25.6 C
Rome
domenica, Giugno 23, 2024

La stazione radio che ha creato la Polonia indipendente

La stazione radio che ha creato la Polonia indipendente. Quando pensiamo a questa data, immaginiamo le bandiere bianche e rosse, il maresciallo Józef Piłsudski e forse i legionari con l’aquila sul berretto.

La stazione radio che ha creato la Polonia indipendente. L’11 novembre celebriamo l’anniversario della riconquista dell’indipendenza della Polonia. Quando pensiamo a questa data, immaginiamo le bandiere bianche e rosse, il maresciallo Józef Piłsudski e forse i legionari con l’aquila sul berretto. Vale la pena tenere a mente un altro simbolo. Si tratta della non più esistente stazione radio WAR, che ebbe un ruolo fondamentale in quei giorni drammatici del 1918. Da lì venne inviato al mondo il telegramma che informava sulla fondazione dello Stato polacco. La sua storia è estremamente interessante e merita di essere ricordata

L’11 novembre 1918 la Polonia riacquistò l’indipendenza dopo 123 anni di spartizione. Quel giorno il Consiglio di reggenza consegnò il comando delle forze armate polacche al maresciallo Józef Piłsudski. Celebriamo l’anniversario di questo evento come Giorno dell’Indipendenza Nazionale. Questa è una data convenzionale, poiché c’erano più atti almeno altrettanto importanti.

Era il 14 novembre, ad esempio, quando il Consiglio di reggenza trasferì a Piłsudski anche il potere politico. Il principe reggente Zdzisław Lubomirski ha obbligato il maresciallo a nominare entro breve tempo un governo, comprendente i rappresentanti di tutti i principali gruppi politici, e a indire le elezioni parlamentari. L’idea era quella di impedire l’instaurazione di una dittatura militare o addirittura lo scoppio di una guerra civile.

Piłsudski ha incaricato Ignacy Daszyński di formare un governo. Anche se la missione fallì, il 17 novembre Jędrzej Moraczewski creò il primo governo permanente, ma in questo caso era fondamentale che esistesse il potere polacco, indipendente dai recenti invasori. Erano occupati con i propri affari e non potevano fare nulla per fermare la creazione della Polonia indipendente. Piłsudski potrebbe nominare il capo del governo senza guardare alle capitali degli altri paesi.

Telegramma

Vale anche la pena notare almeno una data molto importante. È il 18 novembre. Quel giorno Piłsudski inviò al mondo un telegramma notificando la fondazione dello Stato polacco. Ha dimostrato che la Polonia era rinata e avrebbe deciso da sola e avrebbe avviato le relazioni internazionali. Il mondo aveva bisogno di sapere che il nostro Paese stava tornando sulla mappa, e così è stato . Il contenuto di questo messaggio è stato preservato.

“In qualità di comandante in capo dell’esercito polacco, desidero informare i governi e le nazioni belligeranti e neutrali dell’esistenza dello Stato polacco indipendente, che copre tutte le terre della Polonia unita. La situazione politica in Polonia e il giogo dell’occupazione non hanno ancora permesso alla nazione polacca di parlare liberamente del suo destino. Grazie ai cambiamenti avvenuti in seguito alle brillanti vittorie degli eserciti alleati, il ripristino dell’indipendenza e della sovranità della Polonia è diventato da allora un fatto compiuto.

“Lo Stato polacco è creato dalla volontà dell’intera nazione e si basa su basi democratiche. Il governo polacco sostituirà il regno di violenza che ha pesato sul destino della Polonia per centoquaranta anni, con un sistema fondato sull’ordine e sulla giustizia. Per quanto riguarda l’esercito polacco sotto il mio comando, spero che d’ora in poi nessun esercito straniero entrerà in Polonia finché non avremo espresso la nostra volontà formale in merito. “Sono convinto che le potenti democrazie dell’Occidente forniranno il loro aiuto e il loro sostegno fraterno alla Rinata ed Indipendente Repubblica Polacca”. E altre firme: il comandante in capo Piłsudski e il ministro Filipowicz.

L’importanza dell‘atto di riconoscimento della Polonia sulla scena internazionale è altrettanto significativa quanto la storia della stazione radio WAR con la quale è stato trasmesso il messaggio. Si potrebbe essere tentati di dire che l’installazione è un simbolo dimenticato di quei tempi, e che in seguito ha anche svolto il suo compito quando era necessario lottare per l’indipendenza contro l’assalto sovietico nel 1920.

Evacuazione

Nel novembre 1918 il tempo era importante, ma lo erano anche le procedure. Il 16 novembre, il nuovo capo di stato maggiore dell’esercito polacco, il generale Stanisław Szeptycki, concluse con i tedeschi un accordo di evacuazione , che fu il preludio alla dichiarazione di indipendenza. Si prevedeva che i soldati tedeschi potessero lasciare le zone controllate dai polacchi con le armi, ma tutte le armi dovevano essere consegnate quando attraversavano il confine del Regno di Polonia.

Fu rilevata una stazione radiotelegrafica intatta con il segnale di riconoscimento della GUERRA, situata nella Cittadella di Varsavia. La fortezza fu costruita per ordine dello zar Nicola I, dopo il fallimento della rivolta di novembre, per mantenere il controllo sulla città ribelle. Divenne il simbolo dell’occupazione russa e molti patrioti polacchi vi furono imprigionati e assassinati.

I tedeschi presero Varsavia e la cittadella nel 1915, e la stazione radio costruita nella fortezza fu utilizzata per mantenere la comunicazione con il quartier generale di Liegi, in Belgio, e il comando del fronte orientale. I nuovi occupanti volevano avere una rete di comunicazione sviluppata nell’est per poter coordinare meglio le azioni dell’esercito combattente sul fronte orientale.

Grazie al telegramma il mondo venne a conoscenza della fondazione della Polonia indipendente (foto: CNA)
Grazie al telegramma il mondo venne a conoscenza della fondazione della Polonia indipendente (foto: CNA)

Nelle casematte della postazione tra il 3° e il 4° Bastione si trovava un trasmettitore a scintilla Telefunken con una potenza di 4 kW, che è all’incirca uguale a due moderne lavatrici. A quel tempo, tuttavia, si trattava di un dispositivo estremamente avanzato, soprattutto considerando le condizioni polacche. L’antenna era tesa tra due alberi, alti circa 70 metri.

Energia

Tuttavia non è stato fatto molto per quanto riguarda il nome della stazione radio, poiché era solo un’abbreviazione del nome di Varsavia. Quindi non c’era un grammo di fantasia coinvolta. Naturalmente nell’esercito la fantasia non viene valorizzata, ciò che conta è il potere. Ecco perché questa installazione era di fondamentale importanza per i tedeschi, e poi per i polacchi. Nel novembre 1918 stazioni radio simili operavano a Cracovia e Lublino, ma solo quella di Varsavia garantiva la consegna del messaggio di Piłsudski ai destinatari indicati.

Il 16 novembre Piłsudski e il capo del Ministero degli Affari Esteri, Tytus Filipowicz, prepararono un telegramma in cui notificavano la fondazione dello Stato polacco. Doveva essere inviato a tutte le capitali dei paesi belligeranti e neutrali. Si sapeva che la rete telegrafica doveva essere evitata perché altrimenti il ​​messaggio sarebbe arrivato a Berlino e Vienna, e solo successivamente ad altre capitali, il che avrebbe potuto suggerire la dipendenza di Varsavia da Berlino . Pertanto è stato necessario utilizzare le onde radio e ciò ha richiesto tempo.

Il 18 novembre la Cittadella fu presa e i tedeschi di stanza lì furono disarmati. L’operazione di invio del messaggio ebbe inizio quando nella fortezza erano presenti gli ultimi soldati tedeschi. Naturalmente non rappresentavano una grande minaccia, poiché a loro importava solo tornare a casa. Vale la pena notare, tuttavia, che solo una settimana prima i tedeschi avevano sparato ai volontari polacchi che si avvicinavano alle mura.

L’invio del messaggio è stato ordinato a un ex sergente dell’esercito tedesco, uno slesiano, Jan Pradellok, che in precedenza non aveva obbedito all’ordine di distruggere la stazione radio. Era anche un soldato cospiratore dell’Organizzazione militare polacca, subordinato a Piłsudski. Con lui ha collaborato l’operatore radiofonico polacco Bronisław Sroka.

Orario del fine settimana a Cracovia. Sarà patriottico e solenne, musicale e culinario. Pagheremo il parcheggio l’11 novembre

Codice

Dopo che la stazione radio era pronta a trasmettere il messaggio, questo doveva essere inserito in codice Morse. E poi ripeti questa azione per tutta la notte. Il messaggio era scritto in francese, poiché all’epoca era la lingua della diplomazia. Cominciarono mandando un telegramma a Parigi, ma i francesi si rifiutarono di riceverlo. Probabilmente non sapevano che in realtà erano le nuove autorità polacche a cercare di contattarli e che erano a conoscenza di un trucco tedesco.

Successivamente è andata molto meglio. Nella notte tra il 18 e il 19 novembre Pradellok e Sroka hanno inviato un messaggio alla stazione svedese di Karlsborg, che, dopo averlo letto, lo ha inviato ad altri paesi. Nel giro di due giorni si diffuse in quasi tutto il mondo. È andato, tra gli altri, a Washington, Parigi, Londra, Berlino, Vienna, Mosca e Bucarest. Il suo contenuto è stato pubblicato su molti giornali stranieri.

Il mondo sapeva già che la Polonia era un paese indipendente, aveva un proprio territorio e poteva partecipare ai prossimi colloqui di pace. Ciò probabilmente ha suscitato sorpresa in molte capitali, perché durante oltre 120 spartizioni la nostra patria è stata semplicemente dimenticata. Più di un diplomatico o un politico ha dovuto scoprire rapidamente cosa fosse la “Polonia” e chi fossero alcuni “polacchi”.

C’era anche qualche dubbio. Per le potenze dell’Intesa, cioè la coalizione che combatteva contro Germania e Austria-Ungheria, l’unico rappresentante degli interessi polacchi era ancora ufficialmente il Comitato nazionale polacco a Parigi, guidato da Roman Dmowski. Il telegramma non cambiava ancora la posizione di Parigi e Londra, ma era comunque un segno simbolico della ricostruzione dello Stato e della sua piena indipendenza dalle autorità tedesche. La questione del Comitato si è poi risolta senza alcun conflitto.

La Polonia ha riconquistato l’indipendenza e il mondo lo ha saputo grazie alla stazione radio WAR, ma questo non ha posto fine alla lotta dei polacchi per il proprio paese. Ben presto, la Russia sovietica cercò di esportare la rivoluzione comunista in Europa attraverso il territorio della Polonia e commise un’aggressione illegale sulle nostre terre. Anche in questo caso la stazione radio ha dimostrato la sua utilità.

La stazione radio servì anche durante la battaglia di Varsavia (foto: IPN)
La stazione radio servì anche durante la battaglia di Varsavia (foto: IPN)

Nell’agosto 1919, il tenente Jan Kowalski, mentre era in servizio notturno in sostituzione di un collega che era andato al matrimonio di sua sorella, per noia, iniziò ad analizzare materiali sovietici crittografati dal monitoraggio radio. Le file di numeri non significavano nulla, ma Kowalski decise – dopo aver letto il racconto “Lo scarabeo d’oro” di Edgar Allan Poe – che dovevano necessariamente nascondere la parola “divisione”, che in russo significa “diwizia”. La parola di tre sillabe con la seconda e la quarta lettera “i” è stata trovata molte volte nel mosaico dei numeri.

Comando

Questo è stato il primo passo per infrangere il codice russo e rendere più facile ottenere un vantaggio sul fronte. Un’altra svolta è stata la violazione del codice “Rewolucja”. Il 12 agosto 1920 la stazione radio WAR intercettò un ordine per la 16a armata sovietica, che fu rapidamente decifrato e immediatamente inviato a Piłsudski in Belvedere. Grazie a questa conoscenza fu sviluppato un contrattacco contro il fianco meridionale esposto del nemico, proveniente dalla linea del fiume Wieprz. L’operazione è stata audace e rischiosa. Se l’ordine intercettato non fosse stato letto, nella peggiore delle ipotesi, i russi avrebbero potuto vincere la guerra.

I polacchi gestirono il caso magistralmente. Una serie di mosse audaci portarono la 4a armata sovietica sul campo, in particolare vicino a Toruń, dove non ebbe alcuna influenza sul corso della battaglia di Varsavia. La stazione radio WAR, dopo essere stata sintonizzata sulla frequenza del nemico, veniva utilizzata per disturbare le sue comunicazioni.

Per quasi due giorni cruciali per la situazione al fronte l’Armata Rossa poté ricevere solo frammenti del Nuovo Testamento trasmessi in codice Morse . Ciò ha confuso i russi, ma soprattutto ha impedito loro di coordinare i loro attacchi e, di conseguenza, ha indebolito l’attacco. Così la Polonia si difese dall’assalto bolscevico.

La stazione radio WAR operò probabilmente solo fino al 1925, anche se le antenne rimasero in piedi fino al 1935. Oggi di loro non c’è traccia. Tuttavia, vale la pena ricordare questo luogo e simbolo unico, grazie al quale il mondo ha appreso che dopo 123 anni di spartizioni, la Polonia ha riacquistato l’indipendenza. Poi, cosa forse ancora più difficile, è riuscita a mantenerla fermando l’invasione russa dell’Europa.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles