7.2 C
Rome
lunedì, Marzo 4, 2024

Tutto può iniziare nel febbraio 2024: la Germania si prepara alla guerra con la Russia

Tutto può iniziare nel febbraio 2024: la Germania si prepara alla guerra con la Russia. Lo scandaloso articolo della rivista tedesca Bild ha allarmato mezza Europa! 

I piani della Federazione Russa sono reali, come ha reagito il governo tedesco all’articolo scandaloso e gli alleati sono pronti a respingere l’attacco degli occupanti, se si rivelasse reale – in un articolo esclusivo di TSN.UA. Lo scandaloso articolo della rivista tedesca Bild ha allarmato mezza Europa! I giornalisti tedeschi, citando le proprie fonti , hanno affermato che Putin attaccherà i paesi della NATO . Indica la direzione, gli obiettivi e persino i tempi approssimativi dell’attacco imminente. I piani della Federazione Russa sono reali, come ha reagito il governo tedesco all’articolo scandaloso e gli alleati sono pronti a respingere l’attacco degli invasori russi, se si rivelasse reale – vedi l’ esclusiva di Artem Zyabkin per TSN.UA .

I giornalisti della rivista tedesca Bild affermano di aver avuto accesso esclusivo a un rapporto segreto della Bundeswehr tedesca. Le informazioni contenute nel documento sono deludenti. In Germania si stanno preparando per un attacco da parte della Federazione Russa e stanno calcolando se le forze armate sono pronte a resistere all’assalto degli orchi. Secondo i calcoli tedeschi, l’escalation è possibile già nel febbraio 2024 e Putin prevede di attaccare già nell’estate del 2025. Ciò su cui hanno messo le mani i media tedeschi non sono state solo chiacchiere vuote, ma una previsione con un chiaro piano d’azione per i passi che il Cremlino potrebbe intraprendere. Come potete vedere, a Berlino credono seriamente che nel 2025 gli occupanti potranno attaccare i paesi della NATO.

La Germania ha smascherato il piano di Putin?!

Ma tutto ciò sarà preceduto da tutta una serie di eventi: quando la Federazione Russa effettuerà una nuova mobilitazione, quando e a quali condizioni oserà aderire alla NATO e come tutto ciò potrebbe finire per l’Europa.  Quindi, secondo Bild, un attacco all’Europa sarà possibile se la Federazione Russa spingerà l’Ucraina in primo piano e sentirà la sua superiorità sul campo di battaglia. Questa è la prima componente del piano di Putin. Inoltre, nel 2024, probabilmente dopo le elezioni presidenziali, il Cremlino vuole mobilitare altri 200.000 mobik. Dovrebbero essere gettati nel “tritacarne” per distruggere l’Ucraina.  Come scrive il canale Telegram “Bild in Russian”, lo scenario dell'”Alleanza Difesa 2025″ della Bundeswehr inizierà nel febbraio 2024.

“La Russia lancia un’altra ondata di mobilitazione e chiede l’invio di altri 200.000 uomini nell’esercito. Poi il Cremlino lancia un’offensiva primaverile in Ucraina, che respinge l’esercito ucraino entro giugno. Dapprima nascosto, poi sempre più palese, l’attacco della Russia all’Occidente inizierà a luglio. Attacchi informatici e altre forme di guerra ibrida, soprattutto negli Stati baltici. Si verificano scontri che la Russia usa come scusa per avviare esercitazioni su larga scala sul suo territorio e in Bielorussia”, si legge nel messaggio. . Se tutto ciò è vero, allora è chiaro che gli occupanti non cambieranno la loro tattica. Hanno anche lanciato un’invasione su vasta scala dell’Ucraina: prima hanno simulato l’addestramento nel cortile del dittatore Lukashenko, e poi sono andati a Kiev. I paesi baltici diventeranno il nuovo obiettivo di Putin. Il compito è isolarli dagli alleati della NATO.

Tempeste di neve in Polonia. “Bampeggiava, tuonava e pioveva forte.” L’IMWM avverte

“Secondo lo scenario, in ottobre la situazione potrebbe aggravarsi se la Russia trasferisse truppe e missili a medio raggio a Kaliningrad. Dal dicembre 2024 nella regione si verificheranno un “conflitto di confine” indotto artificialmente e “rivolte con numerose vittime”. nell’area del “Corridoio di Suwalki”. Mentre gli Stati Uniti rischiano di rimanere senza leader per diverse settimane dopo le elezioni, la Russia, con il sostegno della Bielorussia, ripete sul territorio della NATO l’invasione dell’Ucraina nel 2014.

Nel maggio 2025, la NATO decide sulla deterrenza, nel giorno X la NATO sposta sul fianco orientale 300mila soldati, tra cui 30mila soldati della Bundeswehr”, scrive in russo il canale telegrafico Bild. Quello che nel piano viene chiamato “Giorno X” dovrebbe ovviamente essere inteso come l’inizio della guerra. Secondo le stime della Bundeswehr, per scoraggiare gli invasori russi, i paesi della NATO dovranno trasferire rapidamente nella regione fino a 300.000 soldati, di cui 30.000 tedeschi.

L’Europa sopravvivrà?

Un altro dettaglio interessante è che questo scenario ha un finale aperto. Dopo il Giorno X, ovvero l’invasione di Putin, le forze NATO hanno un piano d’azione per un mese. Allo stesso tempo, il piano non garantisce dove gli alleati riusciranno a fermare i Rashisti e se riusciranno a farlo. 

E cosa dice il governo? Il Ministero della Difesa tedesco ha visto l’articolo, ma non ha voluto commentarlo. Tuttavia, hanno aggiunto una sfumatura importante: in Germania, in realtà, non respingono lo scenario di un attacco russo, quindi si stanno preparando per un simile corso di eventi. Non sono stati forniti ulteriori dettagli. Ma nei Paesi Baltici hanno risposto all’articolo scandaloso. La direttrice del Centro di eccellenza per le comunicazioni strategiche della NATO, Janis Sarts, ha spiegato sul social network X che tipo di piano è finito nelle mani dei giornalisti e se bisogna credere al tabloid tedesco. 

“Riguardo al materiale della Bild. La Bild ha ricevuto uno scenario di addestramento, che è sempre una situazione immaginaria per testare le capacità militari in una particolare area. Una volta gli scenari erano completamente fittizi con paesi inesistenti che non esistono e un’area geografica. Ma ora è è opportuno utilizzare paesi e regioni geografiche che effettivamente esistono”, ha osservato Yanis Sarts. E ha aggiunto che non si tratta di dati segreti di intelligence che prevedono lo sviluppo della situazione!

Bild non sta mentendo?!

Vale la pena notare che lo scenario descritto nell’articolo non corrisponde affatto alla retorica degli europei. Sì, si stanno effettivamente preparando per una possibile guerra con la Federazione Russa, ma sicuramente non quest’anno e nemmeno l’anno prossimo. Il 23 dicembre, il ministro della Difesa tedesco, Boris Pistorius, ha dichiarato che la Germania e l’intera Europa hanno almeno cinque e addirittura otto anni per prepararsi. Nelle capitali europee, le minacce e gli sconfinamenti di Putin nei confronti di Ucraina, Moldavia, Georgia e Stati baltici vengono presi sul serio. Durante questo periodo, la Germania e i suoi partner dovrebbero aumentare la produzione di munizioni e attrezzature, perché solo allora l’Europa sarà in grado di competere ad armi pari con la Federazione Russa. Se l’Articolo 5 della NATO funziona e gli Stati Uniti si uniscono con entusiasmo alla guerra, allora la Russia difficilmente avrà alcuna possibilità. 

“Ciò significa che noi europei dobbiamo intensificare il nostro impegno per garantire la sicurezza nel nostro continente. Ad esempio, l’industria della difesa ha bisogno di tempo per sviluppare le proprie capacità. Ora abbiamo dai cinque agli otto anni per recuperare il ritardo, sia nelle forze armate che nell’industria e nella società. Non si tratta solo di un tintinnio di sciabole. Potremmo trovarci di fronte a pericoli alla fine di questo decennio. Ma allora saremo pronti ad affrontarli”, ha sottolineato il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius.

Questa minaccia è riconosciuta anche in Moldavia, in particolare, nominano il momento esatto in cui la Federazione Russa “metterà nuovamente il naso” negli affari del loro Paese. Già nella primavera del 24, Putin tenterà di utilizzare la Transnistria e le forze filo-russe all’interno del paese. Anche il presidente della Moldavia Maia Sandu conta sull’appoggio dell’Occidente, in particolare della Romania, per contrastare la minaccia di Putin.

Nel frattempo, il Ministero degli Esteri russo, come al solito, ha trovato un modo interessante per commentare le dichiarazioni sui piani di invasione russa. La portavoce del Ministero degli Affari Esteri, Maria Zakharova, ha cercato di fingere di essere intelligente e ha parlato duramente dei giornalisti tedeschi. Ha chiamato le loro previsioni “l’oroscopo dell’anno scorso per i Pesci in Cancro”. Come si suol dire, “citazioni dei grandi”. E cos’altro ti aspettavi dalla “diplomazia” russa? 

L’Occidente è diventato teso

In Occidente, sempre più persone pensano alle conseguenze che potrebbero verificarsi in caso di sconfitta dell’Ucraina. Ne hanno scritto anche il Financial Times e Bloomberg il 23 dicembre. Ciò è causato, in particolare, dalla cosiddetta crisi degli aiuti all’Ucraina. Poi, a dicembre, c’è stata un’accesa discussione sugli aiuti statunitensi, un malinteso al Congresso, e anche l’UE “ha fallito” o ha rinviato lo stanziamento di 50 miliardi di euro di finanziamenti all’Ucraina. Queste discussioni sono in corso, ma ci sono segnali positivi. Come firmare garanzie di difesa con la Gran Bretagna. E come sappiamo, se gli inglesi saranno i primi a fare qualcosa, lo faranno presto anche i tedeschi e gli americani, seguiti da tutti gli altri partner. Almeno ha funzionato con carri armati, missili e aerei. 

▶ Sul canale YouTube di TSN è possibile guardare il video

Si ricorderà che in precedenza l’ex capo dell’unità per le armi chimiche dell’esercito britannico, Hamish de Bretton-Gordon, aveva osservato che se l’Occidente non armerà l’Ucraina, tra pochi anni scoppierà una guerra tra Russia e NATO . Inoltre, il diplomatico ucraino ed ex ambasciatore dell’Ucraina negli Stati Uniti (2015-2019) Valery Chaly ha sottolineato che l’Occidente sottovaluta la probabilità di un attacco russo contro uno dei paesi della NATO . 

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles