0.5 C
Rome
martedì, Aprile 16, 2024

L’Occidente alza la posta – come risponderà Putin: scenari del terzo anno di guerra su vasta scala sullo sfondo della seconda “venuta” di Trump negli USA

L’Occidente alza la posta – come risponderà Putin: scenari del terzo anno di guerra su vasta scala sullo sfondo della seconda “venuta” di Trump negli USA

L’Occidente alza la posta – come risponderà Putinю La forte dichiarazione del presidente francese Emmanuel Macron sulla possibilità di inviare truppe occidentali in Ucraina, anche se ha fatto molto rumore, alla fine ha confermato che non si tratta di una fantasia. Sì, Macron non ha detto in quali condizioni ciò potrebbe accadere e quando, ma ha chiarito che la questione è sul tavolo. Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha immediatamente negato la possibilità che le truppe dell’Alleanza appaiano sul campo di battaglia in Ucraina, ma ha aggiunto che le decisioni individuali dei singoli paesi non richiederanno il consenso degli alleati.

Contenuto

  1. La vittoria dell’Ucraina e la sconfitta della Russia: perché l’Occidente non ci crede?
  2. Non è nemmeno più un vicolo cieco: la Russia ha un vantaggio sul campo di battaglia
  3. Costrizione a negoziare: se ne discute in Occidente, ma è improbabile

Si tratta di una svolta completamente nuova nel terzo anno di guerra su vasta scala della Russia contro l’Ucraina. Troppo – alla vigilia del prossimo discorso di Putin all’Assemblea Federale del 29 febbraio, che egli usa abitualmente per spaventare l’Occidente con una guerra globale (o meglio nucleare, anche se questa è più probabilmente prerogativa del pazzo Medvedev), e il suo prossime “elezioni” presidenziali il 17 marzo per un quinto mandato. Con le dichiarazioni sulla possibilità della comparsa di truppe occidentali sul campo di battaglia in Ucraina, i nostri alleati alzano la posta, cosa che Putin di solito fa, guardando la debole risposta degli Stati Uniti e dell’UE.

Innanzitutto, l’affermazione di Macron, che ha sempre insistito sull’autonomia strategica dell’Europa dall’America, si spiega con il comune timore paneuropeo di una seconda “venuta” di Trump negli Stati Uniti.

In secondo luogo, ci sono segnali di una crescente competizione tra Francia e Germania, il cui equipaggiamento militare dovrà essere caricato per aumentare gli aiuti militari all’Ucraina. Dopotutto, sia Macron che Scholz vogliono investire in imprese militari nei propri paesi.

In terzo luogo, alla luce delle dichiarazioni di Scholz sull’impossibilità di fornire a Kiev missili Taurus a lungo raggio, perché ciò potrebbe coinvolgere la Germania in una guerra con la Russia, e del rifiuto della presenza di truppe NATO in Ucraina, Macron vuole affrontare la questione ruolo di leader nell’UE. Dopotutto, Parigi e Londra, dove da sei mesi nei circoli politici ed esperti non si nega la possibilità che l’esercito britannico entri in guerra ad un certo punto, da tempo forniscono all’Ucraina i loro missili a lungo raggio.

E, cosa più importante, l’annuncio di Macron, che alimenta le discussioni nel Regno Unito, arriva mentre entriamo nel terzo anno di guerra su vasta scala, con la stampa occidentale che discute principalmente della possibilità di colloqui tra Russia e Ucraina sullo stallo sul campo di battaglia. Quindi in questo testo TSN. ua ti dirà quali scenari di guerra sono discussi principalmente dagli analisti e dai mass media occidentali.

La vittoria dell’Ucraina e la sconfitta della Russia: perché l’Occidente non ci crede?

“Le sanzioni privano la Russia del potere e della capacità di proiettare potere. E solo Putin è responsabile di questo, punto.” Questa è la dichiarazione del presidente americano Joe Biden, rilasciata nel marzo 2022 durante una visita in Polonia, aggiungendo che “chiedono 200 rubli per un dollaro”. Un anno dopo, nel marzo 2023, la Corte penale internazionale ha emesso un mandato di arresto nei confronti di Putin per la deportazione illegale di bambini ucraini. Tuttavia, tra un anno, tutti potranno vedere: le sanzioni occidentali contro la Russia non hanno funzionato; l’economia russa resistette e passò ai binari militari; e la Russia attualmente guadagna di più dalle esportazioni di petrolio rispetto a prima dell’inizio della guerra su vasta scala (i maggiori acquirenti di petrolio russo sono Cina, India, Turchia e Brasile).

Emmanuel Macron ha rilasciato la sua dichiarazione sulla possibilità che le truppe occidentali appaiano sul campo di battaglia in Ucraina dopo un vertice informale sull’Ucraina tenutosi a Parigi lunedì 26 febbraio, durante il quale i leader europei hanno deciso come aiutare ulteriormente Kiev. Il presidente francese ha definito la sconfitta della Russia “assolutamente necessaria per la pace e la sicurezza in Europa”, invitando gli europei a passare dalle parole ai fatti senza attendere i risultati delle elezioni presidenziali americane di novembre. Tuttavia, le sole dichiarazioni di Macron non bastano. L’Occidente è caduto deliberatamente nella trappola di una lunga guerra di esaurimento per Putin, mentre l’Ucraina, che è significativamente inferiore alla Russia in termini di indicatori economici e quantità di risorse di mobilitazione, deve vincere rapidamente. Pertanto, gli alleati dovrebbero affrettarsi e aumentare i loro investimenti nell’equipaggiamento militare europeo.

Attenzione agli animali selvatici. La prima epidemia di rabbia quest’anno si è verificata in Polonia

In un articolo per l’Istituto internazionale di studi strategici, gli analisti Michael Kofman e Franz-Stefan Gadi scrivono che per la difesa l’Ucraina ha bisogno di circa 75-90mila munizioni al mese. Per le operazioni offensive – il doppio – 200-250mila proiettili. Gli alleati europei e gli altri alleati dell’Ucraina, esclusi gli Stati Uniti, possono fornire la quantità necessaria di munizioni per la campagna difensiva di quest’anno, mentre l’offensiva richiede il sostegno americano. Secondo le stime del Royal Joint Institute for Defense Research (Londra), la sola Russia può produrre fino a 2,5 milioni di munizioni all’anno. Più l’aiuto della Corea del Nord. Secondo il ministro della Difesa della Corea del Sud, Shin Wok-sik, la RPDC ha inviato in Russia circa 6.700 container.

“Questa quantità è sufficiente per piazzare circa 3 milioni di proiettili di artiglieria da 152 mm, o 500.000 da 122 mm. La Corea del Nord sembra ricevere cibo e altri beni di prima necessità dalla Federazione Russa, così come materie prime e parti utilizzate nella produzione di armi. Probabilmente anche Mosca ha fornito a Pyongyang la tecnologia satellitare, poiché la Corea del Nord ha lanciato il suo primo satellite spia a novembre e ha promesso di lanciarne altri tre quest’anno”, ha affermato il Ministero della Difesa della Corea del Sud.

La Repubblica Ceca sta attualmente guidando un’iniziativa europea per procurare all’Ucraina 500.000 proiettili da 155 mm e altre 300.000 munizioni da 122 mm, principalmente da paesi terzi. Secondo il Financial Times servono 1,5 miliardi di dollari e, secondo il capo del governo ceco Petr Fiala, 15 paesi sono pronti ad aderire a questa “iniziativa missilistica” (non è chiaro se fornendo munizioni o finanziandone l’acquisto). – ndr). Tuttavia, ciò non copre affatto le esigenze delle forze di difesa ucraine. Nel 2024 avremo bisogno di almeno 2,5 milioni di proiettili e del milione di munizioni promessi dall’UE un anno fa, Kiev ne ha ricevuti finora solo 400 000. Non è un segreto che, a causa della grave carenza di proiettili e della mancanza di altri proiettili tipi critici di armi, le truppe ucraine dovettero lasciare Avdiivka.

Non è nemmeno più un vicolo cieco: la Russia ha un vantaggio sul campo di battaglia

Nonostante le dichiarazioni del ministro della Difesa Rustem Umyerov secondo cui abbiamo già un piano forte e potente per il 2024, Kiev non sarà in grado di farlo senza l’aiuto dei partner occidentali. Questo è un fatto ovvio. Il New York Times scrive che le previsioni non sono ottimistiche e che il meglio che l’Ucraina può sperare nel 2024 è mantenere l’attuale linea del fronte. Dopotutto, in assenza dell’aiuto militare occidentale, questo è un compito estremamente difficile. I russi intensificarono i loro attacchi lungo tutta la linea del fronte, soprattutto in direzione di Kupyansk e Robotyny.

Il presidente Zelenskyi assicura che Oleksandr Syrskyi, il capo delle forze armate, sta attualmente sviluppando due piani per le nostre ulteriori azioni: con e senza l’aiuto americano. Tuttavia, anche gli aiuti militari dell’UE sono bloccati.

Cosa sta succedendo negli USA? Alla fine di dicembre 2023 l’amministrazione Biden ha finito i soldi per gli aiuti militari all’Ucraina. A causa del Congresso bloccato da Donald Trump e dai repubblicani, dalla fine di settembre dello scorso anno i legislatori americani non sono riusciti ad approvare né un pacchetto di aiuti per Ucraina, Israele e Taiwan, né un proprio bilancio federale per il 2024, votando ogni volta su risoluzioni temporanee di bilancio per evitare uno “shutdown” – ovvero l’arresto del lavoro di tutte le istituzioni statali americane.

Martedì 27 febbraio, Joe Biden ha incontrato nuovamente i leader del Congresso, sottolineando che le conseguenze dell’inerzia dei legislatori diventano ogni giorno più gravi per l’Ucraina. Tuttavia, è improbabile che ciò abbia convinto i trumpisti. Il presidente della Camera dei Rappresentanti Mike Johnson, che fa tutto ciò che Trump gli dice, non ha detto se porterà il pacchetto di aiuti da 118 miliardi di dollari a Ucraina, Israele e Taiwan approvato dal Senato poche settimane fa e ha sottolineato ancora una volta che la questione del confine messicano (rafforzamento della politica di sicurezza e immigrazione) è fondamentale per i repubblicani. Dovrebbe quindi essere un miracolo che i trumpisti sblocchino il pacchetto di aiuti per l’Ucraina, perché Trump non è interessato ad alcun compromesso con l’amministrazione Biden sul confine messicano, cercando di ritardare la risoluzione della questione fino alle elezioni presidenziali di novembre.

Inoltre, alcuni repubblicani stanno manipolando, dicendo che è tempo che l’Ucraina impari a combattere in condizioni di risorse limitate, perché gli Stati Uniti non faranno tre teatri di operazioni militari contemporaneamente: in Europa, in Medio Oriente e, forse, nel sud-est asiatico. “Ci sono un sacco di cattivi nel mondo. Ma in questo momento sono molto più interessato ad alcuni problemi dell’Asia orientale che dell’Europa”, ha detto il sostenitore di Trump James Vance, senatore repubblicano dell’Ohio, alla conferenza sulla sicurezza di Monaco. Conferenza.

In effetti, alcuni critici repubblicani che mettono in dubbio ulteriori aiuti statunitensi sostengono che gli Stati Uniti dovrebbero concentrarsi sulla Cina perché è il suo vero concorrente. Ma dov’è la garanzia che questi stessi repubblicani non si rifiuteranno di aiutare Taiwan o la Corea del Sud? Fondamentalmente, ci viene detto che gli Stati Uniti non possono aiutare l’Ucraina a fermare Putin oggi perché devono conservare le risorse per un confronto con la Cina domani. Tuttavia, il paradosso è che per gli Stati Uniti è “più economico” fermare Putin oggi, perché ciò ridurrà la possibilità di una guerra diretta o indiretta tra America e Cina domani. Inoltre, maggiori investimenti nell’industria della difesa americana ed europea costituiranno uno strumento affidabile per dissuadere Pechino da tali avventure militari.

Cosa sta succedendo nell’UE? La situazione della produzione militare nell’UE è negativa, se non pessima. La stampa occidentale sottolinea costantemente che, a differenza degli Stati Uniti, l’UE ha concordato un pacchetto di aiuti macrofinanziari a lungo termine per l’Ucraina del valore di 50 miliardi di euro. Bloccati però anche gli aiuti militari da parte dell’Unione Europea. Inizialmente gli Stati membri volevano concordare un pacchetto di sostegno militare a lungo termine per l’Ucraina del valore di 20 miliardi di euro fino al 2027. Tuttavia, il primo ministro ungherese Viktor Orbán e altri lo hanno bloccato a causa dell’onere apparentemente elevato sul bilancio generale dell’UE.

Attualmente Bruxelles sta discutendo 5 miliardi di euro di aiuti militari all’Ucraina esclusivamente per il 2024. Tuttavia, questo importo è bloccato anche a causa della posizione di Francia e Germania, che non possono decidere quali impianti di difesa riceveranno più soldi. Inoltre, Berlino chiede di ridurre il proprio contributo da 1,25 miliardi di euro, perché è ancora il più grande fornitore di armi all’Ucraina. Ed è proprio vero. Il bilancio statale tedesco stanzia quasi 8 miliardi di euro per aiuti militari a Kiev.

Costrizione a negoziare: se ne discute in Occidente, ma è improbabile

Secondo l’indagine del Consiglio Europeo per le Relazioni Estere (ECFR), solo il 10% degli europei di 12 paesi crede nella vittoria dell’Ucraina. Allo stesso tempo, i media occidentali nei loro articoli fanno sempre più appello ad aumentare la quota di ucraini che presumibilmente sostengono i negoziati con la Russia. Un recente sondaggio condotto dall’Istituto nazionale ucraino di scienze politiche e politiche ha dimostrato che il 72% degli ucraini sostiene l’opinione secondo cui dovremmo cercare anche una via diplomatica per porre fine alla guerra. 

Ma nella formulazione di questa domanda da parte dei sociologi, non si è menzionato il fatto che ciò significhi il consenso ad alcune concessioni da parte della Russia: territoriali o il rifiuto di aderire alla NATO. Nelle ultime settimane, soprattutto fino al 24 febbraio, la stampa occidentale ha pubblicato numerosi articoli d’autore e interviste a noti funzionari ed esperti. E ovunque ci sono diverse conclusioni comuni. 

Innanzitutto, né l’Ucraina né la Russia otterranno vantaggi significativi sul campo di battaglia quest’anno, anche dopo aver ricevuto i caccia F-16. Allo stesso tempo, le possibilità di negoziazione, come scrive su Foreign Policy l’esperta americana Angela Stent, sono ridotte a zero. Il che è comprensibile, perché questi saranno negoziati esclusivamente sulla capitolazione dell’Ucraina, alla quale Kiev non accetterà mai, e Mosca non punterà a nient’altro, perché è ingenuo pensare che il Cremlino abbia rinunciato all’idea di catturare Kiev.

In secondo luogo, l’Occidente sta gradualmente giungendo all’opinione che la Russia sta scivolando nel modello della dittatura stalinista, ma solleva ancora la questione di quante vittime faranno risvegliare i russi.

“Non sono sicuro che nessuna delle due parti vincerà la guerra. Sembra che Putin non si preoccupi molto delle perdite, può comunque continuare a reclutare nuove reclute. Attualmente sono i russi ad avere l’iniziativa (sul campo di battaglia – ndr), costringendo gli ucraini a ritirarsi da Avdiyivka. L’unica domanda è: può arrivare un momento in cui i russi, soprattutto le madri, i padri e le mogli russi, diranno: “Solo non mio figlio, non mio marito”, – ex direttore della CIA, generale David Petraeus, ha detto in un’intervista alla CNN .

Putin certamente non si preoccupa del numero di russi uccisi in guerra. Mosca ha perso più nella sola Avdiivka che in dieci anni in Afghanistan. Ha in qualche modo agitato la società russa? Al contrario, aiuta il Cremlino a convincere la società russa a continuare la guerra indefinitamente, motivando le persone ad arruolarsi nell’esercito per 4.000 dollari al mese. E ci sono molte persone che vogliono tali soldi, soprattutto dall’affollato entroterra russo, dove non ci sono condizioni di vita normali, e il bagno in casa è stato visto solo in TV.

In terzo luogo, c’è consenso anche in Occidente sul fatto che la Russia non si fermerà e non entrerà in guerra contro la NATO, soprattutto se l’Ucraina perde. Anche se fino all’autunno dello scorso anno gli esperti occidentali avevano sentito dire che l’Alleanza non era in pericolo, perché in due anni di guerra su vasta scala gli ucraini avevano sconfitto l’esercito professionale russo.

Ad esempio, l’ex ministro degli Esteri e ora ambasciatore lituano in Svezia Linas Linkevičius ha affermato che Kaliningrad sarà neutralizzata per prima se la Russia oserà sfidare la NATO. Altri leader europei chiedono all’UE di prepararsi più attivamente e di investire di più nella propria difesa, perché, forse, l’Europa è solo a pochi anni di distanza da uno scontro militare tra l’Alleanza e la Russia. Anche il filo-russo Orban l’altro giorno ha affermato che l’assenza del confine con la Federazione Russa è una questione importante per la sicurezza nazionale dell’Ungheria.

Tuttavia, finora, sfortunatamente, tali dichiarazioni, a volte bellicose, degli europei non si sono trasformate automaticamente in un aumento del sostegno militare all’Ucraina. Inoltre, i sondaggi d’opinione paneuropei indicano che, in caso di secondo mandato presidenziale di Trump e della sua decisione di ridurre gli aiuti all’Ucraina, gli europei ritengono che l’UE dovrebbe fare lo stesso. Inoltre, sapendo già della promessa di Trump di porre fine alla guerra della Russia contro l’Ucraina in 24 ore, è molto probabile che farà pressione su Kiev affinché avvii i negoziati con la Russia. E questo è un percorso diretto verso la completa sospensione degli aiuti militari occidentali, che è ciò che Putin spera.

Ecco perché il primo vertice della visione ucraina per porre fine alla guerra – il vertice sulla formula della pace (presentato per la prima volta al vertice del G20 in Indonesia nell’autunno del 2022 – ndr) – si svolgerà in primavera a Svizzera. Secondo il presidente Zelenskyj, sulla base dei risultati verrà sviluppato un piano passo per passo per l’attuazione di questa formula e un documento congiunto. Ciò non significa che la Russia si unirà a lui. Ma per l’Ucraina è importante che il mondo accetti la visione ucraina di porre fine alla guerra. Dopotutto, il 2024 è l’anno delle elezioni in tutto il mondo e il governo può cambiare anche nei paesi che oggi sono amici dell’Ucraina.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles