13.5 C
Rome
martedì, Marzo 5, 2024

Un 18enne polacco si è convertito all’Islam. Stava pianificando un attacco contro i poliziotti

Un 18enne polacco si è convertito all’Islam. Stava pianificando un attacco contro i poliziotti.  L’accusa in questo caso è stata portata in tribunale.

Un 18enne che si è convertito all’Islam ed è rimasto affascinato dal cosiddetto Stato Islamico, ha pianificato un attacco suicida contro poliziotti del quartier generale della polizia distrettuale di Ząbkowice Śląskie. L’accusa in questo caso è stata portata in tribunale. L’uomo rischia 10 anni di carcere.

– Il procuratore della sezione della Bassa Slesia del Dipartimento per la criminalità organizzata e la corruzione della Procura nazionale di Wrocław ha accusato gli imputati di partecipazione ad un gruppo criminale organizzato volto a commettere un crimine terroristico – ha dichiarato il procuratore Karol Borchólski, del gruppo stampa di l’Ufficio del Procuratore Nazionale.

– Ulteriori accuse riguardano l’uso di esplosivi per realizzare un evento che metterebbe a rischio la vita o la salute di molte persone o proprietà di grandi dimensioni – ha aggiunto il pubblico ministero. L’uomo rischia fino a 10 anni di carcere. È ancora in custodia.

L’ispirazione è venuta da fuori

A giugno, un uomo di una cittadina vicino a Ząbkowice Śląskie è stato arrestato dagli agenti dell’Agenzia per la sicurezza interna. Durante la perquisizione della sua casa, sono state trovate prove che stava preparando un attacco terroristico, il cui obiettivo erano i poliziotti del quartier generale della polizia distrettuale di Ząbkowice Śląskie .

“È stato ispirato dalle attività dei cosiddetti Stato Islamico e Isis; ha stipulato un accordo con i membri di queste organizzazioni. Ha raccolto informazioni e prodotti semilavorati per realizzare una cintura shahid, con la quale intendeva effettuare un attentato contro un edificio governativo in Polonia”, ha spiegato il pubblico ministero. Dopo l’arresto del presunto aggressore, Stanisław Żaryn, allora viceministro coordinatore dei servizi segreti, ha rivelato ulteriori dettagli sui contatti dell’uomo.

– Persone provenienti da fuori dei confini della Repubblica di Polonia lo hanno istruito e hanno creato le condizioni per la sua autoradicalizzazione; Si parla di preparare un attacco terroristico in collaborazione con altre persone, ma non è vero che dietro questo attacco dovrebbe esserci un gruppo criminale operante in Polonia – ha detto Żaryn a Polskie Radio 24. – Le prove in questo caso dimostrano che si tratta di una persona che ha pianificato l’attacco, che era in contatto con persone provenienti da fuori confine che lo hanno indottrinato e istruito, ha spiegato.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles