24.4 C
Rome
martedì, Maggio 21, 2024

La fine dell’UPC Polska. Sempre più clienti si lamentano della connessione a Play

La fine dell’UPC Polska. Sempre più clienti si lamentano della connessione a Play. I clienti criticano, tra gli altri: calo della qualità dei servizi, nonché l’impossibilità di usufruire di alcune promozioni.

L’Ufficio per la concorrenza e la tutela dei consumatori riceve sempre più reclami sulla fusione delle reti UPC Polska e Play – ha rilevato il portale Wirtualnemedia.pl. I clienti criticano, tra gli altri: calo della qualità dei servizi, nonché l’impossibilità di usufruire di alcune promozioni.

Alla fine di agosto 2023 le società Play e UPC Polska sono state unite legalmente. La fusione ha portato anche al rebranding del marchio UPC, che dopo 23 anni di attività è completamente scomparso dal mercato polacco . Da settembre gli attuali clienti UPC hanno iniziato a ricevere e-mail con le informazioni sul cambio di fornitore di servizi.

Ti informiamo che dal 1 settembre 2023 il fornitore dei servizi di telecomunicazione e l’amministratore dei tuoi dati personali in base ai contratti stipulati con UPC Polska sp. z o.o. è: P4 sp. z o.o., ul. Wynalazek 1, 02-677 Varsavia

– diceva il messaggio.

È importante sottolineare che tutti i contratti clienti UPC esistenti rimangono in vigore invariati. Pertanto l’entità dei servizi, il prezzo , le condizioni contrattuali e la scadenza sono identici . Pertanto, ai clienti non è stata data la possibilità di violare l’obbligo prima della sua scadenza. Tale azione comporterebbe “la necessità di restituire una parte proporzionale dello sgravio” concesso al momento della firma del contratto.

Aurora boreale rossa sulla Piccola Polonia. Un fenomeno spettacolare. Il cielo sembrava essere in fiamme

UPC si è fusa con Play. I clienti presentano un reclamo all’Ufficio per la concorrenza e la tutela dei consumatori

Non tutti i clienti UPC hanno apprezzato la fusione completata. Secondo il portale Wirtualnemedia.pl , le prime denunce in merito sono state presentate all’Ufficio per la concorrenza e la tutela dei consumatori a settembre. I loro autori si sono lamentati, tra gli altri: alla peggiore qualità dei servizi dopo la connessione a Play. Nelle ultime settimane sono apparse ancora più denunce di questo tipo, come confermato dall’Ufficio per la concorrenza e la tutela dei consumatori.

L’Ufficio per la concorrenza e la tutela dei consumatori (UOKiK) ha ricevuto un totale di una dozzina di reclami di consumatori relativi a problemi successivi alla fusione di Play e UPC. Riguardano problemi individuali, ad esempio calo della qualità dei servizi, informazioni divergenti da parte dei consulenti di entrambe le società, incapacità di usufruire delle offerte promozionali P4 da parte degli ex clienti UPC.

– spiega Maciej Chmielowski del dipartimento di comunicazione dell’Ufficio per la concorrenza e la tutela dei consumatori in un’intervista a Wirtualnemedia.pl. Tuttavia, Play nega ufficialmente che la fusione con UPC abbia avuto un impatto negativo sulla qualità dei servizi forniti: secondo l’azienda, la rete funziona correttamente.

Grazie a molti anni di investimenti in infrastrutture all’avanguardia, disponiamo di una rete a banda larga che garantisce una qualità del servizio affidabile anche in caso di esigenze eccezionali dei nostri clienti e situazioni straordinarie, un esempio delle quali è stata la pandemia. La nostra rete funziona correttamente e i lavori programmati vengono eseguiti nelle ore di minor traffico di rete e facciamo ogni sforzo per garantire che durino il più breve possibile.

– ha spiegato l’ufficio stampa di Play in un comunicato stampa recentemente diffuso. Se l’Ufficio per la concorrenza e la tutela dei consumatori avvia un procedimento e rileva violazioni del diritto dei consumatori o della concorrenza, l’Ufficio può imporre a una determinata azienda un’ammenda massima fino al 10%. entrate annuali, anche se può anche limitarsi solo ad un avvertimento ufficiale.

P4 ha annunciato l’intenzione di rilevare UPC Polska nel settembre 2021, ma la transazione è stata formalmente finalizzata nell’aprile 2022. Da allora è stata effettuata l’integrazione di entrambi i marchi, che si è conclusa con l’abbandono del nome UPC Polska a favore di Play . Tuttavia, diversi mesi prima, l’operatore P4 aveva deciso di chiudere gradualmente gli showroom UPC in Polonia.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles