26.8 C
Rome
sabato, Giugno 22, 2024

Il presidente Johnson sta preparando un “pacchetto misterioso” di aiuti per l’Ucraina: il WSJ ha rivelato i dettagli

Il presidente Johnson sta preparando un “pacchetto misterioso” di aiuti per l’Ucraina: il WSJ ha rivelato i dettagli. Ci sono disaccordi tra repubblicani e democratici riguardo al disegno di legge.

Il presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti , Mike Johnson, ha promesso di portare al voto la questione degli aiuti all’Ucraina subito dopo il ritorno del Congresso dalla pausa pasquale nei prossimi giorni. Ma quale forma assumerà il disegno di legge e chi lo sosterrà rimane incerto a causa dei disaccordi tra repubblicani e democratici sugli aiuti a Kiev.  Questo è affermato nel materiale del Wall Street Journal.

Nel febbraio 2024, il Senato degli Stati Uniti ha approvato un pacchetto di aiuti da 95 miliardi di dollari a Ucraina, Israele e Taiwan con il sostegno bipartisan. Johnson ha detto che sta valutando la possibilità di dividere gli aiuti tra Ucraina e Israele. Ciò potrebbe massimizzare i voti dei democratici per l’Ucraina, che rappresentano circa 60 miliardi di dollari.

Mike Johnson ha anche offerto diverse proposte che potrebbero raccogliere voti aggiuntivi: convertire parte degli aiuti all’Ucraina in un prestito, confiscare i beni russi sequestrati per finanziare la ricostruzione dell’Ucraina e revocare la moratoria dell’amministrazione Joe Biden sui nuovi progetti di esportazione di gas naturale liquefatto. 

Tuttavia anche alcuni deputati del partito repubblicano che hanno partecipato alla discussione del pacchetto affermano di non aver visto il testo finale, scrivono i giornalisti. Lo scorso settembre, più della metà dei repubblicani della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti si sono ufficialmente opposti agli aiuti all’Ucraina. I sondaggi mostrano che sempre più elettori repubblicani credono che gli Stati Uniti stiano facendo troppo per l’Ucraina.

La Germania ha sollevato aerei da combattimento su un aereo militare russo: cosa è successo

Beni congelati della Federazione Russa

Secondo i giornalisti, tra le “innovazioni” proposte da Johnson c’è anche il Repo Act “Ripristinare la prosperità economica e le opportunità per gli ucraini”, un disegno di legge bipartisan che consentirebbe di utilizzare miliardi di dollari delle riserve congelate della Banca centrale russa per contribuire a pagare gli aiuti. all’Ucraina. Tuttavia, i funzionari affermano che tale decisione non potrà sostituire gli aiuti occidentali come principale fonte di finanziamento militare a causa di complicazioni legali nella giurisdizione, poiché la maggior parte del denaro russo è conservato nell’Unione Europea. 

French Hill, vicepresidente del Comitato per i servizi finanziari della Camera degli Stati Uniti, ha affermato che la legge sui pronti contro termine consentirebbe agli Stati Uniti di spostare i beni russi da congelati a sequestrati e quindi collocati in un fondo fiduciario internazionale che sarebbe soggetto a controlli e requisiti di trasparenza.

Assistenza sui prestiti

Un’altra proposta di Mike Johnson prevede di trasformare almeno una parte degli aiuti esteri in prestiti. “Non stiamo semplicemente fornendo aiuti esteri, stiamo stabilendo un r apporto in cui loro potranno restituirceli quando sarà il momento”, ha commentato Johnson. I legislatori repubblicani sottolineano che la loro attenzione si è concentrata sul sostegno diretto al bilancio del governo ucraino sotto forma di prestito.  La senatrice Lindsey Graham, stretta alleata di Donald Trump, ha affermato che i prestiti all’Ucraina e agli altri alleati degli Stati Uniti non dovrebbero essere esenti da interessi e potrebbero essere ritirati.

“Altri repubblicani stanno spingendo affinché la Camera ripristini un sistema semplificato di prestito-affitto per l’Ucraina, sul modello di un programma dell’era della Seconda Guerra Mondiale che consentiva al governo degli Stati Uniti di prestare o affittare armi. Circa due anni fa, il Congresso ha dato all’amministrazione Joe Biden il potere di accelerare i prestiti o locazioni di attrezzature militari all’Ucraina, ma tale potere è scaduto a settembre e non è mai stato utilizzato”, scrive il WSJ.

Esportazione di gas

I giornalisti scrivono anche che il presidente della Camera dei rappresentanti Mike Johnson sta anche cercando di collegare gli aiuti all’Ucraina con la revoca del congelamento dei permessi per nuovi progetti di esportazione di gas naturale liquefatto da parte dell’amministrazione Joe Biden.

L’amministrazione Biden è stata criticata per la sua decisione di sospendere il rilascio di nuovi permessi di esportazione di GNL. L’industria del petrolio e del gas ha criticato la decisione definendola una trovata politica che arriva in un momento pericoloso per gli alleati degli Stati Uniti, che stanno importando volumi record di gas naturale liquefatto americano per sostituire quello russo. Si ricorderà che l’ambasciatore americano presso l’UE ha affermato che Trump sosterrà l’Ucraina in caso di vittoria alle elezioni.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles