13.5 C
Rome
martedì, Marzo 5, 2024

Polemica dopo la decisione di Duda sulla fecondazione in vitro

Polemica dopo la decisione di Duda sulla fecondazione in vitro. “Nemmeno lui potrà ricevere la comunione?” [COMMENTI]

Polemica dopo la decisione di Duda sulla fecondazione in vitro “A Bronisław Komorowski è stato negato il diritto di ricevere la Santa Comunione perché ha firmato l’atto in vitro. Nemmeno il presidente Duda potrà ricevere questo sacramento? – Dominika Wielowieyska della “Gazeta Wyborcza” ha commentato la decisione di venerdì di Andrzej Duda riguardo alla sperimentazione in vitro. Andrzej Duda ha firmato venerdì 15 dicembre la legge sul finanziamento in vitro con fondi pubblici. Il Presidente lo ha firmato esattamente una settimana dopo che il Senato aveva adottato il disegno di legge.

Polemica dopo la decisione di Duda sulla fecondazione in vitro. “Dovreste ascoltare più gli elettori che i vescovi”

La decisione di Duda di venerdì è stata commentata, tra gli altri, anche dalla deputata della Coalizione civica Agnieszka Pomaska. “È un successo per tutti coloro che credono che la pressione sociale abbia un senso e che tutti debbano avere la possibilità di avere un figlio, indipendentemente dalla propria situazione finanziaria. Grazie per ogni firma nell’ambito di questo Progetto Civico e per il vostro sostegno! – ha scritto il politico.

“Congratulazioni agli iniziatori e a tutti coloro che lo hanno reso possibile! In vitro è la felicità! – ha scritto la presidente del Senato Małgorzata Kidawa-Błońska. È intervenuta anche Renata Kaznowska, vicesindaco di Varsavia, che ha ringraziato tutti coloro che hanno firmato il progetto civico.

Anche l’ex primo ministro ha commentato la questione Ewa Kopacz. Duda ha descritto la decisione di Duda come “una grande notizia per migliaia di famiglie per le quali questo metodo è un’opportunità per la gioia che danno i bambini”. “Come promotore del progetto civico Sì per in vitro, sono molto felice oggi. Vorrei ringraziare tutti coloro che hanno contribuito a questo successo, in particolare le centinaia di migliaia di donne e uomini polacchi che hanno firmato il progetto. Questo è il nostro successo comune! – leggiamo nella voce. 

Daria Gosek-Popiołek della sinistra ha sottolineato che “tutte le famiglie in Polonia avranno uguale accesso ai finanziamenti per questa procedura”. “Ed è un peccato che così tante coppie lo abbiano aspettato così a lungo…” – lei ha aggiunto. A sua volta Jarosław Makowski, consigliere comunale di Katowice, ha scritto: “Anche la destra sa già che dovremmo ascoltare gli elettori piuttosto che i vescovi. Un segno del tempo.

“Nemmeno Duda potrà ricevere la comunione?”

Giornalista della “Gazeta Wyborcza” Dominika Wielowieyska ha sottolineato che attende la reazione dell’episcopato e dei sacerdoti alla decisione di Andrzej Duda. “Dopo tutto, a Bronisław Komorowski è stato negato il diritto di ricevere la Santa Comunione perché ha firmato l’atto in vitro. Nemmeno il presidente Duda potrà ricevere questo sacramento? – chiese Wielowieyska.

Żaneta Gotowalska-Wróblewska di Wirtualna Polska ha calcolato: “il curatore Nowak è stato licenziato, la commissione di Macierewicz cessa di esistere, la polizia è scomparsa dalla casa di Kaczyński e dalla sede del PiS, Duda ha firmato l’atto in vitro . La scopa spazza, la scopa spazza i rifiuti.

Il presidente Andrzej Duda ha firmato la legge sul finanziamento del metodo in vitro

“Nel decidere di firmare la legge del 29 novembre 2023 che modifica la legge sui servizi sanitari finanziati con fondi pubblici, che è un’iniziativa dei cittadini, il Presidente ha tenuto conto fatto che il metodo in vitro solleva dubbi etici nell’opinione di una parte della società. Di fronte alle sfide demografiche, cercando di garantire pari opportunità a tutti coloro che lottano con il problema dell’infertilità, compresi coloro che desiderano utilizzare altri metodi di trattamento, il presidente annuncia la presentazione di un disegno di legge che garantisca il loro finanziamento con fondi pubblici. – è stato scritto sul sito web del presidente. La legge presuppone che a questo scopo venga stanziato un minimo di 500 milioni di PLN ogni anno.

Per l’inizio di gennaio 2024 è prevista una riunione del Consiglio presidenziale per la tutela della salute dedicata alla preparazione del progetto. Venerdì, il presidente Andrzej Duda ha anche firmato un emendamento alla legge che modifica le leggi a sostegno dei consumatori di elettricità, gas combustibili e calore, nonché una legge che modifica la legge sulle consegne elettroniche.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles