26.8 C
Rome
sabato, Giugno 22, 2024

Depositi di petrolio e raffinerie bruciano in Russia dopo l’attacco dei droni (video)

Depositi di petrolio e raffinerie bruciano in Russia dopo l’attacco dei droni . Le esplosioni risuonarono a mille chilometri dall’Ucraina.

Depositi di petrolio e raffinerie bruciano in Russia dopo l’attacco dei droni . Nella regione di Leningrado della Federazione Russa, nell’area dell’albero elettorale, una potente esplosione risuonò in un deposito petrolifero locale, dopo di che scoppiò un incendio. Ci sono state esplosioni anche nella zona della raffineria della città di Slovyansk-na-Kuban, nel territorio di Krasnodar. Ne parlano i media russi e i residenti locali.

Quindi, si è verificata una potente esplosione nella città di Vyborg, dopo di che è scoppiato un incendio nell’area del deposito petrolifero locale. La città si trova nella regione di Leningrado a una distanza di 1000 chilometri dal confine con l’Ucraina. Le autorità ufficiali non si sono ancora pronunciate in merito. Inoltre, l’SMP russo segnala esplosioni a Sloviansk-na-Kuban, nel territorio di Krasnodar.

Amici giurati: perché la visita di Putin in Cina e i suoi colloqui con Xi Jinping non sono andati secondo i piani

Dopo di loro, il fumo ha cominciato a salire nella zona della raffineria locale. È stato riferito anche di un attacco UAV contro un aeroporto militare nella città di Kushchivsk, nel territorio di Krasnodar.

Si ricorderà che in precedenza era stato riferito che  la raffineria di petrolio locale di Tuapse aveva smesso di funzionare dopo gli attacchi dei droni . Inoltre, abbiamo precedentemente riferito che  i droni hanno attaccato una raffineria nella regione russa di Volgograd .

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles