22.3 C
Rome
sabato, Luglio 20, 2024

Riportare uomini in Ucraina ad ogni costo: è possibile sequestrare i beni dei “fuggitivi” e mobilitare chi è all’estero

Riportare uomini in Ucraina ad ogni costo: è possibile sequestrare i beni dei “fuggitivi” e mobilitare chi è all’estero

Riportare uomini in Ucraina ad ogni costo dall’inizio della guerra su vasta scala, 2,4 milioni di ucraini hanno lasciato l’Ucraina e non sono più tornati. In Ucraina si stanno cercando meccanismi per rimpatriare i cittadini che se ne sono andati a causa di una guerra su vasta scala e come punire coloro che hanno lasciato il paese illegalmente. Mentre il Ministero degli Interni dice che stanno studiando l’esperienza internazionale in questa materia, i deputati propongono soluzioni dure, fino alla confisca dei beni dei trasgressori.

In un commento sul sito TSN.ua , l’avvocato Maryna Bekalo ha affermato se è possibile attuare il meccanismo di sequestro di beni, conti, ecc., per mobilitare gli uomini che si trovano all’estero e assicurarli alla giustizia per non essere tornati in Ucraina. .

Quante persone hanno lasciato l’Ucraina durante la guerra

Secondo Opendatabot , dall’inizio dell’invasione su vasta scala, circa 2,7 milioni di persone hanno lasciato l’Ucraina e non sono più tornate . Questa è la differenza tra chi è partito e chi è entrato in Ucraina. La maggior parte di loro, 2,4 milioni di persone, sono cittadini ucraini, il resto sono stranieri. Attualmente, circa seimila uomini in età di leva lasciano all’estero ogni giorno, ha riferito il Servizio di frontiera statale . Tra questi, 150-200 uomini sono volontari nell’ambito del sistema “Shlyah”. Quanti di loro ritorneranno in Ucraina non è specificato.

Restituisci gli ucraini ad ogni costo

Le autorità non potranno rimpatriare gli ucraini dall’estero a nessun costo, nemmeno attraverso intimidazioni e manipolazioni, afferma Marina Bekalo. “Qualsiasi paese europeo che ha dato rifugio ai profughi ucraini non intraprenderà la strada della violazione delle garanzie di protezione o della limitazione dei diritti, perché sono firmatari di una serie di convenzioni dalle quali i paesi democratici sviluppati non possono ritirarsi”, ha detto l’avvocato.

La madre e il bambino sono miracolosamente scampati alla morte. L’auto che rotola l’ha mancata per pochi centimetri (Video)

Inoltre, un approccio punitivo nei confronti di coloro che sono partiti per l’estero a causa della guerra non porterà il risultato desiderato per le autorità, ritiene Marina Bekalo. Dopotutto, è  quasi impossibile attuare il meccanismo di sequestro di proprietà, conti, ecc. “Il soggiorno dei cittadini all’estero è una scelta libera e non viola la legislazione nazionale”, ha affermato Marina Bekalo.

Uomini in età militare che sono andati all’estero

Secondo l’avvocato, gli uomini che dopo l’invasione su vasta scala hanno attraversato il confine esclusivamente attraverso i posti di blocco, hanno lasciato il paese legalmente. “Dobbiamo ammetterlo. Dopotutto, esiste un elenco approvato dei motivi della partenza alle condizioni del regime legale della legge marziale e ai punti di attraversamento vengono forniti documenti attestanti la legalità della partenza all’estero.

 Un’altra questione è se il marito se ne sia andato sulla base di documenti ottenuti illegalmente . Ad esempio, ho ricevuto un certificato di inidoneità al servizio dalla VLK per corruzione,” dice Maryna Bekalo. In tal caso, secondo l’avvocato, deve esserci una sentenza del tribunale adeguata, cioè la colpevolezza della persona deve essere dimostrata in tribunale.

Non sarà possibile punire tutti i trasgressori

“Riguardo a coloro che sono partiti tramite il sistema “Shlyah”, o come volontario, atleta o musicista e non sono tornati. Permettetemi di ricordarvi che la legge non prevede la responsabilità legale in caso di mancato ritorno “, ha detto Maryna Bekalo. Se verranno adottate modifiche alla legislazione che prevedano una responsabilità amministrativa o penale, tali misure punitive potranno essere applicate solo a quelle persone che hanno commesso reati già dopo l’adozione della legge e la sua entrata in vigore, ha sottolineato l’avvocato .

“Solo dopo aver dimostrato la colpevolezza di una persona in tribunale, è possibile applicare la punizione sotto forma di arresto, multe, ecc. Cioè, in caso di adozione di modifiche rilevanti alla legislazione, è possibile pignorare proprietà e altri beni, secondo la procedura che deve essere determinata dalla legislazione, e solo esclusivamente secondo la decisione del tribunale pertinente,” dice Maryna Bekalo.

Anche per sequestrare proprietà e conti

L’avvocato ha ricordato che l’articolo 41 della Costituzione ucraina garantisce il diritto di possedere, utilizzare e disporre dei propri beni, dei risultati della propria attività intellettuale e creativa.  “Ecco perché il sequestro delle proprietà e dei conti dei cittadini solo sulla base della loro permanenza all’estero non è solo una violazione dei diritti costituzionali, ma anche dei diritti umani in conformità con le convenzioni internazionali che l’Ucraina ha ratificato”, ha affermato Marina Bekalo.

L’avvocato ritiene che il sequestro dei conti porterà a conseguenze negative non solo per il paese nel suo insieme, ma anche per il sistema bancario, perché i cittadini, che sono diversi milioni di persone, inizieranno a ritirare i loro soldi su conti esteri.  E, tra l’altro, questa tendenza esiste già ed è destinata ad aumentare. Molti cittadini ucraini hanno già trasferito i loro affari all’estero, soprattutto in Polonia, Germania, Slovacchia, hanno cambiato residenza fiscale non solo a causa della guerra, ma anche a causa della pressione fiscale sulle imprese”, dice Marina Bekalo. Secondo lei, se le autorità decidessero di sequestrare i conti bancari dei cittadini che si trovano all’estero, l’Ucraina sicuramente non ne trarrà vantaggio. 

“Il nostro Paese ha già perso le sue risorse – finanziarie, umane, intellettuali – che richiederanno decenni per essere rinnovate. Le autorità non dovrebbero peggiorare questi processi, ma al contrario dovrebbero incoraggiare le persone a ritornare. I principali fattori di rendimento dovrebbero essere la sicurezza, gli interessi economici e lavorativi”, afferma Maryna Bekalo.

Attacco hacker ad ALAB. È molto peggio di quanto potessimo ,immaginare. Altri dati sono trapelati

Mobilitazione degli stranieri

La rivista tedesca Welt ha scritto che il ministro della difesa ucraino Rustem Umyerov ha dichiarato in un’intervista che intende arruolare uomini ucraini tra i 25 ei 60 anni che vivono all’estero per il servizio militare l’anno prossimo. Il Ministero della Difesa ha già notato che i giornalisti “hanno spostato l’accento” citando Umerov su questo tema. Tuttavia, attualmente non esiste un meccanismo legale per la mobilitazione degli uomini in età di leva che si trovano all’estero , afferma Marina Bekalo. Per questo è necessario “ridisegnare” completamente la normativa in materia.

“Soprattutto per quanto riguarda la registrazione militare, la coscrizione per il servizio militare e le norme relative alla responsabilità per violazione del dovere militare. Si tratta cioè di cambiamenti legislativi globali, che non solo sarebbero efficaci nella pratica, ma sarebbero anche conformi alla Costituzione e alle convenzioni internazionali”, ha detto l’avvocato.

Ci teniamo a ricordarvi che in Ucraina non si placa il discorso sulla  mobilitazione delle donne . Inoltre, questo argomento sta diventando quasi il più acuto nella società. E non sono i deputati popolari a diffondere la conversazione. L’iniziatrice principale è Maryana Bezugla, almeno sulla sua pagina Facebook. Lì, il rappresentante eletto dal popolo pubblica ogni giorno nuovi post sul fatto che è ora che le donne vadano al fronte e che la mobilitazione, dicono, dovrebbe essere paritaria.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles