14.7 C
Rome
sabato, Giugno 15, 2024

Chiusura del confine con la Polonia: chi non potrà lasciare l’Ucraina in caso di sciopero dei vettori

Chiusura del confine con la Polonia: chi non potrà lasciare l’Ucraina in caso di sciopero dei vettori. Venerdì le compagnie aeree polacche hanno pianificato di iniziare uno sciopero

Chiusura del confine con la Polonia: L’esperto ha parlato di cosa aspettarsi da chi viaggia in auto e dal trasporto passeggeri. Venerdì le compagnie aeree polacche hanno pianificato di iniziare uno sciopero su larga scala al confine con l’Ucraina . Ciò significa che per un certo periodo di tempo una o più sezioni del confine possono essere bloccate al traffico. Come ha scoperto TSN.ua , i funzionari ucraini affermano che i loro colleghi polacchi hanno già esortato i manifestanti a non bloccare il confine.

“Attualmente sono in corso consultazioni di lavoro con i colleghi del Ministero delle Infrastrutture polacco. Secondo la loro posizione non sostengono la protesta e abbiamo inviato ai manifestanti informazioni pertinenti con un appello a non bloccare il confine. Parallelamente, stiamo conducendo negoziati con la direzione competente della Commissione europea”, ha detto in un commento a TSN.ua, il vice ministro per lo sviluppo delle comunità, dei territori e delle infrastrutture dell’Ucraina Serhii Derkach. 

Inoltre, i diplomatici ucraini sono intervenuti nella situazione e ora stanno cercando di risolverla.

Allo stesso tempo, una delle domande principali rimane se l’accesso alle auto e al trasporto passeggeri sarà limitato.
La risposta a questa domanda è stata data da Volodymyr Balin, vicepresidente dell’Associazione dei vettori automobilistici internazionali dell’Ucraina , in un commento per TSN.ua.

15 cimiteri insoliti in Polonia nel giorno di Ognissanti. Tombe colleriche, piramidi, mizar e altri luoghi suggestivi per una passeggiata

” Dall’esperienza degli scioperi precedenti possiamo dire che non ci sono stati ostacoli al trasporto passeggeri e passeggeri. Questo riguardava solo i camion. Spero che questa volta lo sciopero non abbia luogo, ma il rischio è alto”, dice Volodymyr Balin.

Secondo lui i vettori polacchi hanno due esigenze principali. “Il primo è l’opacità del lavoro della coda elettronica, sono insoddisfatti del suo lavoro. A proposito, abbiamo anche delle lamentele al riguardo. Queste sono questioni tecniche che devono essere risolte. Il secondo problema è che vogliono la parità sul mercato dei trasporti Polonia-Ucraina. Cioè, quanto noi trasportiamo, loro possono fare altrettanto. Il loro obiettivo principale è la parità di opportunità sul mercato. Prima della guerra, non effettuavano più del 35% dei trasporti .”

Come sai, i corrieri polacchi richiedono:


• permessi di rientro ai vettori ucraini;
• rafforzare le regole di trasporto previste dalla CEMT per i vettori stranieri;
• impossibilità di registrare società in Polonia, se le finanze della società si trovano al di fuori dell’UE;
• coda separata nell’E-queue per le auto con targa UE;
• una coda separata a tutte le frontiere per i camion vuoti;
• accedere al sistema “Percorsi”.

Il cofondatore dell’Associazione internazionale dei trasporti dell’Ucraina, Ihor Overko , spera che i vettori polacchi consentano ancora il trasporto di passeggeri e passeggeri .

“Ci sono già stati scioperi in passato. Il traffico è stato bloccato per uno o due giorni, soprattutto al posto di controllo di Yagodin. In generale, ci sono informazioni che questa volta hanno cambiato idea, ma vedremo come si svolgeranno le cose”, dice Ihor Overko.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles