13 C
Rome
mercoledì, Giugno 12, 2024

Scenari di guerra del 2024: dalla completa sconfitta al “congelamento” e alle trattative con Putin

Scenari di guerra del 2024: dalla completa sconfitta al “congelamento” e alle trattative con Putin.  E non importa quanto litighiamo all’interno del paese, la nostra vittoria

Scenari di guerra del 2024 TSN.ua ha individuato tre scenari in cui la guerra della Russia contro l’Ucraina potrebbe svilupparsi nel 2024 e oltre. E non importa quanto litighiamo all’interno del paese, la nostra vittoria è completamente nelle mani dell’Occidente e delle sue scommesse sulla completa sconfitta della Russia.

Contenuto

  1. Scenario radicale: il “congelamento” della guerra e la perdita dell’Ucraina
  2. Lunga guerra: l’Ucraina e i suoi alleati accettano le regole del gioco di Putin
  3. La Russia non dovrebbe vincere: ma che dire della vittoria dell’Ucraina?

Dopo la liberazione di parte dell’oblast di Kharkiv e di Kherson, gli ucraini hanno salutato il nuovo anno 2023 con la speranza che ci fossero nuove vittorie, che le nostre forze di difesa entrassero in Crimea, come promesso dal capo della direzione principale dell’intelligence Kyrylo Budanov, e il regime del Cremlino “Fuhrer” Putin sotto la pressione di enormi perdite al fronte, se non cade, tremerà in modo significativo. Tuttavia, a causa di una serie di errori e di sottovalutazione del nemico, affrontiamo il nuovo anno 2024 in una realtà completamente diversa, a un passo dalla necessità di una nuova grande ondata di mobilitazione fino a mezzo milione di ucraini.

Prima di tutto, Valery Zaluzhnyi, due volte capo delle forze armate, ha ammesso pubblicamente il suo errore, credendo che un gran numero di perdite al fronte avrebbero fermato la Russia. Mosca non conta tra le vittime, disponendo di risorse di mobilitazione molte volte superiori a quelle dell’Ucraina. Per quanto ci dispiace ammetterlo, dopo la sconfitta nelle regioni di Kharkiv e Kherson, gli occupanti hanno imparato la lezione dai loro errori sul campo di battaglia.

In secondo luogo, Putin è riuscito a mettere la Russia sul piede di guerra, a formare un “asse del male” (insieme a Cina, Iran, Corea del Nord, Bielorussia e altri paesi che aiutano a eludere le sanzioni) e a radunare i russi attorno all’idea di continuare la guerra. guerra.

In terzo luogo, avendo surriscaldato le aspettative della controffensiva dell’esercito ucraino quest’anno, abbiamo creato la falsa impressione agli occhi dell’Occidente, soprattutto dell’Europa, che la Russia non costituisca più una minaccia. Ciò è evidenziato molto chiaramente dai risultati dei sondaggi d’opinione: i cittadini dell’UE non si considerano parte di questa guerra. Per non parlare degli americani, che si sono tuffati a capofitto nelle battaglie preelettorali, e dei leader europei che hanno imprecato, temendo la seconda “venuta” di Donald Trump.

In quarto luogo, la Russia ha superato l’Ucraina e i nostri alleati nel tasso di produzione di armi. Avendo stabilito meccanismi per aggirare le sanzioni, è stato in grado di superare anche il livello prebellico di produzione missilistica, ha localizzato la produzione di droni e dispone di potenti sistemi EW. Ad esempio, i termini di fornitura di munizioni da parte della norvegese Nammo, uno dei maggiori produttori di munizioni in Europa, sono di sei anni.

E in quinto luogo, a tutto ciò si sovrappone l’incomprensione all’interno dell’Ucraina tra la leadership politica e militare a causa della mancanza di risultati della controffensiva, della diminuzione del sostegno da parte dei partner occidentali, dei problemi al fronte e della richiesta dello Stato Maggiore e delle forze armate Capo di Stato Maggiore delle Forze Armate per l’ulteriore mobilitazione di un enorme numero di ucraini per ricostituire le perdite, la formazione di una riserva e la possibilità di smobilitazione di coloro che combattono senza sosta da quasi due anni.

Cosa possono aspettarsi gli ucraini nel 2024? Perché non ci sarà una vittoria rapida, come hanno affermato i portavoce del governo alla fine dello scorso anno? In che modo l’Ucraina e l’Occidente sono caduti nella trappola della lunga guerra di Putin? Ma cosa fare per uscirne? TSN.ua ha combinato le risposte a queste domande in tre possibili scenari di sviluppo degli eventi.

Scenario radicale: il “congelamento” della guerra e la perdita dell’Ucraina. Martedì 26 dicembre gli ucraini si sono trovati in due mondi paralleli.

L’inverno ritorna con il nuovo anno? Per gennaio si prevedono gelate e abbondanti nevicate

Da un lato ci siamo svegliati leggendo la notizia che nel porto della Feodosia occupata l’aeronautica delle forze armate ucraine ha distrutto con successo la nave da guerra russa “Novocherkask”. 33 marinai sono considerati dispersi. L’esplosione è stata così potente che parti di questa, secondo il presidente Zelenskyj, “nave”, sono sparse per la città, e le finestre delle case sono state rotte. Secondo il ministro della Difesa britannico Grant Shapps, negli ultimi quattro mesi il 20% della flotta russa del Mar Nero è stata distrutta , quindi la guerra non è giunta a un punto morto.

D’altro canto, vediamo la leadership politica e militare giocare a ping-pong. Sono in gioco solo le vite umane. Lunedì 25 dicembre, giorno di Natale, il Consiglio dei Ministri ha registrato alla Verkhovna Rada i nuovi progetti di legge sulla mobilitazione. TSN.ua ha già scritto in dettaglio sulle modifiche proposte dai funzionari governativi.

Ma la cosa più importante è la mobilitazione aggiuntiva di mezzo milione di ucraini nel 2024. E le risposte alla domanda se si tratti di ricostituire le nostre perdite al fronte, se si tratti di preparare la riserva per l’eventuale smobilitazione nel 2025 di coloro che sono in trincea da quasi due anni, o se sia nel caso Putin, dopo le sue “elezioni” del 17 marzo 2024, annuncia di non aver mai sentito parlare di un’altra grande mobilitazione, né dalla conferenza stampa del presidente Zelenskyi e del presidente del Comitato Zaluzhnyi, né dall’intervista del ministro della Difesa Umerov.

Mentre sui mass media si diffondevano voci secondo cui ai deputati del “Servitore del popolo” era vietato commentare i nuovi progetti di legge sulla mobilitazione, affermando che avrebbero dovuto farlo i militari, sui social network si diffondevano il tradimento e la disperazione. Video di blogger apparentemente ucraini che raccomandavano come evitare la mobilitazione e lasciare illegalmente l’Ucraina sono diventati virali su Instagram e Tik Tok, mentre il capo della conferenza stampa, Zaluzhny, ha dichiarato: “Questa legge è per la giustizia. Tutti devono proteggere l’Ucraina”.

Ancora più tradimenti sono apparsi sui social network mercoledì 27 dicembre, quando il ministro delle Finanze Serhii Marchenko ha ammesso francamente di non sapere dove trovare i soldi per un’ulteriore mobilitazione e di attendere proposte adeguate dallo Stato Maggiore e dal Ministero della Difesa. E il primo vice primo ministro, il ministro dell’Economia Yuliya Svyridenko, ha suggerito che in Ucraina potrebbe esserci un ritardo nel pagamento degli stipendi ai dipendenti statali e delle pensioni se l’Occidente non ci fornirà l’assistenza finanziaria promessa all’inizio del 2024.

Tali rischi sono abbastanza reali. TSN.ua ha più volte scritto che il deficit del bilancio ucraino ammonterà a oltre 40 miliardi di dollari nel 2024, di cui circa 29 miliardi di dollari saranno spese scoperte, per questo motivo stiamo lottando così duramente per la continuazione dell’assistenza finanziaria da parte degli Stati Uniti. Uniti, perché ogni mese 1,1 miliardi di dollari di fondi a fondo perduto arrivavano al nostro aiuto di bilancio Ma a causa del Congresso bloccato dai repubblicani, anch’essi trumpisti, il pacchetto di aiuti per l’Ucraina da oltre 60 miliardi di dollari non è stato ancora approvato, così come il pacchetto Ue da 50 miliardi di euro a causa del veto del primo ministro ungherese Viktor Orban.

Ed è in questo momento che la leadership politica e militare ucraina deve dimostrare unità, lavorando come un’unica squadra con i nostri partner occidentali, e non gettare benzina sul fuoco, destabilizzando ulteriormente la società ucraina, che ha bisogno di risposte alle domande su ulteriori mobilitazioni e guerre. . Dopotutto, molto presto potremmo trovarci in una situazione in cui non avremo né armi, né persone, né soldi per stipendi e pensioni. In realtà, c’è già un’enorme carenza di munizioni al fronte, quindi le Forze Armate sono costrette a limitarne l’uso: se la Russia usa 25-30mila proiettili al giorno, noi ne usiamo solo circa 7mila. Gli esperti militari occidentali scrivono pubblicamente che nessun esercito della NATO combatterebbe mai in condizioni di carenza di munizioni, mancanza di armi di precisione e supporto aereo.

Nel frattempo, sui media occidentali è apparsa un’altra serie di tradimenti. E questo non sorprende: se ci sarà un vuoto, sarà sicuramente riempito e, sfortunatamente, non da una posizione filoucraina. Attualmente, nei media e nei circoli di esperti americani ed europei si sta diffondendo una narrazione molto pericolosa: a causa della mancanza di armi e risorse, quando i governi occidentali non riescono a concordare un ulteriore sostegno all’Ucraina, è possibile per Kiev mantenere ciò che ha? È ancora peggio accettare concessioni territoriali?

Ha fatto molto rumore l’ articolo del New York Times , il cui messaggio principale è questo: nonostante la spavalderia ufficiale, infatti, Putin segnala già da settembre di essere pronto per un cessate il fuoco e un “congelamento” delle ostilità lungo il confine tutta la prima linea. Questo non è altro che accettare la richiesta di Putin di “riconoscimento delle realtà territoriali”. Allo stesso tempo, questo è qualcosa che trova su un terreno favorevole l’amministrazione Biden: lì credono che prima delle elezioni presidenziali si potrà “vendere” il fatto che Kiev abbia resistito come una vittoria.

Successivamente, sul sito web del New York Times è apparso un articolo di Serge Schmeman (membro del comitato editoriale della pubblicazione e che in precedenza ha lavorato come capo dell’ufficio di rappresentanza del giornale a Mosca) , in cui consiglia all’Ucraina di accettare un cessate il fuoco, “congelamento” delle ostilità e concessioni territoriali. E tutti questi articoli vengono pubblicati proprio quando al Congresso, come a Bruxelles, c’è un vicolo cieco riguardo all’ulteriore sostegno all’Ucraina. Sembra che Putin offra all’amministrazione Biden un accordo concettuale: “Lasciami affrontare le mie elezioni (17 marzo 2024 – ndr) in pace, e ti permetterò di presentare come una vittoria il fatto che Kiev si sia trovata sotto la bandiera ucraina .”

Tuttavia, è ingenuo pensare che Putin manterrà la sua promessa. Inoltre, tutto ciò che è stato scritto sul New York Times è già stato smentito dal portavoce dell’amministrazione Biden in un commento a Politico : “Non sono a conoscenza di discussioni serie in questo momento”. D’altra parte, nell’articolo si afferma che la strategia dell’amministrazione Biden riguardo all’Ucraina e alla guerra si sta gradualmente spostando verso la fine della guerra e le trattative con Putin, basate sulla “cedenza di parte dei territori ucraini a favore della Russia”.

Questo è esattamente ciò che Putin vuole ora, alla vigilia delle sue “elezioni” presidenziali, per dimostrare ai russi almeno alcune conquiste territoriali in Ucraina. L’amministrazione Biden, spinta in un vicolo cieco dai repubblicani al Congresso da un lato e dalla sua stessa strategia sbagliata nei confronti dell’Ucraina dall’altro, sta semplicemente cercando di guadagnare tempo per se stessa. Anche se è giusto notare che la Casa Bianca non ha mai preso seriamente in considerazione il ritorno della Crimea sotto la bandiera ucraina, considerando la partenza delle forze di difesa ucraine sulla linea il 23 febbraio 2022 come una condizione sufficiente per l’avvio dei negoziati con la Russia . E l’Unione Europea semplicemente langue nello stupore, aspettando con orrore una possibile seconda “venuta” di Trump alla Casa Bianca.

Lunga guerra: l’Ucraina e i suoi alleati accettano le regole del gioco di Putin

Mentre l’Ucraina continua a sanguinare senza armi o sostegno finanziario occidentale, gli Stati Uniti hanno firmato accordi di sicurezza a lungo termine con Svezia, Finlandia, Danimarca, Estonia, Lettonia e Lituania. I leader europei avvertono uno dopo l’altro: Putin non si fermerà in Ucraina e andrà sicuramente oltre. TSN.ua ha già scritto che, secondo il capo dell’esercito belga, Michel Hoffmann, la Moldavia e i paesi baltici potrebbero essere i prossimi obiettivi di Mosca. Anche il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius ha avvertito: l’Europa ha 5-8 anni per recuperare il ritardo e prepararsi ad una possibile guerra con la Russia.

E la domanda ora è se l’Ucraina entrerà a far parte di questa preparazione europea globale? La strategia di Putin, almeno per il prossimo anno, è quella di attendere la vittoria di Trump alle elezioni presidenziali americane. E a lungo termine, l’impossibilità per l’industria della difesa dell’UE di raggiungere i normali ritmi di produzione per sostenere l’Ucraina, ricostituire le sue riserve e prepararsi per una possibile guerra futura. Dopotutto, ora l’UE non può nemmeno fornire all’Ucraina i milioni di proiettili promessi entro marzo 2024. Inoltre non vogliono trascurare i contratti esistenti con i paesi terzi.

Tutto ciò è in parte dovuto al fatto che gli europei non si sentono direttamente coinvolti nella guerra. Un sondaggio dell’ECFR (Consiglio Europeo per le Relazioni Internazionali – ndr) condotto in dieci paesi dell’UE nel settembre-ottobre di quest’anno ha mostrato che solo il 34% sostiene la restituzione all’Ucraina di tutti i territori occupati dalla Russia. E sebbene questa percentuale molto bassa testimoni la totale incomprensione da parte degli europei delle reali minacce provenienti dalla Russia, da gennaio 2023 è anche diminuita. Quindi, secondo l’indagine ECFR, il 38% era favorevole alla restituzione di tutti i territori occupati.

La controffensiva estiva dell’Ucraina non ha prodotto i risultati attesi, perché l’Occidente non ci ha fornito in tempo tutte le armi necessarie. Le ragioni sono due: la mancanza di capacità produttiva dell’industria della difesa occidentale e la costante considerazione della possibile reazione di Mosca. La strategia sbagliata degli Stati Uniti e dell’Unione Europea di guardare ancora e ancora a Putin per vedere se all’improvviso lancerà una bomba nucleare ha portato l’Ucraina e i nostri alleati in una trappola creata dalla Russia: una lunga guerra di logoramento. Ma a differenza degli Stati Uniti e dell’Unione Europea (e negli Stati Uniti, grandi gruppi di influenza stanno ora lottando per concentrarsi completamente sulla preparazione di una possibile futura guerra con la Cina), la Russia ha messo il Paese sul piede di guerra e sarà in grado di resistere a una guerra di logoramento pluriennale. Putin pensa che il tempo sia dalla sua parte e deve solo aspettare.

Katsuji Nakazawa, membro senior di Tokyo e collaboratore del Nikkei, scrive nel suo articolo che durante la visita di tre giorni del leader cinese Xi Jinping a Mosca nel marzo di quest’anno, Putin gli ha detto che avrebbe continuato la guerra contro l’Ucraina per almeno altri 5 anni. E ha tempo. Inoltre, anche fino al 2036, finché la costituzione russa gli permetterà di essere presidente (anche se potrà sempre riscriverla), cosa non si può dire dei paesi democratici dell’Occidente, che dipendono molto dai cicli elettorali. Ciò significa che la guerra della Russia contro l’Ucraina continuerà finché Putin rimarrà al potere.

E questa guerra può essere vinta o persa. Putin non si siederà al tavolo delle trattative. L’Ucraina deve convincere i nostri partner occidentali di questo. E se si siederà, approfitterà di questo tempo per prepararsi a un colpo ancora più sanguinoso. E chissà, forse nemmeno in Ucraina. E allo stesso tempo, il sostegno armato occidentale all’Ucraina, se non si fermerà completamente, scenderà a livelli record. Secondo Gustav Gressel, ricercatore senior presso il Consiglio europeo per le relazioni estere, se non cambia nulla, Putin ha buone possibilità di vincere.

“Il problema è che questa è una guerra di logoramento. Le possibilità di manovra da entrambe le parti sono molto basse. A lungo termine, la Russia ha un piano per proteggere il proprio fronte con munizioni, artiglieria e altre armi. Hanno trovato il modo di aggirare le sanzioni e investire molti soldi nella nostra industria della difesa. Ciò che non vediamo in Occidente. E si tratta più del desiderio, e non della capacità di continuare a sostenere l’Ucraina”, ha detto Gustav Gressel in uno dei podcast pubblici .

E più gli aiuti occidentali diminuiscono e l’iniziativa sul campo di battaglia viene intercettata dalla Russia, più lunga diventerà la lista delle richieste del Cremlino. A Washington, Berlino, Parigi e in altre capitali chiave devono finalmente rendersi conto che ultimatum come “La NATO deve raccogliere fondi e scalare i confini del 1997” – questo non era un bluff di Putin e del suo entourage meno di sei mesi prima della piena conclusione. invasione su vasta scala dell’Ucraina. Lo pensano davvero e mirano a vendicare le perdite subite durante la Guerra Fredda.

La Russia non dovrebbe vincere: ma che dire della vittoria dell’Ucraina?

Mercoledì 27 dicembre gli Stati Uniti hanno annunciato la fornitura all’Ucraina dell’ultimo pacchetto di aiuti militari di quest’anno del valore di 250 milioni di dollari. L’amministrazione Biden non avrà più soldi per le armi a Kiev finché il Congresso non voterà un nuovo pacchetto per il 2024. Fiona Gill, ex funzionaria dell’intelligence nazionale americana su Russia ed Eurasia, ritiene che il ritardo negli aiuti all’Ucraina sia un biglietto vincente per Putin. Tuttavia, il problema principale, anche se l’Europa e gli Stati Uniti includessero l’Ucraina nel piano a lungo termine di preparazione congiunta per una lunga guerra di logoramento, insieme a decine di miliardi di investimenti nella propria industria della difesa e in quella ucraina, è ben lungi dall’essere questo.

Alle soglie dell’inizio del terzo anno di guerra su vasta scala, l’Occidente non ha ancora deciso: sostenere l’Ucraina fino alla completa vittoria sulla Russia, o affinché noi non cadiamo e la Russia non perda. Al timore del limite del sostegno armato all’Ucraina e delle linee rosse per Putin nel mondo, si è aggiunto il timore di attendere un possibile secondo avvento di Trump al potere negli Stati Uniti. A volte si ha l’impressione che l’Europa sia paralizzata nell’attesa, senza sapere cosa fare.

In un articolo per gli affari esteri, il deputato del Bundestag tedesco, membro della commissione affari esteri della corrente CDU/CSU, Norbert Rettgen critica senza pietà il governo del cancelliere Olaf Scholz per il suo approccio: “La Russia non deve vincere, e l’Ucraina non deve perdere.” Ma non è solo la Berlino ufficiale a condividerlo. Anche gli Stati Uniti non dicono chiaramente che l’Ucraina dovrebbe vincere e la Russia perdere. Ecco perché non esiste una soluzione per i missili a lungo raggio Taurus. Se Washington finalmente osasse consegnare a Kiev i missili ATACMS da 300 km (abbiamo già ricevuto questi missili con una testata a grappolo con una gittata di poco più di 160 km), è molto probabile che Berlino consegnerebbe anche il suo Taurus, come ha fatto l’anno scorso con i carri armati Leopard, le cui decisioni abbiamo ricevuto solo dopo il consenso dell’amministrazione Biden a fornire all’Ucraina gli Abrams americani.

Anche se, secondo gli esperti, la Germania può trasferire il Toro in Ucraina anche senza un “sollecito” da parte degli USA. Ma non lo fa, perché il governo Scholz e il suo partito temono che ciò possa provocare ulteriormente Putin, soprattutto alla vigilia delle sue “elezioni” presidenziali, perché questi missili a lungo raggio, a differenza dell’ATACMS, possono colpire gravemente il ponte di Kerch .

“La vera ragione cinica per non fornire queste armi è che sono estremamente efficaci, e Scholz teme che il loro utilizzo con successo potrebbe provocare un’escalation da parte della Russia. Ma proprio come gli Stati Uniti non dovrebbero vacillare nel loro sostegno all’Ucraina, l’Europa dovrebbe intensificare maggiormente la propria azione. e garantire la propria protezione, soprattutto in vista del ritorno di Donald Trump nello Studio Ovale. Se Trump verrà rieletto, gli europei dovrebbero essere in grado di sostenere autonomamente lo sforzo militare ucraino”, osserva Norbert Rettgen nel suo articolo.

Pertanto, la strategia a breve termine dell’Occidente, almeno fino all’”elezione” di Putin il 17 marzo 2024, dovrebbe essere quella di trasferire missili a lungo raggio e aerei da combattimento F-16 in Ucraina in modo che le nostre forze di difesa possano danneggiare in modo significativo la Crimea. ponte. Questo sarà un duro colpo per il regime del “fuhrer” del Cremlino, perché le sue “elezioni” cadono proprio nel decimo anniversario dell’occupazione della Crimea. E la strategia a lungo termine, se siamo già caduti nella trappola di una lunga guerra di logoramento, è l’inclusione dell’Ucraina nella difesa congiunta dell’Occidente, in primo luogo dell’UE, e nella produzione congiunta di armi.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles