12.4 C
Rome
mercoledì, Giugno 12, 2024

L’autista dell’autobus ha lasciato una ragazza disabile di 13 anni a 5 km da casa. “Il finale avrebbe potuto essere tragico”

L’autista dell’autobus ha lasciato una ragazza disabile di 13 anni a 5 km da casa. “Il finale avrebbe potuto essere tragico”

Una ragazza disabile di 13 anni con problemi di udito stava tornando da scuola a Bydgoszcz in autobus. L’autista non si è fermato alla fermata dell’autobus vicino alla casa della ragazza. Invece, l’ha lasciata a cinque chilometri di distanza. Il padre dell’adolescente sostiene che l’uomo ha spiegato il suo comportamento in modo assurdo. Il superiore dell’autista ha presentato una versione dei fatti leggermente diversa.

Il 7 dicembre, una ragazza di 13 anni con problemi di udito stava tornando in autobus da scuola a Bydgoszcz . La ragazza voleva scendere alla fermata vicino a casa sua a Borówno (Voivodato di Kujawsko- Pomorskie ), ma l’autista l’ha lasciata a cinque chilometri di distanza. Alla fine, tutto è finito bene, ma il padre dell’adolescente ha spiegato perché la fine di questa storia “avrebbe potuto essere tragica”.

Una ragazza di 13 anni con disabilità non sapeva dove fosse. “Vagava e piangeva”

In un’intervista alla “Gazeta Pomorska” il padre della ragazzina di 13 anni ha citato  una spiegazione assurda che la ragazzina avrebbe sentito dall’autista . Secondo lui, l’uomo ha detto all’adolescente che l’avrebbe accompagnata alla fermata successiva perché nessun altro sarebbe sceso dove si trovava lei.

Il padre della ragazza ha sottolineato che sua figlia non sapeva dove fosse scesa dall’autobus . – Stava vagando, piangeva. Mia moglie ed io eravamo ancora al lavoro a Bydgoszcz, ha detto. Una ragazzina di 13 anni è tornata a casa perché ha chiamato la sorella maggiore. Ha aiutato la ragazza ad attivare la posizione sul suo telefono , grazie alla quale sua madre e suo nonno hanno ritrovato la 13enne.

Bydgoszcz. Perché l’autista ha portato via da casa la ragazzina di 13 anni? PKS traduce

I rappresentanti del PKS si sono scusati per la situazione. Tuttavia, hanno affermato che tutti gli eventi erano diversi da quelli descritti dal padre del tredicenne. Secondo quanto riferito, l’autobus si sarebbe fermato vicino all’abitazione della ragazza se questa si fosse comportata adeguatamente. Il superiore dell’autista ha detto che il suo subordinato ha rallentato quando si è avvicinato alla fermata dove avrebbe dovuto scendere il tredicenne. Ha aggiunto che l’autista non ha notato nessun passeggero che intendeva scendere dal veicolo.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles