3.2 C
Rome
lunedì, Febbraio 26, 2024

ISW: Il Cremlino non è interessato ai negoziati con l’Ucraina

ISW: Il Cremlino non è interessato ai negoziati con l’Ucraina. In precedenza, il Cremlino aveva condotto operazioni di informazione fingendosi interessato ai negoziati con l’Ucraina

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha affermato chiaramente che il Cremlino non è interessato ai negoziati con l’Ucraina. In precedenza, il Cremlino aveva condotto operazioni di informazione fingendosi interessato ai negoziati con l’Ucraina per accusare Kiev di rifiutarsi di intrattenere colloqui “ragionevoli” con la Russia. Tuttavia, gli analisti suggeriscono che Mosca abbia abbandonato questa retorica.

Come si legge nell’ultimo rapporto dell’ISW, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha affermato chiaramente che il Cremlino non è interessato ai negoziati con l’Ucraina, il che suggerisce che il Cremlino si sta allontanando dalle operazioni di informazione volte a fingere interesse per i colloqui. 

La Russia non è interessata ai negoziati

Mercoledì 20 dicembre, Dmitry Peskov ha risposto a una domanda sulla dichiarazione del presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj del 19 dicembre secondo cui la questione dei negoziati con la Russia è attualmente “irrilevante”. Rilevando che il Cremlino ha ripetutamente affermato che non ci sono “motivi” o “basi” per colloqui con la Russia sull’Ucraina.

Peskov ha anche affermato che non ci sono “precondizioni” per i negoziati, probabilmente riferendosi agli obiettivi massimalisti immutati della Russia in Ucraina, che equivalgono a una resa completa dell’Ucraina e dell’Occidente. L’ISW valuta da tempo che il Cremlino non ha intenzione di negoziare in buona fede con l’Ucraina o l’Occidente.

In passato, il Cremlino ha condotto operazioni di informazione fingendo interesse nei negoziati con l’Ucraina per presentarsi come parte responsabile e accusare l’Ucraina di rifiutarsi di negoziare “ragionevolmente” con la Russia, ma il Cremlino sembra allontanarsi da questa operazione di informazione

– scrivono analisti.

Attacco hacker ad ALAB. È molto peggio di quanto potessimo ,immaginare. Altri dati sono trapelati

Il patriarca Kirill ha rilasciato una serie di dichiarazioni anti-immigrazione e xenofobe

Il capo della Chiesa ortodossa russa controllata dal Cremlino, il patriarca Kirill, ha fatto una serie di osservazioni anti-immigrazione e xenofobe che contraddicono direttamente gli sforzi in corso del presidente russo Vladimir Putin per ripristinare un’ideologia inclusiva nel mondo russo.

Durante un incontro diocesano a Mosca il 20 dicembre, Kirill ha accusato i migranti di rappresentare una minaccia crescente alla pace interreligiosa e interetnica in Russia. Rifiutarsi di integrarsi nella società russa. Kirill ha aggiunto che la vita per i russi etnicamente “nativi” è quasi insopportabile in alcune regioni, inclusa Mosca, sostenendo che se tali tendenze continuano, i russo-ortodossi “perderanno la Russia” .

Le dichiarazioni di Kirill contrastano con i recenti tentativi di Putin di presentarsi come una figura centrista e di ripristinare il concetto di “mondo russo”, che comprende tutte le persone di diverse origini etniche e religiose che hanno vissuto o vivono nei territori geografici appartenenti all’antica Russia, il Regno di Mosca, dell’Impero russo, dell’Unione Sovietica e della Russia contemporanea

– scrivono analisti.

In particolare, durante una riunione del Consiglio dei legislatori del 20 dicembre, Putin ha anche affermato che la costituzione e il governo russo si sforzano di garantire l’armonia in una “Russia grande e diversificata”, ribadendo i suoi sforzi per rappresentare la Russia come uno stato multiculturale inclusivo e armonioso.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles