0.5 C
Rome
martedì, Aprile 16, 2024

Slovacchia. Il primo ministro populista sta causando il caos. Trasforma le fake news in una “dottrina di Stato”

Slovacchia. Il primo ministro populista sta causando il caos. Trasforma le fake news in una “dottrina di Stato”

La Slovacchia è governata per la quarta volta dal populista Robert Fico. Il gabinetto è formato dal suo partito insieme al gruppo del suo ex deputato e dei nazionalisti. Due scrittori slovacchi mettono in guardia contro un politico tornato al potere. Robert Fico non esita a lungo. Appena due settimane dopo aver prestato nuovamente giuramento come Primo Ministro  della Slovacchia, un uomo che si dichiara socialdemocratico ma in realtà è un populista con tendenze nazionaliste lancia un attacco ai suoi critici, soprattutto nei media. 

Secondo lui, la televisione privata Markiza TV, i giornali “Dennik N” e “SME”, nonché il portale Aktuality.sk sono “ostili” al suo partito al governo Smer-SSD (Direzione socialdemocrazia slovacca), e quindi la presenza dei loro rappresentanti nel palazzo del governo è da lui considerata “indesiderabile”. Il Paese non può essere controllato dai media o dalle organizzazioni non governative, ha affermato Fico nella sua denuncia al governo martedì (14/11/2023).

Nella primavera del 2018, Robert Fico è stato costretto a dimettersi dopo un’ondata di proteste che hanno travolto il Paese. Anche il ministro degli Interni e il capo della polizia hanno dovuto andarsene. Un killer a contratto ha sparato e ucciso il giornalista investigativo Ján Kuciak e la sua fidanzata Martina Kusznírová. Kuciak ha indagato sui collegamenti tra il partito Smer del primo ministro Fico e la mafia italiana. L’uomo d’affari slovacco Marian Koczner è stato preso di mira dagli investigatori che indagavano sull’omicidio e sono state rivelate la corruzione nel sistema giudiziario slovacco e l’influenza su di esso.

Nelle elezioni del 30 settembre 2023, Fico e il suo partito hanno ottenuto oltre il 23% dei voti. Questo è il risultato di oltre tre anni di governo da parte di una coalizione liberal-conservatrice profondamente divisa. Per il pluripremiato scrittore slovacco Pavol Rankov questo risultato elettorale resta però incomprensibile. “Sembra che Fico sia un superuomo indistruttibile”, dice.

Leader degli uomini arrabbiati

Il suo collega, scrittore e giornalista Michal Hvorecký, che, come Rankov, è uno dei più importanti autori slovacchi contemporanei, spiega il ritorno di Robert Fico con l’insoddisfazione degli slovacchi nei confronti dei governi precedenti. Ciò ha avvantaggiato i populisti come Fico, che sono stati in grado di dominare il discorso senza reagire ai problemi reali.

Hvorecký cita come esempio il tema della migrazione. In realtà la Slovacchia ha un problema con l’emigrazione, soprattutto giovanile, ma il primo ministro alimenta i timori di uno “scambio di popolazione” causato dall’immigrazione. Sono due anni che Fico prepara il suo ritorno, dice Hvorecký. Durante la pandemia, è diventato un leader di persone arrabbiate e si è presentato con successo in pubblico come un uomo forte. Ora governa in una tripla coalizione con il partito Hlas, creato dai suoi ex colleghi che hanno lasciato lo Smer nel 2020, e il Partito nazionale slovacco (SNS), nazionalista di destra.

L’Ucraina perde così uno stretto alleato. Il primo ministro slovacco ha annunciato il cambio di rotta in campagna elettorale. “Non verrà consegnato più un missile” all’Ucraina, ha dichiarato allora Fico, allarmando Bruxelles. Ritirando le forniture di armi all’Ucraina, la Slovacchia indebolisce non solo il suo vicino orientale, ma anche l’Unione Europea e la NATO.

“Il Cremlino è felice”

La Slovacchia in precedenza aveva addirittura ceduto il proprio sistema di difesa aerea agli ucraini e aveva anche fornito carri armati , aerei e munizioni al suo vicino. Adesso Fico ha seguito la rotta tracciata da Orbán. Alcuni osservatori temono che possa emergere un asse filo-russo tra Bratislava e Budapest. Il primo ministro ungherese Viktor Orbán ha recentemente incontrato Putin al vertice della Via della Seta a Pechino. L’Ungheria importa ancora molto gas russo e attrezzature nucleari e blocca anche i fondi UE per l’adesione dell’Ucraina e della Svezia alla NATO.

– I risultati delle elezioni in Slovacchia hanno reso molto felice il Cremlino – dice Hvorecký. Del resto anche i russi hanno lavorato per raggiungere questo “risultato desiderato”, soprattutto online. Secondo lo scrittore, l’influenza russa sui social media è molto grande. – Ci sono registrazioni video e audio che mostrano un rappresentante dell’ambasciata russa che paga un cosiddetto giornalista di un portale di disinformazione di grande successo – dice Hvorecký di Bohusz Garbár del portale “Hlavné správy”, che varie classifiche si collocano tra il 15° e il 35° posto nell’elenco dei siti web slovacchi più letti. Garbár è stato giudicato colpevole di spionaggio a favore della Russia, per il quale è stato condannato

Tragedia a Cracovia. Il corpo di un uomo è stato ripescato nel fiume Vistola. C’è un pubblico ministero che lavora sul posto

Hvorecký ritiene che il governo di Robert Fico non stia combattendo la disinformazione, ma stia facendo delle fake news una “dottrina di stato”: ha chiuso il dipartimento per la lotta alla disinformazione nella polizia e ha anche disattivato il sito web della polizia che mette in guardia contro le fake news “Hoaxy a podvody” (” Bufale e truffe”), giustificandolo difendendo la “libertà di parola”. Poi è stato annunciato che la pagina Facebook continuerà a funzionare, ma non si occuperà di questioni di cui “non avrebbe dovuto occuparsi”.

La società civile ora deve “essere molto vigile”, afferma Hvorecký. Secondo lui l’Unione europea deve mostrare maggiore spirito combattivo nella guerra dell’informazione, le grandi aziende Internet dovrebbero essere più regolamentate e i siti web e le applicazioni dovrebbero essere bloccati e cancellati perché “stanno rubando la nostra democrazia davanti ai nostri occhi”.

Rankov è preoccupato per il futuro

Lo scrittore Rankov ricorda con affetto la “Rivoluzione di velluto” della sua giovinezza, sogna una vita senza comunisti e senza l’influenza russa. Una volta credeva anche che l’esistenza stessa dell’Unione europea avrebbe garantito sicurezza e libertà. “I miei desideri non sono stati esauditi”, dice con amarezza, aggiungendo che invecchiando dovrà “preoccuparsi per il futuro militare” della sua patria. Se la Russia vincesse la guerra con l’Ucraina, “avremmo un nuovo vicino proprio al nostro confine orientale ”. Nel suo romanzo distopico “La piccola guerra del Danubio” mostra che i confini possono essere molto permeabili. Descrive come le rivolte dopo una partita di calcio portino alla guerra tra gli stati membri dell’Unione Europea: Slovacchia e Ungheria.

L’articolo proviene da Deutsche Welle .

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles