7.2 C
Rome
lunedì, Marzo 4, 2024

Glapiński ha una frusta contro il governo di Tusk e può ancora usarla. Le perdite sarebbero enormi

Glapiński ha una frusta contro il governo di Tusk e può ancora usarla. Le perdite sarebbero enormi. Spaventa, tra l’altro, vendere sul mercato obbligazioni acquistate durante la pandemia, il che comporterebbe un aumento del debito.

Glapiński ha una frusta contro il governo di Tusk e può ancora usarla. La Banca nazionale polacca avverte il governo di Donald Tusk che dispone di strumenti che colpiranno duramente le finanze statali e che non esiterà a utilizzarli. Spaventa, tra l’altro, vendere sul mercato obbligazioni acquistate durante la pandemia, il che comporterebbe un aumento del debito. E, nonostante sia stato annunciato ad agosto, la NBP non contribuirà al bilancio per il 2024.

Ai sensi della legge sulla Banca nazionale polacca, 95%. del profitto della banca centrale va al tesoro statale. In agosto è stato annunciato che la NBP avrebbe realizzato un profitto aggiuntivo di quasi 6 miliardi di PLN. Ecco perché questo importo è stato garantito nel progetto di bilancio per il 2024, ai tempi di Diritto e Giustizia. Fin dall’inizio, però, gli economisti si sono sorpresi che la NBP prevedesse già un profitto, peraltro così significativo, quando era molto probabile che la situazione finanziaria della banca a fine anno non sarebbe stata così positiva. 

Tuttavia, la Banca nazionale polacca non contribuirà al bilancio

Questi timori si sono avverati e la Banca nazionale polacca ha ritirato la sua promessa di contribuire con i suoi profitti al bilancio statale. Nel parere emesso dal Consiglio di politica monetaria sul bilancio, si legge che: “tenendo conto delle condizioni di mercato verificatesi nel quarto trimestre del 2023, nel 2024 non è previsto alcun pagamento dall’utile della NBP”. Ciò significa che la banca centrale non contribuirà in alcun modo al bilancio .  

Ne ha già parlato il primo ministro Donald Tusk in una famosa intervista rilasciata a tre emittenti televisive: TVP, TVN e Polsat . – Questo non destabilizzerà la situazione di bilancio, è solo un segno di cattiva volontà. (…) Rispetto la legge, quindi posso dire che non mi piace la decisione del signor Glapiński riguardo a questi 6 miliardi di PLN, ma è la Banca nazionale polacca a prendere questa decisione e la rispetto. Questa è una decisione sbagliata dal punto di vista degli interessi del Paese, ma non ho intenzione di metterla in discussione perché è una prerogativa del capo della NBP – ha detto citato da money.pl .  

La Banca Nazionale Polacca sta preparando una vera e propria frustata contro il governo di Tusk

La mancanza di profitti e di entrate di bilancio, tuttavia, è un piccolo gesto nei confronti del nuovo governo, o meglio una necessità attesa, perché già ad agosto sembrava che un profitto a questo livello fosse irrealistico. Ludwik Kotecki, membro del Consiglio di politica monetaria, ritiene addirittura che “questa è una dichiarazione di falsità da parte di un funzionario statale e costituisce una sorta di problema, una sorta di accusa”. Tuttavia, la vera “sferzata” contro il governo di Donald Tusk avviene in un’altra forma: le obbligazioni.  

Tutto può iniziare nel febbraio 2024: la Germania si prepara alla guerra con la Russia

La Banca nazionale polacca potrebbe vendere alcuni dei COVID bond . Ne ha parlato il prof. Ireneusz Dąbrowski, membro del Consiglio di politica monetaria in un’intervista a “Gazeta Bankowa”. – Potrebbe accadere che quando si manifesterà una domanda così elevata, la NBP dovrà prendere in considerazione l’idea di ridurre la sua posizione in obbligazioni Covid e di vendere alcuni di questi titoli sul mercato per raccogliere il surplus di denaro – ha detto. Si tratta di titoli che valgono fino a 144 miliardi di PLN. 

La vendita di obbligazioni scuoterà le finanze 

La vendita di obbligazioni rallenterebbe essenzialmente l’inflazione sottraendo parte del denaro all’economia. Le obbligazioni sono state acquistate durante la crisi pandemica per ottenere l’effetto opposto: la quantità aggiuntiva di denaro avrebbe dovuto risvegliare l’economia. Tuttavia questo sarebbe un risultato disastroso per le finanze dello Stato, soprattutto il debito aumenterebbe. La vendita significherà che il rendimento dei titoli del Tesoro aumenterà. Allora sarà molto difficile per il governo di Donald Tusk indebitarsi.  

Attualmente, l’importo lordo del fabbisogno di prestito, compresa non solo l’emissione di nuovi titoli, ma anche il rimborso dei debiti in scadenza quest’anno, supera i 449 miliardi di PLN. Tuttavia, la chiave è il confronto tra debito e PIL. In Polonia questo rapporto è di circa il 50%. Il limite costituzionale del debito è stato fissato al 60%. Colpirlo sarebbe disastroso per l’economia polacca.  

Il debito solitamente aumenta quando il governo spende soldi per migliorare la situazione dei cittadini. Quindi, se lo Stato si indebita (saggiamente), di solito è per investire, grazie al quale il denaro del debito va al settore privato. Il debito diventa così uno strumento per costruire prosperità, e restare aggrappati a un debito pubblico basso può ostacolare lo sviluppo del Paese. Tuttavia, non è vero che il debito non abbia limiti. In questo caso si tratta di un aumento  dell’inflazione , che potrebbe accelerare se il debito pubblico aumentasse troppo rapidamente.   

“Cattiva idea. Porta a perturbazioni del mercato”

Inoltre, la vendita delle obbligazioni avrebbe una serie di altre conseguenze. Piotr Bartkiewicz, economista della Bank Pekao, ha dichiarato in un’intervista a Business Insider che ciò costringerebbe le banche a limitare i prestiti, il tasso di cambio dello zloty calerebbe drasticamente e la riduzione del valore delle obbligazioni colpirebbe le banche, il che peggiorerebbe la situazione situazione già terribile sul mercato immobiliare.  

Questa idea è stata criticata anche dal presidente del Fondo polacco per lo sviluppo, Paweł Borys. “Questa è un’idea pessima quanto quella dell’emissione delle sue obbligazioni da parte della NBP. Entrambe portano alla perturbazione del mercato dei titoli del Tesoro e non dovrebbero avere luogo. L’acquisto di obbligazioni dal mercato durante il Covid è stato giustificato da interruzioni del suo normale funzionamento. Tutte le principali centrali centrali le banche lo hanno fatto.”Ma l’uscita da queste obbligazioni e la riduzione del bilancio della NBP dovrebbero essere graduali e avvenire quando queste obbligazioni scadranno”, ha scritto sulla piattaforma X (ex Twitter). 

Gioco per il Tribunale di Stato

Di queste minacce è consapevole Adam Glapiński , che lui stesso a dicembre aveva affermato che la vendita di obbligazioni “farebbe crollare il settore finanziario polacco, quindi la NBP non intende fare nulla con questo portafoglio”, e poi ha aggiunto che “potrebbe avvenire se la banca era irresponsabile e il presidente avrebbe potuto essere portato davanti al Tribunale di Stato. In questa frase si nasconde probabilmente il motivo di tutto questo polverone sulle obbligazioni.  

Questa dichiarazione malevola del presidente della NBP si riferisce all’annuncio del governo di portarlo davanti al Tribunale di Stato. Il capo del governo, Donald Tusk, ritiene che il presidente della NBP, Adam Glapiński, “non protegge le banche e il denaro polacco” . I commentatori ipotizzano che gli annunci di vendita di obbligazioni abbiano lo scopo di spaventare il governo e indurlo a dare tregua a Glapiński, perché potrebbe vendicarsi, ad esempio, vendendo obbligazioni, il che renderebbe difficile il governo della coalizione neoeletta.  

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles