24.4 C
Rome
martedì, Maggio 21, 2024

Lotta per gli aiuti: come l’escalation in Medio Oriente sta già distraendo l’Occidente dalla guerra della Russia contro l’Ucraina

Lotta per gli aiuti: come l’escalation in Medio Oriente sta già distraendo l’Occidente dalla guerra della Russia contro l’Ucraina

Lotta per gli aiuti a Kiev ha già avviato la comunicazione con l’Occidente riguardo alla carenza di munizioni, di cui hanno bisogno sia l’Ucraina che Israele. Comunque, questo non è abbastanza. Nel secondo anno di guerra, per i paesi occidentali non è affatto ovvio il motivo per cui dovrebbero continuare a sostenere l’Ucraina.

L’escalation in Medio Oriente, che è giunta alla terza settimana, e i preparativi di Israele per un’operazione di terra nella Striscia di Gaza, che, secondo il Ministero della Difesa, potrebbe durare tre mesi, stanno già distogliendo l’attenzione del mondo dalla La guerra della Russia contro l’Ucraina . Nonostante le assicurazioni dei leader occidentali che l’Ucraina rimane al centro della loro attenzione, si dovrebbero guardare solo i siti web dei mass media avanzati. 

Contenuto

  1. Una guerra su due fronti: come stanno recuperando terreno gli Stati Uniti
  2. Gara munizioni: l’Occidente sospira senza investire

I media pubblicano numerosi articoli e notizie su Israele, ostaggi, attacchi nella Striscia di Gaza e azioni a sostegno di Israele e Palestina in varie città del mondo. E, ad esempio, viene menzionato molto brevemente un altro sanguinoso attacco missilistico russo al terminal Novaya Poshta nella regione di Kharkiv, dove sono morte sei persone. Inoltre, sebbene gli esperti militari ucraini e occidentali affermino che non ci saranno problemi con gli aiuti militari allo stesso tempo all’Ucraina e a Israele, in realtà non è proprio così. 

I mass media scrivono già dei problemi almeno con i proiettili da 155 mm, di cui hanno bisogno sia l’Ucraina che Israele. Si tratta anche di “pungiglioni” e di bombe “intelligenti”. Ciò si sovrappone alla generale “carestia” di munizioni nei paesi membri della NATO. Le forze di difesa militare degli alleati non hanno il tempo di produrre una quantità sufficiente di munizioni non solo per le necessità dell’Ucraina, e ora di Israele, ma anche per coprire i propri deficit. 

In questo testo, TSN.ua racconterà i problemi che attualmente deve affrontare l’Ucraina, quando l’attenzione dei media mondiali è focalizzata su Israele. Diciamolo francamente, ciò è stato causato da una serie di errori, sia da parte di Washington che di Bruxelles, così come di Kiev. E il prossimo testo di TSN.ua conterrà valutazioni e raccomandazioni di esperti su come l’Ucraina debba cambiare la propria strategia di comunicazione e informazione, e non solo in relazione all’Occidente. 

Una guerra su due fronti: come stanno recuperando terreno gli Stati Uniti

“Hamas e Putin rappresentano minacce diverse, ma hanno qualcosa in comune: entrambi vogliono distruggere completamente la democrazia vicina… So che questi conflitti possono sembrare lontani. È naturale chiedersi: perché questo è importante per l’America? Il successo di Israele e Ucraina è vitale per la nostra sicurezza nazionale. La storia ci ha insegnato che quando terroristi e dittatori non pagano il prezzo, causano più morte e distruzione.” 

Questa è una piccola citazione dal discorso del presidente degli Stati Uniti Joe Biden alla nazione il 19 ottobre. E, come scrive Politico, questa è solo la seconda dichiarazione di questo tipo da parte dello Studio Ovale durante l’intero mandato della presidenza Biden, il che dovrebbe sottolinearne l’importanza. Il primo appello risale a giugno, quando repubblicani e democratici si accordarono sul “tetto” del debito nazionale per evitare il default. Paragonare Hamas a Putin è stato un messaggio davvero forte. Ma gli americani lo hanno sentito? 

Il presidente Biden ha anche affermato che abbiamo bisogno di un nuovo ordine mondiale, perché quello formatosi dopo la Seconda Guerra Mondiale si è esaurito. Tuttavia, il tempo per spiegare queste semplici cose soprattutto agli americani è andato perduto. L’amministrazione Biden non è stata coinvolta personalmente nel sostenere ulteriori aiuti all’Ucraina. Le forze che non erano interessate a questo, compresi i rappresentanti dell’ala Trump, ne hanno approfittato con successo, riempiendo il vuoto informativo. Attualmente la Casa Bianca sta cercando di recuperare il tempo perduto attraverso i social network, spiegando agli americani perché aiutare l’Ucraina è nell’interesse degli Stati Uniti. Tuttavia, se si confrontano i numerosi video su Instagram e Tik Tok su e con Trump, in cui spiega come in 24 ore metterebbe fine a una guerra su vasta scala tra Russia e Ucraina, che non sarebbe iniziata durante la sua presidenza (Trump costantemente dice questo – ndr), o altri video che parlano delle “grandi” somme che i contribuenti americani spendono per aiutare l’Ucraina, diventa chiaro ed evidente il motivo per cui il livello di sostegno all’Ucraina da parte degli americani sta diminuendo. 

Quando apri i siti web delle principali pubblicazioni americane, non vedrai più notizie o articoli sull’Ucraina in prima pagina. Già il 12 ottobre la CNN aveva scritto della partecipazione di Volodymyr Zelenskyi al programma “Ramstein” a Bruxelles, nel tentativo di attirare l’attenzione dell’Occidente, passato al Medio Oriente, sull’Ucraina. E questo stesso articolo iniziava con quanto segue:  “Quando mercoledì a Bruxelles il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha incontrato il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyi davanti alla stampa, il suo sorriso è rapidamente scomparso e il suo sguardo è diventato cupo.” 

O almeno prendiamo un recente articolo del Washington Post, in cui le forze di sicurezza ucraine, che collaborano strettamente con la CIA, vengono descritte in una luce piuttosto negativa a causa della presunta realizzazione di alcune operazioni sul territorio della Russia. I giornalisti scrivono del ponte di Kerch, della morte di Daria Dugina e di altri esempi che difficilmente aiutano l’Ucraina nella guerra contro la Russia e nel nostro desiderio di aderire all’UE e alla NATO. E il giornalista del Wall Street Journal Yaroslav Trofimov, che ha scritto dell’esaurimento delle forze di difesa aerea di Odessa in estate, ora paragona gli eserciti di Ucraina e Israele, dicendo che le forze di difesa dell’Ucraina rimangono ancora sovietiche, mentre l’IDF è un moderno e una forza ben equipaggiata. 

I media europei scrivono qualcosa in più sull’Ucraina. Ad esempio, il tabloid tedesco Bild ha scritto dell’ex capo di Roscosmos, Dmytro Rogozin, che ha suggerito che Putin colpisse l’Ucraina con un razzo spaziale. Andriy Yusov, rappresentante della GUR, ha addirittura commentato questo, ricordando che Rogozin è un nazista russo molto lontano dall’industria spaziale, incline alle idee imperiali. 

C’è un piccolo articolo sul sito della BBC sugli abitanti di Avdiivka, dove i russi stanno cercando di avanzare. E sempre più giornalisti ed esperti ucraini che lavorano con il pubblico straniero sottolineano che i media occidentali sono ora più concentrati nel coprire la guerra della Russia contro l’Ucraina attraverso storie umane personali, come quella nell’articolo della BBC. O, ad esempio, l’articolo del New York Times sulla gioventù ucraina durante una guerra su larga scala: su “Azov” Oleg, che tornò a casa dopo essere stato scambiato; o di Marina di Mariupol, il cui marito è morto difendendo la città, e ora sta crescendo due figli da sola. 

A tutto ciò si aggiunge l’escalation in Medio Oriente. Sui social network è scoppiata una vera battaglia. Forse l’Ucraina non ci ha prestato attenzione, ma l’Occidente non ha ancora una ricetta su come comunicarlo. Il fatto è che l’odio è stato riversato sull’Occidente riguardo ai doppi standard: dicono che l’Occidente sostiene gli ucraini, ma non gli arabi palestinesi, permettendo a Israele, che si sta preparando per un’operazione di terra, di bombardare la Striscia di Gaza. E la Russia lo usa con successo. Putin ha recentemente paragonato il blocco israeliano della Striscia di Gaza al blocco di Leningrado durante la Seconda Guerra Mondiale. 

Gara munizioni: l’Occidente sospira senza investire

L’altro giorno DW ha pubblicato l’articolo “L’Ucraina ha paura della fatica della guerra in Occidente”. C’è infatti tra gli Alleati una certa delusione per l’esito della controffensiva. Sia in Occidente che in Ucraina c’erano aspettative esagerate al riguardo. Il tutto è alimentato anche dalle elezioni presidenziali e del Parlamento europeo negli Stati Uniti e nell’UE il prossimo anno. Putin si aspetta la vittoria di Donald Trump in America. In Europa, la Russia scommette anche sui politici di estrema destra e filo-russi che affermano che “non tutto è così chiaro”. 

C’è anche qualche incertezza in Occidente riguardo al coinvolgimento di Russia e Cina negli eventi in Medio Oriente. Washington generalmente ammette che, ad esempio, l’Iran è complice del sanguinoso attacco di Hamas contro Israele. Secondo il segretario di Stato americano Anthony Blinken, Teheran sostiene Hamas, Hezbollah e altri agenti che attaccano Israele e, nelle ultime settimane, le truppe americane in Iraq e Siria. Il leader della minoranza al Senato Mitch McConnell ha definito Cina, Russia e Iran il nuovo asse del male. Tuttavia, né Washington né Bruxelles parlano direttamente dell’interesse di Mosca e Pechino ad innescare il conflitto in Medio Oriente. 

La visita del ministro degli Esteri cinese Wang Yi negli Stati Uniti questa settimana, nel contesto del dispiegamento di sei navi da guerra da parte di Pechino in Medio Oriente, dovrebbe essere l’inizio dei preparativi per un incontro tra Xi Jinping e Joe Biden a San Francisco al vertice sulla cooperazione economica Asia-Pacifico. a novembre. Tuttavia, come già riportato da Bloomberg , gli Stati Uniti e l’Unione europea hanno chiesto a Israele di rinviare l’inizio dell’operazione di terra nella Striscia di Gaza. 

Il motivo formale sono i negoziati per la liberazione degli ostaggi, tra cui cittadini statunitensi, attraverso la mediazione del Qatar. Non ufficiale: incertezza sugli obiettivi effettivi di questa operazione. L’Occidente difende la posizione di indipendenza di due stati: Israele e Palestina. Per questo motivo, secondo quanto riportato dai media americani, Washington sta attualmente discutendo con Tel Aviv la possibilità di creare un governo temporaneo di transizione nella Striscia di Gaza con il sostegno dell’ONU e dei Paesi arabi. 

Tuttavia, questo scenario è oscurato dal rischio di una grande guerra in Medio Oriente che coinvolga più paesi, cosa che l’Occidente sta cercando di evitare. Nelle ultime tre settimane, a noi ucraini sembra che gli Stati Uniti siano più interessati a sostenere Israele inviando lì il loro gruppo di portaerei d’attacco, cosa che non accadeva, ad esempio, vicino alla Crimea dal 2014. A ciò si aggiunge la “fame” di munizioni. Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha ammesso che la guerra su vasta scala della Russia contro l’Ucraina ha esaurito le riserve degli stati membri dell’Alleanza. 

Gdynia. Grzegorz Borys aveva accesso a informazioni riservate? Amico dell’esercito: un ragazzo riservato e tranquillo

In effetti, sentiamo parlare ovunque della carenza di munizioni nei depositi della NATO. Tuttavia, nessuno parla di ulteriori investimenti nell’industria della difesa dei paesi occidentali. Ai rappresentanti ucraini all’estero viene sempre detto: “Per favore, dateci degli argomenti in modo che possiamo spiegare al nostro popolo perché dovremmo aumentare la produzione di armi senza essere in guerra”. Tuttavia, in Occidente, per qualche ragione, non usano l’argomentazione secondo cui gli investimenti nell’industria della difesa rappresentano posti di lavoro aggiuntivi per la propria gente. 

Negli Stati Uniti dicono che le armi di cui Israele ha bisogno non sono le stesse armi di cui ha bisogno l’Ucraina. Forse è così, perché Israele si sta preparando per un’operazione di terra in un’area urbana densamente popolata. Questo ha ben poco a che fare con il fronte ucraino. Tuttavia, il New York Times scrive di almeno tre tipi di armi di cui avranno bisogno sia l’Ucraina che Israele: munizioni da 155 mm, “pungiglioni” e bombe “intelligenti”. 

All’inizio di ottobre, il capo del comitato militare della NATO, l’ammiraglio Rob Bauer, ha dichiarato che i membri della NATO stavano finendo le munizioni e che ora “si vede il fondo del barile”. “Abbiamo bisogno che l’industria aumenti la produzione a un ritmo molto più rapido. La NATO ha già aumentato il budget per questo, ma non la capacità. Di conseguenza, ciò ha portato ad un aumento dei prezzi”, ha detto Bauer.

Per quanto riguarda la necessità di aumentare la produzione di armi nel mondo, secondo il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba, Kiev ha iniziato a suonare il campanello un anno fa. In un’intervista a Politico, Oleksandr Kamyshin, ministro delle industrie strategiche, è andato ancora oltre, affermando che lo stato attuale delle capacità di difesa e di produzione dei paesi occidentali è deprimente. “Se si mettessero insieme tutte le capacità di produzione di armi e munizioni del mondo, non basterebbero per questa guerra… Ciò che sta accadendo ora in Israele mostra e dimostra che l’industria mondiale della difesa sarà un’industria di investimenti per decenni”, ha affermato Kamyshin. .

In un’intervista al Financial Times, il primo ministro ucraino Denys Shmyhal ha anche sottolineato che tutti i magazzini sono vuoti: c’è un’enorme carenza di munizioni non solo in Ucraina, ma anche in tutto il mondo, quindi è necessario creare joint venture con americani e americani Le imprese europee della difesa. Tutto è complicato dalla crisi politica negli Stati Uniti. I repubblicani alla Camera non riescono ancora a eleggere un presidente. Per questo motivo è bloccato anche il bilancio per il prossimo anno, che prevedeva aiuti significativi all’Ucraina. L’amministrazione Biden ha inviato al Congresso un pacchetto combinato di aiuti sia all’Ucraina che a Israele del valore di oltre 100 miliardi di dollari, ma è improbabile che venga votato a causa della resistenza dei repubblicani, soprattutto dell’ala pro-Trump, a ulteriori aiuti al paese. Ucraina. 

All’inizio di questo articolo, TSN.ua ha osservato che dobbiamo cambiare i nostri approcci nella comunicazione con l’Occidente. Ciò che ha funzionato durante il primo anno di un’invasione su vasta scala non funziona ora. In Occidente si parla sempre più della necessità di un approccio pragmatico per aiutare l’Ucraina, dato che Putin scommette su una lunga guerra di logoramento. Anche un semplice appello alla “vittima dell’aggressione russa” in vista della morte costante di molti ucraini non funziona più. Ecco perché nel prossimo testo, insieme agli esperti, cercheremo di capire come l’Ucraina dovrebbe cambiare la sua comunicazione con l’Occidente. 

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles