6.9 C
Rome
lunedì, Marzo 4, 2024

Fotografie straordinarie hanno arricchito le collezioni del Museo ebraico Oshpitzin di Oświęcim

Fotografie straordinarie hanno arricchito le collezioni del Museo ebraico Oshpitzin di Oświęcim. Costituiscono una collezione unica e una traccia storica. Fotografie

La collezione del Museo ebraico Oshpitzin di Oświęcim comprende quasi 120 negativi originali del periodo della Seconda Guerra Mondiale e dell’occupazione tedesca. Costituiscono una collezione unica e, soprattutto, una traccia storica che mostra la comunità ebraica alle soglie della Shoah.

Una collezione straordinaria nelle collezioni del Museo Ebraico di Oświęcim

La straordinaria collezione comprende diversi negativi fotografici che mostrano Oświęcim e i suoi abitanti durante l’occupazione tedesca, compresi gli ebrei residenti di Oświęcim.

I negativi pervenuti alla collezione del Museo Ebraico di Oświęcim contengono foto che mostrano la Piazza del Mercato di Oświęcim nel 1940
I negativi che sono entrati nelle collezioni del Museo Ebraico di Oświęcim contengono foto che mostrano la Piazza del Mercato di Oświęcim nel 1940. Collezioni del Museo Ebraico di Oświęcim

Le lastre sono state acquistate da un privato, che molto probabilmente ha trovato a Braunschweig, in Germania, nel 2020. Tra vari documenti personali e fotografie del dopoguerra, c’era anche una busta con la nota “Polen II”, che conteneva tutte le negativi.

La collezione arrivata al Museo ebraico di Oświęcim comprende fotografie che mostrano eventi avvenuti sulla piazza del mercato di Oświęcim durante la guerra tedesca.
La collezione pervenuta al Museo Ebraico di Oświęcim comprende fotografie che mostrano gli eventi avvenuti sulla Piazza del Mercato di Oświęcim durante l’occupazione tedesca nel 1940. Collezioni del Museo Ebraico di Oświęcim

– Puoi trovare lì, tra gli altri: Residenti ebrei di Oświęcim e donne di Oświęcim con bracciali visibili, nonché riprese della piazza principale, di via Jagiełły, del complesso salesiano, della collina del castello e del ponte sul fiume Soła in fase di ricostruzione. Le foto della città sono state scattate probabilmente tra il settembre 1939 e il 1940 – dice il museo.

I negativi pervenuti alla collezione del Museo Ebraico di Oświęcim contengono foto che mostrano la Piazza del Mercato di Oświęcim nel 1940
I negativi che sono entrati nelle collezioni del Museo Ebraico di Oświęcim contengono foto che mostrano la Piazza del Mercato di Oświęcim nel 1940. Collezioni del Museo Ebraico di Oświęcim

Alcune delle fotografie ottenute sono conosciute dall’album di famiglia del medico nazista Dr. Barmeyer, anche lui di Braunschweig, che visse a Oświęcim durante l’occupazione tedesca. Le persone e i luoghi presenti in entrambe le raccolte indicano che molto probabilmente le foto erano di proprietà della stessa famiglia.

Non è la fine. L’anticiclone Hannelore porterà il picco del gelo. La temperatura scenderà fino a -27 gradi

– Uno dei negativi è di particolare valore perché è probabilmente l’unica ripresa conosciuta di Auschwitz realizzata su pellicola a colori – osserva lo storico Dr. Artur Szyndler.

Uno dei negativi è di particolare valore perché è probabilmente l'unica ripresa conosciuta di Auschwitz realizzata su pellicola a colori.
Uno dei negativi è di particolare valore perché è probabilmente l’unico scatto conosciuto di Oświęcim realizzato su pellicola a colori.Collezioni del Museo Ebraico di Oświęcim

Una traccia storica della comunità ebraica alle soglie della Shoah

La collezione comprende anche diverse foto scattate in altre città. Alcuni di essi sono già stati identificati, tra cui: Będzin, Bielsko, Cracovia, Rajsko, Sosnowiec e Podhale – probabilmente Zakopane. Tuttavia, la maggior parte dei cliché rimangono anonimi. Raffigurano luoghi e persone, compresi soldati e dignitari tedeschi in uniforme, nonché le loro famiglie durante celebrazioni e riunioni familiari, nonché edifici pubblici e strutture industriali. Molti di essi riguardano anche la comunità ebraica.

– I materiali rinvenuti costituiscono una testimonianza unica non solo del periodo dell’occupazione tedesca di Oświęcim e dei crimini commessi, ma soprattutto una traccia storica che mostra la comunità ebraica alle soglie dell’Olocausto – aggiunge Tomasz Kuncewicz, direttore dell’Associazione ebraica di Oshpitzin Museo a Oświęcim.

Le truppe tedesche occuparono Oświęcim nei primi giorni di settembre 1939. Il nome della città fu cambiato in Auschwitz e fu incorporata nel Terzo Reich tedesco. Gli ebrei furono sottoposti a una dura repressione: fu loro ordinato di indossare la fascia con la stella di David, le imprese e i negozi furono confiscati e furono costretti a lavorare come schiavi. Nel 1940 iniziarono le deportazioni degli ebrei nei campi di lavoro, situati principalmente nell’Alta e Bassa Slesia. Le ultime deportazioni che posero fine alla locale comunità ebraica avvennero nei mesi di marzo e aprile 1941.

Gli ebrei di Oświęcim furono deportati nei ghetti di Będzin, Chrzanów e Sosnowiec. Un piccolo gruppo è arrivato anche al Governo Generale. Coloro che riuscirono a sopravvivere fino al 1943 furono deportati nel KL Auschwitz, dove la maggior parte di loro fu assassinata. Solo una manciata sopravvisse all’Olocausto.

Fonte Museo ebraico Oshpitzin a Oświęcim

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles