20.6 C
Rome
sabato, Giugno 15, 2024

L’umanità è rimasta molto indietro. Un incubo in video dai campi attorno ad Avdiivka

L’umanità è rimasta molto indietro. Un incubo in video dai campi attorno ad Avdiivka. Mare di corpi. In mezzo a loro, due russi trascinano per terra il loro compagno ferito.

Ovunque c’era terra squarciata dalle esplosioni, attrezzature rotte, ceppi di alberi e corpi.  L’umanità è rimasta molto indietro. Un incubo in video dai campi attorno ad Avdiivka. Mare di corpi. In mezzo a loro, due russi trascinano per terra il loro compagno ferito. Ad un certo punto lo abbandonano, anche se lui cerca di seguirli strisciando. Dopo un po’, uno di loro muore. La registrazione ucraina della zona di Avdiivka mostra chiaramente la terribile realtà dei combattimenti in questa zona.

A metterli in rete è stata la 47a Brigata Meccanizzata, che da circa un mese difende la zona più attaccata a nord della città. Una cokeria e qualche chilometro di linea ferroviaria fino alla zona del villaggio di Stepowe. Il comando russo è determinato ad avere successo in questa sezione e minaccia di circondare Avdiivka da nord. Da metà ottobre si susseguono attacchi su attacchi. Ci sono alcuni successi, ma vanno a scapito di enormi perdite. Almeno dal punto di vista di una persona normale, ma a quanto pare non dei generali russi.

Un breve episodio della guerra

La registrazione in questione è stata pubblicata online il 24 novembre . La descrizione è rudimentale e non contiene informazioni importanti oltre alla posizione generale – Avdiyivka. Tuttavia non è difficile indicare un luogo specifico. Questo è sul lato est della linea ferroviaria che va a nord dalla cokeria. Più o meno all’altezza del villaggio di Stepowe, che si trova dall’altra parte dei binari. La disposizione degli alberi e delle strade non lascia dubbi. Questa è una delle direzioni principali dell’attacco russo dall’inizio dell’offensiva in quest’area. Fino a metà ottobre quest’area era sotto il controllo ucraino. Successivamente passò sotto il controllo russo, anche se è chiaro quanto sia convenzionale. Questa è un’area in cui gli ucraini non si avventurano più, ma sono sotto sorveglianza e fuoco. I russi, invece, apparentemente non hanno posizioni difensive permanenti.

Due soldati normodotati visibili nel video trascinano il ferito su un bastone o un cappotto. Stanno camminando verso il terrapieno ferroviario e gli edifici di una piccola stazione ferroviaria situata vicino a Stepowe. I russi nidificano regolarmente tra le sue rovine e tra gli alberi circostanti, ma vengono sistematicamente attaccati dagli ucraini e subiscono pesanti perdite, incapaci di avanzare ulteriormente o di fortificarsi definitivamente. Forse i soldati visibili nella registrazione sono alcuni resti di un’altra unità lanciata in un attacco finito male. Per qualche motivo, due russi normodotati decidono di abbandonare all’aperto il loro compagno ferito. Anche se è chiaramente cosciente e cerca di inseguirli mentre se ne vanno. La registrazione non mostra cosa gli è successo.

I due soldati in buona forma hanno camminato per diverse decine di metri e hanno deciso di riposarsi sotto il ceppo di uno degli alberi che crescono lungo la strada sterrata che porta dal villaggio di Krasnochorivka, che è il punto di partenza degli attacchi russi in questa zona. Sedersi in bella vista in un posto come quello non era un’idea saggia. Un drone FPV ucraino può essere visto volare su uno dei soldati , uccidendolo sul colpo. Dopo un attimo di smarrimento, il secondo russo copre i resti del compagno con un telo prelevato da sotto il ferito, e poi si allontana verso Krasnochorivka. Numerosi sono i resti umani che giacciono ovunque, frammenti di veicoli schiantati e alberi schiacciati dalle esplosioni. L’intera registrazione può essere vista nel link sottostante. Considerando la realtà di questa guerra e il video dei droni che danno la caccia alle persone, non è particolarmente drastico.

La prima guerra mondiale con i droni

Tuttavia, queste sono le realtà dei combattimenti non solo nella regione di Avdiivka, ma su gran parte del fronte. Qualcosa che si chiama Prima Guerra Mondiale per un motivo, ma con i droni. Entrambe le parti non hanno la forza e le risorse per condurre una guerra più dinamica di quella che ci si potrebbe aspettare nel 21° secolo. Si tratta in gran parte di una guerra di posizione, e i tentativi di attacchi importanti utilizzando veicoli corazzati vengono rapidamente rilevati dagli onnipresenti droni e contrastati con artiglieria, missili anticarro e mine. Il risultato è il frequente invio di piccoli gruppi di fanteria all’attacco, che nella migliore delle ipotesi possono contare sul supporto di droni, artiglieria e fuoco di carri armati. Nel peggiore dei casi, vengono praticamente inviati da soli con pochissime possibilità di successo e sopravvivenza, cosa che accade soprattutto ai russi.

Nella fase iniziale dell’offensiva vicino ad Avdiivka attaccarono con grandi colonne di equipaggiamenti pesanti, ma nel giro di un mese si concluse con perdite molto pesanti di diverse centinaia di veicoli. Ora quasi solo la fanteria viene spinta ad attaccare. Come da metà ottobre all’inizio di novembre gli ucraini riportavano nelle loro statistiche decine di veicoli corazzati nemici distrutti e circa un migliaio di morti al giorno (per l’intero fronte, ma la maggior parte delle perdite si verificavano nella zona di Avdiivka), ora continuano a si parla di un migliaio di veicoli uccisi ma distrutti, solo pochi pezzi. In questo caso non ha senso attaccarsi a numeri specifici, perché sono dati non verificabili di una delle parti in conflitto, ma permettono di prendere coscienza della tendenza generale.

I russi pubblicano regolarmente registrazioni o resoconti scritti di terribili perdite in unità composte da truppe mobilitate, riservisti ed ex prigionieri. Secondo il principio “eravamo diverse decine, ne restano solo pochi”. Condito con lamentele sulla stupidità del comando, che non rispetta affatto la vita dei suoi abitanti, e sulla mancanza di attrezzature, rifornimenti e supporto. Nonostante ciò, ogni giorno vengono lanciati nuovi attacchi contro gli ucraini. Non si traducono in grandi successi, ma non si può negare che in alcuni luoghi i russi stanno lentamente avanzando sui corpi di migliaia di loro compagni. 

Attacco notturno con droni e missili: quanti bersagli aerei sono stati abbattuti dalla difesa aerea e dove mirava il nemico

Cioè non nella direzione della steppa, da dove proviene la registrazione descritta. Il fronte è lì da quasi un mese e i russi non sono riusciti a catturare le rovine del villaggio. Tuttavia, un po’ più avanti, si muovono sistematicamente e lentamente verso nord lungo i binari. Anche a sud di Avdiivka, in una piccola area industriale vicino alla circonvallazione di Donetsk , sono riusciti ad avanzare di diverse centinaia di metri. Questo è il successo degli ultimi giorni. Dopo quasi due anni di sforzi infruttuosi.

Distretto di Avdiivka.  L'area visibile nel video descritto è la base del centro delle tre frecce superiori.  Le aree contrassegnate in rosso rappresentano conquiste recenti o relativamente recenti da parte dei russiDistretto di Avdiivka. L’area visibile nel video descritto è la base del centro delle tre frecce superiori. Le aree contrassegnate in rosso rappresentano conquiste recenti o relativamente recenti da parte dei russi  . @Pouletvolant3/X

Mappa ad alta risoluzione

Tuttavia, non ci sono successi simili nelle due direzioni successive, cioè nella cokeria e in generale a sud e sud-ovest di Avdiivka. In questo primo momento i russi hanno raggiunto la linea ferroviaria e il recinto dello stabilimento a metà novembre, ma da allora non sono stati fatti ulteriori progressi. Nella parte meridionale dei combattimenti, nella zona dei villaggi di Wodziane e Opytne, i russi non possono vantare successi duraturi da ottobre. Ci provano, ma senza successo. 

Quindi la situazione non sembra critica per gli ucraini. Tuttavia, ciò non significa che non sia difficile. Anche gli ucraini subiscono perdite. I più gravi sono gli attacchi di droni FPV, bombe plananti e artiglieria. L’esercito ucraino è seriamente a corto di munizioni per artiglieria e mortai. Dopo il picco delle forniture e dei consumi occidentali durante l’offensiva estiva, è arrivata la siccità annunciata, che molto probabilmente persisterà per i prossimi sei mesi. Fino all’aumento della produzione negli USA e in Europa .

Ucraini estenuanti

Ciò significa che attualmente non esiste il rischio di un crollo improvviso e violento della difesa ucraina nella zona di Avdiivka. Tuttavia non è da escludere che i russi possano semplicemente forzare una vittoria come quella di Bakhmuck. La registrazione pubblicata in precedenza mostra il loro approccio ai soldati meno preziosi. Le perdite tra loro non sono particolarmente significative. Forse otterranno qualcosa e uccideranno alcuni ucraini se si comportano bene. In caso contrario, attireranno l’attenzione e li costringeranno a consumare munizioni preziose. Unità più preziose potrebbero anche avere la possibilità di infliggere perdite agli ucraini quando, ad esempio, inviano il veicolo da combattimento di fanteria M2 Bradley per supportare la posizione attaccata.

La domanda più importante è per quanto tempo i russi avranno la forza sufficiente per farlo. Durante la battaglia di Bakhmut, il fronte praticamente non si mosse per settimane, ma alla fine gli ucraini esausti crollarono sotto la pressione di attacchi di massa “zombi”, supportati da unità d’assalto molto più piccole e altamente professionali del gruppo Wagner e da truppe aviotrasportate. Vedremo se i russi riusciranno a ripetere l’impresa ad Avdiivka e se gli ucraini si difenderanno ancora ad oltranza, non volendo rinunciare ad una città che ha acquisito un’importanza simbolica.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles