19.3 C
Rome
mercoledì, Giugno 12, 2024

Fanno l’impossibile: come l’esercito ucraino ha catturato il KAB e vinto il carro armato (video)

Fanno l’impossibile: come l’esercito ucraino ha catturato il KAB e vinto il carro armato.. TSN.Tizhden racconterà degli ucraini che fanno cose incredibili durante la guerra.

Gli ucraina fanno l’impossibile. I russi hanno ricevuto l’ordine di catturare la città di Chasiv Yar entro il 9 maggio , ha riferito il comandante in capo Sirsky. L’Ucraina è a corto di proiettili e di una scorta quasi esaurita di missili per il sistema di difesa aerea Patriot. Ma il fronte è tenuto dalle superpotenze del nostro popolo, che sono la vera “arma miracolosa” ucraina.

Il nostro Andrii Tsaplienko, che ha lavorato nell’area di Chasovoy Yar e della foresta di Serebryansky, ha visto come gli ucraini prendono decisioni militari rischiose che sono considerate impossibili in guerra. E che mantengono ancora un fronte di 1.000 chilometri. Un obiettivo ad alta velocità di origine sconosciuta era diretto verso la città in prima linea di Kostyantynivka. Inizialmente, i cannoni antiaerei pensavano che si trattasse di una specie di nuovo drone. “Hanno reagito rapidamente e hanno aperto il fuoco”, dice Andrii, un cannoniere antiaereo della brigata DPSU “Pomsta”.

Non era un drone, ma un KAB – una bomba aerea guidata. Munizioni di sbarramento, quasi invisibili ai radar. Di solito si tratta di mezza tonnellata di metallo ed esplosivi che compongono facilmente un condominio. È quasi impossibile abbattere un obiettivo del genere, ma le guardie di frontiera lo hanno fatto con il supporto della 28a brigata.  L’invincibile KAB, tanto ostentato dal nemico, è stato abbattuto.

Se la bomba avesse raggiunto Kostyantynivka, avrebbe potuto distruggere un’intera casa. Ma le munizioni abbattute caddero sul campo senza esplodere. “Non sappiamo come si comporterà questa cosa e in quale minuto o secondo funzionerà”, osserva Roman, il comandante dell’unità antiaerea. La bomba è decorata con ali di alluminio, che probabilmente furono deviate da una salva a fuoco rapido.  Un caso unico, perché le bombe non vengono abbattute. Quindi l’esperienza dei combattenti antiaerei di confine viene ora analizzata e studiata.

Con bombe così modificate, la Russia macina ogni giorno la città strategicamente importante di Chasiv Yar. Da una distanza di cinquanta chilometri, gli occupanti hanno bombardato i civili della vicina Kostyantynivka con missili antiaerei senza entrare nella zona di difesa aerea. Questi ragazzi probabilmente hanno salvato la vita a qualcuno oggi. E gli Harmashi salvano ogni giorno la fanteria nella foresta di Serebrian, nonostante i loro obici M101 ricordino la Seconda Guerra Mondiale.

Cannone M101 / ©
Cannone M101

“L’arma è abbastanza precisa, calibro 105. Ci sono diversi anni di produzione. C’è il 1944. Noi abbiamo il 1955”, dice Volodymyr, comandante del calcolo dell’arma. Questo museo militare è stato reso efficace trascinandolo in un luogo dove è quasi impossibile raggiungerlo a piedi. Ma la scelta della posizione è diventata un fattore decisivo. La consegna di munizioni a questa posizione è simile a un’operazione speciale.

Guerra lampo della guerra senza pilota: i droni stanno cambiando gli eventi in prima linea in Ucraina, come i carri armati durante la prima…

“Sono volati molti FPV, i droni erano un pericolo. Primo. Secondo. La loro ricognizione funziona in modo molto efficiente. Ecco perché dobbiamo muoverci più velocemente. Ma il problema stesso è l’FPV”, dice “Skif”, il comandante dell’unità di artiglieria della brigata “Pomsta” del DPSU. Il nemico non può calcolare questi obici quasi sotto il suo naso. Ed è per questo che ogni colpo della brigata “Revenge” va a segno. Qui, infatti, ogni minuto è pieno di rischi. In qualsiasi momento, le forze travolgenti del nemico possono sfondare.

Nelle mani di persone che agiscono fuori dagli schemi, anche un’arma della Seconda Guerra Mondiale diventa un pericoloso strumento di guerra per il nemico. “Abbiamo due risorse inestimabili: le persone e il tempo, che non possono essere sprecate. Dobbiamo proteggerle. Se proteggiamo queste risorse, le persone e il tempo, la vittoria sarà nostra”, afferma Valery, capo di stato maggiore di una delle brigate. divisioni DPSU “Pomsta”.

Ciò che hanno fatto i ragazzi della brigata “Azov” può essere chiamato solo una parola: “impresa”. Avevano bisogno di un carro armato. Non l’hanno chiesto ai loro alleati, ma l’hanno preso ai loro nemici. Un altro caso unico nella guerra: gli Azov hanno eliminato da soli il nuovo T-72. D’ora in poi, questo carro armato sarà a disposizione di coloro che ce l’hanno fatta e aiuterà la brigata Azov a vincere sul campo di battaglia.

Una colonna di veicoli corazzati nemici ha quasi fatto crollare la difesa ucraina nell’area del villaggio di Terny. Questo carro armato, del valore di oltre due milioni di dollari, avrebbe dovuto avvicinarsi alle posizioni di “Azov” e sfondarle. Per proteggersi dai droni, l’auto è stata rivestita di reti e appesa con un numero senza precedenti di dispositivi EW. Che però ha perso un volo FPV. 

Il carro armato rotolò lungo la strada in direzione delle posizioni ucraine a tutta velocità e si schiantò contro un BMP danneggiato. Il suo equipaggio è scappato. Sembrerebbe che sia più semplice bruciare un carro armato con un drone. Ma questi due ragazzi hanno corso un rischio e sono riusciti ad avviare il motore sotto il fuoco nemico.  “Ho esaminato le sue condizioni. Vedo che può andare. Faccio rapporto all’ospedale che il paziente è più vivo che morto”, dice Ilya Dvorko, vice comandante della 2a compagnia di carri armati della brigata “Azov”.

Ma questo rapporto è stato preceduto da tre notti di duro lavoro di squadra dell’intero gruppo tattico del battaglione. Si è scoperto che il 72 non è stato fermato dall’FPV, ma da un groviglio di fili sui binari, che li hanno bloccati. All’inizio dovettero tagliare ghirlande di fili dai bruchi sotto il fuoco. Quindi, anche sotto il fuoco, trascina qui tre accumulatori di carri armati pesanti.

Ma era impossibile entrare. Questo portello era bloccato da un cannone. Per avviare il carro armato era necessaria un’incredibile coincidenza di circostanze: un pilota-meccanico con le capacità di un acrobata. E questo non è uno scherzo. Uno è stato trovato ad “Azov”. Mehvod Volodya, che ha lavorato con il circo “Du Soleil”.

Nell’oscurità impenetrabile, il carro armato fece un balzo in avanti e volò nel cratere della bomba. Il comandante è svenuto per il colpo. Ma, tornando in sé, è uscito dalla trappola e ha portato il serbatoio da solo.

©

A prima vista, è chiaro che il carro armato più recente, del valore di due milioni di dollari, veniva effettivamente utilizzato come ariete usa e getta con un cannone.L’eroismo assoluto di q uesti ragazzi sicuramente non conosce limiti. Ma il numero degli eroi non è illimitato. La nostra risorsa principale sono le persone e non possiamo combattere come combattono i russi. Sono necessarie armi di un ordine diverso.

Un miracolo dei cannoni antiaerei dovrebbe sostituire gli attacchi degli F-16 sulle portaerei KAB. Cecchini d’artiglieria con pistole del secolo scorso: proiettili intelligenti e gli ultimi obici. E cacciatori di trofei disperati: hangar pieni di moderni veicoli corazzati. E anche se il mondo non si affretta ad aiutare, il nostro popolo resta in prima linea, al limite del possibile.

▶ Sul canale YouTube di TSN è possibile guardare il video

In precedenza il presidente Volodymyr Zelenskyi aveva riferito che la situazione al fronte in questi giorni – e soprattutto nella direzione di Donetsk – sta diventando sempre più difficile.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles