7.1 C
Rome
lunedì, Aprile 15, 2024

Uno dei monumenti più preziosi della parte orientale di Cracovia. L’Abbazia cistercense di Mogila di Nowa Huta nell’aura autunnale

Uno dei monumenti più preziosi della parte orientale di Cracovia. L’Abbazia cistercense di Mogila di Nowa Huta nell’aura autunnale

L’abbazia è uno dei monumenti più preziosi della parte orientale di Cracovia. Su un lato della strada In via Klasztorna si trova un complesso monastico in mattoni, dall’altro lato si trova l’antica chiesa in legno di S. Bartolomeo. Guarda come appare questo posto all’inizio di novembre, quando i colori autunnali decorano questo luogo unico.

Il Santuario della Santa Croce nell’Abbazia Cistercense di Cracovia Mogila è stato fondato 800 anni fa. Qui viene venerato il crocifisso gotico di Lord Jesus Mogilski.

Nel 1222 il vescovo di Cracovia Iwo Odrowąż portò i cistercensi da Lubiąż nella Bassa Slesia al villaggio di Mogyła vicino a Cracovia. Ben presto qui fu costruita un’abbazia in pietra e mattoni con la chiesa del primo gotico dell’Assunzione della Beata Vergine Maria e di San Venceslao Martire. Nel XIII secolo il monastero fu devastato dagli attacchi dei Tartari e nel XVII secolo dall’invasione svedese.

Sulla pianta di una croce latina

La chiesa fu edificata su pianta a croce latina in stile romanico-gotico cistercense, con l’altare maggiore rivolto ad est. Fu consacrata nel 1266. Negli anni 1536–1538 le pareti del presbiterio e della sacrestia furono ricoperte di affreschi di fra Stanisław Samoshootnik. I policromi della Cappella della Santa Croce risalgono al XVIII secolo. Nell’altare maggiore si trova un polittico del 1514 con la statua della Madonna col Bambino. Gli altari laterali furono realizzati nel XV secolo, gli stalli del coro nel XVIII secolo e le vetrate moderne del 1947. 

La Russia ha testato senza successo i portatori di armi nucleari Yars e Bulava: dettagli da GUR

La volta della navata principale fu ricostruita in stile barocco dopo un incendio nel 1708. Nel 1780 furono ricostruiti la facciata e il portico della chiesa. Nella cripta, all’ingresso della cappella del Signore Gesù Miracoloso, sono sepolti i benefattori del monastero, monaci e abati. Nella cappella si trova il crocifisso gotico di Lord Jesus Mogilski, famoso per le sue grazie, venerato dal XIV secolo. La lunga tradizione del suo culto è testimoniata dall’enorme numero di doni votivi visibili sulle pareti e dai solchi scavati nel pavimento dai pellegrini che si avvicinavano in ginocchio. I fedeli si recano al Santuario dell’Abbazia Cistercense anche per le reliquie della Santa Croce.

Nell’abbazia dovete visitare: la basilica, la cappella del Signore Gesù Mogilski, il chiostro del monastero, la sala capitolare, l’ex calefabbrica, la confraternita, la cappella dell’abbazia, i giardini del monastero e l’ex chiesa di San Bartolomeo Apostolo.

I Cistercensi aprirono un museo

Due anni fa vi è stato inaugurato il Museo della Spiritualità e della Cultura Cistercense. Sarà collocato nell’ala sud del monastero, nella casa dell’abate e nell’ex priorato, dove sono stati completati i lavori di costruzione e conservazione.

– Nei locali dove oggi sono esposte le collezioni, precedentemente c’erano sale catechetiche, un punto di beneficenza, un magazzino per la bottega del monastero, e nel dopoguerra patate e mele venivano conservate per l’inverno nella cappella accademica. Il compito del museo è quello di mostrare l’intera storia dei Cistercensi sullo sfondo dell’Abbazia di Mogila – dalla memoria della vita di S. Bernardo e i primi eremiti, passando per il breviario del XV secolo, copiato dai monaci locali, fino alle ultime scoperte nel monastero – racconta padre Mateusz Kawa.

Non solo storia

Le sale del museo presentano non solo la storia dell’ordine cistercense nel mondo, ma soprattutto nel Paese, in particolare a Mogila. L’anno prossimo l’Ordine celebrerà gli 800 anni dell’insediamento di Iwo Odrowąż. Dalla ricchissima biblioteca e archivio cistercense sono stati presentati libri, manoscritti e stampe antiche raccolti nel corso dei secoli. Accanto all’arte orafa sono stati esposti paramenti liturgici della fine del XVII secolo che, secondo la tradizione monastica, furono un dono del re Jan III Sobieski.

I reperti che si possono trovare nel nuovo museo includono: documenti del monastero di circa 800 anni fa, antiche stampe, incunaboli, l'”Agenda” degli abati di Mogila, miniata nel 1531 da Stanisław Samoshootnik, piastrelle rinascimentali originali con raffigurazioni di Sigismondo Augusto e Caterina d’Asburgo, paramenti e vasi liturgici e dipinti. Il reperto più antico esposto è una cassapanca in legno placcata in ferro dell’inizio del XIII secolo.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles