20.6 C
Rome
mercoledì, Maggio 29, 2024

Wronin. Un cimitero medievale proprio sotto casa. I proprietari non ne sapevano nulla

Wronin. Un cimitero medievale proprio sotto casa. I proprietari non ne sapevano nulla. Il cimitero, risalente probabilmente all’XI secolo,

Diverse dozzine di tombe medievali sono state scoperte in una proprietà privata a Wronin (comune di Koniusza). Il cimitero, risalente probabilmente all’XI secolo, è da diversi giorni al vaglio degli archeologi dell’Università Jagellonica.

Avremmo rafforzato il nostro giardino. Quando l’escavatore è arrivato e ha raccolto uno strato di terra dalla parte superiore, sono apparse le ossa – racconta il proprietario dell’immobile, che ha chiesto di rimanere anonimo.

Egli assicura che in questo luogo non sono mai state trovate ossa prima, né durante i lavori agricoli, né durante la costruzione di una casa o l’installazione di installazioni sotterranee. Inoltre non ha sentito parlare di alcuna tradizione orale secondo cui una volta in questo luogo ci sarebbe stato un cimitero.

– Forse se queste fossero tombe di duecento anni fa, la gente direbbe qualcosa. Ma queste sono tombe molto più antiche, aggiunge l’uomo.

L’Ufficio per la Protezione dei Monumenti della Małopolska ha informato del ritrovamento l’Istituto di Archeologia dell’Università Jagellonica e ha chiesto aiuto per l’esame del sito. Gli archeologi che lavorano sul posto datano il cimitero all’XI o al XII secolo. Le sue dimensioni sono grandi. Finora sono state scoperte 53 tombe, e solo nell’area circostante l’investimento previsto. È quasi certo che ci siano molte più tombe. Alcuni corpi furono sepolti avvolti in sudari, altri in scatole di legno simili a bare.

– Questo è probabilmente un cimitero della popolazione locale, il che conferma che Wronin è un insediamento molto antico. Le fosse sepolcrali sono disposte in direzione est-ovest, caratteristica tipica dell’alto medioevo. Gli scheletri sono posti sulla schiena, con la testa rivolta a ovest. Ciò suggerisce che si tratti già di un cimitero dei primi cristiani, probabilmente della prima o della seconda generazione di battezzati – spiega Agata Sztyber dell’Istituto di Archeologia dell’Università Jagellonica, responsabile dei lavori sul posto.

Una determinazione più precisa dell’età delle tombe sarà resa possibile dall’esame degli oggetti rinvenuti insieme agli scheletri: monete, decorazioni e coltelli. Tuttavia, devono prima essere mantenuti. Le ossa rinvenute nella proprietà saranno sottoposte anche ad approfondite ricerche antropologiche, che permetteranno di determinare l’età dei defunti, il loro sesso e forse le malattie di cui soffrivano. Sfortunatamente, molte ossa non sono state conservate in buone condizioni per motivi ambientali.

Incidente mortale a Varsavia. Un tram ha investito un pedone. L’autista non se ne è accorto e si è allontanato

Venerdì è stato l’ultimo giorno di lavoro degli archeologi a Wronin. Gli studenti di archeologia nell’ambito del loro tirocinio e un gruppo di volontari dell’Associazione dei rifugi di combattimento di Proszowice sono stati coinvolti nella scoperta e nell’esame delle tombe successive. È importante sottolineare che la collaborazione tra ricercatori e proprietari immobiliari è esemplare.

– I proprietari dell’immobile, nel dare la notizia del ritrovamento, hanno accettato la sfida e hanno mostrato l’atteggiamento giusto, perché si tratta di un sito di grande valore – sottolinea Agata Sztyber.

I proprietari dell’area sono, a loro volta, grati che grazie ad Agata Sztyber e alle persone che hanno collaborato con lei, i lavori siano iniziati. Ci ricordano che le ossa furono scoperte il 13 ottobre, dopodiché per molto tempo nessuno si presentò sul posto.

La polizia ha isolato la zona solo con del nastro adesivo, ma le ossa sono rimaste esposte per molti giorni. Ma abbiamo i bambini a casa, cani e volpi vagano in giro. Per noi è stato un grosso problema, ammettono.

Una volta completati i lavori e messe in sicurezza le ossa, i proprietari potranno utilizzare normalmente la loro proprietà. Grazie al coinvolgimento dell’Università Jagellonica e dei volontari nei lavori, i costi sostenuti dai proprietari in relazione alla ricerca saranno molto inferiori.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles