-7.5 C
Rome
mercoledì, Novembre 29, 2023

Alcuni paesi dell’UE stanno modificando le regole di soggiorno per i rifugiati provenienti dall’Ucraina: cosa c’è da sapere (elenco)

Alcuni paesi dell’UE stanno modificando le regole di soggiorno per i rifugiati provenienti dall’Ucraina: cosa c’è da sapere (elenco)

Alcuni paesi dell’UE stanno modificando le regole di soggiorno per i rifugiati provenienti dall’Ucraina. La Commissione Europea ha deciso che gli ucraini che tornano a casa per un lungo periodo potranno ritornare nuovamente nell’UE. A settembre l’Unione Europea ha esteso la protezione temporanea dei rifugiati ucraini fino al 2025. Tuttavia, alcuni paesi europei stanno modificando le regole di ingresso e soggiorno.  TSN.ua pubblica un elenco dei paesi dell’UE che hanno apportato modifiche per quanto riguarda il soggiorno degli ucraini all’estero. 

Contenuto

  1. Dal 2024 l’ingresso nell’Ue sarà un pagamento
  2. Polonia
  3. Repubblica Ceca
  4. Olanda
  5. Irlanda
  6. Germania
  7. Portogallo
  8. Estonia
  9. Grecia
  10. Finlandia

Dal 2024 l’ingresso nell’Ue sarà a pagamento

Sul sito dell’UE si legge che l’ingresso nell’Unione Europea sarà a pagamento dal 2024. Per attraversare la frontiera dovrai ottenere uno speciale permesso ETIAS e pagarne una tassa di 7 euro. Dovrai inoltre compilare un questionario speciale che dovrà essere approvato.    Si segnala che la richiesta di autorizzazione speciale ETIAS viene elaborata in pochi minuti. Tuttavia, è possibile che l’elaborazione della richiesta richieda più tempo. In tal caso riceverete una decisione entro quattro giorni.

“Questo periodo può anche essere prolungato fino a 14 giorni se ti viene chiesto di fornire ulteriori informazioni o documentazione, o fino a 30 giorni se sei invitato per un colloquio. Il modulo di iscrizione all’ETIAS deve essere compilato sul sito ufficiale, l’ETIAS è valido per tre anni”, dice il sito web.  Puoi richiedere un permesso di ingresso ETIAS prima di acquistare un biglietto o prenotare un alloggio. I dettagli del passaporto devono corrispondere ai dettagli della tua autorizzazione ETIAS.

Ucraina e UE / © TSN.ua
Ucraina e UE / Foto: TSN.ua

Polonia

La Polonia si prepara a modificare le regole relative alle condizioni di soggiorno in Polonia, partenze, pagamenti aggiuntivi per l’alloggio. Il relativo progetto sulle modifiche alla legge è già pronto. Secondo il progetto, i rifugiati provenienti dall’Ucraina devono avere un numero PESEL.  Secondo le nuove modifiche, i rifugiati avranno 30 giorni di tempo per richiedere il PESEL.

Nonostante ciò, il governo del paese propone di rendere  più facile per i rifugiati attraversare il confine.  Secondo l’emendamento, il certificato di protezione temporanea darà ad una persona il diritto di attraversare il confine polacco senza la necessità di ottenere un visto più volte. Verrà inoltre introdotta una base giuridica per il rilascio di tale certificato per un figlio di rifugiati ucraini nato sul territorio della Polonia durante la protezione temporanea. Lo ZUS e altre istituzioni comunali  monitoreranno la partenza dei profughi dalla Polonia  .

Inoltre, gli ucraini che soggiornano in Polonia per più di 120 giorni dovranno pagare il loro alloggio nelle strutture di accoglienza collettiva. Sì, chi resta in Polonia per più di 120 giorni coprirà il 50% del costo totale (non più di 40 zloty al giorno, ovvero 300 UAH), mentre chi resta più di 180 giorni coprirà il 75% dei costi (massimo 60 zloty al giorno, ovvero poco più di 450 UAH.)

Bandiere di Ucraina e Polonia / © Associated Press
Bandiere di Ucraina e Polonia / Foto: Associated Press

Repubblica Ceca

Nella Repubblica Ceca, dal 1 luglio 2023, sono entrate in vigore nuove regole per fornire assistenza e alloggio gratuito ai rifugiati provenienti dall’Ucraina. Il governo del paese ha sottolineato che il tempo di permanenza dei rifugiati negli alloggi gratuiti è stato ridotto a 150 giorni, ad eccezione delle persone vulnerabili. Le modifiche hanno interessato anche il sistema di pagamento. Invece di diversi tipi separati di aiuti in denaro, ora gli ucraini ricevono solo un unico pagamento (da 150 a 160 dollari a persona) . 

Secondo il Ministero del Lavoro della Repubblica Ceca, le innovazioni interesseranno dai 10 ai 50mila ucraini. Ci sono però categorie che continueranno ad avere l’alloggio gratuito. Esso:

  • studenti fino a 26 anni;
  • persone con bambini piccoli fino a 6 anni;
  • donne incinte;
  • persone con disabilità o coloro che si prendono cura di parenti con disabilità.
Paesi dell'Unione Europea / © Associated Press
Paesi dell’Unione Europea / Foto: Associated Press

Olanda

Inoltre, modifiche alle regole per il soggiorno degli ucraini nei Paesi Bassi.  I rifugiati avevano tempo fino al 31 ottobre per presentare domanda al Servizio olandese di immigrazione e naturalizzazione.

Il governo del paese ha osservato che i cittadini ucraini devono avere un marchio speciale sul passaporto o un documento Q per confermare il ricevimento dello status di protezione temporanea. Un segno speciale è inteso come incollare. Servirà come prova della residenza degli ucraini nei Paesi Bassi sulla base della direttiva UE sulla protezione temporanea. Si prega di notare che secondo la legge olandese, l’assunzione di stranieri è possibile solo con il permesso del datore di lavoro. Tuttavia, in primavera è stata sviluppata una speciale procedura semplificata per i rifugiati ucraini.

▶ Sul canale YouTube di TSN è possibile guardare il video

Irlanda

L’Irlanda  intende ridurre il programma di sostegno ai rifugiati ucraini. In particolare, si vuole limitare a 3 mesi l’alloggio gratuito degli ucraini che arrivano nel Paese. Secondo   The Irish Examiner, le modifiche prevedono che dopo tre mesi di permanenza negli alloggi statali, gli ucraini dovranno cercare un appartamento in affitto o opzioni nell’ambito del programma “offerta di alloggio” Si applicheranno solo agli ucraini che arriveranno in Irlanda.

Aggiungiamo che dal 9 ottobre nel Paese è sospeso il diritto all’assenza di 7 giorni (entro 6 mesi) in un albergo pagato dallo Stato. Chi lascia l’albergo per lungo tempo rischia di perdere il posto Il governo sta anche discutendo la riduzione dei benefici sociali per gli ucraini, ma non nel prossimo futuro. Attualmente il Paese paga 220 euro a settimana per i rifugiati provenienti dall’Ucraina.

Germania

A partire dal 1 luglio 2023, la Germania ha cambiato le regole per fornire assistenza sociale nei centri per l’impiego ai rifugiati ucraini. Una delle condizioni per ricevere assistenza aggiuntiva (Bürgergeld) sarà la necessità di risiedere permanentemente nel luogo di residenza.

Si sottolinea che il luogo di residenza dovrebbe essere situato nella “zona di prossimità” del Jobcenter, in modo che la persona abbia la possibilità di incontrare un potenziale datore di lavoro, visitare il centro per l’impiego o partecipare ad eventi, senza eccessivi sforzi e spese personali . Si precisa che la persona deve trovarsi entro un raggio di 2,5 ore di sola andata (rispetto al precedente tempo di andata e ritorno). Per giustificare la tua assenza devi concordare preventivamente con il centro per l’impiego (almeno 5 giorni prima) ed avere un motivo valido.

Portogallo

Le autorità portoghesi hanno prolungato di altri 6 mesi il periodo di protezione temporanea per i rifugiati provenienti dall’Ucraina. Tale decisione consentirà agli ucraini di restare e utilizzare il sostegno  fino al 24 marzo 2024 .

La prima iniziativa volta a fornire protezione temporanea ai rifugiati provenienti dall’Ucraina è stata introdotta per un anno e poi prorogata due volte per altri 6 mesi.  Attualmente in Portogallo vivono più di 56.000 ucraini.

Estonia

Dal 10 settembre l’Estonia ha modificato le condizioni di protezione temporanea per i rifugiati ucraini. Ora la protezione temporanea in Estonia è concessa fino a marzo 2025 sia a chi ne fa richiesta per la prima volta, sia a chi vuole prorogarla. 

Inoltre, è cambiata la procedura per la proroga della protezione temporanea. Ciò richiede ora una nuova foto del documento presso l’ufficio servizi del Dipartimento di polizia e protezione delle frontiere. Inoltre, durante l’estensione della protezione temporanea, alle persone potrebbero essere poste ulteriori domande sulle circostanze del loro arrivo nel Paese.

Grecia

Il governo greco ha modificato il periodo di soggiorno per i rifugiati provenienti dall’Ucraina. A settembre, il Ministero greco per la Migrazione e l’Asilo ha annunciato di aver esteso la protezione temporanea per i rifugiati  fino al 4 marzo 2024. 

“Secondo la decisione adottata, la durata di validità dei permessi di soggiorno sotto protezione temporanea, che scadeva il 4 settembre 2023, è automaticamente prorogata di altri sei mesi”, si legge nel messaggio. I permessi di soggiorno temporanei non dovranno essere rinnovati. Inoltre, la Grecia continuerà a fornire protezione temporanea agli ucraini che entreranno nel Paese per la prima volta fino al 4 marzo 2024.

Finlandia

Il Ministero degli Interni finlandese ha sottolineato che non garantirà più protezione ai rifugiati provenienti dall’Ucraina se non hanno la cittadinanza ucraina, in particolare un permesso di soggiorno permanente o protezione internazionale. Se si accerta che le persone con cittadinanza di paesi terzi non hanno motivo di vivere in un paese dell’UE, verranno rimpatriate in patria.  Questa decisione non riguarderà le persone che hanno ricevuto protezione temporanea, che hanno la cittadinanza ucraina o che sono familiari di cittadini ucraini. 

Secondo la decisione adottata, la protezione temporanea sarà concessa solo a quelle persone senza cittadinanza ucraina che in precedenza avevano un permesso di soggiorno permanente in Ucraina o lo status di protezione internazionale. Vi ricordiamo che la Commissione Europea ha deciso che  gli ucraini che tornano a casa per un lungo periodo potranno ritornare nuovamente nell’UE  e non dovranno sottoporsi a una nuova registrazione. 

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles