19.3 C
Rome
mercoledì, Giugno 12, 2024

I russi hanno sfondato una sezione del fronte. Crisi e accuse tra gli ucraini

I russi hanno sfondato una sezione del fronte. Crisi e accuse tra gli ucraini. In poco più di una settimana sono avanzati di cinque chilometri, sfondando le linee di difesa ucraine

I russi hanno sfondato una sezione del fronte. L’esercito russo fece la sua avanzata più rapida da mesi e conquistò il villaggio di Ocheretyne, a nord di Avdiivka. In poco più di una settimana sono avanzati di cinque chilometri, sfondando le linee di difesa ucraine che erano state stabilizzate in questo luogo dalla fine del 2023. La situazione è ancora pericolosa e gli ucraini non sono riusciti a controllarla.

Solo durante il fine settimana i russi hanno raggiunto la periferia del villaggio e lunedì hanno già pubblicato le registrazioni del suo centro , dove hanno alzato la bandiera e celebrato apertamente il loro successo. Non si è trattato di una vittoria durata mesi, al costo di centinaia di morti e di decine di veicoli blindati distrutti, ma di un improvviso balzo in avanti, apparentemente senza alcuna significativa resistenza da parte degli ucraini.

Un balzo in avanti inaspettato da parte dei russi

Ocheretyne è una piccola città a 15 chilometri a nord-ovest di Avdiivka. Fino a poco tempo fa non sembrava correre alcun pericolo. Il fronte si è stabilizzato in questa direzione alla fine del 2023 e i russi si trovavano a circa cinque chilometri di distanza. Finora si sono concentrati sugli attacchi a ovest. Gli ucraini non hanno segnalato alcun attacco pesante a Ocheretyne. Tentativi più piccoli, sì, ma per mesi senza successo per i russi.

La situazione è cambiata poco più di una settimana fa, quando sono arrivate le prime informazioni confermate su significativi progressi russi. Nei giorni successivi non fecero altro che accelerare e il 18 aprile era già chiaro che, utilizzando le ex trincee ucraine che si estendevano lungo l’argine della linea ferroviaria da Avdiivka, avevano raggiunto il confine di Ocheretyne. Questo è stato seguito da un contrattacco ucraino, i russi avrebbero dovuto essere respinti per un po’, ma sono tornati rapidamente. Il 20 aprile erano già negli edifici del villaggio. Due giorni dopo hanno pubblicato il suddetto video dal suo centro, probabilmente girato domenica 21 aprile. Attualmente, secondo l’affidabilissimo canale Telegram ucraino “Deep State”, controllano già gran parte di Ocheretyne e solo il confine nord-orientale può essere considerato terra di nessuno.

Ciò significa che i russi sono penetrati nella linea di difesa ucraina esistente, stabilita dopo la caduta di Avdiivka. È vero che non nella zona in cui si concentravano i loro sforzi principali da metà febbraio, cioè i villaggi di Beredychi, Semenivka e Umanskie più a sud, ma nella direzione relativamente tranquilla di Ocheretyne. Per ora l’intrusione russa è molto stretta, a poche centinaia di metri dal centro, sul terrapieno ferroviario. Teoricamente è molto sensibile ai contrattacchi e al fuoco. I droni e l’artiglieria ucraini dovrebbero rendere la vita molto difficile ai russi in un’area così limitata. Tuttavia, per ora questo non è visibile, probabilmente a causa della scarsità delle loro risorse. I russi probabilmente cercano di impedirlo attaccando anche qualche chilometro più a est, nella zona del villaggio di Nowokalinowe. Lì, improvvisamente avanzarono di oltre due chilometri, nello stesso momento in cui lo facevano verso Ocheretyne. Il successo in quest’ultimo posto ostacolerà notevolmente ogni possibile tentativo ucraino di contrattaccare la ristretta intrusione.

Furto con scasso a Ocheretyne al centro della mappa. Anche la proiezione visibile a destra è il risultato degli scontri degli ultimi giorniFurto con scasso a Ocheretyne al centro della mappa. Anche la proiezione visibile a destra è il risultato degli scontri degli ultimi giorni  Foto . Stato profondo

Mappa ad alta risoluzione

Il portavoce del gruppo di truppe ucraino responsabile della difesa in questa sezione ha annunciato martedì mattina:

La situazione nella regione di Ocheretyne è difficile. Nel tentativo di catturare la città, il nemico usa tutte le armi disponibili, comprese le armi chimiche, e cerca di prendere piede nella sua parte meridionale. Attualmente la maggior parte del villaggio è controllata dal nostro esercito e la sua parte meridionale è sotto il fuoco della nostra artiglieria. Sono stati compiuti sforzi globali per respingere il nemico e stabilizzare la situazione.

Le parole di Nazar Voloshin secondo cui i russi stanno solo “cercando di prendere piede” nella parte meridionale del villaggio contraddicono la registrazione russa dal suo centro e le informazioni fornite da fonti non ufficiali affidabili.

“Putin ha fretta”: l’esperto ha detto quando la Russia potrà lanciare un massiccio attacco contro l’Ucraina

Accuse di errori colossali o di diserzione

Sui canali ucraini Telegram e X si ripete la narrazione secondo cui la svolta russa è il risultato dello sfruttamento della rotazione dell’unità che difende questo settore. Per mesi avrebbe dovuto essere la 47a Brigata Meccanizzata, considerata eccellente e armata in gran parte con equipaggiamento americano. Tuttavia, l’unità era esaurita poiché è stata coinvolta nei combattimenti quasi ininterrottamente dal giugno 2023. Prima con un’offensiva fallita a Zaporizhia, poi in una situazione di emergenza in caduta su Avdiivka per salvare la sua traballante difesa. La brigata ha svolto egregiamente il suo compito, difendendo con successo l’intero settore nord-ovest della città. Tuttavia, l’unità era esaurita e subì perdite significative. Aveva assolutamente bisogno di una rotazione all’indietro.

Verso la metà di aprile, la 47a Brigata avrebbe iniziato a ritirarsi, cedendo le sue posizioni alla nuova unità. Non c’è alcuna certezza esatta su quanto accaduto. Tuttavia, ci sono accuse che i “nuovi” siano stati lenti nel catturare i punti chiave della difesa, o che li abbiano abbandonati dopo il primo serio contatto con il fuoco russo. I russi ne approfittarono abilmente e, dopo aver constatato la debolezza della difesa ucraina, schierarono le riserve disponibili per attaccare, i cui effetti possono essere visti a Ocheretyne. Sui canali ucraini si dice che la 115a Brigata Meccanizzata abbia fallito, ma difficilmente può essere definita verde . Si è formato all’inizio dell’invasione russa e ha già partecipato a numerose operazioni nelle quali non si è distinto in alcun modo, ma non ha fallito in modo spettacolare.

Indipendentemente dalle ragioni specifiche del crollo della difesa ucraina, le unità ritirate della 47a Brigata furono nuovamente schierate per estinguere l’incendio. Durante il fine settimana sono apparse registrazioni di veicoli da combattimento della fanteria ex-americani M2 Bradley che sparavano contro i russi a Ocheretyne. Solo la 47a Brigata li usa in combattimento. Tuttavia, non si rifletterebbe bene sulle riserve disponibili degli ucraini se, per salvare la situazione di crisi nel settore prioritario del fronte, dovessero far intervenire un elemento di un’unità esaurita dopo molti mesi di combattimenti, e non qualche membro fresco forze tenute di riserva proprio per tali occasioni. Non ci sono registrazioni o rapporti che indichino un incendio particolarmente intenso contro i russi che irrompono. Al contrario, il video in cui appendono la bandiera nel centro del villaggio è ammirevolmente calmo e non sembrano avere fretta.

La cattura di Ocheretyne potrebbe costringere gli ucraini alla prima linea difensiva a ovest di Avdiivka. L’avevano appena stabilizzato relativamente durante i pesanti combattimenti durati due mesi. Il villaggio perduto fiancheggia le posizioni difensive ucraine nella zona del villaggio di Beredychi da nord. La prossima presunta linea di difesa degli ucraini si trova pochi chilometri più a ovest di Ocheretyne.

Quello che è successo negli ultimi giorni è il successo più evidente per i russi in questa zona di combattimento dalla caduta di Avdiivka a metà febbraio. Questo non è il risultato di sanguinosi attacchi frontali difficili da contare, ma – a quanto pare – di un uso efficace dell’errore del nemico. Ciò non significa ancora una grande catastrofe per gli ucraini, perché stiamo ancora parlando di un villaggio e diversi chilometri in linea retta. Tuttavia, ciò dimostra quanto sia fragile la situazione e quante poche riserve pronte apparentemente abbia il comando ucraino. Ma questa non è sicuramente la fine. I russi cercheranno di approfittare di questo successo e la situazione a Ocheretyne non sembra stabile.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles