19.6 C
Rome
giovedì, Maggio 30, 2024

Il quinto mandato di Putin: sfortunatamente non all’Aia, ma al Cremlino – cosa significano le “elezioni” presidenziali in Russia per l’Ucraina e per il mondo

Il quinto mandato di Putin: sfortunatamente non all’Aia, ma al Cremlino – cosa significano le “elezioni” presidenziali in Russia per l’Ucraina e per il mondo

Le “elezioni” presidenziali si terranno in Russia il 17 marzo 2024. Naturalmente queste non sono vere elezioni, perché la libera espressione della volontà è stata a lungo una barzelletta. Tuttavia, il Cremlino si sta preparando attivamente. Innanzitutto, queste “elezioni” cadono in almeno due date simboliche: il 10° anniversario dell’occupazione della Crimea ucraina e il 25° anniversario della permanenza di Putin alla guida della Russia.

Contenuto

  1. Distruggi gli sleali: come il Kremlino sta cercando di radunare i russi
  2. Età e guerra: Putin si preparerà alla vendetta, parlando di trattative

E anche il criminale di guerra Putin, non importa quante volte gli ucraini lo nascondono.

In secondo luogo, mentre tutti in Ucraina sperano che prima o poi Putin muoia, ceda il potere a un successore o semplicemente scompaia da qualche parte, Putin governerà la Russia per i prossimi sei anni, scommettendo sulla continuazione della guerra. Tuttavia, nessuno ha escluso i cigni neri.

Ad agosto, in un’intervista al New York Times, l’addetto stampa del presidente russo, Dmitry Peskov, aveva assicurato che nelle “elezioni” del marzo 2024 Putin vincerà con un risultato superiore al 90%, aggiungendo che le elezioni russe non sono esattamente una democrazia, ma piuttosto una burocrazia costosa. Ed era abbastanza sincero in questo, perché il Cremlino dipingerà qualsiasi risultato, anche se superiore al 100%. Anche grazie al voto elettronico. Ma ha mentito riguardo alla costosa burocrazia: è più simile a una dittatura terroristica.

Come si sta svolgendo allora la campagna elettorale in Russia? Su cosa scommetterà il Cremlino? Ma, soprattutto, Putin, dopo le sue “elezioni”, continuerà a stringere la vite, annuncerà pubblicamente la seconda grande ondata di mobilitazione ed espanderà la guerra, forse non solo contro l’Ucraina? Leggi il materiale di TSN.ua.

Distruggi gli sleali: come il Cremlino sta cercando di radunare i russi

Attualmente è molto divertente leggere ciò che scrivevano i media russi più di dieci anni fa, quando Putin “vinse” le elezioni in Russia per la terza volta. Molti prevedevano che dopo il terzo mandato presidenziale sarebbe stato nuovamente sostituito dal pazzo Dmitry Medvedev, che allora era ancora considerato un “ragazzo progressista con un iPhone”, o dall’ex capo di Roscosmos, Dmitry Rogozin. Hanno anche scritto che Putin potrebbe andarsene volontariamente quando il prezzo del petrolio scenderà in modo significativo. Dieci anni fa i “liberali” russi parlavano molto anche della democratizzazione della Russia, che oggi è uno Stato terrorista orientato al modello nordcoreano.

Secondo il politologo ucraino Vadym Denysenko, infatti, il suo risultato reale alle elezioni superiore al 60% è sempre stato molto importante per Putin. In un commento su TSN.ua, l’esperto sottolinea che la legittimità popolare era estremamente importante per Putin per controllare le élite, perché ricordava lo scontro tra Eltsin e Gorbaciov, quando quest’ultimo perse perché non aveva questa legittimità popolare.

“Tuttavia, dopo la “marcia” di Prigozhin (il 23 e 24 giugno di quest’anno, quando i “wagneriani” hanno quasi raggiunto Mosca – ndr), una cosa molto importante è cambiata: Putin ha deciso da solo che questa legittimità popolare, che si basava sull’amore popolare , non è più necessaria. Ha invece bisogno dell’obbedienza popolare basata sulla paura popolare. Cioè, quando per un giorno intero durante la “marcia” di Prigozhin nessuno si è schierato per lui, la gente non è venuta a costruire barricate, come è stato il caso di Eltsin nel 1991; le dichiarazioni delle élite non hanno avuto luogo – questo ha spinto Putin a dire: “Non voglio più giocare a questi giochi”, ha detto Vadym Denysenko a TSN.ua.

Ora il potere in Russia si baserà sulla paura che, secondo Putin, garantirà l’amore del popolo. Tuttavia, non si può dire che prima il regime del Cremlino non avesse paura. Inoltre, questa paura era diretta sia all’interno della Russia che all’esterno. Ad esempio, prima dell’occupazione della Crimea ucraina nel 2014, i sondaggi del “Centro Levada” e del VCIOM indicavano che la maggioranza dei russi approvava la politica di Putin, ma allo stesso tempo la gente rispondeva che nel prossimo futuro sarebbe necessaria una nuova persona. elezioni. Tuttavia, già un anno dopo l’occupazione della Crimea e l’inizio della guerra nel Donbass, la stragrande maggioranza dei russi ha risposto che in futuro vorrebbe vedere Putin sulla presidenza.

Cioè, come possiamo vedere, il Cremlino ha seguito la strada della guerra e del sequestro di terre straniere per mantenere questo amore popolare a un livello più o meno accettabile. In questo contesto, anche l’innalzamento dell’età pensionabile in Russia nell’autunno del 2018 non ha influenzato molto il rating di Putin. Per i russi, intraprendere guerre di aggressione contro altri paesi sovrani e occupare terre straniere è molto più importante del loro stesso benessere. Tuttavia, gli ucraini lo sanno già: è meglio per i russi vivere nella merda, ma con armi nucleari e sogni di grandezza.

Dopo essere stato rieletto nel 2018 per un terzo mandato, Putin ha immediatamente proposto di modificare la costituzione russa per ripristinare il suo mandato presidenziale e consentirgli di governare fino al 2036. Anche se prima aveva ripetutamente affermato che non avrebbe “cambiato la costituzione in nessuna circostanza”. Tuttavia, come nel caso del sottomarino lanciamissili nucleare “Kursk”, anche la Costituzione russa sembra essere “affondata”. E anche dopo, i sondaggi dell’estate 2019 hanno mostrato che il 54% dei russi era favorevole alla continuazione del governo di Putin oltre il 2024.

Ma c’è qualcos’altro, qualcosa che ha violato in modo significativo il contratto sociale, che era il seguente: “Puoi fare quello che vuoi a Mosca, ma non toccarci”. Stiamo parlando dell’annuncio di Putin nel settembre 2022 della prima ondata parziale di mobilitazione, dopo la quale, secondo varie stime dei media, fino a 1 milione di persone hanno lasciato la Russia. Anche se in realtà questo numero può essere molto più alto, perché solo in Georgia e Turchia possono esserci mezzo milione di russi. Per questo motivo in Russia scoppiano continuamente scandali su cosa fare con questi, come li chiamano, fuggitivi: privarli della cittadinanza; vietare il ritorno in Russia; o per escludere la possibilità di trarre profitto dalla Russia.

Ad esempio, il deputato della Duma di Stato Andriy Gurulev, che condivide l’immagine del defunto Zhirinovsky con il pazzo Medvedev, ha recentemente proposto di “distruggere” il 20% dei russi che non si fidano di Putin e hanno lasciato la Russia, definendoli “marci”. E la cosa più divertente è che la commissione etica della Duma di Stato, presieduta da Valentina Tereshkova, ha definito la dichiarazione di Gurulyov “un’espressione della sua opinione personale, che è un diritto inalienabile di un deputato”.

Età e guerra: Putin si preparerà alla vendetta, parlando di trattative

All’inizio dell’articolo, TSN.ua ha già notato che queste “elezioni” di Putin cadono nel decimo anniversario dell’occupazione della Crimea e nel 25° anniversario della sua ascesa alla carica più alta del Cremlino.

Ecco perché, prima di tutto, Peskov afferma che la Russia non conquisterà nuove regioni ucraine, ma “vuole controllare le terre (quattro regioni orientali e meridionali ucraine – ndr) che sono scritte nella costituzione russa”.

Si tratta di un velato invito ai negoziati, affinché l’Ucraina e l’Occidente riconoscano le “realtà territoriali” sul campo di battaglia, di cui Putin parla costantemente, e un temporaneo congelamento della guerra, in modo che le forze armate russe possano riorganizzarsi e prepararsi per una nuovo sciopero ancora più sanguinoso in pochi anni. Tuttavia, quasi certamente dopo il 17 marzo 2024, il Cremlino annuncerà una seconda grande ondata di mobilitazione, non solo per mantenere le regioni parzialmente occupate di Luhansk, Donetsk, Kherson e Zaporizhia, nonché per la Crimea, ma anche per cercare di catturarli entro i loro confini amministrativi.

“Bravi, polacchi!” Lukashenko soddisfatto del risultato elettorale dell’opposizione polacca

In secondo luogo, si continua a dimostrare al popolo russo che Putin è “più grande che mai” plagiando le questioni nucleari. Prendiamo almeno la recente visita del criminale di guerra del Cremlino a Pechino per il forum “One Belt, One Road”, dove è stato apparentemente filmato accidentalmente circondato da ufficiali che trasportavano una valigia nucleare O quando l’altro giorno la Russia avrebbe condotto un’esercitazione di addestramento per mettere in atto un massiccio attacco nucleare, il che è uno spettacolo completo, perché l’ultima volta che sono stati condotti veri test nucleari in Russia è stato ai tempi dell’URSS.

Tuttavia, ci sono molti altri fattori importanti che influenzeranno non tanto le “elezioni” del 17 marzo 2024, quanto la percezione di Putin da parte dei russi all’interno del Paese.

Il primo è l’età. Fin dall’inizio della presidenza di Joe Biden, la propaganda russa si è presa gioco della sua età e degli incidenti del presidente americano che cadeva dalla pista di un aereo, ecc. Tuttavia, Putin ha solo 9 anni meno di Biden. Pertanto, è improbabile che in queste “elezioni” presidenziali in Russia, tra gli “avversari” di Putin, i russi vedranno qualcuno più giovane di lui, come Ksenia Sobchak nel 2018.

Serhii Solodkyi, il primo vicedirettore del Centro “Nuova Europa”, ricorda che alla fine degli anni ’90 i russi si vergognavano che alla presidenza sedesse un Eltsin debole e anziano, che a volte non riusciva a resistere alla charchyna . Sebbene Eltsin avesse 68 anni nel 1999. In generale, secondo l’esperto, Putin continuerà a scommettere sul suo slogan principale ormai collaudato da tempo: la colpa di tutto è dei nemici esterni. La guerra contro l’Ucraina e l’isolamento internazionale sono per lui una sorta di alibi con cui nasconde i propri fallimenti. Tuttavia, ovviamente, questo stato di cose non durerà per sempre.

“Putin capisce molto bene che la guerra crea per lui notevoli pericoli. Altrimenti i critici della guerra non finirebbero dietro le sbarre. Putin teme la rabbia dei russi non meno di quanto i russi temono Putin stessi. Il problema è che una situazione sociale L’esplosione avviene quando quello che non te lo aspetti e non puoi prevederlo, per questo Putin è costretto a giocare un po’ con una parte dell’elettorato che comincia a porre le domande giuste, a causa dei suoi continui “inviti” da parte dell’Occidente. per i negoziati, mostrando ai russi che sta cercando di porre fine alla guerra, e che i suoi nemici semplicemente non gli lasciano scelta. Putin spaventerà i russi con minacce immaginarie, lancerà appelli alla pace e abbraccerà i golpisti africani, dimostrando la sua legittimità sulla scena internazionale, ” ha commentato TSN.ua Serhiy Solodkyi.

Il secondo riguarda i prezzi dei prodotti alimentari di base e dei servizi pubblici. La propaganda russa tace questo, tuttavia, ad esempio, il prezzo della carne di pollame ha superato i record dall’estate di quest’anno. E subito dopo le “elezioni” di Putin, il Cremlino aumenterà le tariffe del gas per la popolazione del 20% fino al 2025 (in generale, dal 24 febbraio 2022, questo aumento sarà del 34% – ndr). Inoltre, gli stipendi dei dipendenti statali sono effettivamente congelati.

Il politologo Vadym Denysenko ricorda che tradizionalmente le elezioni in Russia hanno sempre comportato un gran numero di promesse sociali. Attualmente il bilancio non lo consente, perché è ancora necessario pagare gli stipendi dei criminali di guerra russi che combattono contro l’Ucraina, nonché ingenti somme di denaro per i funerali. E dal 1° dicembre di quest’anno il prezzo del gas per le imprese e il costo del trasporto ferroviario sono aumentati del 10%.

“Cioè, per ora il bilancio semplicemente non manterrà nessuna grande promessa sociale. Ma allo stesso tempo, il loro compito principale in queste elezioni riguardanti il ​​welfare sociale è quello di garantire che lo strato più povero della popolazione, che spetta fino a Il 40% non sente il deterioramento della vita. Pertanto, per le pensioni di queste persone verranno indicizzate, i pagamenti aumenteranno leggermente, verranno effettuate alcune donazioni. Ad esempio, in Russia è stata approvata una legge secondo la quale i prodotti alimentari con alle persone socialmente svantaggiate verrà distribuita gratuitamente una data di scadenza, ovvero avverranno donazioni quasi sociali”, ha commentato Vadim Denisenko.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles