6.9 C
Rome
lunedì, Marzo 4, 2024

La Polonia “cadrà a pezzi” a causa del caso Wąsik e Kamiński? Conosciamoci con moderazione (COMMENTO)

La Polonia “cadrà a pezzi” a causa del caso Wąsik e Kamiński? Conosciamoci con moderazione. Ma nonostante la paura o l’imbarazzo, conosciamo la moderazione.

La Polonia “cadrà a pezzi” a causa del caso Wąsik e Kamiński?  Alcuni paragonano il caos che circonda la detenzione di Mariusz Kamiński e Maciej Wąsik a situazioni conosciute nelle repubbliche delle banane, altri all’assalto al Campidoglio americano. Ma nonostante la paura o l’imbarazzo, conosciamo la moderazione. Anche – e soprattutto – nelle democrazie, i politici possono trovarsi ad affrontare conseguenze, anche penali. Il fatto che un politico legalmente condannato vada a scontare la pena non sorprende nessuno nelle democrazie – scrive il giornalista di Gazeta.pl Patryk Strzałkowski.

Gli eventi degli ultimi giorni possono essere imbarazzanti o terrificanti, a seconda del lato del dibattito politico da cui li si guarda. I sostenitori del nuovo governo saranno imbarazzati dal mancato rispetto delle sentenze dei tribunali da parte del PiS , e gli elettori del PiS saranno terrorizzati dal fatto che “Tusk stia mettendo i prigionieri politici” dietro le sbarre. Alcuni si preoccupano del fatto che la Polonia si sta dilaniando e potrebbe presto crollare. Nonostante la situazione politica sia tesa e quella giuridica confusa, è davvero il caso di Wąsik e Kamiński quello che “farà a pezzi” la Polonia?

Anche se la cosa più importante è qui e ora, torniamo prima al punto in cui tutto è iniziato:

  • Wąsik e Kamiński del PiS, mentre erano al potere, hanno commesso un grave crimine, confermato dal verdetto della corte .
  • Andrzej Duda del PiS li ha graziati prima che la sentenza diventasse definitiva, così che potessero unirsi al nuovo governo del PiS. Durante gli anni del governo del PiS, i servizi segreti erano sotto la responsabilità di persone giudicate colpevoli dal tribunale di aver abusato dei loro poteri quando in precedenza erano a capo dei servizi. È importante ricordare che l’indulto  non è la stessa cosa  dell’assoluzione. Il presidente può proteggere i condannati dalla punizione, ma ciò non cambia il fatto che siano stati legalmente condannati per un crimine.
  • Anni dopo, la Corte Suprema ha stabilito che la grazia era illegale e quest’anno ha condannato nuovamente i politici al carcere.
  • Al problema si aggiunge il caos nei tribunali dopo i tentativi di cambiamento durante il governo PiS .

Le cose hanno subito un’accelerazione negli ultimi giorni, culminando martedì. Il tribunale ha emesso l’ordine di portare in prigione entrambi i politici , Duda ha invitato i condannati al palazzo presidenziale, attorno al quale si è radunata la polizia, la sera Duda lo ha lasciato per un incontro, poi la polizia è venuta ad arrestare Kamiński e Wąsik, Duda non lo ha fatto riescono a rientrare al Palazzo, riscontrando un problema con l’autobus in viaggio che blocca la strada, e in serata i politici del PiS già accendono candele davanti all’arresto. Il PiS ha annunciato che erano prigionieri politici e Mariusz Kamiński ha avviato una protesta contro la fame. Durante questo periodo, l’imbarazzo dei sostenitori della coalizione e la rabbia o la paura dei sostenitori del PiS probabilmente crescevano di ora in ora. 

Le emozioni che circondano il caso sono già gravi e il problema della confusione nel sistema giudiziario è reale e richiede soluzioni. Ci sono anche commenti forti. Leggiamo online che “il governo sta portando ad una drammatica divisione sociale”, la Polonia è “divisa a metà”. Ma il caso di Wąsik e Kamiński sta davvero “facendo a pezzi la Polonia”, il Paese “sta cadendo a pezzi” e le divisioni sociali stanno diventando “inconciliabili”?

La sentenza per Kamiński e Wąsik “fa a pezzi la Polonia”?

Durante gli otto anni di governo del PiS si sono verificati i seguenti eventi: agli scontri della polizia con donne che protestavano e attivisti LGBT; detenere una deputata che (a differenza di Wąsik e Kamiński) godeva di una valida immunità; sparare in faccia a un altro parlamentare con spray al peperoncino; politicizzazione dei media pubblici e del Tribunale Costituzionale; tentativi di distruggere i media privati; sorveglianza dell’opposizione  e tentativi di elezioni in busta giuridicamente dubbie, che sono ora oggetto di indagine da parte di commissioni investigative. L’elenco potrebbe continuare ancora più a lungo. Dopo tutto questo, è davvero la sentenza definitiva del tribunale e l’incarcerazione di due politici del PiS a “dilaniare la società”?

Andrzej Duda si è infuriato dopo che i politici del PiS sono stati arrestati nel palazzo. Sveliamo cosa c’è dietro le quinte

Anche se l’occultamento dei detenuti nel Palazzo Presidenziale e le circostanze della loro detenzione possono essere imbarazzanti o scioccanti, il fatto stesso di condannare i politici non è insolito nelle democrazie. Al contrario, si può sostenere che questa sia la prova che non sono al di sopra della legge e che essa agisce anche contro chi sta al vertice del potere (anche se nel caso della Polonia ci sono voluti 17 anni, perché il caso risale al 2007). ). Ad esempio, l’ex presidente francese Nicolas Sarkozy è stato condannato a tre anni di carcere (due dei quali sospesi) con l’accusa di corruzione e abuso di influenza politica, sebbene i suoi avvocati lo ritengano innocente. In Romania, Liviu Dragnea, definito il “politico più influente”, è stato condannato per abuso di potere e mandato in prigione nel 2019 .

Anche negli Stati Uniti, l’ex presidente Donald Trump deve affrontare sfide legali per le sue azioni mentre era in carica. Alla fine del suo governo, dopo aver perso le elezioni, cercò di mantenere il potere fomentando una ribellione e prendendo d’assalto il Campidoglio. E recentemente, due corti supreme statali hanno stabilito che non poteva candidarsi nuovamente alla presidenza perché aveva partecipato a una “insurrezione contro lo stato”. Nonostante gli eventi scioccanti legati alla cessione del potere da parte di Trump, gli Stati Uniti non sono crollati, il suo successore è al potere e nuove elezioni stanno per tenersi (anche se è inutile fingere che non ci siano enormi tensioni e polarizzazioni nel paese , e una possibile conferma che Trump non può candidarsi, non farà altro che infiammare la situazione ).

La Polonia, ovviamente, ha anche reali problemi giuridici e costituzionali, ad esempio con le camere della Corte Suprema, che non sono tribunali legali. Ciò si aggiunge al caos che circonda il caso Wąsik e Kamiński. I politici dovrebbero risolvere questi problemi. Calmare la situazione attorno ai politici condannati sarebbe un buon inizio. Ma qui i movimenti sono soprattutto dalla parte del PiS. Perché cosa potrebbe fare il governo di Tusk? Ordinare alla polizia di ignorare la sentenza e l’ordine del tribunale? Questo sarebbe illegale. Andrzej Duda potrebbe semplicemente perdonare, questa volta in modo efficace, Wąsik e Kamiński e verrebbero rilasciati immediatamente. Se sarebbe un buon segnale per la società il fatto che il presidente difenda i suoi compagni criminali dalla punizione è una storia a parte, ma Duda non se ne preoccupava otto anni fa. 

Dopo il primo anno, entrambe le parti potrebbero concordare un “reset” e modifiche alle leggi dei tribunali di comune accordo, in modo che i dubbi sulle decisioni dei tribunali scompaiano. Ma per i politici la polarizzazione può essere conveniente. Questo è il carburante per suscitare emozioni tra gli elettori, e queste accese emozioni possono tradursi in sostegno nei loro confronti. Si tratta, ovviamente, di una distorsione della politica, che dovrebbe preoccuparsi di risolvere i problemi dei cittadini e non di se stessa. Per evitare questa polarizzazione, vale la pena affrontare la guerra politica con moderazione. 

È possibile che la società su questo tema non sia così nettamente polarizzata come il mondo politico. L’immagine dei commenti su Internet, analizzata dal sito online Polityka, non mostra una divisione metà e metà. Secondo loro, l’emozione prevalente è positiva nei confronti delle azioni della polizia e del governo, valutazione negativa del presidente, e l’emozione dominante in reazione all’arresto dei politici condannati è stata la “gioia”. A sua volta, il sondaggio IBRiS per Radio Zet ha mostrato che più della metà dei polacchi e delle donne ritiene che Wąsik e Kamiński dovrebbero andare in prigione, mentre il 36% ha l’opinione opposta. connazionali.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles