4.2 C
Rome
lunedì, Aprile 15, 2024

L’esercito è uno, il presidente è un altro. I conflitti crescono ai vertici. L’unità nazionale ucraina è al capolinea?

L’esercito è uno, il presidente è un altro. I conflitti crescono ai vertici. L’unità nazionale ucraina è al capolinea?

L’esercito è uno, il presidente è un altro. I conflitti crescono ai vertici. Il comandante supremo ammette che l’offensiva estiva è fallita e che al fronte regna una situazione di stallo. Il presidente un attimo dopo smentisce con forza. I media occidentali suggeriscono che dobbiamo negoziare con la Russia. Si sta rompendo qualcosa in Ucraina? – È vero che il periodo dell’entusiasmo patriottico e dell’unità nazionale sta finendo. Questo però non significa disfattismo e perdita di voglia di combattere – dice l’esperto a Gazeta.pl.

– Siamo riusciti a difendere l’indipendenza, l’identità e la lingua ucraina, quindi le emozioni si sono calmate. Ciò significa, tra l’altro, il ritorno della vita politica e di tutto ciò che ad essa è associato – spiega Maria Piechowska, analista dell’Istituto polacco per gli affari internazionali.

Lotta per la popolarità e la narrativa

Solo un anno fa, la stragrande maggioranza degli ucraini credeva che le critiche al governo e le responsabilità dovessero essere rinviate a più tardi. Sì, ormai è una minoranza. Ciò è chiaramente visibile nei risultati dei sondaggi d’opinione condotti dall’Istituto internazionale di sociologia di Kiev, pubblicati all’inizio di novembre. Piechowska ha citato le loro conclusioni più importanti su X (ex Twitter). Essi dimostrano che oggi fino al 70 per cento degli ucraini crede che sia possibile criticare il governo durante la guerra. Un anno fa era al 26%. – Ciò comporta problemi per Volodymyr Zelenskyj e lo costringe a fare calcoli freddi – dice Piekhowska. Sebbene lui stesso goda ancora della fiducia del 76% degli intervistati (rispetto al 91% di un anno fa), il governo ha già subito un calo e solo il 39% degli ucraini si fida di lui (rispetto al 74% di un anno fa). Nel sistema politico ucraino, invece, il governo è fortemente legato al presidente, perché nomina il primo ministro e ha un’enorme influenza sulle sue azioni.

Piechowska sottolinea che prima della guerra il presidente aveva un basso apprezzamento, ma il suo atteggiamento dopo lo scoppio della guerra aumentò rapidamente la sua popolarità, sia in patria che all’estero. Ma come dice l’analista, non funziona più. – Ha particolari problemi con la questione della lotta alla corruzione, che, secondo la società, non è in grado di affrontare. Inoltre le aspettative sui possibili successi sul fronte sono state gonfiate a dismisura e alla fine sono state deluse – dice Piechowska. Questo viene citato come uno dei motivi principali del presunto crescente conflitto tra il presidente, la sua amministrazione e parte dell’esercito. Soprattutto il famosissimo capo di stato maggiore, il generale Valery Zaluzhny. I politici hanno bisogno di successo e spingono per una maggiore assunzione di rischi. Załużny dovrebbe essere molto più cauto e conservatore, come risulta evidente dalla sua intervista per il settimanale britannico “The Economist”.

In poche parole, il generale ha affermato che, nell’attuale situazione al fronte, qualsiasi azione offensiva comporta rischi enormi e il potenziale di pesanti perdite. Cambiare questo stato di cose richiede investimenti significativi a lungo termine in tecnologie, attrezzature e persone. Pertanto attualmente descrive la situazione come “stallo”. Tuttavia, quando pochi giorni dopo, il presidente Zelenskyj ha rilasciato un’intervista alla televisione “NBC” e ha dichiarato che a suo avviso non c’era “stallo” e ha mantenuto il suo consueto ottimismo sulla sconfitta della Russia, sono emerse speculazioni su un conflitto tra il campo presidenziale e il generale Zaluzhny solo intensificato. Tanto più che allo stesso tempo il presidente ha licenziato senza una parola di giustificazione l’attuale comandante delle forze speciali, il generale Viktor Horenko. L’ufficiale militare ha espresso sorpresa nei media per questa situazione e ha affermato di non conoscere le ragioni del suo licenziamento. Ci sono molte speculazioni sul fatto che si tratti di una sorta di gioco politico.

Gdynia. Sul balcone è stato trovato il corpo di un neonato. “Il corpo del bambino era in una borsa”

– Tuttavia, non credo che ci sia alcun conflitto serio tra l’amministrazione presidenziale e lo Stato Maggiore Generale. Le tensioni ci sono, ma non vanno oltre la normale discrepanza nei bisogni e nella percezione del mondo da parte di politici e militari – afferma l’analista del PISM. Egli osserva che, a differenza del presidente e del governo, l’esercito, compreso il generale Załużny, non sta perdendo significativamente popolarità. Il 94% degli intervistati si fida delle Forze armate dell’Ucraina (ZSU), rispetto al 98% dell’anno precedente. – Il Capo di Stato Maggiore è percepito in modo molto positivo e ci sono molte ipotesi su una sua possibile carriera politica, ma lui stesso non sembra avere tali ambizioni – dice Piechowska.

I calcoli politici del presidente

Le speculazioni sul possibile ingresso in politica del popolare generale Załużny, e di conseguenza sul presunto trattamento che verrebbe trattato come una minaccia da parte del presidente e della sua amministrazione, derivano principalmente dal fatto che, secondo il calendario pacifico, le elezioni presidenziali e parlamentari dovrebbe tenersi l’anno prossimo. – Dobbiamo essere consapevoli che in pratica in Ucraina è in corso una campagna elettorale – dice un analista del PISM. Anche se, di fatto, non esiste ancora una decisione ufficiale di tenere le elezioni nel 2024, a causa dello stato di guerra nel Paese. Ma non mancano le voci secondo cui in primavera verranno organizzate almeno quelle presidenziali. – Tuttavia, questo non è sicuro, perché sarebbe giuridicamente problematico e comporterebbe un gran numero di problemi – dice l’esperto.

Indipendentemente da ciò, le manovre politiche continuano e la speculazione abbonda. – L’aspettativa è che Zelenskyj voglia formare un nuovo partito, perché il suo attuale “Servitore del popolo” è in realtà un conglomerato di personaggi e background molto esotici, che lo rendono difficile da controllare. Allo stesso tempo, il tempo non è dalla parte del presidente. Dal suo punto di vista, sarebbe bene tenere le elezioni il prima possibile. Preferibilmente in un momento ottimale, quando, ad esempio, il successo militare ne aumenterà la popolarità – suppone Piechowska.

Le esigenze politiche del presidente, la necessità di mantenere l’ottimismo pubblico e di convincere gli alleati della capacità dell’Ucraina di vincere, comportano una seria pressione sui vertici della ZSU. Proprio quando preferisce la prudenza, come dimostra l’intervista del generale Załużny.

Negoziati? Resa? Cos’è, no

Allo stesso tempo, ci sono molti suggerimenti nei media occidentali secondo cui i leader dei paesi che sostengono l’Ucraina suggeriscono che gli ucraini affrontino seriamente la questione dei negoziati di pace con la Russia. L’ultima volta che il portale della NBC ne ha scritto è stato il giorno dopo aver trasmesso un’intervista a Zelenskyj. L’articolo si basava sulle dichiarazioni di due funzionari anonimi del governo statunitense. Affermano che per ora si tratta di una considerazione molto generale su come raggiungere un accordo con il Cremlino. Questo dovrà essere il risultato della “riconciliazione con la realtà della situazione militare al fronte e con la situazione politica negli Stati Uniti e in Europa “.

Piechowska afferma però che, nonostante numerosi testi simili nei media occidentali, non ci sono indicazioni ufficiali che gli ucraini spingano gli ucraini verso i colloqui con la Russia. Non dovrebbe esserci timore in Ucraina di essere tradita dall’Occidente e lasciata alla mercé della Russia. In alternativa, c’è irritazione per l’incomprensione sulla natura dello Stato russo, che mantiene la parola data finché è a suo vantaggio.

– Va ripetuto che questa fine dell’entusiasmo patriottico e dell’unità al di là delle divisioni non significa disfattismo e sostegno ai negoziati con la Russia a condizioni sfavorevoli. La volontà di lottare è universale e la maggioranza della società ritiene che l’obiettivo debba essere quello di liberare l’intero territorio del Paese. A questo si aggiunge la convinzione che la parola russa non abbia valore, dice Piechowska. Secondo lei gli ucraini stanno prendendo coscienza che la guerra sarà lunga. Secondo lui segnali come l’intervista di Załużny servono a sensibilizzare la gente su questo.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles