24.4 C
Rome
martedì, Maggio 21, 2024

Sindaco di Zhytomyr: I rifugiati hanno visto una realtà diversa in Polonia e la porteranno con sé in Ucraina

Sindaco di Zhytomyr: I rifugiati hanno visto una realtà diversa in Polonia e la porteranno con sé in Ucraina

Sindaco di Zhytomyr: Decentralizzare significa delegare parte del potere agli enti locali, secondo il principio di sussidiarietà. Questo è associato all’Unione Europea, nella quale la Germania svolge il ruolo principale. Dato che l’America ha problemi in varie parti del mondo e problemi con la sua opinione pubblica, pensa che gli Stati Uniti non ritireranno tanto gli aiuti internazionali all’Ucraina, ma vorranno cedere il coordinamento di questi aiuti alla Germania? , come il giocatore più forte d’Europa?

La Germania, a mio avviso, assumerà questo ruolo. Posso anche, come sindaco della città, dire che apprezzo molto la cooperazione con la Polonia e la Gran Bretagna. Perché la Polonia? Innanzitutto perché ci sei vicino mentalmente. In secondo luogo, perché le riforme, o più in generale, la trasformazione, che la Polonia ha subito prima e durante la sua adesione all’Unione Europea sono state molto più rapide ed efficaci di molte altre riforme introdotte nei paesi della Vecchia Europa. L’Ucraina non ha tempo per attuare riforme o effettuare trasformazioni per molti anni dopo la guerra.

Tutto deve essere fatto allo stesso tempo…Sì. Abbiamo bisogno di una trasformazione rapida, non solo della ricostruzione dell’Ucraina. Le esperienze polacche potrebbero essere più preziose per noi. Questa è la mia opinione. Ma la Germania lo farà in quanto economia più forte.

Come ti ha toccato personalmente questa guerra? Come si affronta il regime praticamente di 24 ore, a volte chiamato oggi 24 ore su 24, 7 giorni su 7?Oggi è molto più facile. Vivo in centro, non lontano da qui. Il primo giorno di guerra ero qui verso le 5 del mattino. Alle 7 o alle 8 del mattino si teneva la seduta del Consiglio Comunale. E a dire il vero, non ho lasciato questo ufficio 24 ore su 24 per un mese. Non sono tornato a casa nemmeno una volta al mese!

Quindi l’ufficio del sindaco fungeva anche da camera da letto?Abbiamo dormito qui, per terra, lì c’è un divano. Eravamo in quattro. Cambiavamo continuamente, perché durante i raid aerei scendevamo di due piani, fino al piano terra, perché l’edificio non ha un vero e proprio rifugio antiaereo. Qui ci sono i soffitti in legno, quindi non so se ci avrebbe aiutato, ma psicologicamente è stato un po’ più facile.

Nervi d’acciaio.Nelle prime settimane, quando abbiamo subito attacchi al settore privato, abbiamo lavorato qui 24 ore su 24. Il primo giorno abbiamo iniziato a costruire strutture difensive a Zhytomyr e nei dintorni, e dopo una settimana stavamo costruendo fortificazioni in un raggio di circa 30 chilometri dalla città. È stato lo stesso quando abbiamo dovuto affrontare le esplosioni all’aeroporto militare di Ozerny, quando stava arrivando un razzo o una bomba. Perché dovete sapere che all’inizio qui operavano aerei russi, non avevamo un’adeguata difesa antiaerea, gli aerei russi decollavano dalla Bielorussia e sganciavano bombe da bassa altezza vicino all’ospedale e agli edifici residenziali… Fa paura pensare cosa sarebbe successo nella regione di Korolev, dove ci

sono diversi ospedali, letteralmente uno accanto all’altro.Lì e vicino a via Zhujka vicino al ponte, il nemico ha cercato di attaccare “Tepłokomunenerho”. Quando ricevi un compito preparato dai militari, perché al centro della pista di cemento c’è un buco attraverso il quale gli aerei non possono volare – ed è sera e inverno! – agisci e basta. Abbiamo trovato l’attrezzatura, abbiamo trovato il modo di procurarci un’enorme fresatrice per calcestruzzo da un’azienda cinese che in quel momento stava costruendo la nostra tangenziale. Hanno lavorato tutta la notte, hanno livellato la zona, hanno fatto tutto e alle 11 gli aerei sono decollati. Ed era sempre così, lavoravamo così. Inoltre abbiamo fatto tantissime altre cose. Abbiamo anche ricevuto e distribuito armi e fornito protezione a strutture strategiche. Ad aprile mio figlio si è arruolato nell’esercito, è stato abbastanza difficile, mia moglie non voleva andare da nessuna parte… Ho altre due figlie, le ho mandate con i miei genitori in Moldavia, sono rimaste lì per tre settimane, sono arrivate indietro e sono qui permanentemente. Per questo posso dire che sto bene.

Serhiy Sukhomlyn nel suo ufficio, in conversazione con l’autore dell’intervista. Foto DSK

Lei ha detto – ed è stato bello sentirlo – che la Polonia può essere un modello per l’Ucraina in termini di trasformazione. Vorrei aggiungere che l’Ucraina può essere un modello per la Polonia in termini di resilienza e organizzazione in condizioni così difficili e stressanti.L’Ucraina ha sempre avuto momenti difficili. Questo è un po’ uno scherzo, ma qui ci sono contesti storici. Per favore guarda l’Ucraina cosacca. Si trattava in realtà di insediamenti contadini, un piccolo numero di città. Una vita pacifica, ma se arrivasse un nemico, tutti si radunerebbero e lo rifiuterebbero insieme. Quindi la situazione è più o meno la stessa. Resta nel nostro DNA. Nei primi giorni dopo l’attacco c’erano code di persone in attesa a 500 metri al commissariato militare e non c’erano abbastanza brigate perché tutti potessero ricevere un incarico. Oggi a Zhytomyr opera la 44a Brigata Speciale, composta da diverse migliaia di persone. Era legato nel mio ufficio all’inizio di marzo. Abbiamo chiesto allo Stato Maggiore il permesso di registrare la brigata, perché a Zhytomyr c’erano molte persone disposte ad arruolarsi nell’esercito e non c’erano posti nelle altre brigate. E oggi a Zhytomyr sono registrati: la 95a Brigata, la 44a Brigata, la 148a Brigata d’assalto aviotrasportata, la 46a Brigata d’assalto aviotrasportata, due grandi centri di addestramento con diverse migliaia di persone ciascuno, diversi battaglioni separati che combattono oggi nell’est e una brigata di difesa territoriale. Un numero enorme di personale militare. Dirò che nel 2014 l’oblast di Zhytomyr era al primo posto in termini di numero di persone che si sono offerte volontarie. Zhytomyr Oblast, non l’Ucraina occidentale.

– intervistato da Dominik Szczęsny-Kostanecki

TVP SETTIMANALE, ul. Woronicza 17, 00-999 Varsavia. Redazione e autori

L’intervista è stata condotta il 20 ottobre..

Serhiy Sukhomlyn. Foto DSK

Serhiy Ivanovych Sukhomlyn (nato nel 1971) – Imprenditore, militare, politico ucraino. Due volte (2015, 2020) eletto presidente del comitato esecutivo della città (sindaco) di Zhytomyr. Cofondatore del partito “Proposta”, che riunisce i funzionari del governo locale ucraino. Per sua decisione personale, due strade Zhytomyr furono intitolate rispettivamente a Giovanni Paolo II e Lech Kaczyński. Padre di tre figli.

: I rifugiati hanno visto una realtà diversa in Polonia e la porteranno con sé in Ucraina

Quale percentuale di ucraini sapeva cosa fosse la Polonia nel 2002? Molto piccolo. E nel giro di 20 anni, la Polonia ha compiuto un enorme balzo in avanti in termini di sviluppo. Recentemente, più di 5 milioni di ucraini sono venuti in Polonia, hanno visto qui una realtà diversa e l’hanno sperimentata. Spero che ritorneranno in Ucraina, e ciò che porteranno con sé – il ricordo della gentilezza dei polacchi, ciò che la Polonia ha fatto per loro durante la guerra – avrà un impatto anche sui nostri politici, afferma Serhiy Ivanovych Sukhomlyn, sindaco di Zhytomyr.

La guerra in Ucraina va avanti da 20 mesi e durante questo periodo abbiamo assistito al bombardamento di Zhytomyr. Abbiamo guardato con orrore l’edificio bombardato della scuola secondaria di matematica n. 25. Tuttavia, Zhytomyr, non essendo situata nella zona del fronte, può sembrare relativamente sicura anche agli sfollati dall’est. Qual è l’atteggiamento dei residenti di Zhytomyr nei confronti degli sfollati interni arrivati ​​qui da febbraio 2022?

SERHIY SUKHOMLYN:
 Dall’inizio dell’aggressione russa, Zhytomyr è stato bersaglio di numerosi attacchi. Già la prima notte si sono verificati attacchi missilistici nelle vicinanze della città. È successo che vicino a Zhytomyr siano stati effettuati più di 20 attacchi in un giorno, il record inglorioso è di 24 casi simili. Non solo la nostra scuola è stata distrutta, ma anche molti edifici residenziali e industriali, così come grandi impianti energetici e sottostazioni di trasformazione che forniscono elettricità alla città. Questo è il motivo per cui la maggior parte dei profughi di guerra che arrivavano a Zhytomyr, soprattutto nelle prime settimane e nei primi mesi, rimanevano qui solo per due o tre giorni. Li abbiamo poi inviati nell’Ucraina occidentale e quindi abbiamo lavorato come centro logistico. E poiché molte persone sono fuggite dalla regione di Kiev – Irpen, Bucha e altre città – le abbiamo aiutate utilizzando gli autobus della nostra compagnia di trasporti pubblici.A Zhytomyr non abbiamo registrato alcun numero straordinario di sfollati interni; i dati ufficiali indicano 14.000. 

Ma lasciatemi essere sincero: siamo più numerosi di quanto sembrerebbe da una semplice somma di dati numerici. Non tutti sono ufficialmente registrati. A volte semplicemente non hanno tempo per farlo.Oggi molte città dell’Ucraina orientale sono state distrutte e, anche quando l’Ucraina vincerà, alcune di esse non potranno essere ricostruite o non avranno senso. Siamo interessati a mantenere queste persone a Zhytomyr perché consideriamo i rifugiati come la nostra opportunità. Ricordiamo che alcuni se ne sono andati, altri si sono mobilitati. Vogliamo che la città si sviluppi, e può svilupparsi quando qui ci sono bambini e giovani, quando ci sono persone che possono lavorare. Quindi i profughi di guerra per noi non costituiscono un peso, anzi, ci danno più opportunità.

Case bombardate dai russi a Zhytomyr, 6 marzo 2022. Foto. Konrad Falecki / Gazeta Polska / Forum

Quindi l’arrivo dei profughi dall’Est colma il vuoto che si è creato quando alcune persone se ne sono andate?Sì, spero che, nonostante la Polonia offra ottime condizioni ai rifugiati ucraini, questi ritorneranno nella nostra città.

Certo, capisco perfettamente questa posizione. L’Ucraina dovrà riavere i suoi dipendenti. E precisamente: qual è la situazione delle imprese di Zhytomyr? Gli affari vengono da lì insieme ai profughi dall’Est? Praticamente no. La prima ondata di delocalizzazioni aziendali avvenuta la scorsa primavera è stata piuttosto ampia: sono state trasferite migliaia di aziende, sia di piccole che di medie dimensioni. Hanno localizzato la loro produzione principalmente nell’Ucraina occidentale, nelle regioni di Ivano-Frankivsk, Lviv e Zakarpattia. Letteralmente 5-6 aziende si sono trasferite a Zhytomyr e la maggior parte di loro sono piccole imprese. Ma per il business di Zhytomyr, da cui molti uomini sono partiti per arruolarsi nell’esercito, i rifugiati sono una forza vivificante. 

Durante la guerra, nel marzo di quest’anno, abbiamo aperto un impianto di trattamento dei rifiuti, che gli investitori hanno costruito per due anni. È stata completata anche la costruzione di una grande azienda italiana denominata “Ferplast”, le attrezzature devono solo essere integrate. È un marchio conosciuto in tutto il mondo. Pertanto, gli affari si sviluppano nonostante le condizioni sfavorevoli, e i rifugiati interni rappresentano un’opportunità perché – lo sottolineo ancora una volta – l’attività economica, di regola, si sposta nell’ovest del paese.

Bene, questo andrebbe d’accordo con quello che hai detto all’inizio, che per molti Zhytomyr era solo una tappa sulla strada verso ovest. È difficile trasferire qui gli affari per due o tre giorni…Dirò questo: unità avanzate delle truppe russe sono entrate nella regione di Zhytomyr a una distanza di 30 chilometri dalla città (durante un tentativo di prendere il controllo di Kiev all’inizio del la guerra), quindi anche qui non era sicuro.

A proposito di sicurezza: Zhytomyr è preparato per potenziali attacchi alle infrastrutture critiche, come ricordiamo dallo scorso autunno?La scorsa stagione di riscaldamento, cioè l’inverno, abbiamo fatto abbastanza bene. Credo che la nostra situazione fosse una delle migliori in Ucraina, perché nella maggior parte delle città ucraine, comprese a Lviv, Khmelnytsky, Vinnitsa e Kiev – ogni giorno sono state registrate interruzioni di corrente per diverse ore. Non abbiamo avuto quasi nessun fallimento del genere. Perché? Non perché abbiamo un limite energetico più alto. Ci è stato dato lo stesso limite che in altre città. Ma ci siamo preparati bene: prima dello scoppio della guerra lavoravamo all’infrastruttura già da 5-6 anni.

Se parliamo della società che fornisce calore a Zhytomyr (società di servizi pubblici), fino all’ultima stagione di riscaldamento sapevamo che la Russia avrebbe potuto colpire i locali caldaie, i grandi locali caldaie. Ne abbiamo 34 in città e abbiamo fatto collegamenti tra loro: quando uno si rompe, riusciamo a compensare questo fallimento grazie ad altri. Questa è la prima cosa.In secondo luogo, durante questo periodo abbiamo già costruito 4 caldaie a legna. Funzionano a pieno regime, alimentati da cippato, e se questo non bastasse nelle ore di punta, aggiungiamo gas. Nel 2014 Zhytomyr ha utilizzato 95 milioni di metri cubi di gas per il riscaldamento e nell’ultima stagione di riscaldamento abbiamo utilizzato 47 milioni di metri cubi di 

gas . In effetti, abbiamo locali caldaie in ogni distretto: se ci fossero problemi con l’approvvigionamento di gas, se il nemico attaccasse le reti del gas con grande forza, sì, non garantiremo una temperatura confortevole, ma grazie a questi locali caldaie non permetteremo il sistema da fermare.Terzo, abbiamo i generatori. Dal 1° gennaio circa il 40% di tutti gli impianti di “Wodokanal” e “Tepłokomunenerho” erano già dotati di generatori con una potenza compresa tra 100 kW e 1,6 MW.

Decentralizzare significa delegare parte del potere agli enti locali, secondo il principio di sussidiarietà. Questo è associato all’Unione Europea, nella quale la Germania svolge il ruolo principale. Dato che l’America ha problemi in varie parti del mondo e problemi con la sua opinione pubblica, pensa che gli Stati Uniti non ritireranno tanto gli aiuti internazionali all’Ucraina, ma vorranno cedere il coordinamento di questi aiuti alla Germania? , come il giocatore più forte d’Europa?La Germania, a mio avviso, assumerà questo ruolo. Posso anche, come sindaco della città, dire che apprezzo molto la cooperazione con la Polonia e la Gran Bretagna. Perché la Polonia? Innanzitutto perché ci sei vicino mentalmente. In secondo luogo, perché le riforme, o più in generale, la trasformazione, che la Polonia ha subito prima e durante la sua adesione all’Unione Europea sono state molto più rapide ed efficaci di molte altre riforme introdotte nei paesi della Vecchia Europa. L’Ucraina non ha tempo per attuare riforme o effettuare trasformazioni per molti anni dopo la guerra.

Tutto deve essere fatto allo stesso tempo…Sì. Abbiamo bisogno di una trasformazione rapida, non solo della ricostruzione dell’Ucraina. Le esperienze polacche potrebbero essere più preziose per noi. Questa è la mia opinione. Ma la Germania lo farà in quanto economia più forte.

Come ti ha toccato personalmente questa guerra? Come si affronta il regime praticamente di 24 ore, a volte chiamato oggi 24 ore su 24, 7 giorni su 7?Oggi è molto più facile. Vivo in centro, non lontano da qui. Il primo giorno di guerra ero qui verso le 5 del mattino. Alle 7 o alle 8 del mattino si teneva la seduta del Consiglio Comunale. E a dire il vero, non ho lasciato questo ufficio 24 ore su 24 per un mese. Non sono tornato a casa nemmeno una volta al mese!

Quindi l’ufficio del sindaco fungeva anche da camera da letto?Abbiamo dormito qui, per terra, lì c’è un divano. Eravamo in quattro. Cambiavamo continuamente, perché durante i raid aerei scendevamo di due piani, fino al piano terra, perché l’edificio non ha un vero e proprio rifugio antiaereo. Qui ci sono i soffitti in legno, quindi non so se ci avrebbe aiutato, ma psicologicamente è stato un po’ più facile.

Nervi d’acciaio.Nelle prime settimane, quando abbiamo subito attacchi al settore privato, abbiamo lavorato qui 24 ore su 24. Il primo giorno abbiamo iniziato a costruire strutture difensive a Zhytomyr e nei dintorni, e dopo una settimana stavamo costruendo fortificazioni in un raggio di circa 30 chilometri dalla città. È stato lo stesso quando abbiamo dovuto affrontare le esplosioni all’aeroporto militare di Ozerny, quando stava arrivando un razzo o una bomba. Perché dovete sapere che all’inizio qui operavano aerei russi, non avevamo un’adeguata difesa antiaerea, gli aerei russi decollavano dalla Bielorussia e sganciavano bombe da bassa altezza vicino all’ospedale e agli edifici residenziali… Fa paura pensare cosa sarebbe successo nella regione di Korolev, dove ci

sono diversi ospedali, letteralmente uno accanto all’altro.Lì e vicino a via Zhujka vicino al ponte, il nemico ha cercato di attaccare “Tepłokomunenerho”. Quando ricevi un compito preparato dai militari, perché al centro della pista di cemento c’è un buco attraverso il quale gli aerei non possono volare – ed è sera e inverno! – agisci e basta. Abbiamo trovato l’attrezzatura, abbiamo trovato il modo di procurarci un’enorme fresatrice per calcestruzzo da un’azienda cinese che in quel momento stava costruendo la nostra tangenziale. Hanno lavorato tutta la notte, hanno livellato la zona, hanno fatto tutto e alle 11 gli aerei sono decollati. Ed era sempre così, lavoravamo così. Inoltre abbiamo fatto tantissime altre cose. Abbiamo anche ricevuto e distribuito armi e fornito protezione a strutture strategiche. Ad aprile mio figlio si è arruolato nell’esercito, è stato abbastanza difficile, mia moglie non voleva andare da nessuna parte… Ho altre due figlie, le ho mandate con i miei genitori in Moldavia, sono rimaste lì per tre settimane, sono arrivate indietro e sono qui permanentemente. Per questo posso dire che sto bene.

Serhiy Sukhomlyn nel suo ufficio, in conversazione con l’autore dell’intervista. Foto DSK

Lei ha detto – ed è stato bello sentirlo – che la Polonia può essere un modello per l’Ucraina in termini di trasformazione. Vorrei aggiungere che l’Ucraina può essere un modello per la Polonia in termini di resilienza e organizzazione in condizioni così difficili e stressanti.L’Ucraina ha sempre avuto momenti difficili. Questo è un po’ uno scherzo, ma qui ci sono contesti storici. Per favore guarda l’Ucraina cosacca. Si trattava in realtà di insediamenti contadini, un piccolo numero di città. Una vita pacifica, ma se arrivasse un nemico, tutti si radunerebbero e lo rifiuterebbero insieme. Quindi la situazione è più o meno la stessa. Resta nel nostro DNA. 

Nei primi giorni dopo l’attacco c’erano code di persone in attesa a 500 metri al commissariato militare e non c’erano abbastanza brigate perché tutti potessero ricevere un incarico. Oggi a Zhytomyr opera la 44a Brigata Speciale, composta da diverse migliaia di persone. Era legato nel mio ufficio all’inizio di marzo. Abbiamo chiesto allo Stato Maggiore il permesso di registrare la brigata, perché a Zhytomyr c’erano molte persone disposte ad arruolarsi nell’esercito e non c’erano posti nelle altre brigate. E oggi a Zhytomyr sono registrati: la 95a Brigata, la 44a Brigata, la 148a Brigata d’assalto aviotrasportata, la 46a Brigata d’assalto aviotrasportata, due grandi centri di addestramento con diverse migliaia di persone ciascuno, diversi battaglioni separati che combattono oggi nell’est e una brigata di difesa territoriale. Un numero enorme di personale militare. Dirò che nel 2014 l’oblast di Zhytomyr era al primo posto in termini di numero di persone che si sono offerte volontarie. Zhytomyr Oblast, non l’Ucraina occidentale.

– intervistato da Dominik Szczęsny-Kostanecki

L’intervista è stata condotta il 20 ottobre..

Serhiy Sukhomlyn. Foto DSK

Serhiy Ivanovych Sukhomlyn (nato nel 1971) – Imprenditore, militare, politico ucraino. Due volte (2015, 2020) eletto presidente del comitato esecutivo della città (sindaco) di Zhytomyr. Cofondatore del partito “Proposta”, che riunisce i funzionari del governo locale ucraino. Per sua decisione personale, due strade Zhytomyr furono intitolate rispettivamente a Giovanni Paolo II e Lech Kaczyński. Padre di tre figli.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles