2.5 C
Rome
martedì, Aprile 16, 2024

Ne uscirà un bambino aggressivo? Psicologo: In parte, sì. Il resto sposterà la propria aggressività su un altro terreno

Ne uscirà un bambino aggressivo? Psicologo: In parte, sì. Il resto sposterà la propria aggressività su un altro terreno

Marceli ha ucciso i suoi genitori e il fratello. Per farlo ha usato un’ascia. Successivamente ha chiamato la polizia e ha denunciato il furto. Filip, 14 anni, ha pugnalato alla schiena il compagno di sua madre. L’uomo è morto. I crimini che coinvolgono adolescenti elettrizzano i media e l’opinione pubblica. La criminalità e la violenza tra i giovani sono in aumento? Abbiamo qualcosa da temere?

Dicembre 2019, Ząbkowice Śląskie. Marceli ca. All’una di notte chiama la polizia . Riferisce che un uomo è entrato in casa sua. Quando gli agenti arrivano, trovano tre corpi. Genitori e fratello di sette anni. Il diciottenne cerca prima di convincere gli investigatori di essere miracolosamente sopravvissuto. Dopo un po’ si rompe. Ammette di aver commesso un omicidio. Dice di aver usato un’ascia. Indica dove ha nascosto l’arma del delitto. 

Marzo 2022, Stalowa Wola. Sera presto. Filip corre fuori dall’appartamento. Tiene in mano un coltello . Sta inseguendo il compagno di sua madre. Quando lo raggiunge, non lo guarda nemmeno negli occhi. Ti pugnala alle spalle. La vittima cade sul marciapiede e l’adolescente fugge.  Maggio 2023, Wałbrzych. Due adolescenti hanno picchiato il loro amico. Le sferrano colpi in faccia, poi iniziano a prenderla a calci. Alla fine le rubano il telefono. Gli aggressori hanno 13 e 15 anni. 

Maggio 2023, Tomisławice. Prima di mezzanotte, Damian fa visita alla sua ragazza Oliwka alla casa dei bambini  . Lei ha 16 anni, lui 19. Tra loro scoppia una discussione e il ragazzo prende un coltello. La ragazza riceve colpi mortali. Un 19enne ferisce la badante che accorre in soccorso di Oliwa. Cinque bambini vengono portati in ospedale.  Giugno 2023. Gli adolescenti discutono durante una conversazione di gruppo su Messenger. Ad un certo punto perdono la pazienza. Ucciditi! Uccisione! – scrivono a uno dei partecipanti.

– Ne ho sentito parlare, quindi ho deciso di sollevare la questione in classe. E ho sentito da uno degli studenti: “Il più forte vincerà”. Cosa ci resta? Cosa possiamo fare in questa situazione? Invece di accettare i colpi, dobbiamo dimostrare che siamo in cima – dice Maciej Frasunkiewicz, dottorando presso la Scuola di dottorato dell’Università SWPS, che da sette anni lavora con i giovani come psicologo educativo.

La Questura ha pubblicato le statistiche sulla criminalità in Polonia. Dimostrano che nel 2022 in tutto il Paese si sono verificati 882.278 crimini. La polizia ha identificato 316.640 sospetti. Tra questi, 8.717 sono minorenni a cui è stato accertato aver commesso 18.505 atti.

I dati della polizia mostrano che gli agenti in uniforme sono intervenuti in 426 risse o pestaggi tra adolescenti. – Questo è il 14,7%. di tutti i reati rilevati in questa categoria, e allo stesso tempo il 2,3%. il numero totale di atti criminali commessi da minori – ha informato l’ispettore. Mariusz Ciarka, portavoce del comandante in capo della polizia. – Confrontando gli anni 2021 e 2022, va notato che i valori sia del numero totale di crimini che di atti criminali nella categoria lotta e percosse mantengono una tendenza comparabile, leggermente al rialzo – ha aggiunto Ciarka.

57 per cento i bambini e gli adolescenti subiscono violenza tra pari

Il dottor Hab. invita alla cautela nell’interpretazione delle statistiche. Dagmara Woźniakowska, criminologa dell’Università di Varsavia. – È sempre difficile per noi determinare se le statistiche riflettono la criminalità reale. Ciò è chiaramente visibile quando si analizzano i casi di bullismo scolastico (intimidazione). 20 anni fa non esistevano nelle statistiche atti simili – ammette. La criminologa sa di cosa parla perché vent’anni fa ha preso parte a uno studio sulla delinquenza giovanile. Ha analizzato la criminalità femminile, il prof. Witold Klaus si è concentrato sui minori più piccoli, mentre il prof. Irena Rzeplińska si è occupata della ricerca sui minori in generale.

Dottorato di ricerca Dagmara Woźniakowska ha spiegato che il bullismo scolastico è registrato come art. 190 bis c.p., ovvero il reato di molestie persistenti, stalking, ovvero come art. 207 c.p., ovvero il reato di abuso. E mentre 20 anni fa l’art. 207 lo era, ma non fu utilizzato affatto. La violenza tra pari a lungo termine è stata registrata, ad esempio, come percosse. Eppure il bullismo è una forma di violenza tra pari.

20 anni fa, le statistiche tacevano sul bullismo e sulle intimidazioni tra gli adolescenti, ma i dati di oggi sono allarmanti. Monika Kamińska della Empowering Children Foundation ha dichiarato alla televisione Polsat che ben il 57% i bambini e gli adolescenti subiscono violenza tra pari. Ciò significa che più di un adolescente su due sperimenta comportamenti dannosi da parte degli amici.

Successo o fallimento del sistema?

Il criminologo sottolinea che le proporzioni sono cambiate. In passato, le statistiche erano dominate dai cosiddetti atti punibili, cioè crimini di fatto. Ora prevale la demoralizzazione, cioè altri tipi di comportamento, come assenze ingiustificate, evitamento della scuola, consumo di alcol o dipendenze di vario genere. – Quando lavoravo nel dormitorio della scuola, uno dei nostri studenti ha iniziato a fare uso di droghe mentre studiava in una scuola tecnica. I genitori, troppo impegnati con il loro lavoro professionale, contattavano raramente il figlio e in seguito perdevano del tutto interesse per lui. 

Il ragazzo perse sempre più il contatto con la realtà, iniziò a marinare la scuola e ad un certo punto quasi smise del tutto di andare a scuola. L’assunzione di droghe divenne il significato della sua vita. Sfortunatamente lo abbiamo scoperto troppo tardi: si nascondeva in modo molto efficace. Poiché i colloqui non hanno aiutato, le sue condizioni peggioravano e il grado di demoralizzazione e di influenza sugli altri alunni era troppo alto, abbiamo deciso di rimandarlo al centro educativo. I genitori non hanno protestato, anche se purtroppo non hanno reagito ai nostri precedenti segnali di sospetto di un problema, dice lo psicologo.

Ci si potrebbe chiedere se l’uso di “misure di isolamento” contro gli adolescenti e il loro inserimento in centri educativi e istituti correzionali porti effettivamente un effetto positivo. – Dobbiamo considerare attentamente chi e dove inviamo. Una ricerca che misura l’efficacia delle “misure di isolamento” mostra che il 20% degli alunni lascia tali strutture. le donne commettono crimini in età adulta e nel caso degli uomini la percentuale arriva fino al 60%.

 Si tratta di un fallimento del sistema? Sono del parere che sia piuttosto un successo perché siamo riusciti a risparmiare il 40%. bambini molto vissuti, gravati da deficit appresi a casa o alle prese con disturbi mentali che cominciavano a essere curati solo nei centri. Queste sono persone che sono profondamente disabili in vari modi. Non solo mentalmente, ma anche socialmente – spiega il Dr. Hab. Dagmara Woźniakowska.

“Gli adulti dovrebbero essere inoffensivi”

La maggior parte degli psicologi ed educatori afferma che il 90% dei problemi dei bambini lo sono derivano da errori genitoriali e in molte situazioni sarebbe utile la terapia familiare o almeno un lavoro sincero sulle relazioni familiari e sulle capacità genitoriali. Maciej Frasunkiewicz nota che, sfortunatamente, i suoi genitori la ignorano. – Dicono: “Non ho tempo”, “Non aiuta”, lodano i propri metodi genitoriali (anche se evidentemente non funzionano bene) o attribuiscono la colpa del problema al bambino – ottiene lo psicologo arrabbiato. – Accade anche che i genitori, in caso di conflitti a scuola, si schierino indiscutibilmente dalla parte del figlio e non sembrano accettare la possibilità che il figlio o la figlia fossero effettivamente colpevoli o colpevoli, difendendoli come se fosse la costituzione. Sfortunatamente, ho anche avuto un caso in cui abbiamo avuto una ragazza ferita a scuola e sua madre pensava che sua figlia mentiva, tradisse e fosse sicuramente responsabile di tutto – non credeva a una parola di quello che diceva. Anche la proposta di terapia familiare è stata rifiutata dal genitore. In questo modo creiamo nel bambino la convinzione di non valere nulla e che le ulteriori conseguenze potrebbero essere molto negative – ricorda Frasunkiewicz. 

La psicologa spiega che “i bisogni del bambino dovrebbero sempre venire al primo posto, anche se per noi genitori è difficile” e aggiunge che i nostri figli attraversano diverse crisi dello sviluppo. – Una volta ho sentito la frase che “un adulto dovrebbe essere inoffensivo agli occhi di un bambino”. Apprezzo molto queste parole e cerco di continuare a ripeterle. Il punto non è imparare o liberarsi dell’ego, ma capire che un bambino guarda il mondo in modo molto più limitato e che in fondo tutto ciò che gli accade è un’opportunità per imparare, ha spiegato. 

Le ragazze sono sempre più incluse nei registri della polizia?

Sembra che le ragazze causino sempre più problemi educativi e si ritrovino sempre più spesso nei casellari della polizia. Secondo un criminologo dell’Università di Varsavia, questa percentuale nelle statistiche è ancora piccola. – La percentuale di ragazze coinvolte nella delinquenza giovanile è di circa il 25% e di atti devianti di circa il 30%. Anche se usano la violenza, le percentuali non sono superiori a 20 anni fa. Gli effetti di questa violenza sono in realtà molto piccoli. Di solito si tratta di percosse che non lasciano segni significativi, ma piuttosto graffi o contusioni. 87 per cento questi erano atti di “nessun segno” o “lividi e graffi”. Se le ragazze si comportano in modo aggressivo, le conseguenze del loro comportamento sono più subdole che nel caso dei ragazzi. Adolescenti che hanno preso a calci il loro amico? Questi casi non sono comuni. L’analisi dei casi che finiscono in tribunale mostra che non ce ne sono molti – spiega lo scienziato.

Dottorato di ricerca Dagmara Woźniakowska analizza la delinquenza delle ragazze attraverso l’influenza della cultura e dell’educazione, motivo per cui secondo lei un comportamento che va oltre l’immagine di una ragazza educata e docile “non è necessariamente un male”. – La teoria che spiega la criminalità delle donne e delle ragazze solleva interrogativi sul perché non commettono crimini. Ancora il 75%. i ragazzi commettono atti criminali. Sembra che, a parte le teorie biologiche sull’influenza del testosterone, i maggiori inibitori siano la cultura, la società e il modo in cui le ragazze vengono socializzate. È anche una regola ben nota che quanto più forte è il patriarcato in un dato paese, tanto più basso è il tasso di criminalità tra le donne. E quanto più forte è la posizione delle donne, quanto più hanno da dire, tanto maggiore è la loro partecipazione alla criminalità – ritiene la Dott.ssa Hab. Dagmara Woźniakowska.

La ricercatrice aggiunge che il crimine più grave commesso dalle donne in Polonia è stato registrato nel 1947, quando fu condannato il 46% delle donne. – Nell’immediato dopoguerra le donne furono costrette socialmente a sostituire il ruolo degli uomini. Questo esempio dimostra che in una situazione sociale estrema le donne non sono molto diverse dagli uomini – dice il mio interlocutore. – I fattori culturali sono molto inibitori. Naturalmente, il comportamento rumoroso, volgare e criminale delle ragazze non può essere accettato a breve termine. Forse la loro rabbia, ribellione e minore controllo sociale si tradurranno in una maggiore attività in futuro, dice il ricercatore.

Inasprimento pericoloso del tasso di cambio 

Filip, che ha accoltellato il compagno di sua madre, è in riformatorio. Resterà lì fino ai 21 anni. Dal 1° ottobre entrerà in vigore una modifica al codice penale secondo la quale un quattordicenne sarà ritenuto responsabile di omicidio (attualmente i minorenni dai 15 anni in su vengono processati come adulti). Il difensore civico per l’infanzia si è espresso in modo critico nei confronti di ciò. L’ordine degli avvocati “Defensor Iuris” ha definito questo cambiamento “estremamente pericoloso dal punto di vista sociale”. Il mio interlocutore ha un’opinione simile. Secondo Woźniakowska, “si tratta di un serio inasprimento della rotta, che ci avvicina alla Russia e ai paesi eredi della politica dell’URSS”. – È chiaro che il legislatore vuole adottare un approccio molto rigido nei confronti della delinquenza giovanile – commenta lo scienziato.

Questo non è l’unico cambiamento in materia di criminalità minorile portato avanti dal Ministero della Giustizia. Michał Woś è stato responsabile della preparazione della legge sul sostegno e la risocializzazione dei minori, chiamata colloquialmente “lex infant dietro le sbarre”, ha spiegato: – Questa non è una legge per opprimere le persone da parte di psicopatici, ma un pacchetto di strumenti che devono essere utilizzati dai registi , addetti alla sorveglianza, educatori e altre persone qualificate per lavorare con i giovani.

Le nuove norme presuppongono che i minori autori dei crimini più gravi, come l’omicidio, lo stupro e la pedofilia, saranno obbligatoriamente rinchiusi in istituti correzionali . Anche il limite massimo di età per soggiornare in tali strutture è stato esteso a 24 anni. Anche il limite di età minima per la responsabilità della demoralizzazione è stato fissato a 10 anni. Questa modifica, come indicato dal Ministero della Giustizia, è volta a consentire ai dirigenti scolastici di inviare gli studenti per reati meno gravi a lavori di pulizia all’interno e nei dintorni della scuola.

Questo cambiamento è stato accolto criticamente sia dalla comunità legale che da quella docente. il prof. Marek Konopczyński del Comitato di scienze pedagogiche dell’Accademia polacca delle scienze e dell’Università di Białystok ha affermato a TOK FM che “questo atto è negativo. Non si adatta al pensiero moderno riguardo al rapporto con i bambini e i giovani”. Anche nella fase dei lavori al Sejm l’esperto ha osservato che “il disegno di legge è più dannoso della legge di 40 anni fa, creata nell’atmosfera della Repubblica popolare polacca, nel clima dell’educazione socialista”.

Quando reagire?

Indipendentemente dal fatto che un ragazzo o una ragazza stiano rubando o marinando la scuola, dovremmo reagire il prima possibile. Dottorato di ricerca Dagmara Woźniakowska sottolinea che dovremmo osservare attentamente i bambini in età prescolare e scolare e intraprendere interventi precoci. – La ricerca criminologica di Terrie Moffitt mostra che l’attività criminale precoce nei bambini si traduce in crimine nell’età adulta. Un bambino di età inferiore a 10 anni dovrebbe essere incluso nel sistema di assistenza. Dico sempre, con una certa ironia, che il miglior prodotto scolastico è un bambino che arriva a scuola con successo ed è sostenuto dai suoi genitori. E se non esiste tale sostegno, la scuola di oggi non è in grado di sostenere un bambino del genere nelle sue difficoltà – sottolinea la criminologa.

Il ricercatore spiega che è a causa degli insuccessi scolastici nelle prime fasi dell’istruzione che le persone iniziano a prendere la strada sbagliata. – Il bambino inizia a restare indietro e non riesce a tenere il passo con il materiale. Si sente sempre peggio, viene spesso ridicolizzato dagli insegnanti e si annoia in classe perché non capisce cosa sta succedendo. Comincia a essere un prepotente e a prendere voti sempre peggiori. Viene trattato sempre peggio e smette di andare a scuola. E questo è un semplice percorso di deviazione. Nel caso di molte persone che intraprendono una carriera criminale, essa inizia con gli insuccessi scolastici, sostiene.

– Se volessimo cambiare radicalmente la nostra politica nei confronti dei minori, sarebbe necessario un sostegno molto forte e globale ai bambini in questa fase iniziale, quando già mostrano alcune sindromi di demoralizzazione – spiega lo scienziato.

Anche un bambino violento a scuola dovrebbe essere curato. – Se il caso di un bambino di questo tipo viene sottoposto al tribunale dei minorenni, non è per punire il bambino. Il trattamento polacco dei minori generalmente non utilizza il concetto di punizione. Abbiamo invece il concetto di bambino in pericolo. Trattiamo il comportamento deviante e gli atti criminali dei bambini come un segno che il bambino si trova in una situazione difficile. Indaghiamo su questo per verificare cosa sta succedendo nella sua vita che lo ha portato a comportarsi in questo modo e come possiamo aiutarlo – spiega Woźniakowska.

Lo psicologo sottolinea che “le persone che subiscono violenza cominciano a reagire con la violenza”. – Può sembrare che provengano dal cosiddetto una casa buona e stabile, ma quando un bambino o un adolescente sperimenta un comportamento violento, può diventare una vittima o un carnefice – spiega Frasunkiewicz.

La tempesta Ciaran sta attraversando l’Europa. L’elemento raggiungerà la Polonia venerdì

Schema o catarsi?

Alcuni sottolineano che i nostri figli adottano comportamenti violenti nei giochi in cui sparano, uccidono ed eliminano il nemico. – È stato dimostrato da tempo che se guidiamo un carro armato e colpiamo un’altra macchina durante il gioco, non vogliamo farlo nella vita. Quando nel 1997 avvenne il massacro della scuola di Columbine, i media soprannominarono gli autori dei mostri Doom perché uno di loro giocò al gioco. E non è stato menzionato il fatto che uno di loro è stato rifiutato, che aveva problemi mentali e che non aveva alcun sostegno da parte di sua madre. Il gioco era una via di fuga, non il fattore scatenante che ispirò il suo massacro. Ci sono stati almeno diversi casi simili e i media hanno sottolineato con entusiasmo i colpevoli, spesso troppo velocemente e ingiustamente, ha spiegato lo psicologo.

 – Alcuni adolescenti giocano compulsivamente ai giochi di tiro, guardano i patostream e trascorrono molto tempo su di essi. I genitori sono occupati, non hanno tempo per loro. Sono soli. Questo è un esempio di bambini trascurati, lasciati soli, spesso rifiutati dalla classe, che subiscono molta violenza contro se stessi. Loro stessi a volte non mostrano violenza verso gli altri, ma accettano questa violenza – dice il mio interlocutore, indicando il significato di fondo del comportamento degli adolescenti “estranei”.

Maciej Frasunkiewicz si riferisce invece ad uno studio condotto con la partecipazione di bambini di cinque anni divisi in due gruppi. In uno, i bambini guardavano un film con una sparatoria. E nel secondo no. Una pistola scarica era posizionata su un tavolo nella stanza. I ragazzi del primo gruppo hanno preso in mano le armi e hanno cercato di sparare. I partecipanti del secondo gruppo non erano interessati all’argomento. – Gli scienziati sostengono che guardare un film non è un segno di violenza perché il bambino è più curioso di sapere cosa accadrà. Tuttavia, prendere una pistola ha questi segni perché qualcuno ha visto uno sparo e vuole copiarlo e vedere come funziona – ha spiegato Frasunkiewicz.

Dottorato di ricerca Woźniakowska osserva che “in criminologia esiste un concetto completamente diverso: la catarsi, che si applica anche alla pornografia”. – Partiamo dal presupposto che se qualcuno si diverte a sparare in un gioco per computer, non lo farà nella vita reale, perché così allevierà la sua frustrazione – risponde il mio interlocutore. – Fino all’80%. gioca a questi giochi e in qualche modo non esce per strada, non prende a calci i senzatetto, non spara alla gente per strada – aggiunge.

Siamo diventati più sensibili

Il criminologo sottolinea ancora una volta che la criminalità tra i minorenni sta addirittura diminuendo. Secondo lei ciò è dovuto alla demografia, al fatto che ci sono molti meno giovani. Le maggiori denunce di criminalità tra i giovani si spiegano con la maggiore sensibilità degli adulti, che prestano maggiore attenzione ai diversi comportamenti. – Un buon esempio di cambiamento nell’approccio tra gli adulti è l’esperimento che TVN ha preparato in collaborazione con Niebieska Linia. Nel 2007 è stata messa in scena una scena in cui una donna alta picchiava il suo partner. Una telecamera nascosta ha registrato le reazioni dei passanti. 16 anni fa nessuno reagì. Quando l’esperimento è stato ripetuto quest’anno, le persone si sono avvicinate, sono intervenute e hanno chiesto. Prima non esisteva una tale sensibilità alla violenza, dice il criminologo.

Un esperto dell’Università di Varsavia sottolinea che “è relativamente normale che i bambini commettano crimini”. Secondo lei, la maggior parte delle persone nasce dalla criminalità. – La maggiore attività deviante e criminale si verifica tra i 14 ei 21 anni, per poi diminuire rapidamente. La maggior parte delle persone smette di comportarsi in modo deviante per vari motivi. Matura, cresce, ha altri modi e metodi per raggiungere i suoi obiettivi, più legali. Se chiediamo ai nostri amici cosa hanno fatto da adolescenti, potrebbero raccontarci storie diverse. Il comportamento deviante durante l’adolescenza non ha rovinato la loro vita – sorride Woźniakowska.

– Nella vita adulta inizia ad apparire una prospettiva leggermente diversa. Sempre più spesso i giovani notano che il comportamento violento durante l’adolescenza è stato redditizio, ma a breve termine. Scoprono che in età adulta non ripaga più. Alcuni di loro crescono e alcuni li trasferiscono in un luogo dove non è visibile – nemmeno a casa – di fronte a un bambino, partner o partner. Spesso passano molti anni prima che la violenza venga rivelata. Può anche assumere altre forme e manifestarsi nell’aggressione tra dipendenti o nel mobbing nei confronti dei subordinati – nota Frasunkiewicz.

Lo psicologo aggiunge che gli piace fare riferimento al contesto sociale quando parla con gli adolescenti. – Le persone che si comportano in modo violento ci fanno paura. Vogliamo essere temuti? Questa è una domanda pericolosa perché alcune persone risponderanno sì. Vogliamo vivere in un mondo in cui dobbiamo essere violenti per sentirci al sicuro? Non credo. Costruire un senso di valore sul fatto che qualcuno ha paura di noi è fragile, perché arriverà qualcuno di cui avremo paura e la nostra fiducia in noi stessi scomparirà rapidamente e ci sentiremo impotenti e inutili – dice alla fine Maciej Frasunkiewicz .

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles