4.4 C
Rome
martedì, Aprile 16, 2024

Russi e ucraini si preparano al secondo turno. Quest’anno si prevede che gli attacchi contro le città ucraine subiranno ritorsioni

Russi e ucraini si preparano al secondo turno. Quest’anno si prevede che gli attacchi contro le città ucraine subiranno ritorsioni

L’esercito russo non ha attaccato le infrastrutture critiche ucraine su larga scala dalla fine della primavera. Gli attacchi su larga scala alle centrali termoelettriche e alla rete elettrica sono stati dimenticati. Tuttavia, è probabile che questa sia la calma prima della tempesta ed entrambe le parti si stiano preparando per il secondo round. Sarà diverso dal precedente.

Un anno fa gli attacchi russi erano già in corso. Il 10 ottobre 2022 ha avuto luogo il primo massiccio attacco missilistico contro centrali elettriche, centrali termoelettriche e reti di trasmissione . Per i successivi sette mesi furono un evento regolare. Solo nell’aprile del 2023 si sono fermati definitivamente. Finora i russi hanno utilizzato più di mille missili da crociera e centinaia di droni. Nei momenti critici di novembre e dicembre 2022, milioni di ucraini hanno dovuto far fronte per settimane ad un accesso molto limitato all’elettricità, al riscaldamento e all’acqua. Tuttavia, non si è verificato il collasso completo delle infrastrutture critiche, come probabilmente avevano sperato i russi.

Il problema delle scorte in Russia

Adesso gli ucraini si preparano al secondo turno. Probabilmente anche i russi. Da aprile non effettuano attacchi intensivi alle infrastrutture ucraine. Solo una volta, il 21 settembre , hanno effettuato un attacco aereo simile a quello dell’inverno scorso, prendendo di mira la rete elettrica con 43 missili cruise. Gli ucraini affermano di averne abbattuti 36. Non ci sono state grandi interruzioni nel funzionamento del settore energetico. Ad oggi non si è verificato un altro attacco di questo tipo. Perché tale silenzio? Si presume che i russi stiano raccogliendo le forze e aspettando la natura.

Perché in Ucraina il fatto che tenteranno nuovamente di provocare il collasso del settore energetico ucraino è considerato certo. Il successo di un simile attacco rappresenterebbe potenzialmente un duro colpo per la volontà di combattere dell’Ucraina e per la capacità del Paese di sostenere lo sforzo bellico. Ma prima di tutto, madre natura per ora non collabora con la Russia.

 L’autunno è insolitamente caldo. Le temperature in tutto il paese sono ancora intorno ai 10-20 gradi Celsius e la stagione del riscaldamento non è ancora iniziata. Le previsioni a lungo termine indicano che le temperature inizieranno ad avvicinarsi a 0 gradi solo verso la metà di novembre, ma è improbabile che si verifichino gelate fino a dicembre. I colpi di energia sono più efficaci quando le persone hanno bisogno di stare al caldo a casa e le giornate sono brevi. Pertanto i russi possono aspettare con i loro attacchi finché le condizioni non saranno ottimali per loro.

Allo stesso tempo, possono aspettare che i loro arsenali si riempiano di missili. Non ci sono dati esatti su quanti missili a lungo raggio abbiano i russi. Ci sono solo stime generali presentate dagli ucraini e speculazioni. Tuttavia, è più che probabile che gli attacchi aerei all’inizio della guerra e nella campagna contro le infrastrutture ucraine abbiano gravemente impoverito le forniture russe. 

Alla fine di aprile, i dati ufficiali ucraini mostravano che dall’inizio della guerra erano stati lanciati dai russi 1.300 missili cruise. A cavallo tra agosto e settembre, l’intelligence militare ucraina ha dichiarato che, secondo le loro stime, negli arsenali russi c’erano 585 missili con una gittata superiore a 500 chilometri, di cui solo 240 erano missili da crociera lanciati dall’aria (principalmente Kh-101) e lanciato dal mare (Kalibr). La produzione di armi di questa categoria non deve superare i 50-70 pezzi al mese ed è limitata principalmente a causa dei problemi nell’ottenimento di componenti elettronici occidentali o dei loro sostituti.

“Il primo caso del genere.” È stata intentata una causa contro il presidente Andrzej Duda

 Anche se accettiamo la variante più ottimistica dei dati ucraini e contiamo i missili lanciati nell’attacco di settembre, otteniamo uno stock attuale di circa 300. Se ci avviciniamo a questi dati con scetticismo, possiamo speculare su uno stock di circa mezzo migliaio. solo missili da crociera. Inoltre, ci sono centinaia di missili balistici, missili antiaerei utilizzati per attaccare obiettivi terrestri e altre centinaia di droni. I russi hanno quindi i mezzi per effettuare almeno alcuni grandi attacchi (il più grande dell’anno scorso consisteva in 80-90 missili da crociera), e più a lungo aspettano, più armi avranno. Anche se non si può negare che inizieranno la prevista campagna di raid aerei di quest’anno con una fornitura di munizioni molto inferiore rispetto all’anno scorso.

Gli ucraini hanno il loro deficit missilistico

D’altro canto anche gli ucraini hanno problemi con le munizioni, ma per la difesa antiaerea. Il rifiuto della campagna di attacchi aerei dello scorso anno è stata la ragione principale dell’accelerato esaurimento delle grandi scorte di missili per i sistemi antiaerei di fabbricazione sovietica. Alla fine, gli ucraini hanno dichiarato di aver abbattuto il 60-90% dei missili russi, ma al costo di lanciare migliaia di missili per la difesa in pochi mesi.

 Attualmente, si dice che i sistemi post-sovietici S-300, Buk e Osa siano prossimi all’esaurimento delle munizioni e il loro utilizzo sia limitato. L’onere principale della difesa del paese dovrà essere assunto dai sistemi forniti dalla NATO. Dai moderni Patriot, SAMP/T, NASAMS o Iris, fino alle soluzioni più vecchie e varie assemblate in fretta che utilizzano missili AIM-7 o Sidewinder. Negli ultimi sei mesi, gli ucraini hanno regolarmente dichiarato di aver abbattuto la maggior parte dei droni e dei missili da crociera che i russi inviavano sul loro paese. Tuttavia, questi attacchi sono molto più piccoli di quelli avvenuti un anno fa. Non è certo se gli ucraini abbiano abbastanza sistemi e munizioni occidentali per respingere una serie di gravi attacchi russi.

Tuttavia, le autorità ucraine e le società energetiche si dichiarano più pronte ad affrontare le conseguenze degli attacchi russi. La maggior parte dei danni causati dai raid aerei dell’anno scorso dovranno essere eliminati, anche se in generale il potenziale del settore energetico ucraino sarà inferiore di parecchi punti percentuali rispetto a un anno fa. Ora almeno alcune centrali elettriche importanti dovranno essere fortificate o coperte con reti alte, che potrebbero aiutare in caso di attacchi da parte di semplici droni. Ci sono anche dichiarazioni relative allo stoccaggio di pezzi di ricambio, in particolare di trasformatori. 

Alcuni di loro saranno conservati in Polonia e Romania, dove sono al sicuro e possono essere consegnati in Ucraina in tempi relativamente brevi. La rimozione dei danni dovrebbe quindi essere più efficiente rispetto allo scorso anno. Gli ucraini dichiarano inoltre che quest’anno non accetteranno passivamente i colpi. Lo ha detto, tra gli altri, questa settimana il presidente Volodymyr Zelenskyj. Non si sa cosa stiano pianificando esattamente gli ucraini. La possibilità più ovvia è quella di preparare attacchi di ritorsione contro la Russia utilizzando semplici droni come quelli forniti alla Russia dall’Iran. 

Gli ucraini producono diverse macchine con parametri simili, che hanno utilizzato più volte nell’ultimo anno per attaccare, ad esempio, Mosca. Le più menzionate in questo contesto sono le macchine Bóbr, che hanno debuttato a maggio durante gli attacchi a Mosca. Forse ora gli ucraini stanno accumulando questi sistemi come i russi stanno accumulando missili, per poter condurre una serie di intensi attacchi aerei contro obiettivi nella parte europea della Russia. Tuttavia, è molto dubbio che i semplici droni ucraini possano causare più danni dei missili da crociera russi. Non si tratterà di una ritorsione equivalente, bensì di un’operazione dalla dimensione prevalentemente psicologica.

Condizioni diverse, effetto probabilmente simile

Alla vigilia del previsto prossimo attacco aereo russo, la situazione è significativamente diversa rispetto a un anno fa. A quel tempo gli ucraini erano poco preparati, ma avevano una grande scorta di munizioni per la difesa antiaerea, che dopo la prima sorpresa cominciò a comportarsi abbastanza bene in difesa. Oggi è il contrario. C’è esperienza, ci sono preparativi per far fronte agli effetti dei raid aerei, ma la forza delle difese aeree è molto più incerta. D’altro canto, i russi hanno uno stock di missili più piccolo e potrebbero non essere in grado di ripetere gli attacchi sulla stessa scala dell’anno scorso.

Poiché la campagna di attacchi contro le infrastrutture critiche ucraine dello scorso anno non ha portato alla loro distruzione, si può presumere che il secondo tentativo non sarà diverso. Soprattutto considerando le scorte limitate di munizioni russe e il fatto che è fine ottobre e gli attacchi non sono ancora iniziati. Può darsi che tutta l’attesa per un’inevitabile ripetizione si riveli ingiustificata e che i russi non facciano un secondo tentativo, visto il fallimento del primo. Tuttavia, gli ucraini sembrano convinti che le cose andranno diversamente.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles