26.8 C
Rome
sabato, Giugno 22, 2024

L’Europa riporta a casa gli ucraini: nuove “sorprese” per i profughi

L’Europa riporta a casa gli ucraini: nuove “sorprese” per i profughi. Alcuni paesi sono pronti da tempo a pagare ingenti somme di denaro agli ucraini per tornare a casa.

La Repubblica Ceca ha trovato un modo per facilitare il ritorno a casa dei rifugiati ucraini. Il corrispondente programma pilota è già in fase di test da parte del locale Ministero degli Affari Interni. Il programma è temporaneo, quindi verranno aiutate solo poche centinaia di persone.  Cosa hanno inventato nella Repubblica Ceca e cosa e come motivano gli immigrati a tornare in Ucraina in altri paesi europei? Il giornalista Artem Zyabkin  ha raccontato i dettagli in una storia esclusiva per TSN.ua.

Contenuto

  1. La Repubblica Ceca incoraggia il ritorno degli ucraini?
  2. Pagheranno il ritorno a casa degli ucraini?

La Repubblica Ceca incoraggia il ritorno degli ucraini?

Il 16 maggio la Repubblica Ceca ha fatto una dichiarazione importante e anche un po’ inaspettata. Il locale Ministero degli Interni ha ideato un programma che promette di aiutare i rifugiati ucraini in fuga dalla guerra nel paese.

Il progetto è pilota, quindi l’iniziativa del governo durerà da giugno a novembre 2024 e riguarderà un massimo di 430 persone. Ma in che modo la Praga ufficiale incoraggerà gli ucraini a ritornare, visto che la guerra in Ucraina è ancora in corso? Il ministro degli Interni Vit Rakushan ha spiegato tutto : “Vogliamo offrire aiuto a coloro che, ad esempio, per motivi di salute o circostanze familiari, vogliono tornare a casa. Tale assistenza consisterà principalmente nell’acquisto di biglietti e in alcuni casi particolarmente gravi, ad esempio, nella fornitura di un’ambulanza.”

Allora come sarà? Solo 400 persone in totale possono utilizzare il programma e ottenere un biglietto gratuito dell’autobus dal loro luogo di residenza nella Repubblica Ceca al luogo di soggiorno più vicino in Ucraina, e solo coloro che hanno ricevuto protezione temporanea o protezione internazionale nel paese. I restanti 30 posti rimarranno per le persone che vogliono rientrare ma necessitano di trasporto sanitario individuale. I cechi organizzano tutto.

Il Ministero degli Affari Interni chiarisce inoltre che una persona potrà presentare una richiesta una tantum per il rimborso delle spese relative al ritorno in Ucraina. Se un uomo o una donna ucraini vogliono tornare nella Repubblica Ceca e richiedere il permesso di soggiorno entro i prossimi dodici mesi, dovranno pagare la metà dei costi. Nonostante la spiegazione già vaga, i cechi hanno chiarito che il progetto non ha nulla a che fare con il servizio militare degli ucraini.

Pagheranno il ritorno a casa degli ucraini?

E se l’iniziativa della Repubblica Ceca è ancora cruda e piuttosto umanitaria, alcuni paesi sono pronti da tempo a pagare ingenti somme di denaro agli ucraini per tornare a casa. La Svizzera offre di più . Il governo del paese promette che prima un ucraino vorrà lasciare volontariamente il proprio paese, più soldi riceverà. Un tale programma di incentivi è stato creato in modo che quante più persone possibile tornassero a casa. 

Gli importi dei pagamenti vanno da $ 1.000 a oltre $ 4.000 a persona. La strategia del governo per il ritorno dei profughi ucraini dalla Svizzera prevede un periodo di partenza compreso tra sei e nove mesi. Secondo i piani delle autorità svizzere, entro questa data circa 70’000 ucraini potranno tornare a casa, l’80% dei quali volontariamente. Il restante 20%, ovvero 14.000 persone, attenderà la fine del periodo di permanenza. 

Ma perché la Svizzera vuole rimandare a casa gli ucraini? A metà del 2023, nel Paese venivano salvati circa 66.000 rifugiati ucraini, ovvero 10.000 in meno rispetto al 2022. Ma gli svizzeri si trovano ad affrontare un problema: la stragrande maggioranza, vale a dire l’80% degli immigrati ucraini, non lavora ufficialmente nel paese, quindi non paga la maggior parte delle tasse, ma richiede un aiuto finanziario. Inoltre, il governo locale pubblica interessanti dettagli statistici! In Svizzera i posti di lavoro non mancano: in particolare nel paese mancano i lavoratori ordinari non qualificati. Ma è qui che è emersa la sfumatura. Il 79% dei rifugiati ucraini sono donne e bambini e il 69% di loro ha un’istruzione superiore. E certificare il tuo diploma ucraino in Svizzera si è rivelato difficile. 

Paga per il ritorno in Ucraina e Norvegia . Nell’ottobre 2023, il governo del paese lo ha annunciato per la prima volta. Se l’ucraino esprimerà tale desiderio, riceverà 1.500 euro su un conto bancario norvegese e la possibilità di compensare il prezzo dei biglietti per l’Ucraina. Ma c’è un problema: se torni di nuovo in Norvegia come rifugiato, dovrai restituire i soldi al governo.

“Se ritorni in Norvegia, devi rimborsare tutto o parte del sostegno in denaro che hai ricevuto quando hai lasciato la Norvegia. L’importo che devi restituire dipende da quanto tempo rimani nel tuo paese”, ha affermato il governo norvegese . A proposito, il 31 gennaio 2024, il Paese ha anche limitato significativamente l’assistenza monetaria ai rifugiati ucraini. Tutto perché il loro numero esercita molta pressione sul bilancio delle comunità locali e peggiora la qualità dei servizi che forniscono, anche ai norvegesi. In breve, gli aiuti sono rimasti, ma è diventato più difficile soddisfarne le condizioni.

Stanno lavorando per introdurre qualcosa di simile in Irlanda ormai da quasi un anno . Questo paese, sebbene situato molto lontano dall’Ucraina, è diventato molto popolare tra i rifugiati grazie agli elevati benefici sociali. Per molto tempo Dublino ha garantito a ogni rifugiato ucraino fino a 220 euro a settimana. Allo stesso tempo, un altro problema – la crisi abitativa – si è aggravato sulla piccola isola a causa dell’afflusso di immigrati. I profughi ucraini hanno già cominciato ad essere alloggiati in tende all’aperto. Pertanto, nel dicembre 2023, i termini dell’assistenza sono stati sostanzialmente modificati. 

Una ragazza di 13 anni ha dato alla luce un bambino durante una gita scolastica. Le autorità di Sochaczew chiedono “spiegazioni urgenti”

“Lo scorso dicembre, il governo ha concordato un piano per fornire agli ucraini in fuga dalla guerra un letto per 90 giorni e un’indennità settimanale ridotta di 38,80 euro per adulto e 29,80 euro per bambino. In precedenza, gli ucraini ricevevano 220 euro a settimana in assistenza alle persone in cerca di lavoro”, ha riferito il governo.  E sebbene la norma stessa abbia iniziato a funzionare solo dal 14 marzo 2024, il flusso di rifugiati dall’Ucraina all’Irlanda è diminuito più volte, scrive The Irish Times.

Vale la pena notare che le autorità ucraine sollecitano da tempo i rifugiati ucraini a tornare a casa. In particolare, il presidente Zelenskyj ha invitato gli uomini ucraini a tornare nel paese per aiutarlo nella guerra: combattere o pagare le tasse in Ucraina, e ha anche offerto agli europei di trasferire denaro per i rifugiati nel bilancio ucraino in modo che vivano in Ucraina, e la stessa Kiev potrebbe aiutarli.

▶ Sul canale YouTube di TSN, puoi guardare il video

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles