15.5 C
Rome
sabato, Giugno 15, 2024

Nei prossimi anni una guerra del genere darà un vantaggio alla Russia. Una debilitante scansione in avanti

Nei prossimi anni una guerra del genere darà un vantaggio alla Russia. Una debilitante scansione in avanti

Nei prossimi anni una guerra del genere darà un vantaggio alla Russia. Perseverare più a lungo del tuo avversario. Questo slogan può riassumere le prospettive per l’inizio di un altro anno di guerra in Ucraina. Gli ucraini devono affrontare la fatica propria e dell’Occidente. Anche per i russi la situazione non è rosea perché, pur subendo grandi perdite e costi, difficilmente riescono a fare progressi.

Tuttavia, è impossibile sfuggire allo stato d’animo pessimistico che attualmente prevale nel campo filo-ucraino. L’offensiva estiva si è conclusa con un fallimento. Gli americani hanno problemi tra loro e, a causa delle controversie politiche, attualmente non vi è alcuna garanzia di fondi per un ulteriore serio sostegno militare all’Ucraina. Il resto della NATO non ha più nulla da dare a causa dei magazzini vuoti e della mancanza di azioni radicali per aumentare la produzione di armi e munizioni. I russi hanno l’iniziativa sul fronte da ottobre e stanno facendo progressi lenti ma in molti settori. Inoltre, alla fine dell’anno hanno lanciato massicci attacchi aerei contro l’Ucraina.

Vale però la pena guardare alla situazione con più calma, evitando gli sbalzi d’umore dall’eccessivo ottimismo all’eccessivo pessimismo, tipici di molti osservatori di guerra. Nonostante disponga di risorse molto maggiori, la Russia non può che essere orgogliosa di essere riuscita a difendere le zone occupate nell’ultimo anno. Da quando è passato alle operazioni offensive, quasi tre mesi fa , ha subito gravi perdite e in cambio non ha apportato alcun cambiamento significativo alla situazione sul fronte. Nuovi massicci attacchi aerei sulle città ucraine non hanno portato a interruzioni significative nelle forniture di energia e acqua. La maggior parte dei missili e dei droni sono destinati ad essere abbattuti prima di raggiungere i loro obiettivi. Non vi è alcuna indicazione che la Russia sarà in grado di avvicinarsi significativamente alla vittoria. Al massimo rimani con la speranza che arrivi da solo.

Non ci sono prospettive di colloqui. Anche per i cambiamenti

Una continuazione e una guerra di logoramento non sono chiaramente il risultato desiderato per entrambe le parti. Il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelenskyj ne ha parlato indirettamente in un’intervista per il settimanale “The Economist” pubblicata il 1° gennaio 2024. Lui ha sottolineato che, a suo avviso, l’Occidente in generale ha perso il senso dell’importanza degli eventi che si svolgono in Ucraina, e alcuni ucraini hanno perso il senso della minaccia mortale proveniente dalla Russia. Nel frattempo, si ritiene che il sostegno militare da parte dell’Occidente sia di fondamentale importanza per le possibilità di successo dell’esercito ucraino in combattimento. Egli ha tuttavia sottolineato che le affermazioni secondo cui “Putin sta vincendo” sono sbagliate. Si dice che i russi non siano interessati a veri colloqui di pace. Zelenskyj ha annunciato che quest’anno l’obiettivo principale dell’esercito ucraino sarà la Crimea e il Mar Nero. Quindi sostanzialmente lo stesso del 2023.

D’altro canto, Vladimir Putin ha minimizzato la questione della guerra nel suo discorso di Capodanno alla nazione. Lo ha menzionato in una frase, soffermandosi sull’unità nazionale e sui valori tradizionali della “famiglia”. Tuttavia, il 1° gennaio 2024, ha visitato un ospedale militare, cosa che è stata ampiamente riportata dai media del regime . Lì parlò molto della guerra. Ancora una volta, l’ha presentata come una lotta titanica tra la Russia e l’Occidente ostile che vuole distruggere la Russia, la russicità e tutto ciò che ad essa è associato. L’Ucraina sarà solo una marionetta, praticamente distrutta e funzionante solo grazie a una goccia di aiuti occidentali. Ha anche assicurato che la Russia è in crescita e che la situazione sul fronte volge a suo vantaggio. Non può esserci pace se tutte le richieste russe non vengono soddisfatte.

Entrambe le parti non mostrano quindi alcun interesse a dimettersi. Al contrario, la volontà di continuare a combattere è visibile. Tuttavia, ciò non è accompagnato dalla prospettiva di un cambiamento fondamentale del potenziale che potrebbe rompere l’attuale impasse sul fronte. Dal punto di vista degli ucraini, la situazione delle loro forze armate potrebbe migliorare quest’anno con la consegna dei primi caccia F-16, i cui equipaggi e personale sono attualmente in fase di addestramento. Inoltre, verranno ritardate le consegne dei missili del sistema GLSDB, cioè piccole bombe plananti lanciate dai lanciatori HIMARS e M270, che avranno una gittata di circa 150 chilometri. Ciò migliorerebbe significativamente la capacità degli ucraini di attaccare sistematicamente i russi a distanze superiori a 80-90 km, che è il limite per i missili GMLRS di base lanciati dagli stessi lanciatori. 

Inoltre, nella prospettiva della metà del 2024, gli ucraini potrebbero avvertire gli effetti dei programmi della NATO volti ad aumentare la produzione di munizioni, che consentiranno loro di utilizzare l’artiglieria più liberamente di quanto non facciano attualmente. Inoltre, sono in corso trattative su un’altra ondata di mobilitazione, che consentirebbe di ricostituire le perdite, alleviare alcune delle unità più stanche e formarne di nuove. Tutto sommato ciò significa la prospettiva di aumentare il potenziale delle forze armate ucraine, ma non in modo radicale.

La situazione è simile da parte russa. Stanno aumentando la produzione di armi e munizioni, anche se non su scala realmente bellica. Eludono le sanzioni utilizzando intermediari e sostituendo, ad esempio, le macchine utensili europee avanzate con attrezzature provenienti dalla Cina. Magari di qualità inferiore, ma sufficiente. Inoltre, conducono costantemente la cosiddetta mobilitazione segreta, tentando i civili con alti salari e prigionieri e detenuti con l’annullamento delle loro condanne.

 Si ipotizza anche che dopo lo spettacolo di marzo noto come elezioni presidenziali verrà annunciata una normale mobilitazione. Tutto ciò significa che i russi riescono a ricostruire le proprie forze nonostante le ingenti perdite. Tuttavia, proprio come nel caso dei loro nemici, non vi è alcuna prospettiva di un cambiamento significativo del potenziale o di un suo drastico aumento.

I russi stanno andando avanti, ma senza alcuna prospettiva di svolta

Quindi all’orizzonte vediamo invariabilmente la stessa cosa: relativa stagnazione. Clinking nella parte anteriore. Sì, dopo il precedente rapporto dal fronte, i russi hanno nuovamente ottenuto successi nella maggior parte dei settori, ma sempre su scala micro. Non si vede alcuna minaccia significativa ai punti chiave della resistenza ucraina.

Visti da nord, i russi ottennero piccoli successi nelle aree di Swatovy e Kreminnaya. Nel primo caso si tratta di due campi a ovest del villaggio di Płoszczanka. Nel secondo caso, a circa 4 chilometri in linea retta a est del villaggio di Terny. Si tratta del primo cambiamento così significativo nel controllo della trincea in quest’area in sei mesi, ma non rappresenta ancora una seria minaccia per il mantenimento della principale linea di difesa ucraina nell’area dei villaggi di Yampolyvka e Terny, una zona qualche chilometro più a ovest. 

La Repubblica Ceca ha rifiutato di partecipare al Consiglio di Sicurezza dell’ONU a causa delle esplosioni a Belgorod

I russi sono riusciti a migliorare leggermente la loro situazione anche 10 chilometri a sud, nelle foreste intorno a Kreminnaya, ma non è sicuro che il loro progresso sia sostenibile. Il filmato mostra solo la distruzione di un carro armato russo e di un veicolo da combattimento della fanteria a circa un chilometro nell’area precedentemente considerata sotto il controllo ucraino. Nessun successo russo si è registrato nell’estremo nord, nella zona di Kupiańsk, dove da ottobre esercitano una forte pressione sul villaggio di Synkivka. Esistono solo registrazioni di numerose perdite russe e persino della cattura di un gruppo di soldati il ​​1° gennaio dopo un attacco fallito.

Saltando a sud, nell’area di Bakhmut, possiamo nuovamente osservare un ulteriore progresso sistematico della Russia, ma lentamente. A nord della città, i russi sono già entrati nel villaggio di Bogdanivka, avanzando più di un anno fa durante i combattimenti più intensi in questa regione. Si stanno muovendo sistematicamente in questa direzione dall’inizio di novembre, ma parliamo di un massimo di circa 5 chilometri in linea retta. Un po’ più a sud, nella zona del villaggio di Chromowe e al confine occidentale delle rovine di Bachmut, catturarono diverse centinaia di metri di terreno. Allo stesso modo, nella zona di Kliszcziivka e Andriyivka, riconquistate dagli ucraini in estate. Si tratta però di posizioni individuali e rafforzate. I cambiamenti sono negativi, ma molto lenti, e la principale linea di difesa ucraina si trova probabilmente a circa 10 chilometri a ovest, nell’area della città di Chasiv Yar.

La prossima area di combattimenti più seri è Avdiivka. Dal periodo prenatalizio anche qui i russi hanno fatto qualche progresso, ma nella migliore delle ipotesi solo di diverse centinaia di metri in linea retta. Non hanno registrato alcun successo significativo nella zona chiave del villaggio di Stepowe e della cokeria di Avdiiv. È quasi altrettanto lontano dal tagliare i rifornimenti ai difensori di Avdiivka quanto lo era a novembre. Il 29 dicembre Zelenskyj si recò addirittura nella città attaccata per incontrare i soldati . Si trovava direttamente nella zona di combattimento.

La situazione nella regione di Avdiivka.  Le ultime conquiste russe in rosso più chiaroLa situazione nella regione di Avdiivka. Le ultime conquiste russe in un rosso più brillante  Foto. map.ukrdailyupdate.com

30 chilometri più a sud, i russi riuscirono a catturare completamente le rovine della città di Marinka. A metà dicembre gli ucraini mantenevano ancora il confine nord-occidentale, ma durante le vacanze le loro posizioni venivano occupate. Ciò non fu seguito da ulteriori progressi significativi da parte dei russi. Ciò che occuparono a metà dicembre mentre camminavano da Marinka a sud verso Novomychailivka si è rivelato il limite delle loro attuali capacità. Allo stesso modo nella zona del secondo comune, a cui si sono avvicinati nella prima metà di dicembre, ma sono ancora bloccati.

La penultima zona di intensi combattimenti è Robotyne-Werbowe, ovvero le zone occupate dagli ucraini durante l’offensiva estiva. Anche lì i russi registrarono progressi piuttosto seri, riconquistando diversi chilometri quadrati persi durante l’estate vicino alla seconda città. È stata resa disponibile online anche una registrazione che mostra i soldati russi che uccidono tre difensori ucraini catturati in una delle posizioni catturate.

La situazione nell'area Robotyne.  Le ultime conquiste russe in rosso vivo.  Da metà dicembre hanno conquistato un altro secondo posto

La situazione nell’area Robotyne. Le ultime conquiste 

L’ultima zona di gravi scontri è stata il villaggio di Krynki, sulla sponda orientale del Dnepr, dove in autunno i marines ucraini hanno stabilito una piccola testa di ponte. I russi schierarono forze significative della 104a divisione aviotrasportata per eliminarlo, che avrebbe subito gravi perdite durante i combattimenti. Tuttavia, l’effetto è una significativa riduzione della testa di ponte ucraina, che ora è limitata a pochi chilometri quadrati dell’area del villaggio e dell’adiacente zona umida con un canale che porta al corso principale del Dnepr. I russi stanno bombardando e bombardando intensamente le posizioni ucraine, cercando di infliggere loro perdite e impedire loro di trasportare rifornimenti e persone attraverso il fiume.

 La situazione era così grave che il 21 e 22 dicembre la difesa aerea ucraina ha teso una trappola ai bombardieri russi che attaccavano la testa di ponte con bombe plananti. Molto probabilmente, parte della batteria del sistema Patriot è stata portata segretamente nelle vicinanze e ha abbattuto tre Su-34 che non si aspettavano una simile minaccia. Di conseguenza, i raid aerei su Krynki si sono fermati per qualche tempo, ma ora ci sono registrazioni che mostrano la caduta di bombe che planano nuovamente sulle posizioni ucraine. A lungo termine, il punto d’appoggio sembra insostenibile. Soprattutto perché già dall’autunno le brigate della marina ucraina avevano subito perdite significative durante i combattimenti nella zona del Dnepr.

Pochi anni come questi e la Russia potrebbe uscirne vincitrice

Su scala microscopica, tutti questi piccoli progressi da parte dei russi possono sembrare inquietanti. Va però ricordato che stiamo ancora parlando di piccoli cambiamenti nel percorso della prima linea. I russi li stanno pagando con gravi perdite. Anche gli ucraini ne soffrono, ma è impossibile valutare oggettivamente il loro atteggiamento. Le prove disponibili sotto forma di registrazioni e foto indicano chiaramente perdite più gravi per i russi. Allo stesso tempo, non vi è alcun segno di crollo della difesa ucraina o del rischio di accerchiamento e distruzione di importanti forze ucraine.

 Si tratta piuttosto della continuazione di un elemento permanente di questa guerra dal marzo 2022, vale a dire le battaglie di logoramento. Nel lungo termine, preferiscono la Russia semplicemente come un paese più grande e più prospero. Resta cruciale il ruolo dell’Occidente e il suo sostegno all’Ucraina, che potrebbe influenzare significativamente gli equilibri di potere su larga scala. Per ora, tuttavia, abbiamo una continuazione della flebo, non azioni serie mirate a una vittoria decisiva per l’Ucraina.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles