25.6 C
Rome
domenica, Giugno 23, 2024

Israele ha ordinato ai diplomatici presenti in Turchia di tornare nel Paese. Questa è una reazione alle parole “inquietanti” di Erdogan

Israele ha ordinato ai diplomatici presenti in Turchia di tornare nel Paese. Questa è una reazione alle parole “inquietanti” di Erdogan

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha dichiarato durante una manifestazione filo-palestinese a Istanbul che l’Occidente è responsabile delle azioni israeliane nella Striscia di Gaza. Di notte, le forze israeliane sono entrate nella Striscia di Gaza controllata da Hamas. Come forma di ritorsione, Israele ha deciso di ritirare i diplomatici dalla Turchia. A Istanbul si è svolta una grande manifestazione a sostegno della Palestina . Alla manifestazione è intervenuto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, difensore di Hamas . Il politico ha dichiarato che non si tratta di un’organizzazione terroristica. Ha definito Israele un “occupante”.

– Israele commette apertamente crimini di guerra da 22 giorni, e i leader occidentali non possono nemmeno chiedere un cessate il fuoco, per non parlare di intraprendere alcuna azione – ha detto il politico e ha aggiunto: – Diremo al mondo intero che Israele è un criminale di guerra, noi siamo preparandosi per questo – ha annunciato. Erdogan ha aggiunto che il “principale colpevole del massacro” nella Striscia di Gaza è l’Occidente, perché “Israele non sarebbe sopravvissuto tre giorni senza il sostegno occidentale”. Ha anche avvertito che la Turchia è forte e attiva in Medio Oriente.

Mirato a mettere in ombra le celebrazioni del centenario della Turchia laica

La Turchia non riconosce Hamas come organizzazione terroristica ed Erdogan ha già definito Hamas “combattente per la libertà”. Ma la manifestazione aveva anche un altro obiettivo: celebrare il centenario della fondazione della Turchia moderna, che rappresenta un’occasione per ricordare il fondatore della repubblica, Mustafa Kemal Ataturk. Erdogan e il suo partito – scrive Reuters – da anni indeboliscono il sostegno agli ideali filo-occidentali di Ataturk, venerati dalla maggior parte dei turchi. –

Il simbolismo è chiaro e tutti in Turchia sono consapevoli che la manifestazione filo-palestinese probabilmente metterà in ombra la celebrazione del centenario della repubblica laica – ha detto la giornalista turca Asli Aydintasbas in un’intervista all’agenzia. Ha aggiunto che, sebbene i commenti di Erdogan su Hamas riflettano la posizione nota da tempo di Ankara, il suo obiettivo è anche quello di trarre vantaggio dal sentimento anti-israeliano e “consolidare i sunniti conservatori”.

Dove fare una passeggiata a Cracovia? Il Parco dei Piloti Polacchi sembra affascinante nell’aura autunnale

La manifestazione è stata organizzata dal partito al governo, ma vi hanno partecipato anche leader di altri partiti e molti personaggi famosi. I manifestanti scandivano slogan filo-palestinesi, avevano bandiere palestinesi e turche e fasce con la scritta “Siamo tutti palestinesi”, “Stop al genocidio”, “Sii la voce dei bambini palestinesi  . Il ministro degli Esteri israeliano Eli Cohen ha annunciato su Twitter che dopo “voci inquietanti provenienti dalla Turchia” ha ordinato a tutti i diplomatici di tornare nel Paese. Ciò viene fatto al fine di “rivalutare le relazioni tra Israele e Turchia”.

L’attacco rafforzato di Israele a Gaza. Nessun contatto con i palestinesi

L’esercito e l’aeronautica israeliani bombardano la Striscia di Gaza. La notte scorsa sono entrate lì anche le truppe israeliane. I bombardamenti sono concentrati nella parte settentrionale del territorio controllato da Hamas. Si sentono esplosioni a chilometri di distanza. Il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant ha detto che l’operazione continuerà “fino a nuovo avviso”. Il portavoce dell’esercito israeliano Daniel Hagari ha lanciato un “appello urgente” ai residenti rimasti nel nord di Gaza e nella città di Gaza affinché si spostino a sud “immediatamente”. Attualmente la città stessa è quasi abbandonata e la maggior parte dei civili se ne è andata o è stata evacuata.

Unità di fanteria, mezzi corazzati e del genio partecipano alle operazioni contro l’organizzazione di Hamas. Un portavoce dell’esercito israeliano ha detto che i soldati sono ancora in azione e combattono un “nemico indebolito”. Nella notte l’aviazione israeliana ha effettuato gli attacchi più violenti fino ad oggi contro la Striscia di Gaza. Vi hanno preso parte circa un centinaio di aerei da combattimento. Hanno attaccato 150 obiettivi sotterranei. Si tratta di tunnel utilizzati dai terroristi di Hamas per attaccare Israele , nonché di magazzini e officine.

Secondo la parte israeliana, diversi terroristi sono rimasti uccisi negli attacchi aerei. I giornalisti della Striscia di Gaza affermano che lì regnava il caos dopo gli attacchi aerei. Nella Zona telefoni e internet non funzionano più da ieri sera. Elon Musk, la cui compagnia StarLink fornisce servizi Internet via satellite, ha proposto di sostenere gli enti di beneficenza che operano a Gaza.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles