23.6 C
Rome
giovedì, Luglio 18, 2024

La Russia ha colpito Kiev con i missili S-400 per la prima volta in un anno: Zhdanov ne ha spiegato il pericolo

La Russia ha colpito Kiev con i missili S-400 per la prima volta in un anno: Zhdanov ne ha spiegato il pericolo

La Russia ha lanciato 10 missili balistici hanno colpito Kiev nel cuore della notte. L’esercito russo ha lanciato un insidioso attacco missilistico su Kiev nella notte del 13 dicembre. Intorno alle tre il nemico ha lanciato dieci missili balistici S-400 , che non venivano utilizzati nella capitale da quasi un anno. La difesa antiaerea abbatté tutti gli obiettivi nemici, ma i loro detriti caddero sull’ospedale e sugli edifici residenziali vicini. Di conseguenza, 53 persone sono rimaste ferite.

Cosa si sa dei missili usati dalla Russia e quanti altri ne ha il nemico. Perché l’allerta aerea è stata annunciata in città già dopo potenti esplosioni e i detriti hanno formato enormi eruzioni. Ma quando la Federazione Russa potrà colpire la prossima volta, ha detto l’esperto militare Oleg Zhdanov in un commento sul sito TSN.ua.

Come ha fatto la Russia a colpire Kiev il 13 dicembre?

Secondo le prime informazioni, come riportato dall’Ufficio del Presidente, l’esercito russo ha colpito Kiev con missili balistici 48N6 del complesso S-400 . Secondo un’altra versione, annunciata dall’Aeronautica Militare subito dopo l’impatto, si trattava di un missile balistico Iskander. Sarà possibile determinare con precisione il tipo di missile dopo aver esaminato i rottami. Tuttavia, secondo Oleg Zhdanov, non ci sono quasi differenze tra loro.

“La differenza sta solo nella quantità di sostanza esplosiva e nella parte principale del razzo. Nell'”Iskander” è quasi mezza tonnellata, e nel missile S-400 è meno – 300 chilogrammi”, ha detto Oleg Zhdanov a TSN.ua.

Un pompiere sullo scandalo della Braun: questa signora potrebbe aver perso la vista. Questo è dannatamente pericoloso

Quanti missili di questo tipo ci sono in Russia?

Secondo Oleh Zhdanov, la Russia può produrre fino a 20 missili balistici al mese fino al complesso S-400. Il nemico può avere in magazzino diverse dozzine o addirittura centinaia di tali missili.

Perché è stato dato l’allarme dopo le esplosioni

Semplicemente non hanno avuto il tempo di dare l’allarme a Kiev, dice Oleg Zhdanov, perché si tratta di missili balistici che volano ad una velocità di circa 2.500 chilometri all’ora. Coprono una distanza di 220 chilometri in circa due minuti . 

“In realtà il sistema non ha il tempo di annunciare l’allarme. E i complessi di difesa aerea funzionano in modalità automatica. Non appena vengono rilevati i lanci missilistici, il complesso si attiva automaticamente per catturare il bersaglio”, ha detto Oleg Zhdanov a TSN.ua.

Perché si sarebbe formato un enorme divario se i missili fossero stati abbattuti?

Un enorme cratere si è formato vicino a un edificio residenziale a Kiev, dove sono caduti parte dei detriti del razzo. La situazione era simile dopo il precedente attacco alla regione di Kiev, quando il sistema di difesa aerea aveva funzionato con successo. Poi, nel microdistretto di Bortnichy, i detriti sono caduti sul settore privato e lì si è formata una voragine profonda cinque metri . 

Secondo Oleg Zhdanov, ciò può accadere quando il missile non è stato completamente distrutto in aria. Tuttavia, la cosa principale è che non colpisca il bersaglio nel punto in cui è stato diretto. Lì potrebbe causare una distruzione molto maggiore.

“Forse il punto di intercettazione era già negli ultimi secondi dell’occasione. E di conseguenza, il missile non è stato distrutto in aria, non è andato in pezzi, è stato semplicemente buttato fuori rotta. Poi cade e può esplodere. Esiste la possibilità che un missile abbattuto non si rompa in aria, ma possa esplodere a terra. Ma allo stesso tempo è garantito che non colpisca il bersaglio dove è stato diretto. Questo accade”, ha detto Oleg Zhdanov a TSN.ua.

Dove possono trovare gli S-400 russi in Ucraina?

Un esperto militare afferma che dal complesso S-400, secondo dati non confermati, in modalità “terra a terra”, l’esercito russo può sparare sul territorio dell’Ucraina a una distanza non superiore a 200-220 chilometri .

Perché la Federazione Russa continua ad attaccare Kiev?

L’esercito russo continua ad attaccare Kiev, nonostante sia protetta in modo affidabile. Il fatto è che durante un attacco missilistico di gruppo esiste ancora la possibilità che il sistema di difesa aerea manchi almeno un bersaglio, afferma Oleg Zhdanov.

“In secondo luogo, se guardiamo il messaggio dello Stato Maggiore della Federazione Russa dopo l’ultimo attacco, l'”annunciatore” Konoshenkov ha riferito che il posto di comando e cinque lanciatori Patriot sono stati distrutti da un attacco missilistico. Credono cioè che la maggior parte del complesso, e soprattutto il posto di comando, non sia vicino a Kiev. Che oggi non è in grado di condurre ricognizioni e intercettare missili. Quindi hanno ripetuto lo sciopero. Penso che continueranno a ripeterlo”, ha detto Oleg Zhdanov a TSN.ua.

Secondo lui, l’intelligence russa potrebbe essere “underperformante”. Cioè, la Federazione Russa non sa di non aver colpito il Patriot e finché non ne sarà convinta, colpirà. 

“Oppure ci stanno provando con gli “avos russi”. E questa versione, secondo me, è più probabile. Ci sono missili – colpiremo, non ci sono missili – non colpiremo. E notiamo che non vogliono usare missili cruise su Kiev. Capiscono che non raggiungono. “Shakhedi”, come manovra diversiva, non sono dispiaciuti. E hanno iniziato ad addestrarci con la balistica”, dice Oleg Zhdanov.

Inoltre, secondo Oleg Zhdanov, tali attacchi hanno ancora una componente militare, perché Kiev è un enorme hub militare. 

“C’è anche una componente di politica estera: le ambasciate sono tornate a Kiev. A proposito, questo è uno dei segni dell’intelligence del successo degli attacchi missilistici russi. Se avessero successo e distruggessero davvero il complesso Patriot, allora penso che l’ambasciata americana o l’ambasciata britannica, l’ambasciata tedesca farebbero tranquillamente le valigie per Leopoli. Se ciò non accade, allora va tutto bene”, ha detto Oleg Zhdanov.

La propaganda ha dichiarato di aver “azzerato” il sistema di difesa aerea di Kiev

Dopo l’attacco missilistico su Kiev del 13 dicembre, i media di propaganda russi hanno nuovamente dichiarato di aver “azzerato” la difesa aerea a Kiev.  “Solo l’ultima volta, per qualche ragione, hanno attribuito questa “impresa” ai missili Dagger, anche se non abbiamo registrato il decollo dell’aereo MiG-31. La dichiarazione era che erano stati lanciati sei razzi. A quel tempo, questi sei aerei avrebbero dovuto essere in aria e in quel momento non abbiamo osservato una cosa del genere. Dicono quello che vogliono. Per il pubblico interno, forse, la propaganda lo usa”, ha detto Oleg Zhdanov.

Quando la Russia potrà colpire nuovamente Kiev

Secondo Oleg Zhdanov, la probabilità di un altro attacco russo dal complesso S-400 non dipende dallo stock di missili, ma dalle capacità dei complessi.  “Abbiamo girato molti sistemi S-400. Li stanno già allontanando da confini lontani, dal nord, dall’estremo oriente e trascinandoli qui. Devono scegliere. Oppure tirati verso la regione di Bryansk per, diciamo, Kiev e le regioni vicine. Oppure tirare in prima linea per chiudere i buchi, lì il problema c’è già. Con i missili, purtroppo, è necessario affermare che non ci sono problemi. Sia in termini di riserve che di opportunità di produzione”, ha detto Oleg Zhdanov.

Un esperto militare afferma che l’esercito russo potrebbe lanciare domani il prossimo attacco missilistico su Kiev. Dopotutto, il 14 dicembre è una “data sacra” per il presidente russo Vladimir Putin. Il dittatore ha in programma una conferenza stampa nella quale condurrà un “filo diretto con il popolo”.

“E domani potrebbe esserci un colpo del genere. Poi Natale – 25 dicembre, Capodanno . Quindi gli attacchi sono molto probabili. Sfortunatamente, non possiamo prevedere con voi quali compiti verranno stabiliti nella Federazione Russa. Se si tratta di pressioni sulla società, sulla leadership militare e politica del Paese con l’obiettivo di costringerci a negoziare, a capitolare, allora quella è una cosa. Sì, è molto probabile che siano legati a tali date per rovinare le nostre vacanze”, ha detto Oleg Zhdanov.

La Federazione Russa può attaccare le infrastrutture energetiche in Ucraina?

Secondo Oleh Zhdanov non bisogna sperare che l’esercito russo abbandoni l’idea di colpire le infrastrutture energetiche e di terrorizzare la popolazione civile.  Un esperto militare afferma che le condizioni tecniche delle portaerei russe, il numero di missili e la capacità del sistema di difesa aerea ucraino di respingere gli attacchi: tutti questi fattori oggi non consentono alla Federazione Russa di effettuare attacchi sistematici sul territorio dell’Ucraina, come era un anno fa. Inoltre, il nostro sistema energetico è più sicuro.

“Penso che qui ci siano diversi fattori. Come si suol dire, le stelle erano allineate. Innanzitutto, il nostro sistema antiaereo continua a migliorare a tutti i livelli: tattico, operativo e strategico. Il secondo fattore è il numero di missili nella Federazione Russa. Sì, secondo le nostre informazioni potrebbero essercene circa 900 tipi diversi in totale. Ma se lo suddividiamo per tipi individuali, il numero non è così grande da infliggere sistematicamente colpi massicci. E il terzo fattore è la condizione tecnica dei media. Il launcher non può eseguire 100 lanci.

 Ad esempio, in precedenza il complesso S-300, il predecessore di “Iskander”, era stato progettato per 20 lanci. E poi è stato necessario effettuare riparazioni importanti del lancio o riparazioni regolari. Lo stesso qui. La Russia non contava su una guerra così a lungo termine. Guidano gli aerei da nord a sud, li lanciano e poi li respingono indietro. È un volo di ore e l’aereo ha bisogno di manutenzione e non puoi togliere la polvere lì, guarda, dì che va tutto bene, continua a volare. Il motore ha funzionato per mille ore e deve essere cambiato”, ha detto Oleg Zhdanov.

Attacco missilistico su Kiev il 13 dicembre

Ricordiamo che  la notte del 13 dicembre la Russia ha colpito Kiev con i missili S-400 per la prima volta in quasi un anno . La difesa antiaerea ha abbattuto tutti i missili, ma a causa della caduta di detriti nella capitale c’è distruzione, più di 50 persone sono rimaste ferite, compresi bambini. Inoltre, 35 case sono rimaste senza elettricità. La rete idrica è stata danneggiata a causa dei detriti dei razzi caduti sulla strada.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles