24.4 C
Rome
martedì, Maggio 21, 2024

“Die Zeit” sulla Polonia: timori di un colpo di stato silenzioso. “È difficile credere che il PiS se ne andrà senza combattere”

“Die Zeit” sulla Polonia: timori di un colpo di stato silenzioso. “È difficile credere che il PiS se ne andrà senza combattere”

A Varsavia crescono i timori di un colpo di stato silenzioso, perché il PiS non se ne andrà senza combattere – scrive il settimanale tedesco “Die Zeit”. In Polonia crescono i timori di un “colpo di stato silenzioso”, scrive “Die Zeit”. Il settimanale tedesco si riferisce, tra gli altri, a: alle dichiarazioni dei politici del PiS secondo cui il compito del presidente Andrzej Duda è impedire a Donald Tusk di governare .

È difficile credere che dopo una simile campagna (elettorale) il partito al governo se ne andrà senza combattere. Anche perché deve aver paura di essere giudicato

– scrive Joerg Lau, e aggiunge che “le prossime settimane saranno una prova di nervi.” “In nessun altro paese (eccetto l’Ungheria) la trasformazione autoritaria del sistema giudiziario e dei media è arrivata così lontano”, si legge. Ora però la Polonia ha la possibilità di ripristinare nuovamente la separazione dei poteri, e il successo di questo processo “sarà decisivo anche per il futuro dell’Ue”.

Molto dipende da Duda

Se la Polonia riuscirà a rimetterla sulla “via della libera democrazia” dipende soprattutto dal presidente Duda, che fino alle elezioni presidenziali del 2015 era quasi sconosciuto e che poi si è rivelato un “fedele esecutore della linea del partito” – scrive “Die Zeit”. Il nuovo governo dovrà raggiungere un accordo con Duda, e lui già dà un assaggio di cosa ciò potrebbe significare. Due giorni dopo le elezioni, Duda ha nominato 76 nuovi giudici politicamente convenienti. Un atto estremamente “aggressivo” di fronte alla promessa dell’opposizione di riformare e depoliticizzare il sistema giudiziario – afferma l’autore.

Come prendere d’assalto il Campidoglio

Egli spiega che il presidente Duda segnala che affiderà la missione di formare un nuovo governo non a Tusk, ma al “primo ministro” Mateusz Morawiecki. Che senso può avere? – si chiede l’autore. Mentre scrive, una delle teorie Duda vuole dare al PiS più tempo possibile per conquistare i deputati degli altri partiti (soprattutto Confederazione e Terza Via), scenario che, secondo l’autore, non convince perché “per ora la coalizione tripartita di Tusk è unita”. Un altro scenario presuppone che sia il momento necessario per “cancellare le tracce imbarazzanti di otto anni di governo del PiS”.

Monumenti dalla lista UNESCO. Sono inestimabili e bellissimi. La Małopolska ne ha la maggior parte in Polonia! Aspetto!

Molti osservatori polacchi ritengono che la direzione del PiS si sia già resa conto di essere stata destituita dal potere, ma “negano la sconfitta e preparano una narrazione cospirativa nel momento in cui l’opposizione prenderà il potere “, scrive “Die Zeit”. Potrebbe trattarsi – come sottolinea Michał Szułdrzyński, caporedattore di “Rzeczpospolita”, citato dal settimanale tedesco – “una versione polacca dell’assalto al Campidoglio”.

 Il PiS non vuole essere la futura opposizione, perché ciò significherebbe ammettere la sconfitta, ma vuole essere una forza di “resistenza” contro il “nuovo governo illegale che è al servizio delle potenze straniere”. “Riuscirà la democrazia parlamentare a resistere allo stress costante associato a tali attacchi? Presto sarà possibile analizzare non solo l’esempio americano, ma anche quello polacco”, dice Joerg Lau su Die Zeit.

L’articolo proviene da Deutsche Welle.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles