24.4 C
Rome
martedì, Maggio 21, 2024

Il leggendario oro della Colchide è arrivato a Cracovia. Si diletta nelle vetrine del Museo Nazionale

Il leggendario oro della Colchide è arrivato a Cracovia. Si diletta nelle vetrine del Museo Nazionale le opere d’arte più importanti della Georgia sono arrivate a Cracovia,

Il leggendario oro della Colchide è arrivato a Cracovia. Non c’è mai stata una mostra come questa prima, e non solo in Polonia: le opere d’arte più importanti della Georgia sono arrivate a Cracovia, e fino al 15 settembre avrete l’opportunità di vederle nell’edificio principale del Museo Nazionale di Cracovia. Le vetrine NMK includono, tra gli altri: il leggendario vello d’oro per il quale salparono gli Argonauti. – Sono anni che sogniamo questa mostra – dice il prof. Andrzej Szczerski, direttore del Museo Nazionale di Cracovia.

Dal Neolitico e le tracce più antiche dell’attività umana, attraverso il leggendario oro della Colchide, le stele di pietra dell’alto Medioevo, i primi codici miniati, i costumi moderni, i militaria, attraverso i dipinti di Pirosmani e i paesaggi di Tbilisi, fino al XX secolo avanguardia – un totale di oltre 700 oggetti hanno costituito la mostra aperta di arte georgiana a Cracovia – “Vello d’oro – Arte della Georgia”. Come sottolineano i suoi creatori, questa è l’unica mostra così ampia e trasversale fino ad oggi, che presenta opere che non hanno mai lasciato la Georgia prima, altre sono arrivate a Cracovia dal Louvre,

– È un panorama sintetico dell’arte georgiana. Una mostra che non è mai avvenuta in nessun altro museo al mondo, né nella stessa Georgia. Presentiamo una proposta unica per raccontare il Paese, la sua storia e cultura nell’intera gamma delle possibilità museali. Questa mostra può essere definita un esperimento museale unico, afferma Andrzej Szczerski, direttore del Museo Nazionale di Cracovia.

Il titolo della mostra – “il vello d’oro” – è un riferimento ai racconti più antichi della mitologia greca, storie sul folle coraggio di diverse dozzine di temerari greci che partirono verso l’ignoto, attratti dalle storie sulla terra dove il vello d’oro è tenuto. Oggi a Cracovia si può vedere l’oro della Colchide.

– Questo è un riferimento alle radici georgiane dell’Europa. La Georgia, che vedremo in questa mostra, è un paese che sottolinea costantemente i suoi legami con l’Europa attraverso la sua arte. Questo è uno dei luoghi in cui si è formata la cultura europea. Uno dei paesi più antichi, importante per la cultura antica, uno dei primi paesi cristiani, quindi luoghi ed eventi che mostrano che la storia e la cultura dell’Europa possono essere lette attraverso la cultura e la storia della Georgia – afferma Andrzej Szczerski, direttore del Museo Nazionale di Cracovia. – Questa mostra è anche un bellissimo gesto dei georgiani, ricordando che abbiamo sostenuto la loro indipendenza nel periodo tra le due guerre e nell’era post-sovietica. Sanno che Cracovia è il luogo dove l’Europa potrà vedere questa mostra

La mostra è trasversale. Le opere d’arte presentate a Cracovia sono suddivise in dieci sezioni tematiche, che mostrano il panorama della cultura georgiana dalle origini ai giorni nostri.

– Il filo conduttore è la figura umana nelle sue versioni successive, mutando con le epoche a cui è attribuibile. L’arte, anche se destinata a servire gli dei, è stata creata dalle persone per le persone. Mi sembra che seguire i cambiamenti in quest’area sia di per sé affascinante: quando si inizia con gli idoli di settemila anni fa, con caratteristiche antropomorfe in sintesi, attraverso la statuina d’oro di un giovane della Colchide, le figure dei santi sovrani e i loro mecenati nella Georgia medievale, poi i primi ritratti e le fotografie dell’Ottocento, fino alla visione futuristica di un pittore alato in un dipinto di Petre Occheli – spiega il Prof. Mirosław Kruk, curatore della mostra per la parte polacca.

I monumenti più antichi presentati alla mostra hanno più di 7.000 anni. anni, furono creati agli albori della nostra civiltà, tra questi si trovano i primi utensili in pietra, le armi, le prime rappresentazioni della figura umana, la sezione successiva comprende i mitici tesori della Colchide, testimonianza dei contatti artistici dei regni georgiani con la Grecia, Persia, Egitto e Roma, l’area successiva comprende monumenti che presentano La tradizione cristiana della Georgia – uno dei primi paesi cristianizzati – è costituita principalmente da monumenti risalenti al primo millennio d.C. Testimonianze dell’attività della famiglia Bagrationi, una delle famiglie regnanti più longeve al mondo. La memoria del periodo di massimo splendore dell’arte medievale è documentata, tra gli altri, da: affreschi. I tesori manoscritti della Georgia e la collezione di manoscritti della biblioteca Czartoryski sono altri aspetti della storia dell’arte georgiana.

I russi hanno danneggiato i gasdotti di distribuzione nelle regioni di Kharkiv e Sumy: quali sono le conseguenze

La parte centrale è dedicata alla presentazione di abiti, articoli militari e accessori vari. Una parte separata della mostra è dedicata all’iconografia di Tbilisi e alle metamorfosi che la città ha subito. Un riferimento importante per l’arte georgiana sono le opere di artisti polacchi associati a questo paese, tra cui: Henryk Hryniewski, Henryk Filipowicz.

15 tele di Pirosmani, artista che occupa un posto speciale nella storia dell’arte georgiana, fanno parte della mostra “Il vello d’oro”. Alla fine è stata presentata l’avanguardia georgiana contemporanea. – Si tratta di una mostra di cui i più grandi musei del mondo sarebbero orgogliosi – ha sottolineato Piotr Rypson, direttore del Dipartimento dei Beni Culturali del Ministero della Cultura e del Patrimonio Nazionale. – La Georgia è piena di tesori culturali.

– Questo è un evento globale, possiamo vedere i tesori di quattordici musei georgiani in un unico posto – dice Nika Akhalbedashvili, primo vicedirettore generale del Museo nazionale georgiano, aggiungendo che non si tratta solo di una mostra, ma anche di un passo verso una costruzione amichevole rapporti tra Polonia e Georgia.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles