19.3 C
Rome
mercoledì, Giugno 12, 2024

I 3 principali punti scandalosi di mobilitazione: a chi verrà tolta l’auto e chi sarà mandato a ripetere VLK

I 3 principali punti scandalosi di mobilitazione: a chi verrà tolta l’auto e chi sarà mandato a ripetere VLK. Quattro mesi di scandali: i deputati del popolo hanno approvato in seconda lettura il disegno di legge sulla mobilitazione

Su Internet è scoppiata un’ondata di discussioni. I 3 principali punti scandalosi di mobilitazione Quattro mesi di scandali: i deputati del popolo hanno approvato in seconda lettura il disegno di legge sulla mobilitazione, ma sono rimaste indietro alcune norme palesi. Le nuove regole di mobilitazione scioccano e fanno infuriare alcuni ucraini. Non ci sarà più “adattamento limitato”, le persone con disabilità saranno sottoposte a ripetuti VLK, l’auto di qualcuno verrà portata via e gli uomini all’estero avranno una “sorpresa”.

L’11 aprile la Verkhovna Rada ha adottato il disegno di legge sulla mobilitazione. Inoltre, il giorno prima la Verkhovna Rada aveva sostenuto altri due progetti di legge: uno riguarda la punizione degli evasori, l’altro prevede la possibilità di mobilitare i condannati. I deputati popolari hanno lavorato sui documenti per quasi 4 mesi e 11 ore nella sala della Verkhovna Rada il 10 aprile. Era da molto tempo che non vedevamo un lavoro così “intenso” da parte dei deputati, ma ciò non sorprende. È stato necessario elaborare più di 4mila modifiche al documento. E lo hanno fatto. Tuttavia, sono rimasti seduti fino a notte e hanno persino ignorato il coprifuoco. I meme a riguardo hanno immediatamente fatto irruzione in Internet.

Tutto ciò che è stato adottato così scrupolosamente  alle 11 è stato suddiviso in una dozzina di punti. Ma rendono nervosi gli ucraini: Dio non voglia!

I punti principali del progetto di legge sulla mobilitazione , che entrerà in vigore un mese dopo la firma del presidente:

  • Il diritto di smobilitare le persone con disabilità;
  • Smobilitazione in relazione alla liberazione dalla prigionia;
  • Quelli con forma fisica limitata verranno riesaminati entro 12 mesi;
  • I militari in caso di conclusione del primo contratto hanno diritto ad un risarcimento pari al 50 per cento della prima rata del prestito;
  • Coloro che hanno ricevuto il gruppo di invalidità 2-3 dopo il 24 febbraio 2022 (ad eccezione del personale militare) sono soggetti a una ripetuta visita medica per determinare l’idoneità al servizio;
  • Per gli “evasori”: limitazione dei servizi consolari per uomini dai 18 ai 60 anni senza patente militare, per la guida di veicoli per uomini dell’età adeguata su richiesta del TCC.
  • Il Consiglio ha completamente eliminato dal disegno di legge la disposizione sulla smobilitazione dei soldati dopo 36 mesi di servizio.

Idoneità limitata alla preparazione

Gli uomini che hanno “comprato” la disabilità per sé non erano esattamente felici. Perché secondo il documento gli uomini con disabilità fisica devono sottoporsi a una seconda visita medica. La Verkhovna Rada ha semplicemente adottato e abolito il concetto di “idoneità limitata” al servizio nelle forze armate. Secondo le innovazioni, gli uomini giudicati con scarsa idoneità al servizio dovranno sottoporsi ad una nuova visita medica entro 12 mesi. Le parole “idoneità limitata” sono state ora rimosse, lasciando solo la norma sull’inidoneità. Anche se prima erano circa 9 mesi.

Il Ministero della Difesa ha anche pubblicato una spiegazione di ciò che attende il personale militare e i coscritti che hanno questo status. Dopo il riesame, il personale militare ritenuto non idoneo verrà rilasciato dal servizio militare e quelli ritenuti idonei continueranno il servizio. I coscritti ritenuti non idonei saranno esclusi dalla registrazione militare e quelli ritenuti idonei potranno prestare servizio.

Tristi notizie per coloro che hanno ricevuto disabilità dei gruppi 2 e 3 dopo il 24 febbraio 2022. Anche queste persone dovranno superare nuovamente il VLK. Tuttavia, questa norma non si applica al personale militare.

Senza servizi consolari

Un’altra disposizione scandalosa del disegno di legge sulla mobilitazione è stata votata dai deputati del popolo. È prevista la limitazione dei servizi consolari per gli uomini dai 18 ai 60 anni privi di licenza militare. Nel progetto di legge sulla mobilitazione si afferma che nei consolati sarà richiesta una carta d’identità militare, in particolare, ai cittadini ucraini di 18 anni. Ma i giovani che se ne sono andati prima di questa età non hanno bisogno di tornare in Ucraina. Puoi controllare i tuoi dati da remoto. La norma sulle limitazioni dei servizi consolari nel disegno di legge sulla mobilitazione è stata scritta per capire quanti cittadini sono all’estero. Lo ha detto a Radio Svoboda la membro della commissione per la sicurezza nazionale, la difesa e l’intelligence della Verkhovna Rada, la deputata dell’UE Iryna Friz.

“L’erogazione dei servizi consolari avverrà entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge con il contestuale aggiornamento dei dati. Cioè un uomo in età di leva potrà venire a ricevere il servizio consolare durante questi 60 giorni e potrà aggiornare i suoi dati. Specificare il luogo di residenza, i dati di contatto affinché il Ministero della Difesa e lo Stato Maggiore abbiano chiaro quanti cittadini si trovano all’estero”

Allo stesso tempo, secondo Friz, non esiste alcun meccanismo per deportare gli ucraini da altri paesi.

“Ora, secondo l’attuale legislazione, sia ucraina che internazionale, non esiste alcun meccanismo per deportare persone da altri paesi durante la legge marziale. Nessuna deportazione avrà luogo. Ciò è richiesto solo per i registri militari del Ministero della Difesa”.

Inoltre, gli uomini di età compresa tra 18 e 60 anni verranno controllati alla frontiera, quando entrano ed escono dal paese. Indipendentemente dall’idoneità al servizio o dai rinvii, ogni uomo di questa età sarà tenuto a portare con sé un documento d’identità militare. E presentarlo su richiesta della polizia, dei dipendenti del TCC e delle guardie di frontiera. Inoltre, tutti i coscritti che non hanno ancora inserito i propri dati nel TCC dovranno farlo entro 60 giorni dal prossimo decreto presidenziale sulla continuazione della mobilitazione. Il suddetto decreto è atteso per il 13 maggio. Sarà possibile chiarire i dati presso il TCC, TsNAPi o nell’armadio elettronico.

“I missili russi non sanno della protezione di 9 miliardi”: l’esperto ha spiegato come sia possibile proteggere davvero il TPP

Una delle clausole più controverse del disegno di legge sulla mobilitazione è stata la clausola sulla limitazione della guida di veicoli da parte dei coscritti su richiesta del TCC. Alla luce del progetto di legge votato, tutto sarà deciso dal tribunale, ma questo sarà preceduto da un certo algoritmo di azioni, che deve essere eseguito dal TCC:

  1. Il capo del TCC, che ha accertato l’inadempimento da parte del cittadino dei doveri previsti nella parte 1 dell’art. 22 nella nuova edizione (mancata comparizione alla convocazione del TCC, mancato superamento di una visita medica), articolo 22, parte 3 (mancata comunicazione dei dati di registrazione militare al TCC entro 60 giorni) e commissione di un reato amministrativo previsto dall’articolo 210-1 del Codice degli illeciti amministrativi (violazione della legislazione sulla mobilitazione), ricorsi alla polizia in merito alla detenzione amministrativa e alla consegna di tale cittadino al TCC.
  2. Nel caso in cui riceva una risposta scritta dalla polizia sull’impossibilità della detenzione amministrativa e della consegna di un cittadino al TCC, il capo del TCC invia al cittadino una lettera di richiesta entro 5 giorni.
  3. Se un cittadino non adempie volontariamente al proprio dovere entro 10 giorni di calendario dalla data di consegna della richiesta, ad esempio, non si presenta al TCC, l’ufficiale militare si rivolge al tribunale in merito alla limitazione del diritto di guidare un’auto.

Le decisioni del tribunale su tali richieste sono soggette a esecuzione immediata. Si concedono 15 giorni per il ricorso.

Ma ci sono delle eccezioni. Non sarà limitato in due casi: se l’istituzione di tale limitazione priva la persona della principale fonte legale di reddito e se la persona utilizza il veicolo a causa di disabilità o perché è dipendente da una persona con disabilità dei gruppi I, II o un bambino con disabilità.

E la “ciliegina sulla torta”: i deputati del popolo hanno aggiunto un’altra piccola clausola alla riserva del 100% degli agenti di polizia, alla riserva dei capi di Stato e degli organi di autogoverno locale e alla riserva del 50% dei dipendenti pubblici delle categorie ” B” e “B”. Ogni deputato potrà “togliere” dalla mobilitazione due suoi assistenti, che svolgono un ruolo molto importante per il Paese durante la guerra.

Vi ricordiamo che giovedì 11 aprile la Verkhovna Rada ha adottato il progetto di legge sulla mobilitazione in  tutta l’Ucraina.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles