0.5 C
Rome
martedì, Aprile 16, 2024

I piani imperiali della Cina stanno andando in pezzi. La Polonia tra i paesi che beneficiano del mondo “post-Cina”.

I piani imperiali della Cina stanno andando in pezzi. La Polonia tra i paesi che beneficiano del mondo “post-Cina”.

I piani imperiali della Cina stanno andando in pezzi.  La Cina ha seri problemi economici. Per la prima volta da decenni, la loro importanza nell’economia globale sta diminuendo in modo significativo. I piani per tornare al potere di secoli fa saranno difficili da realizzare nella nuova realtà. In questo mondo “post-Cina”, anche la Polonia può svolgere un ruolo significativo.

Dopo oltre quarant’anni di crescita, l’importanza globale dell’economia cinese ha  iniziato a diminuire. Negli anni ’60 e ’70, sotto il governo di Mao Zedong, il Regno di Mezzo visse una fase di stagnazione. Con l’apertura del Paese al mondo nel decennio successivo, la sua quota nel mercato globale è aumentata, da meno del 2% negli anni ’90 al 18,4%. nel 2021. Nessun’altra economia nella storia è cresciuta così tanto e velocemente come quella cinese, scrive Ruchir Sharma del Rockefeller International per il Financial Times.

La Cina è in ritirata. Per la prima volta da decenni, la loro economia ha perso forza

La ritirata dell’economia cinese è iniziata nel 2022. Successivamente la sua quota di mercato globale è leggermente diminuita. Quest’anno sarà più evidente, perché le quote del Regno di Mezzo scenderanno al 17%. Nel giro di due anni la perdita ammonterà a 1,4 punti percentuali, il calo più grande dagli anni ’60, allontanando ulteriormente la Cina dall’obiettivo di riconquistare lo status di impero, che il Paese aveva tra il XVI e il XIX secolo, quando la sua quota nell’economia globale ha raggiunto un terzo. 

Inoltre, il PIL cinese è sulla buona strada per diminuire, e sarebbe la prima volta dalla svalutazione dello yuan del 1994. E quel che è peggio è che la quota della Cina nel Pil mondiale sta diminuendo in senso nominale, cosa che secondo gli esperti stranieri indipendenti non sta affatto diminuendo. La stessa Cina fornisce ufficialmente dati così pessimi .

Błaszczak annuncia una mossa improvvisa del PiS. Si tratta di cambiare i trattati dell’Unione Europea

Ruchir Sharma ritiene che l’argomento sia stato trascurato per molto tempo perché la maggior parte degli analisti si concentra sulla crescita del PIL reale, che viene adeguata all’inflazione . Il governo cinese, invece, adegua l’inflazione in modo “creativo”, il che gli consente di segnalare che la crescita economica rimane in linea con l’obiettivo e ammonta a circa il 5%. Ciò, a sua volta, conferma la narrativa di Pechino secondo cui “l’Oriente è in crescita”. Ma come scrive Sharma, in realtà la crescita reale dell’economia cinese nel lungo termine è più vicina al 2,5%. 

La Cina ha problemi con l’invecchiamento della popolazione. I cittadini in età lavorativa non sono più 24, ma il 19%, e nei prossimi 35 anni questo indicatore dovrebbe scendere al 10%. “Mentre la sua quota di forza lavoro mondiale diminuisce, quasi certamente diminuirà anche la quota della Cina nella crescita globale”, scrive Sharma. Soprattutto perché la produttività del lavoro in Cina cresce lentamente, il che, combinato con il calo del numero dei dipendenti , renderà molto difficile per la Cina riconquistare quote nell’economia globale.

 Non aiutano nemmeno la crescente invasività del governo cinese e il debito storicamente elevato per un Paese in via di sviluppo, dice Sharma. L’unica possibilità per il Regno di Mezzo di riconquistare quota nel mercato globale sarebbe un forte aumento dell’inflazione o del valore dello yuan, ma nessuno di questi scenari è probabile. La Cina è una delle poche economie che sperimenta la deflazione, e lo yuan ha più probabilità di perdere che di guadagnare a causa della crisi del mercato immobiliare causata dal debito, che di solito porta alla svalutazione della valuta locale, osserva Ruchir Sharma. 

E questa non è la fine delle cattive notizie. Gli investitori si stanno ritirando dalla Cina a un ritmo record, aumentando la pressione sullo yuan. Per la prima volta nella storia, la spesa per investimenti esteri in Cina è diminuita di ben 12 miliardi di dollari in un trimestre (il terzo trimestre del 2023). Anche gli investitori nazionali stanno fuggendo dal mercato cinese.

Questa è un’altra sintesi della crescita economica globale, secondo la quale la Polonia giocherà un ruolo importante. Bloomberg ha recentemente scritto che la Polonia è tra i cinque paesi che trarranno vantaggio dai cambiamenti nelle catene di approvvigionamento globali derivanti dalla competizione tra Washington e Pechino.  Accanto a noi sono stati citati Messico, Vietnam, Indonesia e Marocco. Come ha spiegato Bloomberg, siamo un Paese di collegamento che si trova nel punto d’incontro di nuove linee di divisione geopolitiche, che ci permetteranno di trarre vantaggio dal fungere da punto intermedio tra Stati Uniti e Cina o Cina ed Europa. 

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles