto forma di codice , che dovevano essere decifrati, e poi consegnare il compito assegnato a ciascuna divisione. “Ci sono state tre azioni. La prima è stata il rilascio dallo stoccaggio di un missile tattico da addestramento, ma con una testata nucleare e la sua consegna al lanciatore. A proposito, i missili con testate nucleari e quelli convenzionali sono stati immagazzinati separatamente. La seconda azione è stata l’introduzione di un codice in una testata nucleare da combattimento , per sbloccarla, perché sono in uno stato bloccato, in modo che non esplodano da sole. La terza azione è ottenere il permesso di utilizzare un missile con a testata nucleare “, ha detto Ihor Romanenko.

L’esperto sottolinea che si tratta di testate nucleari tattiche , e che c’erano anche missili strategici immagazzinati nelle miniere . “Le esercitazioni si sono concluse con il lancio di un missile con una testata nucleare condizionale. Le forze missilistiche strategiche erano già impegnate in questo. Un missile è stato selezionato e lanciato in Estremo Oriente . Per tali eventi era prevista un’area speciale. La precisione di il colpo è stato controllato sul posto e così le esercitazioni si sono concluse anche in Russia”, dice un esperto militare.

Chi controlla il processo

Ihor Romanenko afferma che l’addestramento avrebbe dovuto svolgersi per tutte le divisioni almeno una volta al mese. A volte dovevano essere eseguiti anche di notte per essere in tempo con il rapporto corrispondente. “Quando ho assunto la carica di comandante di brigata, ho accettato testate nucleari di missili per lo stoccaggio e il funzionamento. Per ogni testata è stato creato un caricatore separato , dove sono state inserite tutte le sue caratteristiche e dati. Si trattava di pile di riviste”, ricorda l’esperto.

Cracovia. Il tram è deragliato al. Solidarności. Danneggiato un palo della trazione. La circolazione in entrambe le direzioni è sospesa

L’addestramento nucleare è stato supervisionato da un ufficiale dei servizi speciali . Era incluso nello staff della brigata, ma era subordinato solo al suo servizio, questo ufficiale non era subordinato al comandante della brigata. Inoltre, anche i rappresentanti del KGB hanno supervisionato il processo di formazione.  “La funzione di questo ufficiale era quella di osservare come venivano rispettati tutti i requisiti per lo stoccaggio, il funzionamento e l’uso dei missili a testata nucleare .

L’ufficiale era costantemente presente alle esercitazioni, portava una pistola nella fondina e poteva persino usarla se qualcuno ha svolto i compiti in modo errato o ha cercato di interromperli. Tutto questo è ancora nell’esercito russo, svolgono tali esercitazioni ogni mese, solo l’FSB è responsabile “, aggiunge il generale.

La minaccia nucleare / © Getty Images
Minaccia nucleare / Foto: Getty Images

La minaccia nucleare: dai missili agli zaini

Ihor Romanenko aggiunge che i vettori delle testate nucleari possono essere i missili tattici “Iskander”, così come la sua modifica “Kinzhal” per il lancio dal MiG-31K. Gli aerei Su-34, Su-25 e Su-24 possono anche trasportare bombe nucleari .

“Inoltre, i vettori di armi nucleari possono essere missili strategici da mine, navi e sottomarini con testate nucleari su missili Kalibr , nonché obici di artiglieria con testate nucleari. Il nemico può persino usare zaini con una testata nucleare . Cioè, una persona porta una valigia in un certo posto, imposta un timer per un certo tempo e si verifica un’esplosione. La potenza di una valigia del genere è piccola: è un’arma più tattica, ma nel posto giusto può causare molti problemi,” dice Ihor Romanenko.

Come capire se un aereo ha armi nucleari

Molti sono interessati a sapere se sia possibile in qualche modo determinare se ci sono armi nucleari a bordo dell’aereo, soprattutto questo è rilevante durante un’allerta aerea, quando un MiG-31K nemico prende il volo . “È impossibile scoprire rapidamente se ci sono armi nucleari a bordo dell’aereo, e se sono già in cielo, allora è troppo tardi. Questo può essere determinato solo con l’aiuto dell’intelligence, cioè osservando i magazzini dove si trovano le armi nucleari.”

Le armi sono immagazzinate in Russia . Dopotutto, devono essere portate fuori, caricate, per monitorare le radiazioni. Cioè, deve esserci un gruppo evidente di personale e attrezzature militari. Questo è l’unico modo per determinare che si stanno preparando armi nucleari per qualcosa: semplice movimento o uso in combattimento”, conclude l’esperto. In precedenza, TSN.ua ha riferito che  Medvedev ha lanciato una minaccia nucleare diretta a due paesi europei .

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles