20.6 C
Rome
mercoledì, Maggio 29, 2024

“Il primo caso del genere.” È stata intentata una causa contro il presidente Andrzej Duda

“Il primo caso del genere.” È stata intentata una causa contro il presidente Andrzej Duda. Siamo stati i primi a farlo nella storia della Polonia”

Il primo caso del genere. Il Centro per il monitoraggio del comportamento razzista e xenofobo ha citato in giudizio il presidente Andrzej Duda. “Siamo stati i primi a farlo nella storia della Polonia” – hanno scritto sul portale X. Questa è una dichiarazione sul film “The Green Border” di Agnieszka Holland su TVP.

Il 20 settembre, su TVP Info, Andrzej Duda ha fatto riferimento al film “The Green Border” di Agnieszka Holland. – Non mi sorprende che gli agenti della guardia di frontiera che hanno visto questo film abbiano usato lo slogan “Nel cinema siedono solo i maiali”, a noi noto dai tempi dell’occupazione nazista – ha detto allora il presidente

Andrzej Duda, imputato. “Questo è il primo caso del genere”

Il Centro per il monitoraggio del comportamento razzista e xenofobo ha annunciato venerdì di aver “fatto causa con successo al presidente in carica”. “Siamo stati i primi a farlo nella storia della Polonia! Abbiamo citato in giudizio con successo il presidente in carica per aver chiamato i polacchi ‘maiali’. Il tribunale distrettuale di Varsavia ha accettato la nostra causa, l’ha esaminata e ha ordinato che fosse consegnata a Duda, dandogli 60 giorni di tempo per rispondere”, ha scritto OMZRiK sul sito web X

Questa è la prima situazione del genere nella storia della Polonia in cui un’organizzazione non governativa, come il nostro Centro, ha citato in giudizio con successo il presidente in carica della Repubblica di Polonia – ha detto il capo dell’OMZRiK, Konrad Dulkowski, in un’intervista a “Gazeta Wyborcza  .

Andrzej Duda: Mi dispiace che sia stato realizzato un film del genere

Cosa ha detto esattamente Andrzej Duda ? – Mi dispiace che venga realizzato un film del genere che, come ho sentito dire, poiché non ho visto il film, denigra decisamente gli ufficiali polacchi. Ho letto anche un’opinione che li presenta quasi come dei sadici – ha detto Andrzej Duda a TVP Info. – E queste sono persone che svolgono i loro compiti, che svolgono compiti, che sorvegliano il confine della Repubblica di Polonia e la sicurezza dei polacchi, ma sorvegliano anche il confine dell’Unione Europea, la zona Schengen, quindi adempiono ai nostri obblighi internazionali – ha aggiunto il politico.

Non SOP, ma la guardia di frontiera ha scoperto un localizzatore nella colonna del presidente Duda. “È patologia”

– Il fatto che la signora Holland mostri ufficiali polacchi che svolgono i loro compiti per la società polacca, per la sicurezza di tutti noi, per la Repubblica di Polonia, non mi sorprende che gli ufficiali della guardia di frontiera che hanno visto questo film abbiano usato lo slogan “Solo maiali .” “Sono seduti in un cinema”, a noi noto dai tempi dell’occupazione nazista, quando nei nostri cinema venivano proiettati film di propaganda nazista – ha concluso Duda.

l presidente ha fatto riferimento alla dichiarazione di settembre dei sindacalisti dell’Unità delle guardie di frontiera di Nadwiślański. Hanno affermato di “essere profondamente solidali con  i soldati  e gli ufficiali che prestano servizio nella protezione del confine di stato”. “Inviamo il nostro sincero sostegno ai nostri colleghi dell’Est e abbiamo una cosa da dire agli ideatori e ai produttori del film ‘The Green Border’: ‘SOLO I MAIALI SI SEDONO NEL CINEMA'”, si legge.

OMZRiK sul “diritto di citazione”: nessuna spiegazione

Il giorno successivo Andrzej Duda ha dichiarato a TVN24 di aver utilizzato il “diritto di citazione” e non era questa la sua dichiarazione. Tuttavia, OMZRiK sottolinea: – Non c’è alcuna spiegazione o giustificazione per la dichiarazione dell’imputato – invocando il “diritto di citazione”. Il diritto di citazione è un termine colloquiale per un’eccezione nella legge sul diritto d’autore che consente di utilizzare piccoli frammenti del lavoro di qualcun altro nelle proprie opere senza la necessità di ottenere il consenso dell’autore, cosa che non era il caso in questione. Inoltre, trasmettere dichiarazioni di altre persone citando dichiarazioni di qualcun altro non esclude la responsabilità per violazione dei diritti personali, osserva il Centro nella causa.

“La responsabilità per violazione dei diritti personali viene messa in discussione quando il proprio punto di vista viene espresso con il pretesto di citare la dichiarazione di qualcun altro. Una situazione diversa si verificherebbe se una persona citando una dichiarazione che viola il buon nome/la dignità di un’altra persona “prendesse chiaramente ed effettivamente le distanze da esso o addirittura lo ha citato per poi combattere la tesi in esso contenuta.” Nel frattempo, l’imputato Andrzej Duda non si è dissociato da questa formulazione, ma al contrario si è identificato con questa affermazione ripetendola e affermando che non si è sorpreso che la cosa sia stata sollevata dagli ufficiali della Guardia Graniczna” – nota OMZRiK nella causa, il cui contenuto è citato da “GW”.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles