26.8 C
Rome
sabato, Giugno 22, 2024

Gli Stati Uniti stanno nuovamente lanciando furtivamente il guanto di sfida alla Russia. L’Occidente è crollato e dice di nuovo: “Sto controllando”.

Gli Stati Uniti stanno nuovamente lanciando furtivamente il guanto di sfida alla Russia. L’Occidente è crollato e dice di nuovo: “Sto controllando”.

Gli ucraini sono riusciti a ottenere una vittoria diplomatica, schiacciando in qualche modo la resistenza degli Stati Uniti agli attacchi con armi americane sul territorio russo. Gli Stati Uniti stanno nuovamente lanciando furtivamente il guanto di sfida alla Russia. Il successo per ora è limitato perché il consenso copre solo una piccola area. Gli Stati Uniti stanno facendo del loro meglio per evitare l’escalation dell’ostilità della Russia, ma stanno ancora spingendo oltre i limiti. La parziale revoca delle restrizioni imposte da Washington è stata riportata ufficiosamente giovedì, ora polacca, dai media americani, citando la dichiarazione di un anonimo rappresentante della Casa Bianca . Successivamente, il governo di Kiev lo ha confermato ufficialmente.

L’informazione è importante perché le restrizioni imposte dai paesi occidentali all’uso delle loro armi per attaccare obiettivi in ​​Russia danno origine a gravi controversie tra Kiev e l’Occidente, nonché problemi al fronte. Sono stati imposti a causa delle preoccupazioni per la reazione del Cremlino. Molti paesi occidentali hanno annunciato nei giorni scorsi che avrebbero revocato queste restrizioni, ma gli Stati Uniti hanno resistito. L’ultimo annuncio mostra che si sono incrinati, il che ha un significato serio, nonostante gli sforzi di Washington per minare il significato di questo cambiamento. La Polonia non impone tali restrizioni agli ucraini da molto tempo. Questa conclusione può essere tratta dagli attacchi contro obiettivi in ​​Russia utilizzando droni Warmate polacchi  o dall’abbattimento di aerei russi sulla Russia utilizzando sistemi antiaerei S-200 probabilmente ex polacchi e seriamente modificati.

“Non ci credevo”: i difensori hanno condiviso le loro emozioni dopo la cattura (video)

Respingere un’offensiva senza tutti gli strumenti. Gli americani hanno ora revocato il divieto solo in misura limitata. L’approvazione per attacchi con armi statunitensi contro obiettivi all’interno dei confini della Russia riconosciuti a livello internazionale si applica solo a una piccola area vicino alla città ucraina di Kharkov. Da metà maggio i russi conducono lì un’offensiva limitata e sono entrati per circa 10 chilometri nel territorio ucraino. Si tratta di una cifra così esigua che tutte le armi di supporto come l’artiglieria, i sistemi antiaerei e la guerra elettronica possono operare dal territorio russo. Gli ucraini avevano opzioni limitate per rispondere perché non potevano utilizzare parte dell’attrezzatura occidentale donata. I russi potevano fare quello che volevano e gli ucraini avevano le mani parzialmente legate.

In particolare, l’incapacità di utilizzare i missili americani GMLRS avrebbe potuto rappresentare un problema serio. Questi missili con una gittata fino a 80-90 chilometri, lanciati dai sistemi M270 e HIMARS, sono l’arma base ucraina per attacchi contro obiettivi preziosi nelle immediate retrovie del fronte. Come le categorie di armi con le quali i russi avrebbero potuto sostenere l’offensiva oltre confine nella regione di Kharkov. Inoltre, missili anti-radar americani HARM e bombe plananti SDB.

Inoltre, l’Occidente avrebbe dovuto vietare agli ucraini di sparare contro gli aerei russi sul territorio russo. Proprio questa settimana è scoppiato uno scandalo a seguito di un articolo del quotidiano tedesco Bild, secondo il quale gli ucraini, dopo aver utilizzato il sistema Patriot, donato dalla Germania nel 2023, avevano organizzato un’imboscata e abbattuto in pochi minuti diversi aerei ed elicotteri sul territorio russo. ore, si diceva che Berlino e Washington fossero furiosi e minacciassero di trattenere le forniture di munizioni. Doveva essere la prima e l’ultima azione autonoma degli ucraini con l’uso dei sistemi antiaerei occidentali.

Una decisione storica da parte di Usa e Germania. Danza sul filo del rasoio crescente

L’esistenza di tali divieti non è stata ancora ufficialmente dichiarata, anche se da tempo gli ucraini hanno espresso ufficiosamente la loro insoddisfazione nei loro confronti. Molti paesi occidentali volevano limitare in questo modo l’escalation delle relazioni con la Russia, basandosi sul principio “sosteniamo l’Ucraina nella difesa, ma non nell’attaccare direttamente, il territorio russo”. La fonte principale di questo atteggiamento sarebbero gli americani, che vogliono in qualche modo tenere sotto controllo il livello di reale ostilità nei confronti dei russi. Ciò può essere considerato ingenuo, perché la Russia dichiara apertamente ostilità ed è in uno stato di guerra non dichiarata con la NATO, ma d’altro canto, in pratica, non è ancora apertamente ostile.

Ad esempio, la situazione potrebbe intensificarsi dichiarando obiettivi legittimi gli aerei da ricognizione e i droni occidentali sul Mar Nero, dato che le informazioni che ottengono devono essere trasmesse agli ucraini. I russi discutono da tempo se debbano essere attaccati o minacciati. Un tentativo di abbattimento o un abbattimento provocherebbe sicuramente una grave crisi, che Washington preferirebbe evitare a causa dell’imprevedibilità di tali situazioni. Allo stesso tempo, non sarebbe consigliabile cedere a tale ricatto e limitare i voli sulle acque internazionali. Pertanto, dal punto di vista statunitense, è ottimale agire in modo da non portare a situazioni infiammatorie.

Attacco missilistico a Kiev: l’esperto ha avvertito di una nuova minaccia e pericolo di “Iskander-K”

Tuttavia, dal punto di vista di Kiev, indipendentemente dalle reali necessità sul fronte, è ottimale aumentare la pressione per coinvolgere più da vicino l’Occidente nella sua difesa. Pertanto, approfittando della reale necessità militare causata dall’attacco russo all’oblast di Kharkiv, gli ucraini conducono da metà maggio un’offensiva diplomatica e mediatica per eliminare le restrizioni. A giudicare dagli eventi di questa settimana, è un successo. Il presidente francese Emmanuel Macron, durante una conferenza stampa con il cancelliere tedesco Olaf Scholtz, ha teatralmente espresso il suo forte consenso all’uso delle armi francesi negli attacchi al territorio russo. Molti paesi della NATO hanno fatto dichiarazioni simili. Ora in modo limitato negli Stati Uniti. Nell’annunciare la sua decisione, Macron ha ripetuto l’argomento principale degli ucraini secondo cui l’Occidente, con questo tipo di restrizioni, lega ingiustamente le mani dell’Ucraina, che sta combattendo una giusta guerra difensiva. La Russia non ha limiti nell’attaccare gli ucraini dal suo territorio e lo fa costantemente. 

L’argomentazione è molto razionale e moralmente corretta, ma la moralità e la giustizia nella politica internazionale non sono cruciali. I calcoli aziendali e dei costi sono più importanti. Finora le più importanti capitali occidentali hanno apparentemente creduto che fosse più importante non rischiare un inasprimento più grave delle relazioni con la Russia. Ora il calcolo cambia. Forse le grida di dolorosa ritorsione di Vladimir Putin per aver autorizzato attacchi sul territorio russo si sono rivelate vuote. Forse si credeva che la mancanza di grandi successi sul fronte per molti mesi fosse una manifestazione della debolezza russa, che si sarebbe aggravata nel tempo a causa delle perdite subite e del crescente flusso di rifornimenti dall’Occidente. Quindi ora potrebbe essere il momento di esercitare un po’ più di pressione sul Cremlino e dire ancora una volta “sto controllando”.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

9,585FansLike
2,197FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Latest Articles