25.6 C
Rome
domenica, Giugno 23, 2024

L’indipendenza iniziò nella Piccola Polonia

L’indipendenza iniziò nella Piccola Polonia. Lo stesso giorno salì in fretta su un treno per Cracovia e arrivò a Oleandry.

L’indipendenza iniziò nella Piccola Polonia. Quando il 28 luglio 1914 l’Austria-Ungheria dichiarò guerra alla Serbia, dando origine alla guerra poi chiamata Prima Guerra Mondiale, Józef Piłsudski si trovava a Zakopane. Lo stesso giorno salì in fretta su un treno per Cracovia e arrivò a Oleandry. Qui le unità dell’Associazione dei fucilieri erano in attesa e, secondo il piano, entro pochi giorni sarebbero entrate nel territorio della spartizione russa per iniziare lì una rivolta. A capo della compagnia dei quadri in partenza, e poi del 1° reggimento della legione, c’erano i partecipanti alla scuola per ufficiali, che si era svolta un anno prima nel piccolo villaggio di Stróża vicino a Limanowa. Dopotutto, qui si sono svolte le prime battaglie dell’emergente esercito polacco. Non ci rendiamo conto di quanta indipendenza si stava forgiando in Małopolska.

Dire che l’indipendenza polacca sia nata qui in Małopolska è dire un po’ troppo. Ma solo leggermente. Fu qui, a Cracovia, Tarnów e Zakopane, che i soldati austriaci furono disarmati e le autorità nazionali furono istituite per prime sul suolo polacco. Qui concentravano i loro quartier generali le unità dell’Organizzazione di combattimento PPS, qui operavano in modo più dinamico le squadre dell’Unione fucilieri e di Sokół, trasformandosi durante le esercitazioni nei futuri soldati, qui si svolgevano grandi incontri di persone che sognavano una Polonia libera , da qui vennero create organizzazioni sostitutive dei parlamenti cospiratori, da qui furono create istituzioni per raccogliere fondi per la creazione delle forze armate, così, finalmente, dall’Oleandry di Cracovia, nell’agosto 1914, partì alla testa Józef Piłsudski di una compagnia di quadri delle future legioni e a Michałowice oltrepassò il confine della spartizione russa per dare inizio alla grande epopea. Qui si svolsero le battaglie più importanti della prima fase della guerra alle quali parteciparono le legioni: a Krzywopłoty, i cui partecipanti sono sepolti nel cimitero di Bydlin, Marcinkowice e vicino a Łowczówek. Ricordiamo alcuni luoghi ed eventi.

Scuola di indipendenza

Luglio 1913. Guardiano. Un piccolo villaggio sui monti Beskid Wyspowy vicino a Dobra. Ci sono diverse dozzine di uomini nel maniero locale e nel fienile vicino. Sono venuti qui da tutte le terre polacche dilaniate dagli invasori. Venivano dalla Germania, Francia, Svizzera.

Qui ebbe inizio il corso per ufficiali dei futuri quadri dell’esercito che avrebbe dovuto combattere per la Polonia libera. Qui i quadri delle legioni polacche acquisirono abilità di ufficiale, tra cui due successivi marescialli, due luogotenenti generali, 12 generali di divisione, 14 generali di brigata e sei colonnelli della Seconda Repubblica Polacca. Squadra indipendentista. Tra loro c’erano voivodi, ministri e primi ministri. Józef Piłsudski era tra questi. Ognuno di loro ha ricevuto un distintivo di ombrello di latta disegnato da Kazimierz Przerwa-Tetmajer, che hanno indossato con la massima distinzione. 

Nel dicembre 2017 il presidente Andrzej Duda ha inaugurato uno straordinario monumento davanti alla scuola di Stróża. È una grande foto incastonata in una lastra di vetro. La foto mostra 30 giovani, partecipanti alla scuola ufficiali. Stanno in doppia fila nel giardino della villa e guardano nell’obiettivo della telecamera. Tra un anno saranno sul fronte della prima guerra mondiale e nel territorio spartito alimenteranno le speranze polacche di indipendenza. L’installazione si trova esattamente dove si trovavano questi ragazzi più di 100 anni fa.

Piłsudski a Cracovia

Pochi sanno che Cracovia era il luogo dove viveva più spesso il futuro capo di Stato prima del 1914. Piłsudski, nato nel 1867, dopo un esilio di cinque anni in Siberia, visse inizialmente a Vilnius e Varsavia, dove continuò le sue attività clandestine. Tuttavia, durante la spartizione russa, questo soggiorno divenne troppo pericoloso e il compagno Wiktor (pseudonimo clandestino di Piłsudski) venne sempre più spesso a Cracovia, che insieme a Zakopane divenne la sua principale base operativa. La spartizione austriaca era una realtà completamente diversa. È vero che qui arrivarono agenti dell’Okhrana, la polizia politica zarista, ma non collaborarono con la polizia austriaca. 

A quel tempo i polacchi godevano di una libertà quasi completa nella spartizione austriaca, potevano usare i simboli nazionali polacchi e la lingua polacca, nelle scuole veniva loro insegnato in polacco e i polacchi ricoprivano le più alte cariche nell’amministrazione. All’inizio del secondo decennio del XX secolo gli austriaci permisero addirittura la formazione di unità paramilitari polacche, sperando che in caso di guerra sarebbero state utilizzate per combattere i russi. Tuttavia Piłsudski stava già pensando di scatenare una rivolta nella spartizione della Russia e di riconquistare lo stato in collaborazione con l’Impero austro-ungarico.

Fu a Cracovia che nel 1905 fu fondata l’Organizzazione di combattimento PPS, guidata da Piłsudski. Secondo i criteri odierni si trattava di unità terroristiche che nella spartizione russa attaccarono, tra gli altri, funzionari zaristi e derubarono il denaro destinato ad attività cospirative.

La formazione OB PPS si è svolta nelle case popolari in ul. Karmelicka (pensione Ucraina), Ariańska 6 e in ul. Lubicz. In quest’ultimo luogo, nell’appartamento di un famoso scienziato di Cracovia, il prof. Odon Bujwid. Tra gli altri, i combattenti hanno condotto esercitazioni sul campo. a Tyniec.

Cracovia era anche una delle principali basi logistiche della Fazione Rivoluzionaria del PPS, dell’Unione di Lotta Attiva e dell’Unione dei Fucilieri, che dovevano concretizzare e dirigere i piani armati per riconquistare l’indipendenza.
Cracovia divenne anche il luogo di concentrazione delle unità dell’Associazione dei fucilieri e delle squadre polacche di fucilieri, da cui nacque la Prima compagnia di quadri, la cosiddetta Kadrówka, da cui venne fondata la 1ª Brigata delle Legioni Polacche.

Uguale ai re

Breve ritorno a Piłsudski. Lui stesso divenne per sempre associato a Cracovia. Dopo la sua morte, avvenuta nel 1935, in un clima di culto universale, il suo corpo fu trasportato in treno da Varsavia a Cracovia. Qui, in un magnifico corteo, su un affusto d’armi, la salma fu trasportata a Wawel, dove fu inizialmente sepolta nella cripta di S. Leonard, per poi trasferirsi nella cripta sotto la Torre delle Campane d’Argento. Riposa qui fino ad oggi.

Józef Piłsudski, comunemente noto come Nonno, nonostante le sue mosse autoritarie, compreso il colpo di stato del 1926, godeva di un incredibile rispetto sociale. Ciò è dimostrato, tra gli altri, la costruzione di un tumulo a suo nome negli anni 1934-1937, costruito dalle forze di centinaia di migliaia di volontari, dai veterani della Rivolta di Gennaio ai bambini in età scolare. Oggi il tumulo Józef Piłsudski è il luogo preferito dagli abitanti di Cracovia per passeggiare.

Strade dell’indipendenza

Ma torniamo al 1914. Il 6 agosto Józef Piłsudski parte alla testa di una compagnia di quadri da Oleandry a Cracovia e attraversa il confine della spartizione russa a Michałowice. Spera di innescare una rivolta e iniziare a ricostruire lo stato polacco lì dopo 123 anni di prigionia.

Dopo l’occupazione di Kielce e alcune scaramucce minori, si scopre che la situazione sul fronte non è favorevole ai polacchi. Le truppe della Russia zarista, costrette alla ritirata, riprendono l’iniziativa e attaccano. L’esercito austro-ungarico, e con esso le truppe polacche, si ritirano e ritornano nell’area dell’odierna Piccola Polonia. Dei meno di duecento soldati della compagnia dei quadri ce ne sono già duemila, i battaglioni stanno già crescendo, ma da un momento all’altro questa prima formazione polacca dopo l’insurrezione di gennaio potrebbe essere distrutta. Tutto ciò che serve è un passo sconsiderato.

Ulina Mała, ovvero la manovra che rese Piłsudski comandante

Ulina Mała è un piccolo borgo vicino a Ulina Wielka, situato tra Miechów e Wolbrom. Fu qui che il 10 novembre 1914 apparvero tre battaglioni e uno squadrone di cavalleria della 1a compagnia di quadri. Piłsudski, che comandava la formazione, non sapeva veramente dove si trovasse, e le truppe russe avanzavano rapidamente, minacciando di circondare e catturare i legionari. Se in precedenza erano sudditi dello zar, ciò significa per loro una condanna a morte. Alle truppe legionarie fu ordinato di ritirarsi verso Zagłębie Dąbrowskie e Piłsudski temeva che sarebbero state spostate ancora più lontano nella spartizione prussiana. 

Lui stesso non intendeva, come scrisse, “annegare in qualche Elster”, credendo che l’esercito polacco dovesse combattere sul territorio polacco e fosse pronto a disobbedire agli ordini sfondando gli attaccanti russi verso la vicina Cracovia e oltre a Podhale per condurre lì c’è stata una lotta partigiana. Quando le truppe polacche raggiunsero Wolbrom, Piłsudski iniziò ad attuare il suo piano. I legionari si mossero verso Cracovia, frapponendosi tra l’esercito austriaco in ritirata e l’attaccante russo. La città con le sue potenti fortezze, la Fortezza di Cracovia, avrebbe potuto difendersi a lungo dal nemico, credeva Piłsudski.

E il posto dei polacchi era proprio lì. Il destino lo ha favorito. Dopo una sosta a Lgota Wolbromska e Krzywopłoty, alla formazione di Piłsudski fu ordinato di penetrare nelle zone tra Żarnowiec e Miechów, sulla rotta per Cracovia. Quindi avanzarono, una pattuglia di cavalleria al comando di Władysław Belina-Prażmowski si mosse verso Miechów per verificare se esistesse davvero questo benefico corridoio che permetteva ai polacchi di passare fino a Cracovia. Dai Beliniak non arrivarono più notizie, mentre la seconda pattuglia di Żarnowiec riferì che la città era già occupata dai cosacchi.

Incidente mortale a Varsavia. Un tram ha investito un pedone. L’autista non se ne è accorto e si è allontanato

Quindi non c’era niente da aspettare. Piłsudski partì all’inseguimento di Belina, non sapendo se avrebbe incontrato i russi. E all’improvviso il Comandante si perse. Proprio sotto Ulina Mała. Non sapeva dove fosse. Fortunatamente, Belina apparve con i suoi lancieri, ma le notizie erano brutte: le truppe zariste erano ovunque. Tra un attimo qualcuno scoprirà la loro presenza. Una manciata di truppe polacche, armate solo leggermente, potrebbero cessare di esistere in poche ore. Nonostante il consiglio di cercare rifugio vicino all’attuale Parco Nazionale di Ojców, Piłsudski decise di andare avanti. A tutti i costi. Dovevano partire di notte. Nel frattempo, una piccola unità di cosacchi cadde a Ulina Mała. I polacchi sono stati scoperti! Ma dopo lo scambio di colpi, l’unità russa scompare da qualche parte. Si fa buio, i legionari si muovono in formazione serrata, non si possono evitare nemmeno le pozzanghere, e bisogna tenere i cavalli corti per non nitrire. Spinti letteralmente dall’istinto, si infilarono tra le pattuglie nemiche.

Stavano camminando per Wiktorka e Władysław quando si persero di nuovo. Lo stesso Piłsudski è andato in uno dei cottage e ha incontrato… un contrabbandiere. Ricordiamo che il confine delle spartizioni russa e austriaca era vicino. Il resto del viaggio è andato senza problemi, si sono fermati al confine a Michałowice. Proprio dove hanno rovesciato i posti di frontiera in agosto. L’11 novembre l’unità di 2.000 uomini di Piłsudski entrò a Cracovia. Anni dopo scrisse: ‘Ammetto anche apertamente che solo dopo Ulina ho cominciato ad avere fiducia in me stesso e a credere nella mia forza. E forse è per questo che ho sentito spesso le parole dei miei soldati: Adesso seguiremo il Comandante ovunque! Se ci ha portato fuori da Ulina, ora siamo in pace!

Krzywopłoty, o Termopili per la prima volta

Quasi contemporaneamente alcune unità della legione erano ancora di stanza vicino a Wolbrom e poi a Krzywopłoty, dove presto i russi attaccarono. Le unità polacche del 4° e 6° reggimento e dell’artiglieria contavano circa 1.400 soldati. Erano comandati dai già famosi capitani. Tadeusz Furgalski Wyrwa – uno degli ufficiali più coraggiosi delle legioni, il capitano Kazimierz Piątek, alias Herwin – fu il primo ad entrare a Kielce nell’agosto del 1914, portava nello zaino una serie completa delle opere di Słowacki e il virtuoso del cannone Otokar Brzezina alias Brzoza, un ceco che lottò per l’indipendenza della Polonia. Trincerato a Krzywopłoty e sulla collina santa. Krzyza nel vicino villaggio di Bydlin, i legionari respinsero ripetutamente gli attacchi dei russi, che erano superiori in numero e potenza di fuoco dell’artiglieria.

 Tuttavia, gli artiglieri polacchi fecero miracoli fornendo uno schermo di cannoni. La vittoria passò da una parte all’altra. Tuttavia, va ricordato che i russi stavano conducendo un’offensiva su tutto il fronte. Dietro i polacchi c’era l’esercito austro-ungarico confuso e in ritirata. Si sono difesi. La battaglia di Krzywopłoty fu vinta e l’attacco zarista fallì. Tuttavia, fu la prima battaglia della legione con gravi perdite. 46 legionari furono uccisi e 131 furono feriti e fatti prigionieri. Qui morì, tra gli altri. Il fratellastro di Ignacy Jan Paderewski – Stanisław.

I legionari caduti riposano nel cimitero di Bydlin. Józef Piłsudski chiamò il luogo della battaglia “Le Termopili legionarie di Krivopłock”. Nel 1920, su sua iniziativa, fu eretto un monumento nel cimitero di Bydlin: una croce di pietra alta diversi metri, decorata con i simboli della Legione. Nel 1937, su iniziativa e con il denaro dei legionari, venne costruita qui una scuola per commemorare questa battaglia. Tra Krzywopłoty e Bydlin si possono ancora trovare tracce di trincee del 1914, ad esempio attorno alle rovine di un castello del XIV secolo. A poche centinaia di metri dal castello si trovano gli alloggi dei legionari e un monumento dedicato ai caduti.

La scaramuccia a Chyszówki, cioè all’ombra di una grande battaglia

Quando Piłsudski entrò a Cracovia la situazione al fronte era ancora incerta. Tuttavia, il comando dell’esercito imperiale e reale decise di lanciare una controffensiva. Doveva trattarsi dell’operazione Limanów-Łapanów. Si trattava di un’azione destinata a ribaltare le sorti dell’esercito austro-ungarico in ritirata, il cui unico sostegno erano le fortificazioni della fortezza di Cracovia. I russi hanno già occupato Tarnów e Nowy Sącz, e le prime truppe sono apparse a Wieliczka. Da qui la decisione di attaccare attraverso il Beskid Wyspowy, che aveva lo scopo di disorganizzare l’offensiva dell’esercito zarista. Le ostilità durarono quasi dieci giorni, causando grandi perdite da entrambe le parti, ma un successo strategico per le truppe dell’imperatore Francesco Giuseppe. L’attacco russo è stato fermato. Decine di cimiteri di guerra in Małopolska commemorano questi eventi. Le truppe polacche dovevano sostenere questa operazione.

Józef Piłsudski scrive: “Le condizioni della guerra a Podhale si rivelarono eccezionalmente piacevoli sotto altri aspetti. Sto parlando dei rapporti con la popolazione. Qui, come nel Regno, non vi fu alcuna ricerca violenta e spesso inutile di sostegno e comprensione tra la popolazione civile. Non c’era bisogno di cercare nulla qui, perché gli è stato dato tutto ciò che desidera l’anima di un soldato che lotta per la felicità della Patria. Qui mi sono sentito nella mia patria, mi sono sentito necessario per lei, come suo difensore. Dall’alto al basso: il prete, il contadino dell’altopiano o il suo servitore, il cittadino o l’operaio, tutti cercavano solo l’opportunità di aiutarci in qualcosa o almeno di mostrarci la loro simpatia. I giovani ragazzi sono andati alle interviste davanti all’esercito. Ciò è stato fatto con il consenso del villaggio, che ha designato direttamente chi doveva andare. Di più! Per evitare che il ragazzo mentisse dicendo che si trovava nel luogo in cui era stato mandato, dovette tornare con il sigillo del comune impresso sui pantaloni, come prova tangibile della sua idoneità. In nessuna capanna o casa nessuno ci ha sentiti un peso, anche se l’esercito non è l’ospite più gradito.

La campagna di Podhale ebbe inizio in zone così conosciute perché proprio lì, a Stróże, tra le colline dei Beskid Wyspowy, Piłsudski addestrò i futuri comandanti delle legioni e, come si scoprì poi, anche l’élite del periodo tra le due guerre. periodo.
E fu proprio in questa zona che i legionari ritornarono nel novembre del 1914. Józef Piłsudski scrive: ‘Io con i miei tre battaglioni, la cavalleria e infine l’artiglieria, combattevo sempre più o meno nella stessa zona: tra Dobra-Jurków, Dunajec, da Nowy Sącz a Marcinkowice; “Da un lato proteggevo la ferrovia Sucha – Mszana Dolna, lungo la quale si muovevano insieme nuovi trasporti militari – austriaci e tedeschi, e dall’altro proteggevo da est, dai russi, fiancheggiando le truppe in marcia sul fronte a nord, in direzione Bochnia – Tarnów.
Fu allora che ebbe luogo la scaramuccia vicino a Chyszówki. È un piccolo villaggio nel comune di Dobra, situato all’ombra di Mogielica. Lì era di stanza uno squadrone di cavalleria zarista. Piłsudski inviò un’unità sotto il comando di Edward Rydz-Śmigły per liquidarlo. Era notte. I polacchi usarono un trucco. Si sono avvicinati abbastanza apertamente ai primi rilevatori, parlando ad alta voce in russo. Le guardie hanno pensato che fosse la loro unità di ritorno dalla pattuglia e non hanno dato l’allarme. Solo allora i polacchi attaccarono. La sorpresa era completa. Furono catturati quasi 100 soldati russi, inclusi cinque ufficiali. Era il 24 novembre 1914.

Marcinkowice, ovvero la speranza del Natale a Nowy Sącz

Józef Piłsudski ricorda: “I moscoviti apparentemente si stavano ritirando verso Dunajec e Nowy Sącz. All’orizzonte, sulle montagne, apparivano pattuglie a cavallo, che si ritiravano rapidamente, e da qualche parte oltre Wysoka, di tanto in tanto, tuonava un colpo di cannone. Gli austriaci avanzarono con cautela dietro il nemico. A Limanowa mi sono fermato un attimo per tagliarmi i capelli. Ho scoperto che a Nowy Sącz i russi avevano raccolto molte cose confiscate e saccheggiate. Si diceva addirittura che avessero cominciato ad essere portati via da lì. Quando ho raggiunto il quartier generale della 2a divisione a Kanina, sulla strada per Nowy Sącz, ho saputo che i moscoviti erano in via Wysoka e la loro batteria sparava da Trzetrzewina. Ho guardato Wysoka con il binocolo e ho notato che il cast era piccolo, quindi è stato facile spaventarli. Il comandante della divisione mi suggerì di radunare i moscoviti, soprattutto perché i suoi soldati cominciavano a ritirarsi un po’. Ho posizionato un battaglione e la cavalleria sulla destra della strada. La cavalleria avanzò e, smontando, attaccò a piedi il nemico dal fianco. I moscoviti lasciarono Wysoka, la batteria di Trzetrzewina fuggì, tutto si ritirò a Nowy-Sącz.

Questo fu l’inizio della battaglia di Marcinkowice. La sera del 5 dicembre il 1° reggimento di fanteria della legione (già con gli eroi di Krzywopłoty) attaccò le posizioni russe. L’obiettivo era uno: catturare Nowy Sącz. Il comandante non sapeva ancora che una nuova forza era appena entrata in città, molte volte superiore ai polacchi in numero e potenza di fuoco. L’attacco e il bombardamento durato quasi un giorno sulla strada che porta a Nowy Sącz non hanno portato alcun risultato.

 I russi non si ritirarono. Piłsudski arrivò addirittura a Marcinkowice, dove nella villa di Alfred Fauck gli fu offerto un bicchiere di latte. Tuttavia, non ha potuto berlo a causa dell’attacco russo. Tatticamente è stata una vittoria. La formazione russa di stanza a Nowy Sącz doveva spostarsi verso Limanowa per far pendere l’ago della bilancia della vittoria. I polacchi la incendiarono e nel frattempo le truppe austro-ungariche riuscirono a trincerarsi e prepararsi a Limanowa. Anche la situazione sul fronte è cambiata radicalmente. L’offensiva austriaca nei Bassi Beschidi portò altre vittorie e improvvisamente le unità russe dovettero affrontare la minaccia di un accerchiamento, per cui si ritirarono rapidamente verso Tarnów. Con grande gioia le Legioni entrarono a Nowy Sącz. Il Natale si avvicinava…

I legionari e lo staff di Piłsudski furono accompagnati da un fotografo durante la scappata di Marcinkowice. La raccolta conservata di foto della battaglia si trova nell’Archivio digitale nazionale. Lo stesso Piłsudski descrisse dettagliatamente lo svolgimento dei combattimenti nel libro “Le mie prime battaglie”. Nel 1921 Józef Piłsudski venne per la seconda volta nella tenuta di Alfred Fauck. Bevve con calma il bicchiere di latte regalatogli dalla figlia dei proprietari.

Łowczówek, ovvero la sanguinosa vigilia di Natale della Prima Brigata

Il 13 dicembre 1914 le truppe della legione entrarono a Nowy Sącz. Non c’era fine ai trionfi. I soldati che il 6 agosto da Oleandry a Cracovia andarono in battaglia si godettero finalmente la gioia della folla esultante, l’ammirazione e la fiducia nella rinata Polonia. Le unità furono riorganizzate nella 1a Brigata della Legione composta da due reggimenti. Sognavano già il Natale tra connazionali amichevoli. Nel frattempo, il 20 dicembre, è arrivato immediatamente l’ordine di marciare. I russi hanno lanciato inaspettatamente un attacco che avrebbe potuto rovinare l’intero sforzo della grande operazione Limanów alla quale avevano preso parte nelle ultime settimane.

La brigata contava circa duemila soldati. Al momento della marcia Piłsudski si trovava a Vienna, la formazione era comandata da Kazimierz Sosnkowski. La sera del 21 dicembre la colonna polacca era già dietro Zakliczyn. “I cavalli sfortunati e danneggiati giacciono nei fossati lungo la strada, e nelle valli ci sono punti calvi e logori fatti di paglia nelle aree di sosta. Sulla strada, nei campi, lattine vuote di cibo in scatola, cartucce calpestate nel fango, e ancora una linea grigia di trincee scavate in salita. Vecchi cappelli da soldato sotto i piedi, morte, freddo e fango”, ha ricordato Juliusz Kaden-Bandrowski, un partecipante alla battaglia.

Il 22 dicembre, ancora al buio, prima delle sei, l’esercito legionario si mosse verso Łowczówek (distretto di Tarnów, comune di Pleśna), dove aveva una sede designata. Sosnkowski era completamente all’oscuro dello sviluppo della situazione. È vero che a Nowy Sącz si sapeva già che il fronte era stato rotto, ma fu vicino a Łowczówek che diversi reggimenti russi selezionati, che contavano oltre ottomila soldati, si infilarono nello spazio tra le formazioni austro-ungariche. 

Quando i legionari arrivarono a Łowczówek, la battaglia sembrava perduta. Accanto alla presa di posizione dei soldati polacchi ci fu una ritirata caotica, passavano cavalleria e treni. Sosnkowski non ha perso la calma. Le unità polacche presero le posizioni designate. A questo punto, la brigata polacca era l’unica unità pienamente in grado di combattere. Quasi immediatamente, in uno scontro alla baionetta, catturarono la collina 360, strategicamente importante, che bloccò l’intera area, facendo prigionieri circa 400 russi. 

I combattimenti durarono diverse decine di ore e più volte i polacchi salvarono questa sezione del fronte dallo sfondamento, e anche una volta irruppero nelle retrovie nemiche. Sfortunatamente, l’attacco di altre unità non ha avuto successo. Più di una volta nel corso di questa battaglia il comando e i rifornimenti austriaci vennero meno e i polacchi utilizzarono cartucce catturate il giorno precedente e persino armi raccolte direttamente durante il combattimento. In una situazione del genere, Kazimierz Herwin-Piątek è rimasto ferito e mentre raccoglieva i fucili gli hanno sparato due volte, alla mano e al petto. Quest’ultima ferita era così grave che erano visibili le costole strappate.

Tutto è iniziato il 24 dicembre, vigilia di Natale. I russi lanciarono un attacco generale. Dapprima le posizioni polacche furono coperte dal fuoco dei cannoni, poi iniziarono sistematicamente audaci assalti di fanteria. In alcuni punti le linee di fuoco erano distanti solo una dozzina di metri. I polacchi respinsero gli attacchi. Già da due giorni litigavano incessantemente, senza alcuna possibilità di cambiare. Dopo poche ore le truppe austro-ungariche sui fianchi polacchi cominciarono a vacillare e i russi cominciarono ad avanzare. 

I legionari, indebolendo le loro posizioni ma salvando la situazione ed eliminando il pericolo di accerchiamento, attaccarono quelli che entravano nelle loro retrovie e li respinsero nelle posizioni precedenti. Ma i combattimenti non si fermano e dopo poche ore i polacchi occupano nuovamente la quota 360. I russi si stanno spostando da qualche parte nelle vicinanze. Cala l’oscurità. La lotta si sta spegnendo. C’è un cessate il fuoco informale. È allora che si verifica una situazione insolita.

Felicijan Sławoj Składkowski ha ricordato così questo momento:
“In quella vigilia di Natale, i nostri ragazzi in trincea hanno iniziato a cantare Dio è nato… E dalle trincee russe, i polacchi, molti dei quali sono nelle divisioni siberiane, hanno raccolto le parole dei canzone e salì in cielo da due trincee nemiche! Quando, dopo aver cantato insieme i canti natalizi, i nostri uomini gridarono: “Arrendetevi, voi polacchi!”, ci fu un momento di silenzio, e poi – in russo: “Sibirskije strielki nie zdajutsia” [I tiratori siberiani non si arrendono].

Il Natale trovò la brigata polacca quasi sola nelle sue posizioni. Le posizioni abbandonate il giorno prima da austriaci e ungheresi non furono ricostituite. Tuttavia, i polacchi respinsero un altro attacco russo e solo allora arrivarono i rinforzi, e le unità legionarie marciarono rapidamente oltre la linea del fronte senza grandi perdite e dopo aver inflitto ulteriori colpi al nemico. La battaglia, sebbene formalmente non risolta, portò un vantaggio strategico alla parte austro-ungarica. I russi non continuarono più l’attacco vicino a Łowczówek, inviando le loro forze principali altrove. Senza successo. In questo luogo il fronte si fermò fino al maggio 1915, fino alla grande offensiva di Gorlice.

L’anno 1918

Nel 1918 furono le città della Piccola Polonia le prime a disarmare le guarnigioni austriache e a prendere il potere nelle mani dei polacchi. Tarnów e Zakopane quasi contemporaneamente – 31 ottobre. A Zakopane Stefan Żeromski divenne il leader della Repubblica di Zakopane e le truppe polacche furono comandate dal fondatore di TOPR, Mariusz Zaruski. Fu a Cracovia che il 28 ottobre fu istituita la Commissione polacca di liquidazione, che avrebbe dovuto prendere il potere nella spartizione austriaca, e il 30 e 31 ottobre Antoni Stawarz, alla testa dei soldati polacchi, disarmò le postazioni dell’invasore, facendo città libera. “La Polonia si sta sollevando”, avrebbe annunciato l’ultimo giorno di ottobre nella piazza del mercato di Cracovia.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles