20.6 C
Rome
mercoledì, Maggio 29, 2024

Attacco alla portaerei Askold a Kerch: dettagli dell’attacco delle Forze Armate e caratteristiche della nave danneggiata

Attacco alla portaerei Askold a Kerch: dettagli dell’attacco delle Forze Armate e caratteristiche della nave danneggiata. Il 4 novembre, le forze armate ucraine hanno attaccato l’impianto di costruzione navale di Kerch.

Nella Crimea temporaneamente occupata, la sera del 4 novembre è stato annunciato un allarme aereo. Successivamente, a Kerch risuonarono esplosioni. I propagandisti dichiararono immediatamente che si trattava di difesa aerea russa e tutti gli obiettivi furono abbattuti. Successivamente, sui canali Telegram, sono apparse informazioni che una piccola nave missilistica “Karakurt” del progetto 22800 denominata “Askold” è stata colpita nello stabilimento di costruzione navale di Kerch.  

TSN.ua ha raccolto tutto ciò che è attualmente noto su un altro attacco alla flotta russa del Mar Nero. Dopo le forti esplosioni in Crimea, il cosiddetto “leader” della penisola occupata, Serhii Aksyonov, ha confermato le esplosioni a Kerch. Secondo lui, lì presumibilmente funzionava la difesa aerea e i missili abbattuti cadevano sull’impianto di costruzione navale. Successivamente StratCom ha confermato gli attacchi delle forze armate alle infrastrutture marittime e portuali del cantiere navale “Zaliv” nella Kerch temporaneamente occupata. La GUR ha confermato anche un colpo a Kerch dopo le esplosioni. 

​​Il 5 novembre il comandante dell’aeronautica militare Mykola Oleschuk ha commentato brevemente e chiaramente gli eventi di ieri in Crimea sul suo canale Telegram. “Confermo”, ha scritto.  Oleschuk ha anche ringraziato i piloti dell’aviazione tattica dell’Aeronautica Militare per gli attacchi riusciti con missili da crociera sulle infrastrutture nemiche. Ha lasciato intendere che i combattenti stavano lavorando con i missili SCALP.

▶ Sul canale YouTube di TSN, puoi guardare il video

“Ben fatto, è come se SCAL avesse superato la prova”, ha detto Oleschuk  . Il tenente generale ha anche notato il lavoro dei cannonieri antiaerei del c omando aereo “Est” sugli “Iskander” abbattuti che volavano in risposta.

Il Ministero della Difesa della Federazione Russa ha ammesso che la nave è stata danneggiata

Il Ministero della Difesa russo ha annunciato che il 4 novembre le forze armate hanno colpito l’impianto di costruzione navale che porta il nome di 15 missili da crociera. Butom a Kerch. A seguito del bombardamento, una nave è stata danneggiata. “A causa del missile da crociera del nemico, la nave che si trovava nella fabbrica è stata danneggiata”, ha commentato il dipartimento di difesa dello stato aggressore.

Le forze armate sono riuscite a bypassare la difesa aerea russa

L’esperto di aviazione Valery Romanenko ha commentato il “cotone” fresco a Kerch. Per colpire l’oggetto nemico sono state utilizzate speciali tecniche tattiche.”Penso che si tratti di una sorta di operazione combinata. In questo caso, è stato possibile superare la difesa aerea russa con diversi metodi… Tale traiettoria è stata utilizzata per aggirare i complessi di difesa aerea russa, ci sono due opzioni,” disse Romanenko.Allo stesso tempo, ha sottolineato che non è ancora il momento di annunciare come ciò sia stato fatto.

L’Aeronautica Militare ha commentato l’attacco alla portaerei missilistica a Kerch

Il portavoce dell’aeronautica militare Yuriy Ignat ha commentato l’attacco delle forze armate ucraine al cantiere navale di Kerch, che ospitava una delle navi più moderne della flotta del Mar Nero della Federazione Russa, la portamissili da crociera Kalibr.  Secondo lui, il comandante dell’Aeronautica Militare ha ringraziato i piloti per il loro lavoro, ma dobbiamo aspettare i risultati della conferma – se questa nave ha seguito l’incrociatore “Moskva”.

Secondo Ignat, un simile attacco delle Forze Armate della Federazione Russa alla flotta della Federazione Russa del Mar Nero è un messaggio ai nostri partner, che i missili potrebbero aver colpito questa delle navi più moderne, che è la portaerei della Missili da crociera Kalibr.  “La nave non ha ancora preso parte alle ostilità, è stata sottoposta ad alcuni lavori di prova per poter poi prendere il mare e combattere contro il nostro Stato”, ha detto.

Reazione al “cotone” a Kerch nell’ufficio del presidente

Il capo dell’OP Andriy Yermak ha scritto nel suo canale Telegram: “La vita dimostra costantemente che la flotta del Mar Nero della Federazione Russa non sarà in Crimea”.

Le migliori destinazioni invernali europee. La città polacca numero uno nella classifica

Attacchi riusciti delle forze armate della Federazione Russa contro navi russe in Crimea

Dmytro Pletenchuk, portavoce della marina delle forze armate ucraine , ha osservato che la nave da sbarco militare russa “Minsk”, danneggiata durante un attacco missilistico riuscito contro Sebastopoli occupata il 13 settembre, non può essere ripristinata. Secondo il rappresentante delle Forze Armate della Marina, in realtà è impossibile ripristinare il sottomarino diesel-elettrico del progetto “Varshavyanka”, che è stato danneggiato. Tuttavia, per il momento Pletenchuk ha sottolineato di non poter dire con certezza quali danni abbia subito la piccola nave missilistica “Askold” durante l’attacco a Kerch temporaneamente occupata il 4 novembre.

“Ora qualcuno non resisterà e filmerà sicuramente, allora avremo già un quadro completo. Possiamo solo confermare ufficialmente che è stato colpito, indipendentemente dal metodo e dai partecipanti a questo meraviglioso evento. Ma, come possiamo vedere dal video dei residenti locali sono semplicemente estasiati dallo spettacolare spettacolo pirotecnico in fabbrica,” ha osservato Dmytro Pletenchuk.

Caratteristiche del piccolo razzo spaziale “Askold”

Piccole navi missilistiche del progetto 22800 codice “Karakurt” – Navi missilistiche e di artiglieria multiuso russe, piccole corvette della Marina russa. 

Lo scopo ufficiale delle navi è condurre ostilità nella zona del mare vicino.

  • lunghezza – 67 m;
  • larghezza – 11 m;
  • motori – diesel-elettrici;
  • velocità – 55,5 km;
  • autonomia – 15 giorni;
  • equipaggio: 50-70 persone.

Il Karakurt è armato con un cannone modernizzato AK-176MA da 76,2 mm, due sistemi di artiglieria antiaerea AK-630M e un sistema missilistico d’attacco Kalibr-NK.

“Questa portamissili da crociera Kalibr è una delle navi più nuove e moderne della Marina russa. È stata impostata nel 2016 presso il cantiere navale “Zaliv” di Kerch e varata solo nel 2021. Per capirci, oltre agli otto lanciatori per “Kalibrov” “, è armato con il proprio sistema antiaereo: il sistema di difesa aerea “Pantsir-M” e il complesso UAV “Orlan-10″ per condurre ricognizioni. Un grosso bersaglio”, ha scritto il canale Telegram “Krymskiy Veter”.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles