19.3 C
Rome
mercoledì, Giugno 12, 2024

Come organizzare la custodia di un bambino durante la guerra: cosa è necessario fare per questo

Come organizzare la custodia di un bambino durante la guerra: cosa è necessario fare per questo. Le famiglie disposte e in grado di accogliere un bambino lasciato senza cure genitoriali possono farlo anche in tempo di guerra.

Nella maggior parte dei casi, la tutela è esercitata dai parenti del minore, ma in loro assenza può essere esercitata da un esterno dotato di piena capacità giuridica. Come organizzare la custodia di un bambino durante la guerra: cosa è necessario fare per questo. Le famiglie disposte e in grado di accogliere un bambino lasciato senza cure genitoriali possono farlo anche in tempo di guerra. Dopotutto, lo Stato è interessato al fatto che i bambini crescano in famiglie e non finiscano in collegi.

Chi può farlo e cosa è necessario a tal fine, ha dichiarato il Ministero per la reintegrazione dei territori temporaneamente occupati dell’Ucraina .L’agenzia ha osservato che nella maggior parte dei casi la tutela è affidata ai parenti del bambino. Dopo la redazione dei documenti, le persone che hanno adottato il bambino ne diventano i rappresentanti legali fino al compimento della maggiore età.

Chi può diventare tutore

La tutela del minore può essere assunta da:

  • parenti del bambino (tenendo conto dei rapporti personali e della capacità di svolgere compiti);
  • un outsider dotato di piena capacità giuridica civile.

La custodia del minore fino alla nomina di un tutore o custode e la preparazione dei relativi documenti sono effettuate dall’organismo di tutela e tutela responsabile o dall’istituto specializzato di istruzione, assistenza sanitaria o protezione sociale in cui risiede il minore.

Il corpo di una ragazza di 12 anni scomparsa quattro giorni fa è stato trovato vicino a Poltava – il sospettato è stato arrestato…

Come rilasciare la tutela: le fasi principali

Per registrare l’affidamento o la cura di un minore è necessario completare diverse fasi:

  1. Raccolta e invio di documenti al Servizio per l’Infanzia;
  2. Verifica dei documenti e delle condizioni di vita (fino a 5 giorni);
  3. Formazione di potenziali tutori che non hanno legami familiari con il minore (corso di 72 ore);
  4. Esame del caso da parte della Commissione per la protezione dei diritti dell’infanzia e adozione di una decisione sulla tutela di un determinato bambino;
  5. Preparazione della decisione dell’organismo di tutela e tutela;
  6. l’effettiva accettazione del bambino nella famiglia.

Vi ricordiamo che in Ucraina è stato introdotto il nuovo programma sociale “Il bambino non è solo” , destinato a sostenere le famiglie con bambini privati ​​delle cure genitoriali. L’aiuto in denaro viene assegnato per il periodo di collocamento temporaneo del bambino privato delle cure genitoriali e può essere prorogato se il bambino rimane in famiglia più a lungo.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles