19.6 C
Rome
giovedì, Maggio 30, 2024

Sopra montagne di cadaveri, ma stanno andando avanti. Avdiivka ricorda in modo inquietante Bakhmut 2.0

Sopra montagne di cadaveri, ma stanno andando avanti. Avdiivka ricorda in modo inquietante Bakhmut 2.0

Sebbene tre settimane di assalti nella zona di Avdiivka abbiano provocato migliaia di vittime russe e centinaia di veicoli distrutti, si sono conclusi con qualche progresso. Sono riusciti a fare notevoli progressi in una zona chiave a nord della città. C’è ancora molta strada da fare prima che venga accerchiato o occupato, ma è chiaro che non è facile per gli ucraini.

I russi hanno raggiunto il terrapieno della linea ferroviaria che corre a nord di Avdiivka, che è un’importante demarcazione nell’area dei combattimenti, e un grande cumulo di rifiuti di una cokeria, che dominava l’area. Ciò non significa che la difesa ucraina sia stata rotta o addirittura che la sua situazione sia seriamente peggiorata, ma è un chiaro progresso sul campo che dimostra che, nonostante le enormi perdite, i russi stanno andando avanti.

I russi continuarono i loro attacchi per un’altra settimana, anche se leggermente più piccoli, senza tanto equipaggiamento pesante e con artiglieria e supporto aereo più deboli. Continuarono a subire pesanti perdite, ma continuarono. Dopo un’altra settimana di combattimenti, gli stessi ucraini ammettono che i russi hanno raggiunto il citato terrapieno e cumulo ferroviario. In linea retta, si tratta di un progresso di circa due chilometri in due settimane. Cioè molto poco per l’intero fronte, ma nella regione di Avdiivka è tanto. Il corridoio che conduce alla città, rimasta sotto il controllo ucraino, si è ridotto a circa 7,5 chilometri. Il suo centro è attraversato dall’unica strada asfaltata, che consente un efficiente rifornimento della guarnigione. Non è difficile indovinare le intenzioni dei russi. Questa è una ripetizione di Bachmut. Un tentativo di aggirare la città fortemente difesa, prendere le sue vie di rifornimento sotto il fuoco e costringere gli ucraini ad abbandonare la difesa.

La registrazione di uno dei recenti attacchi russi nella zona della citata linea ferroviaria. Una colonna meccanizzata cerca di raggiungere la cintura degli alberi e la posizione ucraina. Davanti si muove un carro armato con un dragamine, lasciando ben visibile una striscia scura di terreno arato. Dietro di lui, altri carri armati, veicoli da combattimento di fanteria e mezzi corazzati. Anche se il carro armato avanza, gli equipaggi dell’artiglieria ucraina e dei missili anticarro sparano ai veicoli meno corazzati con la fanteria e iniziano a colpirli. La colonna non può continuare a correre agevolmente dietro il carro armato perché la strada è bloccata da veicoli danneggiati e distrutti. Il caos si insinua. Alcuni fanti decidono di evacuare correndo, altri mezzi fanno retromarcia e abbandonano la striscia di terreno sgombrata, rischiando di colpire le mine. L’attacco fallisce.

Se la città venisse conquistata nel giro di poche settimane o mesi, allora, come nel caso di Bachmut, l’area e le rovine non cambierebbero nulla direttamente. Ciò non significherebbe alcuna catastrofe per gli ucraini, non spezzerebbe le linee di difesa né creerebbe una situazione favorevole per ulteriori attacchi in profondità nell’Ucraina. Bachmut 2.0, la cui acquisizione non ha cambiato nulla di significativo in sé. Dopo il fatto, il fronte nella sua zona è quasi congelato per mesi. Ciò che conta è chi e quante risorse sono andate perdute durante i combattimenti, e quale problema sarà per loro ripristinarle. Per dirla semplicemente, chi ha più persone, armi, munizioni e rifornimenti potrà convertirsi in più truppe capaci di combattere.

Le perdite non sono uguali

Il costo per portare avanti un’operazione del genere sarà inevitabilmente elevato per i russi. Solo ora hanno davanti a sé le principali linee di difesa ucraine. Dietro il terrapieno della linea ferroviaria si trova il villaggio di Stepowe, dietro il mucchio ci sono gli edifici della grande cokeria di Avdijev. Sull’asse meridionale dell’attacco dai villaggi di Opytne e Wodziane si trova il villaggio di Siewierne e i boschetti circostanti tra i campi. Perdere uno qualsiasi di questi punti significherebbe seri problemi per la difesa di Avdiivka, quindi i russi cercheranno sicuramente di catturarli. 

Senza troppa preoccupazione per le perdite che sarebbero inaccettabili per le truppe dei paesi occidentali. Tuttavia, i russi pensano chiaramente in categorie diverse. D’altro canto, anche gli ucraini hanno portato rinforzi nella zona dei combattimenti. C’erano elementi della 1a Brigata Carri, famosa per la sua feroce difesa di Chernihiv nelle prime settimane di guerra, o della ben equipaggiata 47a Brigata, che aprì l’offensiva a Zaporizhia in giugno. Sono apparse anche altre unità di artiglieria e droni (gli ucraini hanno molti gruppi di “droni” che operano abbastanza liberamente che si occupano sia di ricognizione che di attacchi aerei). Il comando ucraino ha chiaramente raggiunto le sue riserve.

D’altro canto, dopo le pesanti perdite nella prima fase dei combattimenti, si prevede che i russi facciano arrivare anche nuove truppe per ulteriori attacchi. Compresi quelli che finora sono stati lontani da Donetsk, nelle regioni di Swatove e Kupyansk, nel nord. Questa è un’altra somiglianza con Bachmut. La battaglia per Avdiivka è così importante per entrambe le parti che sono pronte a inviare ulteriori truppe provenienti dalle riserve e da altre sezioni del fronte. 

Sia i russi che gli ucraini probabilmente vedono questa come una buona opportunità per dissanguare il nemico e impedirgli di radunare liberamente le forze per altre operazioni. Quindi, col passare del tempo, la battaglia diventerà sempre più importante a causa delle forze già affondate in essa e dell’attenzione dei media focalizzata su di essa. Da parte russa, soldati e volontari lamentano da mesi che la pubblicità è solo dannosa. Quanto più la leadership militare e politica viene a conoscenza dei combattimenti in una determinata area, tanto più se ne interessano e avanzano richieste distaccate dalla realtà, il che si tradurrà in perdite maggiori del necessario. Per dirla brutalmente, Avdiivka sta diventando un’altra macchina semovente per la macinazione di attrezzature e forniture.

Per ora, paradossalmente, entrambe le parti possono essere relativamente soddisfatte dell’andamento della battaglia. Ucraini, perché infliggono pesanti perdite ai russi e distruggono le loro unità in battaglie su una delle zone meglio fortificate del fronte. Il comando russo, dal canto suo, sa che anche gli ucraini subiscono perdite e, soprattutto, devono lanciare nella battaglia truppe di riserva e preziose scorte di munizioni di artiglieria. Il costo di un simile scambio di forze ppotrebbe essere accettabile per i russi. Si dice che i soldati dei cosiddetti battaglioni “Storm Z” costituiscano una parte importante della fanteria e muoiono a dozzine e centinaia in attacchi falliti. Questa è “carne da cannone russa”, diretta ai cosiddetti (dagli stessi russi) “attacchi di carne”. C’erano prigionieri, appena mobilitati, soldati di altre unità che in qualche modo si erano guadagnati la punizione. 

Varsavia. Allarme all’ambasciata russa. È stato inviato un pacco sospetto. “Attività completate”

Il materiale umano è considerato dai russi quello di minor valore, quindi viene utilizzato nelle attività più rischiose. Qualcosa di simile agli ex prigionieri che un anno fa presero d’assalto Bakhmut sotto la bandiera del gruppo Wagner. Quando verranno picchiati dagli ucraini, solo le loro famiglie piangeranno per lui. Finché ce n’è qualcuno che li aspetta. Le registrazioni di mucchi di corpi che giacciono nei campi della regione di Avdiivka, pubblicate da ucraini, potrebbero quindi dare una falsa impressione. Per le persone della nostra cultura è un simbolo di fallimento, per i russi è una parte accettabile del processo. Lo hanno dimostrato molte volte durante questa guerra.

Ciò che resta cruciale è l’equilibrio generale delle forze e la capacità di recuperarle dopo le perdite. La distruzione di diverse brigate in sanguinose battaglie per una città insignificante potrebbe alla fine ferire di più gli ucraini, anche se i russi ne perdessero il doppio. Possiamo usare ancora l’esempio di Bachmut. Molto prima che fosse definitivamente perduto, molte voci da parte ucraina e tra gli analisti occidentali sostenevano che difenderlo ostinatamente fosse un errore.

 Anche supponendo che i russi abbiano subito perdite significativamente più elevate durante l’attacco. Gli ucraini hanno dedicato le loro forze e risorse più piccole alla lotta per le rovine che non avevano importanza strategica. Se non lo avessero fatto, avrebbero potuto lanciare prima la loro offensiva a Zaporozhye con forze più grandi, privando i russi del tempo che avrebbero potuto dedicare all’espansione delle loro fortificazioni e dei campi minati. Quindi, anche se gli ucraini possono vantare un rapporto di perdita molto favorevole nei campi intorno ad Avdiivka, ciò non significherà il loro successo in una prospettiva più ampia. Il tempo dirà come si svilupperà questa particolare battaglia, ma è importante tenerlo presente quando si leggono i rapporti sulle pesanti perdite russe.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles