3.2 C
Rome
lunedì, Febbraio 26, 2024

La Russia sta preparando un massiccio bombardamento dell’Ucraina: la data e i dettagli sono diventati noti

La Russia sta preparando un massiccio bombardamento dell’Ucraina: la data e i dettagli sono diventati noti

Il nemico potrebbe preparare un attacco su larga scala con droni e missili nel Giorno delle Forze Armate dell’Ucraina. La Russia non sta solo accumulando missili: sta ricostruendo le sue scorte strategiche. I Rashisti continueranno a “estinguere” il sistema energetico ucraino . Per questo motivo hanno anche cambiato un po’ la tattica.

Contenuto

  1. Il nemico sta preparando un attacco insidioso
  2. Un avvertimento dal presidente
  3. E i russi stanno ricostruendo la loro scorta missilistica strategica
  4. Invece dei razzi – “Shakhedi”
  5. L’ansia diminuirà?

Il giornalista Artem Zyabkin ha spiegato in un articolo esclusivo per TSN.ua cosa impedisce ai russi di lanciare massicci bombardamenti, quando sono possibili e se è realistico respingere questi attacchi.

Il nemico sta preparando un attacco insidioso

Il nemico potrebbe preparare un attacco su larga scala con droni e missili nel Giorno delle Forze Armate dell’Ucraina. È il 6 dicembre che i difensori ucraini celebrano le loro vacanze professionali e, come sappiamo, i Rashisti sono semplicemente pervertiti con i numeri. Gli ucraini hanno già assistito ad attacchi a Capodanno, Natale e Pasqua. L’Aeronautica non esclude che a dicembre gli attacchi aumenteranno. A proposito, il 6 dicembre è anche il giorno di San Nicola secondo il nuovo calendario giuliano , adottato dall’Ucraina. È improbabile che gli occupanti se ne accorgano.

I russi stanno ricostruendo le loro scorte strategiche di missili

Allo stesso tempo, i russi stanno ripristinando le loro scorte strategiche di missili. Lo ha affermato Yuriy Ignat, portavoce dell’aeronautica delle forze armate ucraine, in un’intervista a RBC-Ucraina. Attualmente, la Russia ha accumulato un numero leggermente inferiore di missili rispetto allo scorso anno: circa 900 missili di vario tipo , inclusi “pugnali” ipersonici, “calibri” e balistici. Tutto ciò ha un compito: cercare di distruggere il sistema energetico ucraino una seconda volta.

“Durante sei mesi di attacchi all’industria energetica (dal 9 settembre al 12 marzo), abbiamo abbattuto 750 missili da crociera e ne sono stati lanciati circa 1.100. Inoltre, hanno mantenuto il 30% nelle loro riserve. Cioè, a settembre dello scorso anno avevano solo circa 1.600 missili da crociera. Ora hanno sia Dagger che Iskander di entrambi i tipi, Kh-22, Calibre, Kh-101 e Kh-555, per un totale di 870. Pertanto, secondo i miei calcoli, ora hanno meno missili.

A proposito, durante quel periodo di attacchi all’industria energetica, fu lanciato lo stesso numero di droni: più di 1.000 e fino a 750 furono distrutti. Ora la situazione con i russi è diversa: hanno l’opportunità sia di produrre che di ricevere più droni dall’Iran”, ha detto Yuriy Ignat. Ma i droni sono una storia completamente diversa. Il nemico sta cercando di ingannare le forze di difesa aerea ucraine , in particolare improvvisando con materiali meno visibili per gli “Shaheed” per i localizzatori. Ci sono anche battute quando ridipingono “Shakhed” con vernice nera. Fortunatamente, non li ha ancora aiutati.

“Abbiamo visto la foto di uno “Shaheed” in colore nero. L’ho vista di persona, come te, su Internet. Abbiamo concluso che era dipinto o utilizzava in aggiunta un materiale composito, come il carbonio, che può anche essere nero. Non vi è alcuna conferma che esistessero molti di questi “Shaheed”, ma esiste già un caso del genere. Secondo le mie informazioni, all’epoca esisteva solo uno di questi “Shaheed”, che potrebbe essere stato rilasciato sperimentalmente per vedere come la nostra difesa aerea avrebbe reagito, ma è stato anche distrutto, così come quelli che volarono nei giorni successivi – è già chiaro che gli occupanti hanno cominciato a dipingerli “con una bomboletta spray”, – ha riferito Yuriy Ignat.

Invece dei razzi – “Shakhedi”

Sembra che ora lo “Shakhed” sarà la principale forza d’attacco dei russi. Con l’aiuto degli UAV a Mosca, cercheranno di uccidere più uccelli contemporaneamente: colpire oggetti critici e, in caso contrario, costringere l’Ucraina a spendere missili costosi e, francamente, scarsi per i sistemi di difesa aerea occidentali: NASAMS, Crotale, Iris -T.

Ignat ammette che un simile scambio francamente non è redditizio. Le Forze Armate hanno trovato una contromisura efficace. Una buona conferma di ciò è il recente attacco di “Shakhed” a Kiev. Nella notte del 25 novembre, la difesa aerea è riuscita ad abbattere 66 droni e un’altra dozzina in tutta l’Ucraina , mostrando una percentuale di successo quasi del 100%.

“Il 40% è stato abbattuto da gruppi di fuoco mobili con cannoni antiaerei, armi leggere, alcuni sono stati abbattuti da Gepard, Crotale, alcuni potrebbero essere abbattuti da un aereo da caccia. Ma per il resto, dovevano essere abbattuti potenti sistemi di difesa aerea utilizzato. Anche il nemico lo capisce bene, quindi anche i russi hanno l’obiettivo del logoramento. Ecco perché dobbiamo aumentare il numero di mezzi che saranno razionali per abbattere gli UAV. Oggi Gepard si mostra meglio in questo senso – in termini di rapporto costo-efficienza. Ma ha anche un raggio d’azione limitato – 4,5 chilometri per l’abbattimento con proiettili terrestri. Pertanto, ne occorrono di più – e lo stesso Gepard e i loro omologhi”, ha osservato Yuriy Ignat.

Per chi non lo sapesse, Gepard è un’installazione antiaerea tedesca e, per dirla semplicemente, è una specie di carro armato con un cannone antiaereo. Durante i due anni di guerra i partner consegnarono alle Forze Armate diverse decine di veicoli di questo tipo, che svolgevano con successo i loro compiti al fronte. Il 1 dicembre 2023, l’equivalente ucraino del Gepard è stato messo in servizio nella regione di Lviv , dice il capo dell’OVA di Lviv Kozytskyi: “Il loro compito principale sarà il tracciamento di bersagli aerei, la cattura tramite sensori acustici, radar, visuali sorveglianza e distruzione. Questo è l’analogo ucraino del noto impianto tedesco Gepard.”

Almeno 10 unità di caccia antiaerei hanno ricevuto il nuovo equipaggiamento. Per ovvi motivi, al momento non esistono foto o video del nuovo Gepard domestico. Non è necessario rivelare tutte le carte al nemico in una volta. Il nemico attaccò anche la notte del 4 dicembre. Le forze di difesa aerea hanno abbattuto 18 Shahed e un missile da crociera . Questa volta, l’obiettivo dei predoni è stato Ivano-Frankivsk, dove hanno abbattuto fino a 4 droni. L’OVA locale afferma che i russi hanno preso di mira infrastrutture critiche.

Schermata / Facebook / ©

Ci sono anche buone notizie. Ora l’Ucraina non annuncerà l’allerta aerea se un MiG russo decolla.

L’ansia diminuirà?

Ma ce n’è uno ma. Per fare ciò, l’Aeronautica Militare deve assicurarsi che l’aereo decolli vuoto, cioè non trasporti il ​​missile Dagger. Purtroppo non è sempre possibile verificare con precisione queste informazioni.

▶ Sul canale YouTube di TSN potete guardare il video

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles