7.1 C
Rome
lunedì, Aprile 15, 2024

Un misterioso gatto si è impadronito della Repubblica Ceca. Li fissa mentre fanno la spesa

Un misterioso gatto si è impadronito della Repubblica Ceca. Li fissa mentre fanno la spesa

Un misterioso gatto si è impadronito della Repubblica Ceca. Gli occhi di Maneki-neko, il gatto asiatico portafortuna, guardano i cechi mentre comprano birra, uova e latte. Questa statuetta poco appariscente può essere trovata in quasi tutti i negozi locali, perché la stragrande maggioranza di essi è gestita da vietnamiti. Nella Repubblica ceca il numero sorprendente dei cittadini di questo paese è sorprendente. A Praga hanno addirittura creato la loro “città nella città”.

Nguyen è il cognome vietnamita più comune. Si stima che circa il 40% delle persone li indossi. abitanti di questo paese. Anche quasi 3.000 persone che vivono nella Repubblica Ceca ce l’hanno nella sezione prijmeni delle loro carte d’identità. Si suppone che gli uomini con il cognome Nguyen siano 1.958 e le donne con il cognome Nguyenová 1.096 (sì, i cechi femminilizzano anche i cognomi stranieri): non sono numeri da capogiro, ma per fare un confronto, in Polonia ce ne sono 345. Solo a Praga , 478 uomini vivono con questo nome. Solo uomini e solo in una città, e ricordiamoci che la popolazione della Repubblica Ceca è più di tre volte inferiore a quella della Polonia.

Perché ci sono così tanti vietnamiti nella Repubblica Ceca?

I vietnamiti rappresentano la terza minoranza nazionale più numerosa nella Repubblica Ceca, dopo gli ucraini e gli slovacchi. Si stima che siano oltre 64.000 in tutto il Paese, anche se alcuni dati parlano addirittura di oltre 100.000. La Repubblica Ceca è al terzo posto nel mondo con il maggior numero di vietnamiti in rapporto alla popolazione del paese. E dei primi tre, sono gli unici che non confinano con il Vietnam. Ciò significa forse che le strade di Hanoi sognano la birra ceca, i ravioli e l’hockey? E i vietnamiti, innamorati dei romanzi di Hrabal, vanno all’altro capo del mondo per assecondare queste passioni? Non proprio, per non dire che non è affatto così.  

Gli inizi dell’emigrazione vietnamita nella Repubblica Ceca risalgono agli anni ’50. Allora non ancora la Repubblica Ceca, ma la Cecoslovacchia comunista concluse con il Vietnam una serie di accordi diplomatici che facilitarono l’emigrazione soprattutto di lavoratori, studenti e bambini colpiti dalla guerra. Era completamente controllato dallo stato e si supponeva che i vietnamiti acquisissero esperienza e conoscenza e tornassero nel paese per diffonderlo e stimolare l’economia della loro patria. Tuttavia, molti di loro non hanno voluto tornare e hanno eluso le norme, tra cui: trovare un marito o una moglie in Cecoslovacchia, sebbene i parenti vietnamiti siano riluttanti ad accettare tali rapporti. La Rivoluzione di Velluto e il rovesciamento del comunismo nella Repubblica Ceca nel 1989 hanno ovviamente fermato questa ondata migratoria. Tuttavia, ciò durò solo temporaneamente.  

Negli anni ’90 l’emigrazione ha nuovamente accelerato. Questa volta per due motivi. Innanzitutto i vietnamiti volevano riunire le famiglie separate dall’emigrazione. I parenti dal Vietnam furono portati nella Repubblica Ceca e il numero dei cittadini vietnamiti nella Repubblica Ceca aumentò. Inoltre cresceva il mito della Repubblica Ceca, dove il tenore di vita è più alto che in Vietnam, così come i salari. Negli anni successivi si parlò principalmente di emigrazione economica. I vietnamiti hanno trovato “un modo semplice” per fare fortuna nella Repubblica ceca. Commercio. 

I vietnamiti hanno trovato la loro nicchia nella Repubblica ceca

Tutto è iniziato con una fiera. I vietnamiti avevano bancarelle che vendevano prodotti a buon mercato. Innanzitutto l’abbigliamento e l’elettronica, che nella Repubblica Ceca erano richiesti, ma non c’era ancora offerta. Il consumismo stava appena emergendo allora, e tra i cechi c’era un detto popolare che “se non hai qualcosa dai vietnamiti, è come se non l’avessi”. Nel corso del tempo, la gamma di prodotti commercializzati si è ampliata, includendo: sulla spesa. I vietnamiti sono passati dalle bancarelle ai negozi di grande formato, che rappresentano ancora la base del reddito per la maggior parte della comunità vietnamita. Ha addirittura monopolizzato i tipici “negozi di alimentari”. Occupando questa nicchia di mercato, i vietnamiti ne hanno cacciato i cechi. Hanno vinto con due caratteristiche: astuzia e diligenza. 

I negozi generali vietnamiti sono solitamente gestiti da coppie sposate. L’uomo si occupa delle forniture e la donna è una commessa. I bambini li aiutano nel tempo libero dopo la scuola. La famiglia raramente consente agli estranei di entrare nei propri affari. Tali negozi sono quindi una sorta di azienda a conduzione familiare, il che significa che i loro costi di gestione sono inferiori. Inoltre, hanno orari di apertura molto lunghi e non chiudono nei giorni festivi. Anche la loro disponibilità e quantità sono fondamentali: nelle città sono ovunque e nei villaggi sono spesso l’unico negozio operativo. I media cechi riferiscono che i minimarket vietnamiti occupano circa il 20% del mercato alimentare ceco e sono la “catena” più grande, anche se non ufficiale, del paese.

I negozi vietnamiti sono un soffio di Asia nel centro di Praga

Non puoi scrivere dei negozi vietnamiti senza considerare come sono e cosa c’è dentro. Varcare la soglia è un portale per l’Asia. Fin dal primo momento vediamo che il branding in realtà non esiste. Domina il minimalismo visivo. Ordinari scaffali dei negozi bianchi (anche se spesso diventano grigi) con prodotti a prezzi leggermente gonfiati. Anche i loro nomi sono minimalisti. Molto spesso, sopra questi negozi c’è la scritta “potraviny”, che letteralmente significa cibo. 

Potraviny Archivio privato di Potraviny

Dall’interno grigio spiccano figurine di Maneki-neko (gatto asiatico della felicità), centinaia di tipi di zuppe istantanee e urne. Sì, urne. Anche se questo non è un fenomeno quotidiano, in diversi negozi di Praga si può trovare qualcosa come un altare con la cenere sparsa qua e là. Questo negozio si trova nel pieno centro della capitale ceca, nella città vecchia, a circa 300 metri dal Ponte Carlo.  

Vasi e un'urnaVasi e urne,  archivio privato

L’esempio delle urne illustra al meglio la differenza culturale tra vietnamiti e cechi. I cassieri sono piuttosto liberali riguardo all’ordine nel negozio. I prezzi sono spesso disposti in modo caotico sugli scaffali e i prodotti stessi si trovano in scatole di cartone, come se fossero appena arrivati ​​da un grossista. Inoltre, non dovrebbe sorprenderci lo zero interesse dei venditori per il cliente. Scansionando i nostri acquisti, il cassiere può effettuare una videochiamata, mangiare zuppa, pasta o persino truccarsi. Non si tratta di situazioni eccezionali.

In questo caso è importante anche la modesta conoscenza della lingua ceca da parte dei vietnamiti che lavorano lì. Spesso si limita alla risposta “Buongiorno” e ad una formula appresa relativa ai pagamenti con carta. L’inglese è anche peggio. Elżbieta Szylczak nel suo lavoro scientifico sui vietnamiti ha addirittura avanzato la tesi secondo cui è la loro scarsa conoscenza della lingua a limitare le loro possibilità sul mercato, per questo motivo fuggono verso attività sicure e collaudate, come i negozi sopra menzionati. Non si può incolpare alcuni vietnamiti per la loro scarsa conoscenza della lingua. Ci sono situazioni in cui il cassiere non può parlare affatto… perché ha solo pochi anni. Questa non è un’esagerazione, a volte un bambino di 2-4 anni scansiona gli acquisti sulle ginocchia di suo padre. Tuttavia, il più delle volte, dietro al registratore di cassa siedono i loro fratelli maggiori: bambini di 10-12 anni.  

L’approccio liberale dei vietnamiti non si limita solo all’ordine nel negozio. Prima di fare acquisti, vale la pena controllare la data di scadenza del prodotto. La legge ceca non vieta la vendita di alimenti scaduti purché siano adeguatamente separati e contrassegnati nel negozio. I negozi di solito vendono tali prodotti con grandi sconti. La barra record scaduta che ho trovato di recente superava la data di scadenza del 3 marzo 2019. Non ne sono stato tentato, nonostante il prezzo basso.

I cechi considerano i vietnamiti una minoranza senza problemi che gestisce negozi e vive un po’ ai margini della società. La situazione nelle statistiche di polizia è leggermente diversa. Nella Repubblica ceca la quota maggiore nella produzione di droga spetta ai vietnamiti. I media cechi riferiscono costantemente di ulteriori arresti legati alle “mafie della droga vietnamite”. L’ultima volta che si è verificata una situazione del genere è stata nel settembre di quest’anno . L’Istituto statale per il controllo della droga (SÚKL) ha quindi sequestrato novanta droghe illegali a tre venditori sul mercato vietnamita SAPA. Questo posto merita uno sguardo più attento, perché unisce entrambi i “rami del commercio”: quello legale e quello non necessariamente illegale.  

SAPA – il centro della mafia vietnamita nella capitale della Repubblica ceca

SAPA è una città mercato vietnamita situata nella periferia meridionale di Praga, nel distretto di Libuš. Si estende su trentacinque ettari ed è chiamata dai praghesi la “piccola Hanoi”. Non è un caso che questo sia un luogo con migliaia di negozi e bancarelle. Hanno una cosa in comune: sono gestiti dai vietnamiti. E tutto quello che ho scritto sopra è qui portato all’estremo. Pile di scatole, iscrizioni incomprensibili, odori esotici, auto in corsa, scooter. Folla, caos e sporcizia. E non è senza motivo che sto parlando della città qui. Dietro il cancello della SAPA ci dimentichiamo di essere a Praga.

SAPA Archivio privato SAPA

È una piccola città nella città. I vietnamiti fondarono qui la loro comune, aprendo ristoranti, parrucchieri, centri massaggi e, soprattutto, negozi. Si prevede che circa 7.000 vietnamiti vivranno e lavoreranno qui. Ai cechi piace questo posto perché puoi comprare praticamente qualsiasi cosa a prezzi molto convenienti, in quantità all’ingrosso. E i vietnamiti hanno il loro piccolo sostituto della loro patria. Qui troverete una piccola pagoda con una statua dorata del Buddha e agenzie di viaggio che offrono viaggi tra Praga e il Vietnam. Inoltre, questo è anche il luogo in cui si riunisce la malavita criminale vietnamita. 

SAPA Archivio privato SAPA

SAPA Archivio privato SAPA

Questo luogo è stato a lungo considerato la capitale della droga non scritta di Praga. I media cechi raccontano che quando una fabbrica farmaceutica viene chiusa, al suo posto ne vengono aperte altre dieci. Nel 2017 si parlava molto della chiusura di una di queste fabbriche, che si trovava tra ristoranti che servono cibo asiatico. Il portale Tíseň.tv ha poi riferito che le stoviglie lì vendute avrebbero potuto essere contaminate da sostanze tossiche. 

 Nel 2009 nella SAPA si è verificato addirittura l’omicidio di un vietnamita. L’allora capo del dipartimento penale di Praga, Ivan Smékal, nel 2011 aveva dichiarato al portale idnes .cz che all’interno della SAPA doveva esserci una gerarchia speciale e non scritta. Più numeri otto ci sono nella targa di un’auto, più alto è il gangster di rango del suo proprietario . Otto è il numero fortunato asiatico.

SAPA Archivio privato SAPA

L’atmosfera attorno a SAPA è così grave che nel 2011 più della metà dei residenti locali ha ammesso di non sentirsi sicuri nelle sue immediate vicinanze, riferisce il sito web denik.cz . Da allora la SAPA è sotto costante controllo di polizia e la situazione si è un po’ calmata, anche se i doganieri scoprono ancora merci contraffatte. L’ultima volta, durante un’ispezione di ottobre, i doganieri di Praga hanno scoperto quasi cinquemila capi di abbigliamento di marchi di fama mondiale per un valore di dieci milioni di corone. 

Nel contenitore contenente la merce sono stati rinvenuti anche escrementi di topo. Una “scoperta” simile è stata riscontrata anche dagli ispettori dell’Ispettorato statale agroalimentare (SZPI). A seguito dell’ispezione, da agosto quattro ristoranti della SAPA sono stati chiusi. In uno di essi sono stati rinvenuti escrementi di topo sia nella cucina che nella zona ospiti. Inoltre, le ispezioni hanno rivelato problemi di muffa e di conservazione impropria degli alimenti. Questi sono esempi degli ultimi mesi, ma ispezioni simili finiscono regolarmente in questo modo.