0.5 C
Rome
martedì, Aprile 16, 2024

È morto Stanisław Kral-Leszczyński, pseudonimo di “Stach”. Il partecipante alla rivolta di Varsavia aveva 100 anni

È morto Stanisław Kral-Leszczyński, pseudonimo di “Stach”. Il partecipante alla rivolta di Varsavia aveva 100 anni

È morto uno degli eroi dell’insurrezione di Varsavia, Stanisław Kral-Leszczyński – lo ha annunciato tramite i social la Fondazione Nie Forget About Us. Il ribelle, che operava nel reggimento “Baszta” sotto lo pseudonimo di “Stach”, aveva 100 anni. La notizia della morte di uno degli illustri partecipanti all’insurrezione di Varsavia è stata pubblicata lunedì (13 novembre) sul profilo Facebook “Nie Forget About Us, Varsavia Insurgents “. Secondo la fondazione Stanisław Kral-Leszczyński aveva 100 anni.

Stanisław Kral-Leszczyński è morto. “Vivere senza una mano non ha senso”

“È stato un grande onore per noi essere amici del signor Stanisław e sostenerlo quotidianamente nell’ambito dei progetti di assistenza della fondazione. Riposa in pace, eroe! Condoglianze alla moglie Jadwiga, ai figli, ai nipoti e a tutti i suoi cari ,” si legge nella voce. Il post era accompagnato da una foto del signor Stanisław, scattata in occasione della celebrazione del suo centesimo compleanno.

“In ginocchio ho chiesto al commissario militare di riportare a casa i bambini”: nuovi dettagli sullo scandalo che ha coinvolto la mobilitazione dell’autista

L’uomo ha partecipato alla rivolta nel quartiere Mokotów di Varsavia come parte del reggimento “Baszta” con lo pseudonimo di “Stach”. La voce ricorda che è stato ferito alla mano da un proiettile di artiglieria durante i combattimenti. ” Viene da me il dottore , in realtà era uno studente del terzo anno, come ho scoperto dopo, l’ha guardato e ha detto: ‘Tagliamolo, dobbiamo tagliarlo.’ Dico: “Non sono d’accordo”. “Allora morirai.” Allora ho detto: ‘Allora morirò’. Perché penso tra me: “Beh, vivere senza una mano non ha senso”. Il sacerdote venne, fece la confessione formale, diede il viatico per il viaggio e un’ostia come comunione. Ma io non morii, sopravvissi ferito fino alla capitolazione di Mokotów”, ha riferito per l’Archivio di storia orale .

È morto uno degli eroi della rivolta di Varsavia. Ciò che più gli piaceva era “essere libero”

Stanisław Kral-Leszczyński è nato il 7 gennaio 1923 a Tarnopol. Dal 1942 fu membro dell’Unione di lotta armata, dove ricevette la prima formazione. Nel 1943-1944 frequentò la scuola per cadetti dell’Esercito nazionale a Białystok. Partecipò attivamente alla rivolta di Varsavia . Alla domanda su quale momento dei combattimenti ricordasse meglio, ha risposto: “Probabilmente l’inizio della rivolta , che finalmente c’è la Polonia, che siamo liberi, ciò significa non che c’è la Polonia, ma che non c’è più occupazione e che voi puoi fare qualcosa, puoi avere armi, puoi sparare, puoi essere libero.”

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles