15.5 C
Rome
sabato, Giugno 15, 2024

Incidente durante la ricerca di Grzegorz Borys. Un uomo è morto

Incidente durante la ricerca di Grzegorz Borys. Un uomo è morto. La rianimazione è stata eseguita sul posto.

Durante la ricerca di Grzegorz Borys uno dei sommozzatori del gruppo di ricerca è rimasto ferito – ha riferito mercoledì Onet. La rianimazione è stata eseguita sul posto. L’uomo è morto. Grzegorz Borys è ricercato dal 20 ottobre . Il 44enne è sospettato di aver ucciso suo figlio di sei anni. I servizi cercano l’uomo da quasi due settimane. Mercoledì 1 novembre Onet  ha riferito che durante l’operazione si era verificato un incidente. Il quartier generale dei vigili del fuoco municipali di Danzica ha successivamente annunciato che il sub era morto.

La ricerca di Grzegorz Borys. Un membro della squadra di ricerca è rimasto ferito

Mercoledì una squadra di ricerca ha controllato una delle zone paludose al confine del distretto di Velikiy Kack per trovare Boris. – C’è stato un incidente. L’uomo è stato trascinato a riva. La persona ferita è un subacqueo di un gruppo specializzato dei vigili del fuoco dello Stato  – ha detto Junior Brig. Jacek Jakubczyk, portavoce della sede comunale dei vigili del fuoco di Danzica. 

L’uomo è stato rianimato e trasportato in uno degli ospedali di Gdynia. Il portale riporta che il subacqueo avrebbe dovuto essere sempre incosciente. Sul posto è arrivato anche un elicottero aeroambulanza.  La sede municipale dei vigili del fuoco di Danzica ha dichiarato in un post su Facebook che “la vittima di un incidente subacqueo durante le operazioni effettuate dal Gruppo specializzato di soccorso acquatico e subacqueo ‘Gdańsk’ è morta in un ospedale di Gdynia”.

Camminatori nei boschi, dove i servizi cercano Boris. La polizia ammette: non si tratta di casi isolati

Il Centro di sicurezza governativo invia regolarmente avvisi agli abitanti di Gdynia in relazione alla ricerca di Boris. “Attenzione. La polizia sta cercando Grzegorz Borys. Non ostacolate le operazioni dei servizi, non entrate nella foresta tra Karwiny e Chwarzno-Wiczlin”, si legge nell’appello di martedì di RCB. Lo stesso giorno abbiamo chiesto alla polizia se il mancato rispetto di queste richieste fosse comune tra i residenti di Gdynia. – Stiamo ricevendo informazioni che gli agenti di polizia che lavorano lì vengono costantemente avvicinati da persone che vogliono passeggiare lì con passeggini, bambini e  cani . 

I nostri appelli sono quindi supportati dai fatti. Insieme al Centro governativo per la sicurezza, stiamo cercando di informare i residenti che tutti questi appelli mirano a non ostacolare il  lavoro dei poliziotti  – ha detto l’asp junior in un’intervista a Gazeta.pl. Anna Banaszewska-Jaszczyk dell’ufficio stampa della Questura provinciale di Danzica. La poliziotta ha sottolineato che non si tratta di situazioni isolate.

Queste persone – come ha detto Banaszewska-Jaszczyk – chiedono ad esempio alla polizia se possono entrare lì. Tuttavia, non vengono scritti dagli ufficiali. – Solo quando viene commesso un possibile reato o delitto la polizia interviene. In questo caso gli agenti non hanno motivo di punire queste persone, vengono solo informati – spiega la poliziotta. – Una ricerca su larga scala è ancora in corso. Cerchiamo il cosiddetto risultato – ha detto l’asp junior. Anna Banaszewska-Jaszczyk.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles